CANAVESE - Aziende finte e fatture false per 20 milioni di euro: la guardia di finanza denuncia 20 imprenditori

| Le frodi, risalenti al periodo 2010-2014, sono state rese possibili grazie all’opera di tre imprese attive in Canavese e a Torino, risultate “cartiere”, soggetti fiscali creati ad arte solo per produrre fatture per operazioni inesistenti

+ Miei preferiti
CANAVESE - Aziende finte e fatture false per 20 milioni di euro: la guardia di finanza denuncia 20 imprenditori
Fatture false per oltre venti milioni di euro, tre aziende cosiddette “cartiere”, trentasette società coinvolte e venti persone denunciate. Sono i numeri di una complessa attività di Polizia Giudiziaria e Tributaria, condotta dalla Guardia di Finanza di Chivasso e coordinata dalla Procura della Repubblica di Ivrea, scaturita dopo accurate indagini che hanno visto il coinvolgimento, a vario titolo, di venti persone responsabili di condotte criminose quali l’emissione ed all’utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, l’occultamento e la distruzione di scritture contabili nonché l’omessa presentazione delle previste dichiarazioni fiscali. In un caso, inoltre, il rappresentante legale di una delle imprese controllate è stato denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato.
 
Le frodi, risalenti al periodo dal 2010 al 2014, sono state rese possibili grazie all’opera di tre imprese attive in Canavese e a Torino, risultate vere e proprie “cartiere”, cioè soggetti fiscali creati ad arte al solo fine di produrre fatture per operazioni inesistenti. Le tre società fittizie, formalmente costituite per svolgere rispettivamente l’attività di assemblaggio di penne e rossetti, la fornitura di servizi informatici e la costruzione di edifici, hanno emesso false fatture nell’ambito di molteplici e inverosimili settori commerciali che spaziavano dai lavori di cantieristica al noleggio e manutenzione di automezzi passando
dalle campagne pubblicitarie e arrivando sino al commercio di strumenti per esami diagnostici.
 
Le indagini della Guardia di Finanza hanno consentito di delineare un’unica mente organizzativa degli illeciti: C.C., queste le sue iniziali, chivassese 46enne. L’uomo, con interessi tra l’Italia e la Svizzera e sui cui gravano già precedenti specifici, intestando fittiziamente le “cartiere” a collaboratori compiacenti reclutati sul territorio, mere “teste di legno”, ha messo in piedi un giro di fatture false per circa 20 milioni di euro che ha interessato complessivamente 37 aziende “utilizzatrici” dislocate tra le Province piemontesi di Torino, Vercelli e Cuneo e quelle lombarde di Varese e Lecco. Grazie al minuzioso esame dei numerosissimi rapporti di conto corrente, i finanzieri hanno potuto verificare come gli ingenti bonifici ordinati dai clienti per saldare le false fatture venissero immediatamente prelevati per contanti.
 
Il giorno stesso o quelli immediatamente successivi, infatti, membri del sodalizio criminale facevano il giro degli sportelli bancari e postali della zona del chivassese al fine di prelevare immediatamente quanto incassato così da restituire parte del denaro ai “clienti” e trattenerne una parte per remunerare la propria illecita attività. Peraltro, in un caso, le fatture false sono servite, non solo quale mezzo fraudolento per evadere ma anche quale strumento per documentare spese necessarie per accedere a finanziamenti pubblici, “a fondo perduto”, in una sorta di diabolica ottimizzazione dell’azione criminale finalizzata ad ottenere il massimo illecito profitto. A conclusione dell’attività è stato constatato imponibile sottratto a tassazione per circa 7 milioni di euro nonché un’Iva, complessivamente evasa, per circa oltre 5 milioni di euro e quantificati proventi illeciti ottenuti dal sodalizio criminoso per circa 500.000 euro. Chiesto il sequestro preventivo di beni nella disponibilità dei responsabili della frode per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.
Dove è successo
Cronaca
CUORGNE' - Torneo di Maggio a numero chiuso: tetto massimo di 4000 spettatori in centro
CUORGNE
La Pro loco, con grande impegno, in virtù anche delle nuove norme di sicurezza imposte dalla circolare Gabrielli, ha deciso di riproporre in grande stile la manifestazione storica che caratterizza Cuorgnè
CUORGNE' - Dal 25 Aprile una richiesta di supporto al territorio
CUORGNE
La scuola sta organizzando un evento rivolto a 35 allievi che hanno deciso di partecipare al progetto «Scuola e territorio»
MAPPANO - Gli zingari prendono a sassate l'ambulanza della Cri
MAPPANO - Gli zingari prendono a sassate l
L'episodio al campo nomadi di via Germagnano a Torino. «Per fortuna non ci sono stati ingenti danni o feriti», fanno sapere dalla Cri
CANAVESE - Cede l'asfalto sulla 460. Insulti alla Città metropolitana: «Ci voleva il morto per intervenire?»
CANAVESE - Cede l
Ieri sono iniziati i lavori tra Leini e Lombardore, dove l'asfalto ha ceduto provocando un pericoloso avvallamento. In quello stesso punto ha perso la vita l'imprenditore di Cuorgnè, Gianpiero Mattioda. Protestano gli utenti
FOGLIZZO - Si cercano comparse per il cortometraggio «Aida»
FOGLIZZO - Si cercano comparse per il cortometraggio «Aida»
L'impegno è richiesto o per venerdì 27 o per sabato 28 aprile (a seconda delle disponibilità) presso l'ex istituto Salesiano
CANAVESE - Elezioni Rsu dell'Asl To4: Uil sindacato più votato - I RISULTATI
CANAVESE - Elezioni Rsu dell
«Una grande soddisfazione per l'alta affluenza alle urne dei Lavoratori dell'Asl To4 pari al 70,72% degli aventi diritto»
CASELLE - L'elinucleo dei vigili del fuoco salva un uomo disperso
CASELLE - L
L'elicottero del reparto volo Piemonte dopo essere decollato dalla base di Caselle ha raggiunto la zona delle ricerche
CASTELLAMONTE - Profugo indagato per violenza sessuale perde il diritto all'accoglienza
CASTELLAMONTE - Profugo indagato per violenza sessuale perde il diritto all
Lo ha stabilito il Tar del Piemonte respingendo un ricorso presentato da un richiedente asilo contro il prefetto di Torino che, lo scorso mese di gennaio, gli aveva revocato le misure di protezione internazionale
LEINI - Discarica abusiva: denunciato un imprenditore - FOTO
LEINI - Discarica abusiva: denunciato un imprenditore - FOTO
In un terreno destinato a fondo agricolo, l'uomo aveva allestito una vera e propria discarica abusiva di circa 1000 metri cubi
TORRAZZA - «Sono gay»: il padre lo picchia. Lo sdegno dell'Arcigay
TORRAZZA - «Sono gay»: il padre lo picchia. Lo sdegno dell
«L'ennesima notizia di un pestaggio ai danni di un giovane omosessuale ci coglie allarmati e molto sconfortati» dice Piazzoni
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore