CANAVESE - 939 violenze sulle donne nel nostro territorio

| Sono i dati forniti dall'Asl To4 nel periodo che va dal 2010 al 2013

+ Miei preferiti
CANAVESE - 939 violenze sulle donne nel nostro territorio
L’Asl TO4 di Ivrea ha patrocinato e aderito, in collaborazione con l’associazione La Rete delle Donne di San Maurizio Canavese, alla campagna di sensibilizzazione contro il femminicidio “Posto Occupato”. Per contribuire a realizzare la massima diffusione di una cultura della non violenza e del rispetto di genere. I dati relativi alla violenza contro le donne che si registrano nel nostro Paese sono decisamente allarmanti. In Italia, il 75% dei delitti del 2013 che riguardano le donne è avvenuto in contesti familiari o affettivi. Tra il 2000 e il 2013 si contano circa 2.350 femminicidi, pari a una media annua di circa 168 l’anno. Ogni giorno 95 donne denunciano di aver subito minacce, 87 sono state vittime di lesioni personali, 19 di percosse, 14 di stalking, 10 di violenza sessuale. La maggior parte delle vittime sono soggette a più forme di violenza e sono ancora tantissime le donne che non denunciano e non chiedono aiuto.
 
Purtroppo anche il territorio del Canavese e dell’Asl To4 non è indenne da tale fenomeno, che ha visto dal 2010 al 2013, secondo la rilevazione dati delle équipe aziendali multidisciplinari contro la violenza alle donne, 939 donne chiedere aiuto attraverso i Servizi Socio Sanitari. Circa il 90% di queste donne ha avuto il primo accesso in Pronto Soccorso e altrettanto alta è la percentuale del contesto familiare in cui avviene la violenza, in cui il maltrattante è il marito o ex marito, fidanzato o convivente.
 
«Da tempo la nostra Azienda – riferisce il direttore generale dell’Asl d’Ivrea, Flavio Boraso – è impegnata contro la violenza sulle donne. Tanto che nello scorso autunno abbiamo voluto istituire un coordinamento delle tre équipe aziendali che, ciascuna sul proprio territorio, in stretta collaborazione con i servizi ospedalieri e territoriali e attraverso un lavoro di rete con i Servizi Sociali, la Procura e le Associazioni di Volontariato, favoriscono l’offerta di una risposta coordinata partendo da un dato tristemente importante: le donne che subiscono violenza ricorrono ai servizi sanitari con una frequenza da 4 a 5 volte superiore alle donne non maltrattate». 
 
Anche per questo l’Asl ha aderito all’iniziativa “Posto Occupato” che, in Canavese, era stata promossa qualche mese fa dal Comune di Cuorgnè (anche in consiglio comunale). 
 
«Abbiamo aderito alla campagna «Posto Occupato» nel settembre dell’anno scorso – spiega la Presidente de La Rete delle Donne avvocato Fabiola Grimaldi – in un periodo in cui ogni sera la cronaca proponeva storie di donne uccise. Siamo, così, partite dal coinvolgimento del nostro Comune di San Maurizio Canavese, chiedendo che per un anno intero un posto occupato fosse riservato nei consigli comunali, nella parte dedicata al pubblico, e in tutti gli eventi pubblici a cui gli amministratori e il sindaco prendessero parte. Abbiamo fatto la stessa cosa con i Comuni di Caselle e di Lanzo, ma poi, per rendere più efficace e capillare la sensibilizzazione, abbiamo ritenuto opportuno e indispensabile coinvolgere l’Asl».
 
Per riservare “il posto” a una donna uccisa sono stati scelti i luoghi in cui normalmente c’è un significativo passaggio di persone al fine di sensibilizzare il maggior numero possibile di cittadini. D’ora in poi si troverà perciò un “Posto Occupato” nelle sale d’attesa dei CUP, dei consultori e dei poliambulatori dislocati su tutto il territorio dell’ASL e presso il Polo formativo Officine H di Ivrea, sede anche del Corso di Laurea in Infermieristica.
Cronaca
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
Iniziativa promossa al liceo eporediese grazie alla collaborazione tra Inner Wheel Club di Ivrea e l'associazione onlus «I Do»
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
Intorno alla mezzanotte di ieri si è attivato il sistema di allarme anti-intrusione di una ditta di San Bernardo d’Ivrea. Il circuito di videosorveglianza di un istituto di vigilanza ha segnalato la presenza di un soggetto sospetto
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
Gli orari dello scarico dei dati della cella di Rivarolo, infatti, non combacerebbero con la tesi dell'accusa, secondo la quale Pomatto fu ucciso da Perri nelle campagne di Vesignano il 18 gennaio 2016 dopo le 20.30
IVREA - Si masturba davanti alle pazienti: per ora resta in carcere
IVREA - Si masturba davanti alle pazienti: per ora resta in carcere
Resta in carcere Morad Khaliissi, il ventenne residente a Pont che la scorsa settimana ha seminato il panico all'ospedale di Ivrea
LEINI - Armi in casa: pastore arrestato dai carabinieri a Busca
LEINI - Armi in casa: pastore arrestato dai carabinieri a Busca
Operazione dei militari di Leini. Le armi sono state sequestrate. Saranno analizzate per scoprire se hanno sparato di recente
CHIESANUOVA - Un concerto per celebrare il pesce d'aprile
CHIESANUOVA - Un concerto per celebrare il pesce d
Iniziativa dell'associazione Liceo Musicale di Rivarolo Canavese
AGLIE'-BAIRO-TORRE - In bici per scoprire il territorio
AGLIE
Torna «Cibinbici», passeggiata gastronomica per appassionati di mountain bike e nordic walking
CUORGNE' - Città e commercio in lutto per l'addio ad Anna Maria Peila
CUORGNE
Figura storica del commercio locale, faceva parte di una famiglia conosciuta in città. Il marito era stato anche assessore
IVREA - Grave incidente al maneggio. Si ribalta la carrozza: due feriti. Uno trasportato in elicottero al Cto
IVREA - Grave incidente al maneggio. Si ribalta la carrozza: due feriti. Uno trasportato in elicottero al Cto
Un uomo di 71 anni è rimasto ferito a seguito del ribaltamento di una carrozza. Medicato sul posto dal personale del 118, allertato dai responsabili del maneggio, è stato trasportato in elicottero al Cto
RIVAROLO - Truffe in tutta Italia: chiesti 70 anni di carcere
RIVAROLO - Truffe in tutta Italia: chiesti 70 anni di carcere
I carabinieri di Rivarolo, che hanno sgominato la banda, hanno recuperato 460 assegni falsi; ben 234 le truffe accertate
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore