CANAVESE - A trent'anni dal disastro di Chernobyl gli isotopi radioattivi sono ancora nel nostro ecosistema

| La mappa del cesio 137, che Arpa ha aggiornato pochi mesi fa, conferma le zone di Ceresole Reale e la Val Soana, tra quelle più colpite dalla nube radioattiva. Per fortuna «non ci sono rischi per la popolazione»

+ Miei preferiti
CANAVESE - A trentanni dal disastro di Chernobyl gli isotopi radioattivi sono ancora nel nostro ecosistema
«A trent'anni dal passaggio della nube radioattiva sul Nord Italia, originata dall’incidente avvenuto alla centrale nucleare di Chernobyl, si rilevano ancora in Piemonte tracce di quell'evento. E' infatti presente nell'ecosistema il Cs-137, il cesio, un isotopo radioattivo artificiale prodotto dalla fissione nucleare dell’uranio con una vita di circa 30 anni». Lo ha confermato l'Arpa Piemonte, oggi, nell'anniversario del drammatico incidente alla centrale nucleare di Chernobyl (mappa aggiornata della fotogallery). Segno tangibile di quanto un disastro di quelle proporzioni porti con sè problemi e disagi per tanto, tantissimo tempo.
 
Il Cs-137 si rileva in particolare nei suoli e, di solito in minor concentrazione, in alcune matrici alimentari (latte, carne, frutti di bosco). I livelli più elevati possono essere rinvenuti nella selvaggina e in alcune specie di funghi. Si tratta comunque di quantità che non danno luogo a dosi significative alla popolazione se confrontate con la normale esposizione alla radioattività naturale. In generale, si valuta che in media il contributo della radioattività artificiale è inferiore all'un per cento della dose globale di radiazioni assorbita dalla popolazione a seguito dell'esposizione a radioattività naturale.
 
La mappa del cesio 137, che Arpa ha aggiornato pochi mesi fa, conferma le zone di Ceresole e la Val Soana, tra quelle più colpite dalla nube radioattiva. Proprio nel cuore del parco Nazionale del Gran Paradiso. Non ci sono pericoli per la popolazione ma le conclusioni alle quali sono giunti gli esperti sono comunque inquietanti: le ricadute per l’ambiente, infatti, anche a distanza di trent'anni, sono ancora enormi. E questo nonostante il Canavese sia distante migliaia di chilometri dalla centrale nucleare. Il monitoraggio straordinario, due anni fa, ha coinvolto diverse aree alpine dove sono stati prelevati e successivamente analizzati campioni di suolo, acque superficiali, funghi, frutti di bosco e latte di alpeggio, per un totale di circa 170 campioni. 
 
La «leggenda», secondo la quale, grazie ad una pioggia battente, una consistente dose di sostanze radioattive cadde sui rilievi alpini del Canavese, ha trovato piena conferma nelle analisi dell’Arpa. Ad aver assorbito la quantità maggiore di radiazioni, secondo i dati, alcune qualità di funghi tra le più presenti nelle vallate canavesane. L’indagine ha preso spunto dal ritrovamento  in Valsesia, in provincia di Vercelli, di 27 cinghiali con tracce di cesio nella lingua e nel diaframma. Nessun dato, per fortuna, sfiora neppure lontanamente i valori d’allerta. 
Galleria fotografica
CANAVESE - A trentanni dal disastro di Chernobyl gli isotopi radioattivi sono ancora nel nostro ecosistema - immagine 1
Cronaca
DRAMMA A IVREA - 32enne si lancia nella Dora dal Ponte Vecchio: ora è gravissima in ospedale
DRAMMA A IVREA - 32enne si lancia nella Dora dal Ponte Vecchio: ora è gravissima in ospedale
L'acqua del torrente ha solo in parte attutito la caduta. La 32enne è stata recuperata nei pressi del ponte della ferrovia. La polizia di Ivrea, che indaga sulle cause dell'accaduto, non esclude si tratti di un tentativo di suicidio
SALASSA - Un grande successo per il Carnevale - FOTO e VIDEO
SALASSA - Un grande successo per il Carnevale - FOTO e VIDEO
Tantissimo pubblico per acclamare i principi e i carri che, ieri sera e oggi pomeriggio, hanno sfilato per le vie del centro storico
CASTELLAMONTE - Le campane suonano «a morto» nella notte
CASTELLAMONTE - Le campane suonano «a morto» nella notte
Apprensione la scorsa notte per le campane della chiesa parrocchiale che alle 2 si sono messe a suonare in autonomia...
CANAVESE - Messa in sicurezza del torrente Orco: lavori a Rivarolo, Chivasso, San Benigno e Montanaro
CANAVESE - Messa in sicurezza del torrente Orco: lavori a Rivarolo, Chivasso, San Benigno e Montanaro
Il programma generale di gestione dei sedimenti nel tratto tra Cuorgnè e Chivasso, approvato con una delibera della Giunta regionale del 23 dicembre 2010, individua i macro interventi necessari al miglioramento della sicurezza dell'Orco
LEINI - Due esposti ai vigili contro il campanile che suona di notte
LEINI - Due esposti ai vigili contro il campanile che suona di notte
La notte, il parroco ha deciso di evitare rintocchi dal momento che alcuni cittadini si sono lamentati con i vigili urbani
STORICO CARNEVALE DI IVREA - Battaglia delle arance: la domenica ticket d'ingresso confermato a 10 euro
STORICO CARNEVALE DI IVREA - Battaglia delle arance: la domenica ticket d
Non pagano i bambini sotto i 12 anni, i residenti a Ivrea e gli aranceri regolarmente iscritti alle proprie squadre, a cui verrà richiesto di mostrare la toppa di iscrizione. Previste agevolazioni per chi arriva in treno o è iscritto al Fai
IVREA - Due treni speciali per i turisti della battaglia delle arance
IVREA - Due treni speciali per i turisti della battaglia delle arance
Tutti gli iscritti FAI, domenica 3 marzo, mostrando la tessera avranno diritto a uno sconto del 20% per l'ingresso al Carnevale
RIVAROLO - Incidente stradale con auto pirata: l'automobilista non si ferma e scappa. Caccia a una Opel blu
RIVAROLO - Incidente stradale con auto pirata: l
E' caccia ad una Opel blu che ieri mattina è rimasta coinvolta in uno scontro frontale in via Matteotti a Rivarolo Canavese. La conducente della vettura, dopo l'urto, anzichè fermarsi a prestare soccorso ha rimesso in moto ed è scappata
RIVARA - Inner Wheel e Lions insieme per un «service» comune
RIVARA - Inner Wheel e Lions insieme per un «service» comune
I club sostengono il «Potenziamento del corso di lingua italiana per donne straniere» curato dalla Caritas di Rivarolo Canavese
SCARMAGNO - Incendio nel comprensorio della ex Olivetti - FOTO
SCARMAGNO - Incendio nel comprensorio della ex Olivetti - FOTO
Provvidenziale intervento dei vigili del fuoco di Castellamonte e Ivrea per un incendio divampato poco prima delle due
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore