CANAVESE - Gli auguri di Natale del vescovo Edoardo Cerrato

| «Sui problemi della società il lieto annuncio del Salvatore ha molto da dire»

+ Miei preferiti
CANAVESE - Gli auguri di Natale del vescovo Edoardo Cerrato
A tutti buon Natale! 
A chi percorre il cammino della fede e sa che il Natale è quello di Gesù Cristo; a chi nella fede non cammina o non cammina ancora, ma è attento all’inestinguibile desiderio umano di felicità che può condurre all’incontro con Colui che ha detto: «la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena». 
 
Buon Natale è l’augurio che a tutti sento di poter rivolgere, sulla parola che nei giorni di Avvento la Chiesa ha rivolto a Dio: «Fa’ che tutti gli uomini accolgano con sincera esultanza la gloria del suo Natale, Tu che hai fatto giungere ai confini della terra il lieto annunzio del Salvatore». «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna». Gesù Cristo è la più grande novità accaduta nella storia, l’unica capace di imprimerle una svolta sostanziale. Il Figlio di Dio, concepito nel grembo di Maria e nato a Betlemme, ha assunto la nostra umanità; ci ha resi «partecipi della natura divina», ci ha offerto la reale possibilità di vivere come figli di Dio nel suo «Regno di verità e di vita, di santità e di grazia, di giustizia, di amore e di pace», destinati, al termine dei nostri fragili giorni terreni, ad entrare nella Casa del cielo per vivere eternamente nella pienezza di quella felicità che il Creatore ha iscritto come fondamentale desiderio nel cuore di ogni uomo.
 
«Verbo eterno del Padre», Parola di Dio e Ragione divina mediante la quale tutto è stato creato e sulla quale si fonda l’intelligibilità e la ragionevolezza dell’ordine naturale delle cose, dell’uomo e del cosmo, Gesù Cristo bussa alla porta del cuore di ognuno per spalancare a chi lo accoglie infiniti orizzonti di vita. «Venuto a chiamare i peccatori», Egli ha preso su di Sé il nostro peccato e le sue terribili conseguenze ed ha offerto la soluzione non con la proposta di moralismi – tanto meno quelli “a senso unico” che vigoreggiano anche oggi nella società e che producono stanchezza, delusione e incomprensioni – ma con la comunione con Lui che fonda quella vera con i fratelli.
 
«En Agnus ad nos mittitur laxare gratis debitum» canta in questi giorni, con struggente commozione, la Novena di Natale: Ecco è inviato a noi l’Agnello a rimettere gratuitamente il debito; «omnes simul cum lacrymis precemur indulgentiam»: tutti, con le nostre lacrime, chiediamo perdono: con le lacrime del pentimento che conduce al Sacramento della Confessione, a rinascere a vita nuova nel perdono che scende dall’Alto. Di fronte ai problemi della società, tanti e di vario genere – dalla mancanza di lavoro, con tutte le sue gravi ripercussioni in vari ambiti, alla povertà che cresce e porta uomini e donne sempre più numerosi a cercare aiuto nelle comunità cristiane; dallo sfaldamento delle certezze e dei valori alla confusione sulla identità dell’essere umano ed all’individualismo sfrenato; dalla precarietà dei legami alla solitudine ed alla frustrazione a livello affettivo che ne derivano… – il lieto annuncio del Salvatore ha molto da dire. 
 
E, mentre chiama i credenti in Lui a rinnovare l’impegno dentro la realtà umana, storica, del tempo in cui vivono, richiama al compito – ugualmente urgente – di valutarla alla luce della fede e della ragione. Il Natale ci impegna a pensare, a fare, a dire. Buon Natale, Amici!
 
Edoardo, vescovo
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore