CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica

| I truffati chiedono l'intervento del Presidente Sergio Mattarella. Un appello arrivato oggi nel corso della trasmissione «Pomeriggio Cinque» di Barbara D'Urso. Purtroppo la situazione è davvero complicata

+ Miei preferiti
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica
Diventa ulteriormente un caso nazionale quello del commercialista di Caluso che avrebbe truffato mezzo paese (e non solo, visto che aveva clienti in quasi tutto il Canavese). Oggi pomeriggio si è occupata del caso anche la trasmissione «Pomeriggio Cinque» di Barbara D'Urso. L'inviata della trasmissione di Canale Cinque ha tentato di parlare con i titolari dello studio commercialista «Utc di Boaglio», senza successo. Chi è sceso dallo studio per parlare con la troupe, alla fine, ha chiuso il cancello senza rilasciare nemmeno una battuta. Una parte dei cittadini truffati, invece, in diretta televisiva, hanno chiesto aiuto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «Ci aiuti lei - hanno detto i calusiesi - noi le tasse le abbiamo pagate regolarmente. Siamo sul lastrico e non sappiamo come venirne fuori».
 
Lo studio, infatti, secondo quanto è stato ricostruito fino a questo momento, incassava il denaro ma non pagava le tasse dei clienti. «Il commercialista ci diceva che l'errore era dell'agenzia delle entrate - spiegano i calusiesi - anche le schermate del computer sembravano dare ragione ai contabili». Invece la realtà, purtroppo, è poi venuta a galla. Ma solo grazie all'interessamento dei clienti stessi che, bussando alle porte di diversi enti, hanno scoperto la verità. Una truffa per milioni di euro (due almeno ma pare che il raggio d'azione sia ben più ampio). Ora il dramma è che ai calusiesi sono arrivate le cartelle esattoriali di Equitalia. Ai clienti dello studio che non ha effettuato i versamenti, viene di fatto chiesto di pagare due volte le stesse tasse perchè, per il fisco, risultano degli evasori.
 
Le indagini della guardia di finanza e della procura di Ivrea sono in corso. Bisogna capire questi soldi che fine hanno fatto. L'auspicio è che almeno vinca il buon senso in attesa che la giustizia faccia il proprio corso. Ovvero si riescano almeno a congelare le cartelle esattoriali di Equitalia. Perchè i clienti dello studio i soldi li hanno versati fidandosi del commercialista. Per loro, adesso, sarebbe impossibile pagare (di nuovo) le stesse cifre. Aziende, artigiani e piccoli risparmiatori rischiano di finire sul lastrico. 
Galleria fotografica
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 1
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 2
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 3
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 4
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 5
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 6
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 7
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 8
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 9
CALUSO - Il commercialista e la truffa da milioni di euro. Appello in diretta tv al Presidente della Repubblica - immagine 10
Dove è successo
Cronaca
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
Gli interessati dovranno compilare il form online inviando il curriculum a www.juventus.com
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
L'appalto con Smat scade a luglio e, per il momento, i lavoratori canavesani non hanno ottenuto rassicurazioni in merito
CUORGNE' - Installato il totem in piazza Martiri
CUORGNE
Lo schermo touch screen contiene informazioni relative alla città
MAZZE' - Spacciatore arrestato all'uscita dell'autostrada A4
MAZZE
Controlli antidroga da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso. Nei guai anche un ragazzo 22enne fermato in città
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
L'uomo è stato condannato per direttissima a dodici mesi di reclusione. Nei suoi confronti è stato emesso un foglio di via obbligatorio ed è stata elevata una sanzione amministrativa di 102 euro
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
La Guardia di Finanza di Torino ha confiscato beni per circa 2 milioni di euro nei confronti di 26 persone domiciliate nei campi
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
Un incontro dedicato al personale dispiegato sul territorio per l’emergenza Rigopiano: c'erano anche i tecnici partiti dal Canavese
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
Iniziativa promossa al liceo eporediese grazie alla collaborazione tra Inner Wheel Club di Ivrea e l'associazione onlus «I Do»
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
Intorno alla mezzanotte di ieri si è attivato il sistema di allarme anti-intrusione di una ditta di San Bernardo d’Ivrea. Il circuito di videosorveglianza di un istituto di vigilanza ha segnalato la presenza di un soggetto sospetto
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
Gli orari dello scarico dei dati della cella di Rivarolo, infatti, non combacerebbero con la tesi dell'accusa, secondo la quale Pomatto fu ucciso da Perri nelle campagne di Vesignano il 18 gennaio 2016 dopo le 20.30
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore