CANAVESE - A trent'anni dal disastro di Chernobyl gli isotopi radioattivi sono ancora nel nostro ecosistema

| La mappa del cesio 137, che Arpa ha aggiornato pochi mesi fa, conferma le zone di Ceresole Reale e la Val Soana, tra quelle più colpite dalla nube radioattiva. Per fortuna «non ci sono rischi per la popolazione»

+ Miei preferiti
CANAVESE - A trentanni dal disastro di Chernobyl gli isotopi radioattivi sono ancora nel nostro ecosistema
«A trent'anni dal passaggio della nube radioattiva sul Nord Italia, originata dall’incidente avvenuto alla centrale nucleare di Chernobyl, si rilevano ancora in Piemonte tracce di quell'evento. E' infatti presente nell'ecosistema il Cs-137, il cesio, un isotopo radioattivo artificiale prodotto dalla fissione nucleare dell’uranio con una vita di circa 30 anni». Lo ha confermato l'Arpa Piemonte, oggi, nell'anniversario del drammatico incidente alla centrale nucleare di Chernobyl (mappa aggiornata della fotogallery). Segno tangibile di quanto un disastro di quelle proporzioni porti con sè problemi e disagi per tanto, tantissimo tempo.
 
Il Cs-137 si rileva in particolare nei suoli e, di solito in minor concentrazione, in alcune matrici alimentari (latte, carne, frutti di bosco). I livelli più elevati possono essere rinvenuti nella selvaggina e in alcune specie di funghi. Si tratta comunque di quantità che non danno luogo a dosi significative alla popolazione se confrontate con la normale esposizione alla radioattività naturale. In generale, si valuta che in media il contributo della radioattività artificiale è inferiore all'un per cento della dose globale di radiazioni assorbita dalla popolazione a seguito dell'esposizione a radioattività naturale.
 
La mappa del cesio 137, che Arpa ha aggiornato pochi mesi fa, conferma le zone di Ceresole e la Val Soana, tra quelle più colpite dalla nube radioattiva. Proprio nel cuore del parco Nazionale del Gran Paradiso. Non ci sono pericoli per la popolazione ma le conclusioni alle quali sono giunti gli esperti sono comunque inquietanti: le ricadute per l’ambiente, infatti, anche a distanza di trent'anni, sono ancora enormi. E questo nonostante il Canavese sia distante migliaia di chilometri dalla centrale nucleare. Il monitoraggio straordinario, due anni fa, ha coinvolto diverse aree alpine dove sono stati prelevati e successivamente analizzati campioni di suolo, acque superficiali, funghi, frutti di bosco e latte di alpeggio, per un totale di circa 170 campioni. 
 
La «leggenda», secondo la quale, grazie ad una pioggia battente, una consistente dose di sostanze radioattive cadde sui rilievi alpini del Canavese, ha trovato piena conferma nelle analisi dell’Arpa. Ad aver assorbito la quantità maggiore di radiazioni, secondo i dati, alcune qualità di funghi tra le più presenti nelle vallate canavesane. L’indagine ha preso spunto dal ritrovamento  in Valsesia, in provincia di Vercelli, di 27 cinghiali con tracce di cesio nella lingua e nel diaframma. Nessun dato, per fortuna, sfiora neppure lontanamente i valori d’allerta. 
Galleria fotografica
CANAVESE - A trentanni dal disastro di Chernobyl gli isotopi radioattivi sono ancora nel nostro ecosistema - immagine 1
Dove è successo
Cronaca
CANAVESE - Caos sulla 460: strada chiusa fino a metà giugno
CANAVESE - Caos sulla 460: strada chiusa fino a metà giugno
Partono i lavori per quasi 200 mila euro: «Entro metà giugno la circolazione stradale sarà tornata alla normalità»
MONTALENGHE - Capriolo investito e ucciso sulla strada per Foglizzo
MONTALENGHE - Capriolo investito e ucciso sulla strada per Foglizzo
L'autista di un furgone non ha fatto in tempo a frenare e uno dei due caprioli che stava attraversando è stato colpito
CASTELLAMONTE - I progetti del liceo Faccio colorano il Martinetti
CASTELLAMONTE - I progetti del liceo Faccio colorano il Martinetti
All'unanimità ha vinto il progetto di Federica Jon. Lla studentessa si è aggiudicata un buono acquisto da 200 euro
PROCESSO 'NDRANGHETA - Voto di scambio non mafioso: condannato l'ex segretario Battaglia
PROCESSO
Si è concluso con sette condanne e due assoluzioni il secondo processo d'appello relativo all'inchiesta Minotauro. Antonino Battaglia e Giovanni Macrì condannati ad un anno e quattro mesi per reato elettorale semplice
CASTELLAMONTE - Successo per l'iniziativa del Lions sulla prevenzione dell'ictus
CASTELLAMONTE - Successo per l
Grazie alla disponibilità e all'impegno della dottoressa Mariella De Luca, socia del Lions Club Alto Canavese, è stato possibile effettuare circa 90 esami
CUORGNE' - La Federal Mogul passa sotto il controllo dell'americana Tenneco
CUORGNE
La storica azienda, che ha tra i suoi 130 stabilimenti anche quello di Cuorgnè, di fronte all'ex manifattura, diventerà una controllata della multinazionale statunitense del settore automotive. La Fiom Cgil chiede subito un incontro
RIVAROLO - Festa degli Alpini per Silvio Bonaudo e Matteo Costantino
RIVAROLO - Festa degli Alpini per Silvio Bonaudo e Matteo Costantino
«Il nostro - spiega il capogruppo Roberto Gallo - è un riconoscimento per i tanti anni di lavoro all'interno del gruppo»
ALPETTE - Riapre la Nuova Sosteria Alpina
ALPETTE - Riapre la Nuova Sosteria Alpina
Un buon segnale per il turismo in quota di Alpette e dintorni
SANITA' - Tempi eterni per le colonscopie: l'Asl To4 corre ai ripari
SANITA
Sono stati assunti due medici gastroenterologi ed è già stato previsto di sostituirne un terzo che andrà in pensione
CORIO - Giardiniere muore schiacciato da una pianta
CORIO - Giardiniere muore schiacciato da una pianta
La vittima è un 45enne di San Maurizio Canavese. Un altro incidente mortale a Verrua Savoia questa mattina
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore