CANAVESE - Aziende finte e fatture false per 20 milioni di euro: la guardia di finanza denuncia 20 imprenditori

| Le frodi, risalenti al periodo 2010-2014, sono state rese possibili grazie all’opera di tre imprese attive in Canavese e a Torino, risultate “cartiere”, soggetti fiscali creati ad arte solo per produrre fatture per operazioni inesistenti

+ Miei preferiti
CANAVESE - Aziende finte e fatture false per 20 milioni di euro: la guardia di finanza denuncia 20 imprenditori
Fatture false per oltre venti milioni di euro, tre aziende cosiddette “cartiere”, trentasette società coinvolte e venti persone denunciate. Sono i numeri di una complessa attività di Polizia Giudiziaria e Tributaria, condotta dalla Guardia di Finanza di Chivasso e coordinata dalla Procura della Repubblica di Ivrea, scaturita dopo accurate indagini che hanno visto il coinvolgimento, a vario titolo, di venti persone responsabili di condotte criminose quali l’emissione ed all’utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, l’occultamento e la distruzione di scritture contabili nonché l’omessa presentazione delle previste dichiarazioni fiscali. In un caso, inoltre, il rappresentante legale di una delle imprese controllate è stato denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato.
 
Le frodi, risalenti al periodo dal 2010 al 2014, sono state rese possibili grazie all’opera di tre imprese attive in Canavese e a Torino, risultate vere e proprie “cartiere”, cioè soggetti fiscali creati ad arte al solo fine di produrre fatture per operazioni inesistenti. Le tre società fittizie, formalmente costituite per svolgere rispettivamente l’attività di assemblaggio di penne e rossetti, la fornitura di servizi informatici e la costruzione di edifici, hanno emesso false fatture nell’ambito di molteplici e inverosimili settori commerciali che spaziavano dai lavori di cantieristica al noleggio e manutenzione di automezzi passando
dalle campagne pubblicitarie e arrivando sino al commercio di strumenti per esami diagnostici.
 
Le indagini della Guardia di Finanza hanno consentito di delineare un’unica mente organizzativa degli illeciti: C.C., queste le sue iniziali, chivassese 46enne. L’uomo, con interessi tra l’Italia e la Svizzera e sui cui gravano già precedenti specifici, intestando fittiziamente le “cartiere” a collaboratori compiacenti reclutati sul territorio, mere “teste di legno”, ha messo in piedi un giro di fatture false per circa 20 milioni di euro che ha interessato complessivamente 37 aziende “utilizzatrici” dislocate tra le Province piemontesi di Torino, Vercelli e Cuneo e quelle lombarde di Varese e Lecco. Grazie al minuzioso esame dei numerosissimi rapporti di conto corrente, i finanzieri hanno potuto verificare come gli ingenti bonifici ordinati dai clienti per saldare le false fatture venissero immediatamente prelevati per contanti.
 
Il giorno stesso o quelli immediatamente successivi, infatti, membri del sodalizio criminale facevano il giro degli sportelli bancari e postali della zona del chivassese al fine di prelevare immediatamente quanto incassato così da restituire parte del denaro ai “clienti” e trattenerne una parte per remunerare la propria illecita attività. Peraltro, in un caso, le fatture false sono servite, non solo quale mezzo fraudolento per evadere ma anche quale strumento per documentare spese necessarie per accedere a finanziamenti pubblici, “a fondo perduto”, in una sorta di diabolica ottimizzazione dell’azione criminale finalizzata ad ottenere il massimo illecito profitto. A conclusione dell’attività è stato constatato imponibile sottratto a tassazione per circa 7 milioni di euro nonché un’Iva, complessivamente evasa, per circa oltre 5 milioni di euro e quantificati proventi illeciti ottenuti dal sodalizio criminoso per circa 500.000 euro. Chiesto il sequestro preventivo di beni nella disponibilità dei responsabili della frode per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.
Dove è successo
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore