CANAVESE - Danni da cinghiali aumentati del 60%. La Coldiretti attacca: «Pochi animali abbattuti e rimborsi in ritardo»

| Nel Canavese, tra Caluso ed Ivrea, nel 2017 le richieste di danni sono aumentate del 60 per cento nel comprensorio ATC mentre nel comprensorio alpino, in Valchiusella, del 70 per cento. Situazione decisamente complicata a Castellamonte

+ Miei preferiti
CANAVESE - Danni da cinghiali aumentati del 60%. La Coldiretti attacca: «Pochi animali abbattuti e rimborsi in ritardo»
«I danni alle colture agricole da parte dei cinghiali sono una realtà consolidata, con un pesante impatto economico sul settore agricolo. Nonostante le pressanti richieste di intervento di abbattimento presentate dagli agricoltori negli ultimi anni il problema non sembra trovare soluzione – afferma Fabrizio Galliati, presidente di coldiretti Torino - la conta dei danni effettivi è difficile da realizzare, anche perché l’introduzione del De Minimis, con il tetto massimo di 15mila euro per azienda nell’ultimo triennio, scoraggia le richieste di risarcimento. Oltre agli ingenti danni alle coltivazioni, soprattutto quelle del mais di cui gli ungulati sono ghiotti, sono da tenere in considerazione anche gli incidenti stradali, in alcuni casi mortali. Ad esempio come accaduto alla settantenne deceduta nel dicembre del 2017 nel Chivassese precipitata con l’auto in un dirupo».

Fabrizio Galliati denuncia: «Il recente programma per il contenimento del cinghiale è più ampio rispetto ai precedenti: permette di intervenire ovunque e ci sono anche gli strumenti per andare in questa direzione. Peccato non ci sia la strenua efficacia da parte degli ATC, gli Ambiti territoriali di caccia, e dei CA, Comprensori alpini. Nel 2012 sono stati abbattuti 452 cinghiali: nell’anno 2013 gli interventi si sono intensificati e si è arrivati ad abbattere 913 selvatici. A fronte di tali interventi le richieste di risarcimento danni si sono ridotte da 820 a 380 milioni. Questo significa che l’aumento degli abbattimenti porta a una drastica riduzione dei danni: in sostanza è la prova che gli interventi sono efficaci». Il presidente di Coldiretti Torino pone in evidenza una contraddizione: «In questi anni le richieste di rimborso presentate dagli agricoltori si sono ridotte a causa del De Minimis e del ritardo con cui vengono elargiti i rimborsi. Da un lato il De Minimis riduce la possibilità risarcitoria per gli agricoltori. Dall’altra il ritardo nell’arrivo dei rimborsi finisce con lo scoraggiare gli imprenditori a presentare le richieste di risarcimento».

«Il parco della Mandria e i comuni limitrofi sono quelli che presentano maggior criticità, ma anche la zona dei cinque laghi, dalle parti di Ivrea e la collina Chivassese a ridosso del Parco del Po – aggiunge Michele Mellano, direttore di Coldiretti Torino -. Negli ultimi due anni non tutti i CA e gli ATC, salvo eccezioni, sono intervenuti come avrebbero dovuto, soprattutto con gli interventi preventivi, tra gennaio e marzo, fondamentali per il contenimento dei cinghiali».

Secondo Coldiretti, nel Chivassese la questione cinghiali sta diventando insostenibile. I coltivatori subiscono danni di continuo ed ogni sera ci sono degli incidenti causati dagli animali, per fortuna non mortali, ma dannosi per gli automobilisti che non possono nemmeno più chiedere i danni alla Regione vista la mancanza di fondi. In questa zona le perdite sono cresciute nel 2017: ben 82 contro le 75 dell’anno precedente. Tra le zone più colpite la collina torinese, ma anche l’eporediese. Le coltivazioni maggiormente colpite sono il mais, seguite dalle piante di nocciolo e l’arboricoltura.

Nel Canavese, tra Caluso ed Ivrea, nel 2017 le richieste di danni sono aumentate del 60 per cento nel comprensorio ATC mentre nel comprensorio alpino, in Valchiusella, del 70 per cento. Situazione decisamente complicata a Castellamonte, con prati devastati dalle bestie selvatiche, complice il commissariamento degli Atc. A Ciriè, ora che le temperature iniziano ad essere meno rigide, gli animali stanno scendendo a valle devastando le piantagioni.

Cronaca
CANAVESE - Furti nelle case, ladri in azione: gli ultimi colpi a Caluso, Prascorsano, Castellamonte, Favria, Ivrea e Pont
CANAVESE - Furti nelle case, ladri in azione: gli ultimi colpi a Caluso, Prascorsano, Castellamonte, Favria, Ivrea e Pont
Solo nell'ultima settimana sono arrivate numerose segnalazioni da tutto il territorio. In alcuni casi di furti messi a segno dai ladri acrobati che agiscono in pieno giorno. L'invito è sempre quello di segnalare movimenti sospetti al 112
RIVAROLO - Il passaggio a livello della Sfm1 si apre con il treno in transito
RIVAROLO - Il passaggio a livello della Sfm1 si apre con il treno in transito
Le sbarre si sono aperte un attimo prima dell'arrivo del convoglio. Per fortuna un automobilista ha fermato l'auto in tempo
SCI IN CANAVESE - Impianti aperti a Ceresole Reale, Piamprato Soana e Locana
SCI IN CANAVESE - Impianti aperti a Ceresole Reale, Piamprato Soana e Locana
Complice l'ultima nevicata si scia anche in Canavese questo weekend
RIVAROLO - Argentera senza telefoni, bloccate anche le Poste
RIVAROLO - Argentera senza telefoni, bloccate anche le Poste
Alla Telecom, che gestisce la linea, è stato segnalato il problema già nei giorni scorsi ma, al momento, non si sono visti tecnici
VOLPIANO - Comital, accordo raggiunto: salvi solo 60 lavoratori
VOLPIANO - Comital, accordo raggiunto: salvi solo 60 lavoratori
Fim, Fiom e Uilm rendono noto che in data odierna è stato raggiunto l'accordo con il gruppo «Dingsheng Aluminium»
CANAVESE - Incidenti stradali a raffica a causa di neve e ghiaccio. Tangenziale di Torino in tilt per uno scontro tra furgoni - FOTO
CANAVESE - Incidenti stradali a raffica a causa di neve e ghiaccio. Tangenziale di Torino in tilt per uno scontro tra furgoni - FOTO
Molti automobilisti segnalano che in mattinata sugli asfalti si era formata una patina di ghiaccio e neve micidiale perchè in diverse zone, ieri notte, non si sono visti gli spargisale. La situazione è tornata alla normalità verso le 12.30
IVREA - Sei nuovi medici radiologi entrano in servizio per l'Asl To4
IVREA - Sei nuovi medici radiologi entrano in servizio per l
Quattro sono destinati al servizio negli ospedali di Ciriè e Lanzo. Altri due entreranno a far parte dello staff dell'ospedale di Ivrea
CANAVESE SOTTO LA NEVE - I fiocchi bianchi hanno iniziato a cadere copiosi anche in pianura - FOTO
CANAVESE SOTTO LA NEVE - I fiocchi bianchi hanno iniziato a cadere copiosi anche in pianura - FOTO
Sono previste nevicate piuttosto notevoli nelle valli Orco e Soana da Pont Canavese a salire, così come nella zona dell'eporediese a ridosso della Valle d'Aosta. Si raccomanda prudenza sulle strade. Nel pomeriggio atteso un miglioramento
METEO CANAVESE - Neve anche in pianura tra venerdì e sabato: primo vero acuto dell'inverno
METEO CANAVESE - Neve anche in pianura tra venerdì e sabato: primo vero acuto dell
Le aree di pianura e pedemontane più interessate dalla neve dovrebbero essere le valli di Lanzo, l'alto Canavese (nelle valli Orco e Soana) e la zona dell'eporediese a ridosso della Valle d'Aosta. Bel tempo previsto già da sabato
CIRIE' - Rubavano 500 Abarth e Fiat Panda: tre italiani arrestati e diversi carrozzieri indagati - VIDEO
CIRIE
I tre italiani in arresto, uno in carcere e due ai domiciliari, sono ritenuti responsabili in concorso di furto aggravato e ricettazione di autovetture e di porto abusivo di armi e munizioni. Valore complessivo dei furti circa 200 mila euro
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore