ANDRATE - Il soccorso alpino chiude il 2013 con un'esercitazione

| Si è concluso l'anno di volontariato della XII delegazione canavesana del Soccorso Alpino

+ Miei preferiti
ANDRATE - Il soccorso alpino chiude il 2013 con unesercitazione
Sabato scorso, con l'ultima esercitazione in programma ad Andrate, si è concluso l'anno di volontariato della dodicesima delegazione canavesana del Soccorso Alpino. La Delegazione è stata protagonista in ben 61 missioni di soccorso, in aggiunta ad una decina di esercitazioni, altrettante manifestazioni sportive e religiose in cui è stata presente per la messa in sicurezza del percorso, degli atleti o dei pellegrini. Senza contare gli esami o i momenti di "allenamento" personale, gli uomini del Soccorso Alpino, nell'anno che sta per terminare, hanno avuto un impegno ogni cinque giorni, con i compiti istituzionali previsti per chi opera al suo interno.
 
Quelle di fine anno sono sempre esercitazioni particolari, in alcuni casi per la grande quantità delle forze in gioco coinvolte, con la partecipazione di diversi Corpi di Protezione Civile, ognuno con la sua specializzazione, come negli scorsi due anni, o, nel caso di quest'anno, perché mirata ad argomenti molto specifici, che ha visto impegnati solo i Tecnici Volontari della XIIa, per affinare tecnicismi e mezzi a supporto dell'attività della Commissione Cartografica, durante gli interventi di ricerca persona dispersa.
 
Testi e foto a cura della "mitica" Giovanna Autino!
 
In breve, quella di sabato è stata si un'esercitazione, ma anche una giornata formativa interna, che ha avuto lo scopo di affinare la metodologia di ricerca in ambiente montano per gli operatori del Soccorso Alpino, mediante l'utilizzo di supporto cartografico digitale e GPS (Global Position System), istruendo, al contempo, nuovi tecnici che possano operare in base cartografica CCS (Campo Base Avanzato) e dirigere le operazioni di ricerca. La stretta collaborazione con il mezzo della Protezione Civile in dotazione alla Provincia di Torino, che si è totalmente prestato alle esigenze dell'esercitazione, ha incrementato l'operatività e l'efficacia delle operazioni.
 
Quest'unità mobile complessa, grazie alle sue caratteristiche ha permesso agli uomini del Soccorso Alpino di installare un Campo Base Avanzato (CCS), posto a ridosso dell'area di ricerca, garantendo una migliore comunicazione radio, e dando la possibilità di utilizzare il sistema di posizionamento integrato (GPS/Radio digitale) Talk Finder che permette alla base di visualizzare in diretta il "movimento" delle squadre di ricerca sul campo, fondamentale in missioni reali, anche per l'incolumità delle Squadre stesse.
 
All'esercitazione erano presenti anche le UCRS, Unità Cinofila Ricerca di Superficie, di fondamentale importanza nelle ricerca disperso; cane e conduttore possono lavorare in autonomia o in supporto alle Squadre di Terra, dando un significativo contributo alla bonifica del territorio assegnato. In ultimo, nel pomeriggio si è svolto un simulato completamente gestito dai possibili candidati ai prossimi corsi TER (Tecnico operazioni Ricerca). L'esercitazione si è conclusa con l'immancabile debriefing, necessario momento di riflessione utile a porre in evidenza le problematiche riscontrate per aumentare efficienza ed efficacia dell'intervento.
Galleria fotografica
ANDRATE - Il soccorso alpino chiude il 2013 con unesercitazione - immagine 1
ANDRATE - Il soccorso alpino chiude il 2013 con unesercitazione - immagine 2
ANDRATE - Il soccorso alpino chiude il 2013 con unesercitazione - immagine 3
ANDRATE - Il soccorso alpino chiude il 2013 con unesercitazione - immagine 4
Cronaca
CUORGNE' - Un aiuto a Cittareale, paese colpito dal terremoto
CUORGNE
Un concerto fortemente voluto dalla Società Filarmonica di Salassa e dai gruppi di protezione civile del territorio
RIVARA - Premiati i donatori Fidas: record di 125 donazioni
RIVARA - Premiati i donatori Fidas: record di 125 donazioni
Fidas di Rivara in festa, la scorsa settimana, per premiare i soci che hanno donato il sangue
INCIDENTE MORTALE AL RALLY - Indagine per omicidio colposo: in un video amatoriale la scena dello schianto
INCIDENTE MORTALE AL RALLY - Indagine per omicidio colposo: in un video amatoriale la scena dello schianto
Resta per il momento a carico di ignoti il fascicolo per omicidio colposo aperto dalla procura di Ivrea sull'incidente al rally "Città di Torino" che, sabato a Coassolo, è costato la vita a un bambino di sei anni. Novità da un video
IVREA - Apre il punto ascolto per chi si prende cura dei malati
IVREA - Apre il punto ascolto per chi si prende cura dei malati
Destinato ai «caregiver» di persone con problemi cognitivi, istituito in forma sperimentale nell'ambito del Distretto
CASTELLAMONTE - Piccoli artisti della ceramica crescono... bene!
CASTELLAMONTE - Piccoli artisti della ceramica crescono... bene!
Gli alunni della sezione Design Ceramica del liceo Faccio si distinguono al concorso nazionale di scultura Nanni Valentini
VOLPIANO - Lavoratori della Securpolice bloccano per protesta il polo logistico Lidl di via Venezia - FOTO
VOLPIANO - Lavoratori della Securpolice bloccano per protesta il polo logistico Lidl di via Venezia - FOTO
Questa mattina fino alle 12 i dipendenti esasperati dalla situazione hanno bloccato 70 camion in uscita con i prodotti destinati alle filiali piemontesi. Mercoledì a Torino incontro urgente per trovare una rapida soluzione
CUORGNE' - In 2000 a Villa Filanda per il May Day 2017
CUORGNE
Quest'anno la lineup musicale ha proposto: John Holland Experience, Duo Bucolico, Piotta e Flaminio Maphia
IVREA - Tenta di soffocarsi con un sacchetto di plastica: salvata dal maresciallo dei carabinieri
IVREA - Tenta di soffocarsi con un sacchetto di plastica: salvata dal maresciallo dei carabinieri
La donna ha tentato di togliersi la vita soffocandosi con un sacchetto di plastica in testa. Dopo il rocambolesco intervento dei militari dell'Arma la donna è stata accompagnata al pronto soccorso di Ivrea
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore