CANAVESE - Danni da cinghiali aumentati del 60%. La Coldiretti attacca: «Pochi animali abbattuti e rimborsi in ritardo»

| Nel Canavese, tra Caluso ed Ivrea, nel 2017 le richieste di danni sono aumentate del 60 per cento nel comprensorio ATC mentre nel comprensorio alpino, in Valchiusella, del 70 per cento. Situazione decisamente complicata a Castellamonte

+ Miei preferiti
CANAVESE - Danni da cinghiali aumentati del 60%. La Coldiretti attacca: «Pochi animali abbattuti e rimborsi in ritardo»
«I danni alle colture agricole da parte dei cinghiali sono una realtà consolidata, con un pesante impatto economico sul settore agricolo. Nonostante le pressanti richieste di intervento di abbattimento presentate dagli agricoltori negli ultimi anni il problema non sembra trovare soluzione – afferma Fabrizio Galliati, presidente di coldiretti Torino - la conta dei danni effettivi è difficile da realizzare, anche perché l’introduzione del De Minimis, con il tetto massimo di 15mila euro per azienda nell’ultimo triennio, scoraggia le richieste di risarcimento. Oltre agli ingenti danni alle coltivazioni, soprattutto quelle del mais di cui gli ungulati sono ghiotti, sono da tenere in considerazione anche gli incidenti stradali, in alcuni casi mortali. Ad esempio come accaduto alla settantenne deceduta nel dicembre del 2017 nel Chivassese precipitata con l’auto in un dirupo».

Fabrizio Galliati denuncia: «Il recente programma per il contenimento del cinghiale è più ampio rispetto ai precedenti: permette di intervenire ovunque e ci sono anche gli strumenti per andare in questa direzione. Peccato non ci sia la strenua efficacia da parte degli ATC, gli Ambiti territoriali di caccia, e dei CA, Comprensori alpini. Nel 2012 sono stati abbattuti 452 cinghiali: nell’anno 2013 gli interventi si sono intensificati e si è arrivati ad abbattere 913 selvatici. A fronte di tali interventi le richieste di risarcimento danni si sono ridotte da 820 a 380 milioni. Questo significa che l’aumento degli abbattimenti porta a una drastica riduzione dei danni: in sostanza è la prova che gli interventi sono efficaci». Il presidente di Coldiretti Torino pone in evidenza una contraddizione: «In questi anni le richieste di rimborso presentate dagli agricoltori si sono ridotte a causa del De Minimis e del ritardo con cui vengono elargiti i rimborsi. Da un lato il De Minimis riduce la possibilità risarcitoria per gli agricoltori. Dall’altra il ritardo nell’arrivo dei rimborsi finisce con lo scoraggiare gli imprenditori a presentare le richieste di risarcimento».

«Il parco della Mandria e i comuni limitrofi sono quelli che presentano maggior criticità, ma anche la zona dei cinque laghi, dalle parti di Ivrea e la collina Chivassese a ridosso del Parco del Po – aggiunge Michele Mellano, direttore di Coldiretti Torino -. Negli ultimi due anni non tutti i CA e gli ATC, salvo eccezioni, sono intervenuti come avrebbero dovuto, soprattutto con gli interventi preventivi, tra gennaio e marzo, fondamentali per il contenimento dei cinghiali».

Secondo Coldiretti, nel Chivassese la questione cinghiali sta diventando insostenibile. I coltivatori subiscono danni di continuo ed ogni sera ci sono degli incidenti causati dagli animali, per fortuna non mortali, ma dannosi per gli automobilisti che non possono nemmeno più chiedere i danni alla Regione vista la mancanza di fondi. In questa zona le perdite sono cresciute nel 2017: ben 82 contro le 75 dell’anno precedente. Tra le zone più colpite la collina torinese, ma anche l’eporediese. Le coltivazioni maggiormente colpite sono il mais, seguite dalle piante di nocciolo e l’arboricoltura.

Nel Canavese, tra Caluso ed Ivrea, nel 2017 le richieste di danni sono aumentate del 60 per cento nel comprensorio ATC mentre nel comprensorio alpino, in Valchiusella, del 70 per cento. Situazione decisamente complicata a Castellamonte, con prati devastati dalle bestie selvatiche, complice il commissariamento degli Atc. A Ciriè, ora che le temperature iniziano ad essere meno rigide, gli animali stanno scendendo a valle devastando le piantagioni.

Cronaca
RIVAROLO-FELETTO-FAVRIA - Furti nelle case anche di giorno
RIVAROLO-FELETTO-FAVRIA - Furti nelle case anche di giorno
Si moltiplicano le segnalazioni di furti e tentati furti in diversi Comuni. I malviventi agiscono anche in pieno giorno
IVREA - Mostra i genitali a diverse ragazze: condannato a 5 mesi
IVREA - Mostra i genitali a diverse ragazze: condannato a 5 mesi
E' stato riconosciuto, dopo le indagini della polizia, da due donne e anche da alcune ragazzine minorenni della scuola Cena
CUORGNE' - Colto da malore in palestra: un uomo gravissimo
CUORGNE
L'uomo è stato elitrasportato d'urgenza al pronto soccorso di Ciriè. Provvidenziale l'intervento del personale del 118
CUORGNE' - 40enne si spacca il menisco: per l'ospedale è «solo» una distorsione. Denunciato il Comune di Castellamonte
CUORGNE
Una donna ha denunciato il Comune di Castellamonte per lesioni colpose: è caduta in una buca dell'asfalto in via Meuta. Poi al pronto soccorso di Cuorgnè è stata dimessa: nessuno si è accorto di quella lesione del menisco
IVREA-STRAMBINO - Prevenzione tumore al seno: weekend di eventi
IVREA-STRAMBINO - Prevenzione tumore al seno: weekend di eventi
L'obiettivo è sensibilizzare la comunità sui temi di prevenzione oncologica e sull'importanza degli interventi di prevenzione
LOCANA - Una festa da ricordare per i nonni del paese
LOCANA - Una festa da ricordare per i nonni del paese
E’ accaduto al Vernetti di Locana, domenica 14 ottobre. Sono una risorsa importante, mermoria storica del nostro paese
VIDRACCO - Giovedì 18 e venerdi 19 chiude la provinciale della Valchiusella
VIDRACCO - Giovedì 18 e venerdi 19 chiude la provinciale della Valchiusella
Il traffico per la Valchiusella sarà deviato su percorsi alternativi e, in particolare, dalla pedemontana sarà possibile risalire la vallata tramite la provinciale di Strambinello
CHIVASSO - Nei primi mesi del 2019 riaprirà la sede dell'Inps
CHIVASSO - Nei primi mesi del 2019 riaprirà la sede dell
Torna la piena funzionalità dell'Istituto. Qualche mese di disagio per i cittadini: «Sapranno capire», dice il sindaco Castello
BALDISSERO - Artigiano damanhuriano ucciso a Vercelli: arrestato il presunto assassino
BALDISSERO - Artigiano damanhuriano ucciso a Vercelli: arrestato il presunto assassino
La polizia ha arrestato il presunto assassino del damanhuriano Antonello Bessi, 57 anni, artigiano di Vercelli, molto noto a Baldissero Canavese e Vidracco
INDUSTRIA - Tappa in Canavese per Federmeccanica
INDUSTRIA - Tappa in Canavese per Federmeccanica
Il direttore di Federmeccanica, Stefano Franchi, accompagnato da Franco Trombetta, ha visitato cinque aziende canavesane
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore