CANAVESE - Picchia la moglie e la manda in ospedale: un 34enne arrestato dai carabinieri

| Dall'inizio dell'anno, in Canavese, i carabinieri della compagnia di Ivrea hanno arrestato sette persone per maltrattamenti in famiglia e ne hanno denunciate in stato di libertà 18. Tredici, invece, le persone finite nei guai per stalking

+ Miei preferiti
CANAVESE - Picchia la moglie e la manda in ospedale: un 34enne arrestato dai carabinieri
I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia un uomo di 34 anni. A rivolgersi ai militari, dopo l’ennesimo episodio di violenza fisica e morale, l’ultimo di una serie che si protraeva ormai da mesi, è stata la moglie convivente del 34enne. Alcuni giorni fa, dopo l’ennesima aggressione fisica, che ha provocato alla donna lesioni giudicate guaribili in due giorni, la stessa ha chiamato il 112. Quando i carabinieri sono arrivati presso la sua abitazione, in Canavese, l’hanno trovata ancora in lacrime mentre l’uomo si era allontanato temendo l’intervento delle forze dell’ordine.

Rintracciato e bloccato poco dopo, è stato condotto in caserma e dichiarato in arresto. Dopo le formalità di rito, su disposizione della Procura di Ivrea, è stato ristretto presso il carcere eporediese. L’arresto è stato convalidato dal Gip di Ivrea, che ha disposto nei confronti del 34enne la scarcerazione e la contestuale applicazione delle misure cautelari dell’allontanamento d’urgenza dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

Dall’inizio dell’anno i carabinieri della compagnia di Ivrea hanno arrestato sette persone per maltrattamenti in famiglia e ne hanno denunciate in stato di libertà 18. Una persona è stata arrestata per atti persecutori (stalking) ed altre 12 sono state denunciate per lo stesso reato.

I CONSIGLI DEI CARABINIERI (fonte: www.carabinieri.it)
Per difendersi da situazioni di abuso domestico è necessario prima di tutto imparare a riconoscere i comportamenti tipici dell’abusante. Occorre sapere che dalle ricerche condotte sulla problematica è emerso che, al contrario del pensiero comune, la violenza domestica non è sempre legata a patologie o al consumo cronico di sostanze alcoliche e di stupefacenti. I dati ci confermano che fra i casi sottoposti ad indagine solo il 10% degli abusanti era affetto da disturbi patologici e abusava normalmente di sostanze tossiche.

Chi commette ripetutamente azioni violente fra le mura domestiche di solito ha un unico obiettivo: desidera porre la sua vittima in uno stato di “sudditanza” perché vuole sentirsi potente e perché esercitare azioni di comando e di controllo su un membro della famiglia lo fa sentire appagato e sicuro di sé. I suoi comportamenti hanno sempre come unico scopo quello di controllare tutto il vissuto del partner per rafforzare il suo personale sentimento di potere; per raggiungere questo obiettivo sente che deve eliminare tutto ciò che potrà ostacolare il rafforzamento di questo senso di sicurezza.

Nelle storie raccontate dalle vittime di violenza domestica, si apprende che la vittima nel tempo impara a “sopportare” eventi orribili, iniziando così a soffrire di problemi psichici che la spingono alla chiusura e ad una riduzione drastica della sua personale autostima ossia ad avere un atteggiamento eccessivamente critico verso se stessa e a sentirsi costantemente insoddisfatta delle proprie qualità.

Uscire da questo problema è possibile. Prima di tutto la vittima deve rendersi conto che quello che sta accadendo fra le mura domestiche è un reato. Per arrivare a questa consapevolezza deve osservare e analizzare quello che le accade attorno, imparare ad essere obiettiva e giudicante nei confronti di chi sta abusando. In caso di violenza domestica è importante rompere l’isolamento e trovare il coraggio di parlare con qualcuno di ciò che avviene fra le mura domestiche. Ci si deve rivolgere alle Forze dell’Ordine oppure si può individuare una persona vicina con la quale si ha confidenza.

Cronaca
PONT-SAN GIORGIO - Parrocchie ed enti religiosi truffati dai finti tecnici del Comune: quattro arresti - VIDEO
PONT-SAN GIORGIO - Parrocchie ed enti religiosi truffati dai finti tecnici del Comune: quattro arresti - VIDEO
Accertati 86 episodi in tutta Italia, per un guadagno di oltre 400mila euro. In Canavese i malviventi hanno colpito almeno due volte truffando i Missionari Oblati di Maria Immacolata a San Giorgio e la parrocchia di San Costanzo a Pont
IVREA - Torna «La grande invasione», il festival della lettura dal 31 maggio al 2 giugno
IVREA - Torna «La grande invasione», il festival della lettura dal 31 maggio al 2 giugno
Tra gli ospiti Concita De Gregorio, Gianni Mura, Darwin Pastorin, Matteo Nucci, Ferruccio De Bortoli, i finalisti del Premio Strega, gli stranieri Damon Krukowski, Stefan Merrill Block e Ottessa Moshfegh
CASTELLAMONTE - Grande successo per i coristi del gruppo «Canto Leggero» - FOTO
CASTELLAMONTE - Grande successo per i coristi del gruppo «Canto Leggero» - FOTO
L'esibizione, dal titolo «Cantare... è un gioco da ragazzi», è il secondo appuntamento della stagione dei Concerti di Primavera 2019, dedicata al ricordo di Michele Romana
DRAMMA A LANZO - 26enne di Ciriè si lancia dal Ponte Mosca
DRAMMA A LANZO - 26enne di Ciriè si lancia dal Ponte Mosca
Raggiunto dal personale del 118, il 26enne è stato elitrasportato al Cto. Ha riportato numerose fratture a causa della caduta
VALPERGA - Incidente sul lavoro, 35enne ferito ad un braccio
VALPERGA - Incidente sul lavoro, 35enne ferito ad un braccio
Sulla dinamica sono in corso gli accertamenti da parte dei tecnici dello Spresal dell'Asl To4. L'operaio non sarebbe in pericolo di vita
CIRIE'-SAN MAURIZIO - Derubano gli anziani davanti a chiese e cimiteri: i carabinieri arrestano due italiani
CIRIE
I due arrestati erano stati notati poco prima a bordo di una Fiat Punto, mentre si aggiravano con fare sospetto tra i luoghi maggiormente frequentati da persone anziane nei Comuni del ciriacese così i carabinieri hanno deciso di seguirli
CIRIE' - «Senza etichetta» entra nella fase finale con il grande Mogol
CIRIE
La giuria ha selezionato, tra le numerose domande pervenute da tutta la Penisola, 29 finalisti che si sfideranno domenica 26 maggio
IVREA - Detenuto ferisce un poliziotto al volto con delle forbici
IVREA - Detenuto ferisce un poliziotto al volto con delle forbici
L'ergastolano ha provocato all'agente dei tagli al volto tanto che si è reso necessario accompagnare lo stesso all'ospedale di Ivrea
FORNO - Esce di casa e scompare: ritrovato ferito in un boschetto
FORNO - Esce di casa e scompare: ritrovato ferito in un boschetto
Nel tardo pomeriggio l'uomo è stato ritrovato a terra nei pressi di un boschetto vicino al torrente Viana con una frattura alla gamba
SAN PONSO - Muore a 34 anni stroncato da un malore fulminante mentre sta lavorando
SAN PONSO - Muore a 34 anni stroncato da un malore fulminante mentre sta lavorando
Dramma oggi, martedì 21 maggio, intorno a mezzogiorno, alla Codex di via Salassa a San Ponso. Un dipendente 34enne della ditta, residente a Chivasso, si è accasciato al suolo mentre stava lavorando all'interno del capannone ed è morto
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore