CALUSO - Paura ebola: i ragazzi del Congo restano a casa

| Niente scambio culturale con il liceo Martinetti. Famiglie e insegnanti avevano espresso forti preoccupazioni

+ Miei preferiti
CALUSO - Paura ebola: i ragazzi del Congo restano a casa
Niente visita degli studenti di Kasongo, nella Repubblica democratica del Congo, al liceo Martinetti di Caluso. La dirigenza scolastica, al netto delle preoccupazioni sollevate da genitori e docenti, ha deciso di annullare la visita degli studenti stranieri. La paura? L'ebola. 
 
«I promotori del progetto, insieme al sottoscritto, convengono che sia ragionevole applicare il principio di tolleranza verso le paure manifestate, ancorché infondate, pertanto non includeranno la visita al liceo Martinetti nel programma delle attività della delegazione di Kasongo» annuncia il preside Daniele Vallino sul sito internet della scuola. 
 
«Una delegazione da Kasongo (Repubblica Democratica del Congo) farà visita in Piemonte, in occasione del salone Terra Madre - spiega il dirigente scolastico - allo stesso appuntamento è stato proibito dall'OMS di partecipare alle delegazioni di paesi ritenuti a bassissimo rischio (es. Nigeria, attualmente eliminata addirittura dalla lista paesi a rischio)». Il Congo, però, nella lista non c'è. 
 
«Nonostante gli oggettivi dati, che portano l'infondatezza delle preoccupazioni come necessaria conseguenza, sono rimaste paure in capo a numerose persone - conferma Vallino - I promotori del progetto, insieme al sottoscritto, ritengono pertanto opportuno applicare un principio di tolleranza».
 
L’ebola non può passare da uomo a uomo per via aerea, ma la trasmissione del virus può avvenire solo con il contatto diretto dei fluidi corporei di una persona infetta. I fluidi più pericolosi nella trasmissione del virus sono la saliva, il latte materno, il sangue (in particolare proveniente dal naso), le lacrime, lo sperma, il catarro, il vomito, il sudore, l’urina e le feci. Il contagio però non può avvenire attraverso la pelle, ma il virus deve entrare in contatto diretto con un fluido corporeo interno. Per questo, è necessario che l’ebola entri nel corpo attraverso una ferita aperta o un’abrasione della pelle, oppure tramite le mucose, gli occhi, il naso, la bocca o i genitali. Viste le procedure sanitarie in atto, non c’è un rischio reale di espansione di Ebola in Italia. 
 

Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore