CALUSO-RIVAROLO - La procura di Ivrea apre un'inchiesta sulla gestione dei canili rifugio

| L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Chiara Molinari per «atti relativi», è partita dall'esposto che un gruppo di volontari ha presentato un mese fa in riferimento alla gestione del canile da parte della Lega nazionale del cane

+ Miei preferiti
CALUSO-RIVAROLO - La procura di Ivrea apre uninchiesta sulla gestione dei canili rifugio
La procura di Ivrea ha aperto un fascicolo, per il momento senza indagati, per fare luce sulla gestione dei canili di Caluso e Rivarolo Canavese. L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Chiara Molinari per «atti relativi», è partita dall'esposto che un gruppo di volontari delle strutture ha presentato un mese fa. Esposto nel quale si fa riferimento alla gestione del canile da parte della Lega nazionale del cane e, in particolare, al suo presidente di sezione, Luciano Sardino. 
 
Lo scontro tra i volontari è in atto ormai da mesi, durante i quali non sono mancati screzi. Secondo i «dissidenti» che hanno dato vita ad un'altra associazione di volontariato, «Quelli del canile di Caluso», per alcuni anni Sardino non ha presentato il bilancio del canile, non ha convocato le assemblee dei soci e il consiglio è privo del revisore di conti previsto dallo statuto. Inadempienze fiscali che sarebbero anche relative ad alcune donazioni e lasciti di privati. Toccherà quindi alla procura capire se, effettivamente, ci sono state problematiche rilevanti nella gestione dei canili rifugio, gli unici in tutto il Canavese che si occupano dei randagi.
 
Luciano Sardino ha risposto pubblicamente alle accuse. «In merito al comunicato diffuso dagli ex volontari della LNDC Ivrea (neonata Associazione “Quelli del Canile di Caluso”) dove lanciano pesantissime critiche contro la mia gestione esprimo profonda amarezza per come si è evoluta questa spiacevole vicenda. Sono in questa associazione da oltre 25 anni e nessuno ha mai provato ad immaginare quanto impegno, dedizione ed energie ho impiegato per far crescere, ammodernare e gestire un canile che svolge un Servizio per circa 100 Comuni (in passato anche 108) e mai prima d’ora mi era capitato di affrontare situazioni così esasperate da volontari con cui pensavo di condividere un obiettivo fondamentale: accudire e trovare una famiglia ai cani abbandonati del nostro territorio.
 
Invece si è fatto di tutto per screditarmi e sfiduciarmi, anche raccogliendo firme con modalità ingannevoli, avendo accertato in seguito che moltissime persone hanno firmato convinte di firmare per altro motivo e non per la revoca della fiducia al sottoscritto. Attribuendomi colpe (quanti danni fanno i Social a volte) che assolutamente non ho e, ancor più grave, mettendo in dubbio l'onestà delle mia gestione economica. Quando, magari, sarebbe bastato sedersi tranquillamente intorno ad un tavolo per risolvere le controversie (che purtroppo non mancano mai). Senza sprecare energie. E senza rischiare di minare l'equilibrio di un Canile che funzionava e funziona bene. 
 
Mi spiace anche che queste persone non abbiano tenuto in considerazione i gravi problemi personali che mi hanno portato a presentare a chi di dovere, e comunque in maniera trasparente, in ritardo in bilanci. Gli stessi in tempi brevi verranno sottoposti anche all’attenzione dell’assemblea di sezione. Per quanto riguarda l’eredità ricevuta, innanzitutto ci tengo a specificare che gli importi sono presenti sugli estratti conto bancari e quindi perfettamente tracciabili. Inoltre, come già riferito ai volontari verbalmente, quei fondi sono stati utilizzati, tra le altre cose, per l’acquisto del nuovo furgone per il canile, la realizzazione di oltre 18000 mq di sgambamenti per i cani, il rifacimento (coibentato) di 2000 mq. di coperture (oltre ad altre minori innovazioni e ristrutturazioni), il pagamento di paghe e contributi dei dipendenti e l'abbattimento del monte TFR di alcuni dipendenti al fine di dare maggiore solidità economica all'Associazione. Per quanto riguarda il resto, preferisco a questo punto che sia il Collegio dei Probiviri dell’associazione – a cui tutto è stato inoltrato – e i legali a valutare le conseguenze di quanto detto e fatto. Rimane comunque una grande tristezza. Non meritavo tutto questo».
Cronaca
CUORGNE' - Coronavirus: allestita la tenda pre-triage all'ospedale
CUORGNE
Il Comune ha disposto lo stop alla zona blu fino a quando la tenda rimarrà nel parcheggio di fronte al pronto soccorso
SAN GIORGIO - Il carnevale finisce in anticipo per il coronavirus. Il Generale ringrazia tutti
SAN GIORGIO - Il carnevale finisce in anticipo per il coronavirus. Il Generale ringrazia tutti
Il Generale Nicolas Gallicchio ha scritto un apprezzato pensiero su quanto accaduto in questi giorni affidandolo alla propria pagina Facebook
BARBANIA - Marito e moglie uccisi in Colombia: 22 anni per il mandante del duplice omicidio
BARBANIA - Marito e moglie uccisi in Colombia: 22 anni per il mandante del duplice omicidio
I due sono stati uccisi a colpi di pistola, all'uscita di un locale, il 15 giugno 2018. Inizialmente si era pensato ad un omicidio a scopo di rapina. In realtà, come ha ricostruito la polizia, si è trattato di una vera e propria esecuzione
CASTELLAMONTE - Il coronavirus blocca lo storico carnevale
CASTELLAMONTE - Il coronavirus blocca lo storico carnevale
Mercoledì niente sfilata dei carri e niente rogo del Re Pignatun a causa delle disposizioni di sicurezza e salute pubblica
IVREA - Stop al carnevale per il coronavirus: dopo la manifestazione di ieri la Fondazione invita i cittadini ad «evitare ulteriori assembramenti»
IVREA - Stop al carnevale per il coronavirus: dopo la manifestazione di ieri la Fondazione invita i cittadini ad «evitare ulteriori assembramenti»
La Fondazione conferma pertanto che le disposizioni che hanno reso necessaria e ineluttabile l'interruzione del Carnevale in conseguenza dell'adozione di norme contingenti a tutela della salute pubblica, restano in vigore
OZEGNA - Incidente stradale in via Fratelli Berra - FOTO E VIDEO
OZEGNA - Incidente stradale in via Fratelli Berra - FOTO E VIDEO
La strada è stata chiusa al traffico per permettere l'afflusso dei mezzi di soccorso. L'uomo ha 77 anni ed è di San Giorgio
CANAVESANA - Personale Gtt in mutua, saltano diversi treni Sfm1
CANAVESANA - Personale Gtt in mutua, saltano diversi treni Sfm1
Quattro treni soppressi. Non è chiaro se l'aumento del personale in mutua sia una «conseguenza» dell'allerta coronavirus
IVREA-CIRIE' - Coronavirus, attenzione alla truffa del tampone
IVREA-CIRIE
Cri e Comuni invitano i cittadini a non aprire la porta a nessun volontario o medico Asl che offre l'esame del tampone
INCIDENTE MORTALE CALUSO - Ciclista travolto e ucciso nello schianto con tre veicoli - FOTO E VIDEO
INCIDENTE MORTALE CALUSO - Ciclista travolto e ucciso nello schianto con tre veicoli - FOTO E VIDEO
Da chiarire la dinamica del sinistro che ha visto coinvolto una Citroen Berlingo, una Fiat Punto e un camion cassonato Renault. Purtroppo nella carambola il ciclista è rimasto travolto da uno dei veicoli
CORONAVIRUS - In Canavese centri commerciali presi d'assalto. Associazioni e Comuni sospendono tutti gli eventi in calendario
CORONAVIRUS - In Canavese centri commerciali presi d
In queste ore, come previsto dalla Regione, gli ospedali della zona saranno dotati di tende pneumatiche della Protezione civile per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti possano accedere a un percorso diverso
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore