CANAVESE - Sindaci uniti sulla ferrovia: «Difendiamo la Rivarolo-Pont dalla possibile chiusura»

| Le amministrazioni del territorio tornano a chiedere l'elettrificazione anche dell'ultimo tratto della Canavesana a dispetto delle voci «preoccupanti» che arrivano da Torino sul futuro dello storico servizio di mobilità

+ Miei preferiti
CANAVESE - Sindaci uniti sulla ferrovia: «Difendiamo la Rivarolo-Pont dalla possibile chiusura»
Sindaci del Canavese (una volta tanto) uniti sulla difesa della ferrovia Canavesana. E, in particolare, sulla difesa del tratto Rivarolo-Pont, l'unico non ancora elettrificato. I primi cittadini lo hanno ribadito l'altra mattina a Locana, dove Cgil e Ires hanno presentato i risultati dell'indagine sulla qualità della vita in alto Canavese e Valchiusella. Tra i nodi delicati c'è proprio quello dei trasporti dal momento che gli intervistati hanno sonoramente bocciato i servizi fin qui offerti dalla Gtt, colpa anche del costante taglio delle corse (sia di bus che di treni). E sul futuro della Canavesana, dopo un periodo estremamente difficile tra ritardi, guasti e atti vandalici, cominciano a circolare voci molto preoccupanti.
 
Sulla Rivarolo-Pont, i sindaci sono tornati a chiederne l'elettrificazione. Servirebbero otto milioni di euro che la Regione, qualche anno fa, aveva già annunciato. Poi i soldi sono finiti altrove e il Canavese, tanto per cambiare, è rimasto a bocca asciutta. «Non facciamoci rubare i servizi - ha detto il sindaco di Cuorgnè, Beppe Pezzetto - battiamoci per mantenere quelli che ci sono a partire dalla ferrovia. Il sospetto è che con la scusa delle nuove norme di sicurezza si faccia in modo di chiuedere la linea. Questo non possiamo permetterlo. Non solo dobbiamo difendere quello che c'è ma dobbiamo chiedere dei miglioramenti».
 
Dello stesso avviso il sindaco di Locana, Giovanni Bruno Mattiet. «Abbiamo una rete ferroviaria da potenziare. Difenderemo anche quella. A mio avviso l'elettrificazione della Rivarolo-Pont è doverosa. C'erano anche i soldi che poi sono stati dirottati altrove. Con la prospettiva che il Parco nazionale del Gran Paradiso debba trasferire la sua sede in valle, un trasporto pubblico che funziona è doveroso. E la ferrovia, in questo momento, rappresenta una grande occasione per tutto il territorio, anche dal punto di vista turistico». Insomma, le voci di una cessione di Gtt del ramo ferrovia preoccupano in Canavese: i sindaci hanno deciso di "mettere le mani avanti" per anticipare eventuali voci di dismissione.
Dove è successo
Cronaca
IVREA-CASTELLAMONTE - «I colori del sorriso» per la pediatria dell'ospedale
IVREA-CASTELLAMONTE - «I colori del sorriso» per la pediatria dell
Al reparto saranno consegnati cartelloni, matite e pennarelli con cui i volontari dell'Ugi coinvolgeranno i piccoli pazienti
CUORGNE' - Domenica torna una super Fiera di San Martino
CUORGNE
Sarà una grandissima giornata per la cittadina altocanavesana anche grazie a un programma di eventi estremamente ricco
TORINO-CERES - Calci e pugni a uno studente: è caccia ai bulli
TORINO-CERES - Calci e pugni a uno studente: è caccia ai bulli
La vittima, uno studente di 19 anni residente a Lanzo è finito al pronto soccorso di Ciriè. Indagini dei carabinieri in corso
CANAVESE - Studenti a scuola d'impresa con Confindustria - FOTO
CANAVESE - Studenti a scuola d
Al Pmi Day di quest'anno hanno partecipato 47 classi di otto scuole del territorio per un totale di quasi 1000 studenti
GRAN PARADISO - Il Parco compie 95 anni: due giorni di festa a Ceresole Reale
GRAN PARADISO - Il Parco compie 95 anni: due giorni di festa a Ceresole Reale
Il Parco Nazionale Gran Paradiso si prepara a celebrare due importanti traguardi: il primo è il 70ennale di istituzione del Corpo di Sorveglianza, formato dai guardaparco
RAPINA CON SPARATORIA - In prognosi riservata i titolari della stazione di servizio: un uomo di Mappano vivo per miracolo
RAPINA CON SPARATORIA - In prognosi riservata i titolari della stazione di servizio: un uomo di Mappano vivo per miracolo
I feriti, molto gravi, sono il titolare dell'impianto, Ugo Esposito, e la moglie Filomena. 68 anni lui, 65 anni lei. Sono residenti a Leini e da molti anni gestiscono quella stazione di servizio al confine tra Mappano e Torino
LEINI - Agguato al benzinaio a Torino: due leinicesi feriti a colpi di pistola. Posti di blocco dei carabinieri in tutta la zona
LEINI - Agguato al benzinaio a Torino: due leinicesi feriti a colpi di pistola. Posti di blocco dei carabinieri in tutta la zona
Un uomo e una donna residenti a Leini sono rimasti feriti dopo una sparatoria. E' successo questa mattina al distributore Tamoil di strada Cuorgné, ai confini tra Mappano e Torino. Indagini dei carabinieri in corso
ECONOMIA - Un bando del Gal per aiutare le imprese turistiche
ECONOMIA - Un bando del Gal per aiutare le imprese turistiche
Le risorse pubbliche disponibili ammontano ad 750 mila euro. Le imprese potranno chiedere un contributo fino al 50%
AGLIE' - A «Comuni Fioriti» il successo della scuola alladiese - FOTO
AGLIE
Le premiazioni del concorso "Comuni fioriti" hanno avuto luogo a Spello il 12 novembre scorso e il Comune è stato premiato con 2 fiori
COSSANO - Scappa alla vista dei carabinieri: denunciato - VIDEO
COSSANO - Scappa alla vista dei carabinieri: denunciato - VIDEO
Ben occultato nel bagagliaio della sua auto, i carabinieri hanno trovato un tubo in metallo rivestito con la gomma
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore