CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio

| Un giro di affari di circa 150 dosi a settimana (talvolta 15 dosi in una sola ora), per un introito settimanale di circa 12mila euro. Oltre 400 incontri monitorati dai carabinieri con i vari acquirenti a Ivrea, Ozegna e Rivarolo Canavese

+ Miei preferiti
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio
Era un vero e proprio fiume di cocaina destinato ai maggiori centri dell'alto Canavese quello che, l'anno scorso, venne smantellato dai carabinieri della compagnia di Ivrea. L'altra mattina, in tribunale, sono arrivate le condanne per i membri della banda. Nove anni e due mesi per Giuseppe Cocco, 63 anni, di Rivarolo Canavese, disoccupato, considerato dagli inquirenti l'uomo che smerciava la coca a centinaia di clienti. Cinque anni e otto mesi, invece, a Nunzio Ficarra, 48 anni di Castellamonte, panettiere un tempo titolare di un negozio in città (attività poi ceduta) e un laboratorio a Valperga. Un terzo uomo, Daniele Leffi ha invece patteggiato una condanna a un anno e sei mesi. Andrà invece a giudizio con un secondo processo un altro membro della banda, titolare di diversi kebab a Torino: Rachid El Habi, 38 anni, che secondo i militari dell'Arma era il tramite tra i canavesani e i narcotrafficanti che procuravano la droga.
 
Secondo le indagini il gruppo deteneva il monopolio dello spaccio di cocaina in 23 comuni del Canavese: Ivrea, Rivarolo, Agliè, Strambino, Ozegna, Castellamonte, Bairo, San Giusto Canavese, San Giorgio Canavese, Cuorgnè, Strambinello, Favria, Baldissero Canavese, Feletto, Salassa, Lusigliè, Bosconero, Montalenghe, Parella, Valperga, Colleretto Giacosa, Burolo e Ciconio. Un giro di affari di circa 150 dosi a settimana (talvolta 15 dosi in una sola ora), per un introito settimanale di circa 12.000 euro.  Gli oltre 400 incontri monitorati dai carabinieri con i vari acquirenti, tutti di età compresa tra i 28 e i 52 anni, avvenivano in diversi luoghi di volta in volta concordati, oppure nei pressi di tre bar: uno ad Ozegna, uno ad Ivrea ed uno a Rivarolo.
 
Gli indagati, temendo di essere intercettati al telefono, sia fra di loro che con i rispettivi acquirenti, non usavano mai il termine cocaina e non facevano mai espresso riferimento alla cessione della sostanza stupefacente ma adottavano un linguaggio convenzionale, utilizzando ad esempio riferimenti ad incontri per un caffè piuttosto che per un aperitivo per concordare in realtà gli incontri finalizzati alla vendita della droga.
Galleria fotografica
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio - immagine 1
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio - immagine 2
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio - immagine 3
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio - immagine 4
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio - immagine 5
CANAVESE - Un fiume di cocaina in 23 Comuni: condannati i vertici della banda che gestiva lo spaccio - immagine 6
Cronaca
CANAVESE - Sistemi in tilt, saltano i prelievi in tutti i centri Asl
CANAVESE - Sistemi in tilt, saltano i prelievi in tutti i centri Asl
«Ci scusiamo con gli utenti per il disservizio che si è verificato», fanno sapere dall'azienda sanitaria
IVREA - Da lunedì per gli eporediesi c'è la carta d'identità elettronica
IVREA - Da lunedì per gli eporediesi c
Le precedenti carte di identità cartacee continuano ad essere valide sino alla scadenza naturale. Tutte le info in municipio
VALLE SACRA - A Castellamonte il concorso nazionale «Michele Romana»
VALLE SACRA - A Castellamonte il concorso nazionale «Michele Romana»
Domenica 22 ottobre alle 9.30 inizierà la sfilata delle bande musicali per le vie di Castellamonte con ospite la banda «Città di Accumoli»
IVREA - La banda dei rapinatori «figli di papà»: arrestati dalla polizia e condannati in tribunale - VIDEO
IVREA - La banda dei rapinatori «figli di papà»: arrestati dalla polizia e condannati in tribunale - VIDEO
Una vera e propria stangata sulla «banda della Mito», battezzata così dalla polizia perché dopo i colpi uno di membri del gruppo si era vantato su Facebook pubblicando la foto dell'auto utilizzata per la rapina...
TORINO-CASELLE - Inneggia agli jihadisti: un algerino espulso
TORINO-CASELLE - Inneggia agli jihadisti: un algerino espulso
Era stato denunciato dalla Digos di Catania mesi fa con l'accusa di «istigazione a commettere delitti di terrorismo»
RIVARA - Presentata la nuova stagione teatrale
RIVARA - Presentata la nuova stagione teatrale
Come ogni anno il piccolo teatro rivarese presenta un fitto cartellone
MERCENASCO-CANDIA - Brutto incidente stradale sulla SS26 - FOTO
MERCENASCO-CANDIA - Brutto incidente stradale sulla SS26 - FOTO
Estratto dalle lamiere grazie al pronto intervento dei vigili del fuoco l'autista della Panda è stato trasportato in ospedale a Ivrea
SALASSA-VALPERGA - Furgone a fuoco sulla 460 - FOTO E VIDEO
SALASSA-VALPERGA - Furgone a fuoco sulla 460 - FOTO E VIDEO
L'autista ha fatto in tempo a scendere poi il mezzo è stato avvolto dalle fiamme. Accertamenti dei vigili del fuoco in corso
RIVAROLO-CASTELLAMONTE - Siccità: raffica di incendi in tutta la zona. Interventi dei vigili del fuoco - FOTO
RIVAROLO-CASTELLAMONTE - Siccità: raffica di incendi in tutta la zona. Interventi dei vigili del fuoco - FOTO
Ancora fiamme in diversi Comuni del Canavese. Incendi favoriti dall'assenza di pioggia che sta caratterizzando questo inizio di autunno. L'allarme è scattato questa mattina prima a Rivarolo e poi a Castellamonte
SAN BENIGNO - Raggirano la nonnina e le rubano 800 mila euro: medico e titolare della casa di riposo condannate
SAN BENIGNO - Raggirano la nonnina e le rubano 800 mila euro: medico e titolare della casa di riposo condannate
L'anziana fu convinta, dopo una caduta nel proprio alloggio, a trasferirsi in una casa di riposo di San Benigno. Il medico di famiglia indirizzò i parenti nella struttura dove la donna venne accudita insieme ad altri 5 pensionati
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore