CANAVESE - Danni da cinghiali aumentati del 60%. La Coldiretti attacca: «Pochi animali abbattuti e rimborsi in ritardo»

| Nel Canavese, tra Caluso ed Ivrea, nel 2017 le richieste di danni sono aumentate del 60 per cento nel comprensorio ATC mentre nel comprensorio alpino, in Valchiusella, del 70 per cento. Situazione decisamente complicata a Castellamonte

+ Miei preferiti
CANAVESE - Danni da cinghiali aumentati del 60%. La Coldiretti attacca: «Pochi animali abbattuti e rimborsi in ritardo»
«I danni alle colture agricole da parte dei cinghiali sono una realtà consolidata, con un pesante impatto economico sul settore agricolo. Nonostante le pressanti richieste di intervento di abbattimento presentate dagli agricoltori negli ultimi anni il problema non sembra trovare soluzione – afferma Fabrizio Galliati, presidente di coldiretti Torino - la conta dei danni effettivi è difficile da realizzare, anche perché l’introduzione del De Minimis, con il tetto massimo di 15mila euro per azienda nell’ultimo triennio, scoraggia le richieste di risarcimento. Oltre agli ingenti danni alle coltivazioni, soprattutto quelle del mais di cui gli ungulati sono ghiotti, sono da tenere in considerazione anche gli incidenti stradali, in alcuni casi mortali. Ad esempio come accaduto alla settantenne deceduta nel dicembre del 2017 nel Chivassese precipitata con l’auto in un dirupo».

Fabrizio Galliati denuncia: «Il recente programma per il contenimento del cinghiale è più ampio rispetto ai precedenti: permette di intervenire ovunque e ci sono anche gli strumenti per andare in questa direzione. Peccato non ci sia la strenua efficacia da parte degli ATC, gli Ambiti territoriali di caccia, e dei CA, Comprensori alpini. Nel 2012 sono stati abbattuti 452 cinghiali: nell’anno 2013 gli interventi si sono intensificati e si è arrivati ad abbattere 913 selvatici. A fronte di tali interventi le richieste di risarcimento danni si sono ridotte da 820 a 380 milioni. Questo significa che l’aumento degli abbattimenti porta a una drastica riduzione dei danni: in sostanza è la prova che gli interventi sono efficaci». Il presidente di Coldiretti Torino pone in evidenza una contraddizione: «In questi anni le richieste di rimborso presentate dagli agricoltori si sono ridotte a causa del De Minimis e del ritardo con cui vengono elargiti i rimborsi. Da un lato il De Minimis riduce la possibilità risarcitoria per gli agricoltori. Dall’altra il ritardo nell’arrivo dei rimborsi finisce con lo scoraggiare gli imprenditori a presentare le richieste di risarcimento».

«Il parco della Mandria e i comuni limitrofi sono quelli che presentano maggior criticità, ma anche la zona dei cinque laghi, dalle parti di Ivrea e la collina Chivassese a ridosso del Parco del Po – aggiunge Michele Mellano, direttore di Coldiretti Torino -. Negli ultimi due anni non tutti i CA e gli ATC, salvo eccezioni, sono intervenuti come avrebbero dovuto, soprattutto con gli interventi preventivi, tra gennaio e marzo, fondamentali per il contenimento dei cinghiali».

Secondo Coldiretti, nel Chivassese la questione cinghiali sta diventando insostenibile. I coltivatori subiscono danni di continuo ed ogni sera ci sono degli incidenti causati dagli animali, per fortuna non mortali, ma dannosi per gli automobilisti che non possono nemmeno più chiedere i danni alla Regione vista la mancanza di fondi. In questa zona le perdite sono cresciute nel 2017: ben 82 contro le 75 dell’anno precedente. Tra le zone più colpite la collina torinese, ma anche l’eporediese. Le coltivazioni maggiormente colpite sono il mais, seguite dalle piante di nocciolo e l’arboricoltura.

Nel Canavese, tra Caluso ed Ivrea, nel 2017 le richieste di danni sono aumentate del 60 per cento nel comprensorio ATC mentre nel comprensorio alpino, in Valchiusella, del 70 per cento. Situazione decisamente complicata a Castellamonte, con prati devastati dalle bestie selvatiche, complice il commissariamento degli Atc. A Ciriè, ora che le temperature iniziano ad essere meno rigide, gli animali stanno scendendo a valle devastando le piantagioni.

Cronaca
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - ARRESTATO L'ASSASSINO DI LAURENT RADICI: E' IL FIDANZATO DELLA FIGLIA
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - ARRESTATO L
Si è costituito a Torino, nella tarda serata di ieri, Giuseppe Laforè, 25 anni, un nomade sinti di Romano Canavese, accusato dell'omicidio di Laurent Radici, il 44enne di San Giorgio ucciso la scorsa settimana con un colpo di pistola
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
Tra le motivazioni i carichi di lavoro, tensione nel comando, ambiente insostenibile, richieste di trasferimento negate
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
Da lunedì verrà eseguito un intervento di abbattimento del primo filare di platani nei Giardini della stazione ferroviaria
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
Due donne, hanno approfittato di un momento di confusione all'interno del locale per impossessarsi del barattolo contenente le mance. Appena si sono accorti del furto, i titolari sono andati a visionare le immagini di videosorveglianza
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
Tutto il sistema operativo regionale Antincendi boschivi continua a essere allertato sull'intero territorio piemontese, pronto a intervenire in caso di necessità
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
Code e traffico in tilt in centro. «Colpa» della rotonda di porta Vercelli. Indagine del Comune in corso per nuove modifiche
IVREA - Vigili del fuoco in lutto per la tragica scomparsa di Ivan Ferrero
IVREA - Vigili del fuoco in lutto per la tragica scomparsa di Ivan Ferrero
Solo a notte fonda papà Luciano e mamma Nadia hanno ricevuto la tragica notizia direttamente dal comandante provinciale dei vigili del fuoco di Torino, Marco Frezza, che ha fatto loro visita a Saluggia
PASTORI MASSACRATI A CHIVASSO - La procura di Ivrea chiede un ergastolo e 57 anni di carcere
PASTORI MASSACRATI A CHIVASSO - La procura di Ivrea chiede un ergastolo e 57 anni di carcere
Alla sbarra Daniele Bergero, 26 anni di Front Canavese, Romano Bergero, 34 anni di Foglizzo, Piero Bergero, 31 anni di Oglianico, e Alex Bianciotto, 30 anni di Mercenasco. Le vittime furono uccise a Castelrosso il 24 ottobre del 2017
CALUSO - Pestano un 18enne per rubargli il computer: denunciati
CALUSO - Pestano un 18enne per rubargli il computer: denunciati
Lo scopo della «spedizione punitiva» sarebbe stato quello di recuperare un credito di droga. Indagini dei carabinieri in corso
IVREA - Grande successo per la Notte Nazionale del Classico - FOTO
IVREA - Grande successo per la Notte Nazionale del Classico - FOTO
Notte nazionale del Classico gremita di spettatori a Ivrea che hanno invaso «Palazzo degli Studi» che ospita il Liceo Botta
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore