CANAVESE - Cuccioli morti stipati nelle auto: carabinieri scoprono traffico illecito di cani dall'est Europa

| Gli animali, quando sopravvivevano al lungo viaggio nei bagagliai, presentavano gravi problemi di salute e venivano rivenduti a dieci volte il prezzo d'acquisto tra Lombardia e Piemonte, spesso attraverso annunci via internet

+ Miei preferiti
CANAVESE - Cuccioli morti stipati nelle auto: carabinieri scoprono traffico illecito di cani dallest Europa
Su delega della Procura della Repubblica di Torino i Carabinieri Forestale di varie articolazioni del Gruppo di Torino e del Comando Provinciale di Asti, coordinati dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) di Torino hanno eseguito, negli scorsi giorni, una serie di perquisizioni presso privati nella zona di Torino, Caluso e Mombercelli (AT) per smantellare una organizzazione dedita al traffico illecito di cuccioli. Sei ungheresi denunciati dopo il blitz a Caluso.

L’attività ha avuto origine da una denuncia ricevuta nel marzo dello scorso anno con la quale veniva segnalata la morte di un cane razza bouledogue francese che, acquistato via internet, era deceduto il giorno successivo dopo atroci sofferenze. Il cucciolo non aveva il microchip identificativo e i documenti che lo accompagnavano erano risultati fasulli e, nonostante la cifra pagata (600€), l’acquirente non veniva risarcito. Nello stesso periodo venivano alla luce altri casi simili per i quali il fattor comune era una documentazione veterinaria con timbri e nomi risultati, in un secondo momento, di fantasia.

Dalle informazioni fornite dalle numerose persone truffate, e con indagini rese particolarmente difficili dai luoghi di scambio dei cani, spesso localizzati in strada o in zone molto frequentate, e naturalmente dai nomi di fantasia dei venditori, si riusciva a ricostruire un collegamento tra i vari soggetti coinvolti (6 persone) e si individuava la reale identità degli autori delle truffe.

Gli investigatori sono riusciti ad individuare connessioni tra i vari venditori e le singole vendite risalendo al luogo di origine dei cani, che apparivano provenire dai paesi dell’Est Europa e che successivamente venivano venduti sul territorio nazionale. Nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti 12 cuccioli insieme a timbri, vaccini e documentazioni fasulle. Si apprendeva inoltre che uno dei sei soggetti coinvolti era stato recentemente condannato per maltrattamento di animali dalla giustizia Ungherese, in quanto sorpreso a trasportare nel bagagliaio della macchina 19 cuccioli di cane, di cui 3 deceduti durante il viaggio.

Gli altri soggetti coinvolti, tutti pluripregiudicati, avevano precedenti specifici per gli stessi reati. Il modus operandi dei criminali era piuttosto semplice. Gli stessi effettuavano, o facevano effettuare, viaggi con autoveicoli privati verso i paesi dell’est Europa (Slovenia e Ungheria in particolare) dove si approvvigionavano di cuccioli di cane, spesso non vaccinati e allontanati precocemente dalla madre, da non meglio precisati allevatori a prezzi molto vantaggiosi (circa 50 euro per esemplare).

Gli stessi animali, quando sopravvivevano al lungo viaggio stipati nei bagagliai, presentavano gravi problemi di salute e successivamente erano rivenduti a dieci volte il prezzo d’acquisto tra Lombardia e Piemonte. Il contatto con gli acquirenti avveniva tramite i maggiori siti internet di annunci di vendita e, per convincere gli acquirenti, venivano mostrate fotografie di cani realmente esistenti e regolarmente detenuti presentati come genitori dei cuccioli oltre, come detto, a documenti falsificati che riportavano le vaccinazioni mai eseguite o sommariamente eseguite dagli stessi allevatori con abusivo esercizio della professione medico veterinaria.

Cronaca
CUORGNE' - Incidente stradale in pieno centro - FOTO
CUORGNE
Un cuorgnatese alla guida di una Fiat Panda è andato a schiantarsi contro lo spartitraffico
SAN BENIGNO - «Ho il coronavirus» ma era una notizia falsa
SAN BENIGNO - «Ho il coronavirus» ma era una notizia falsa
Rischia una denuncia per procurato allarme il 17enne che domenica ha diffuso sui propri profili social una notizia fake
ARTE - Il Canavesano Gianni Verna espone al Bisonte di Firenze
ARTE - Il Canavesano Gianni Verna espone al Bisonte di Firenze
In questa mostra «Pinocchio», Verna presenta la sua storia del burattino più famoso del mondo con sei grandi strisce
CORONAVIRUS - Scuole ed economia: il Piemonte attende le decisioni del Governo
CORONAVIRUS - Scuole ed economia: il Piemonte attende le decisioni del Governo
Il Piemonte, ha detto il presidente Cirio, auspica un graduale ritorno alla normalità dalla prossima settimana e attende il decreto con il quale lo Stato assumerà una posizione
CANAVESE - Il festival «Lunathica» è in cerca di nuovi volontari
CANAVESE - Il festival «Lunathica» è in cerca di nuovi volontari
Fervono i preparativi per la XIX edizione di Lunathica - Festival Internazionale di Teatro di Strada dal 29 maggio all'11 luglio 2020
IVREA - Assegnazione del bando poco trasparente: la Croce Rossa vince il ricorso al Tar Piemonte per i servizi del 118
IVREA - Assegnazione del bando poco trasparente: la Croce Rossa vince il ricorso al Tar Piemonte per i servizi del 118
E' da rifare la gara d'appalto per il servizio di trasporto sanitario di emergenza per le postazioni di soccorso dell'ospedale civile di Ivrea e dei Comuni del Canavese. Lo ha stabilito il Tar Piemonte che ha accolto il ricorso della Cri
CASELLE - Incidente stradale tra quattro auto: tre feriti - FOTO
CASELLE - Incidente stradale tra quattro auto: tre feriti - FOTO
Coinvolte nel sinistro una Ford Fiesta, una Wolkswagen Up, una Skoda e una Citroen C2. La Fiesta si è anche ribaltata
CASELLE - Coronavirus, British Airways riduce i voli per Londra
CASELLE - Coronavirus, British Airways riduce i voli per Londra
Al momento, «sono solo tre voli cancellati dalla British Airways tra Torino e Londra. Le date sono il 24, 25 e 26 marzo»
CANDIA CANAVESE - Spaccio di droga: padre, madre e figlio denunciati
CANDIA CANAVESE - Spaccio di droga: padre, madre e figlio denunciati
L'indagine è partita dal blitz messo a segno poche ore prima da un 17enne che spacciava nell'ex officina del nonno
LEINI - L'officina del nonno trasformata in un centro per lo spaccio di droga: 17enne denunciato dai carabinieri
LEINI - L
Per entrare era necessario prendere appuntamento su Instagram o su Telegram digitando la parola segreta. A Leini i militari dell'Arma hanno portato alla luce un centro dello spaccio per ragazzi. Nei guai l'ideatore del «club privato»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore