CANAVESE - Uncem richiama l'attenzione degli operatori sul problema del segnale telefonico in aree montane

| Parliamo sempre più spesso di 5G e interconnessione tra i dispositivi digitali, ma nelle zone montane la difficoltà è spesso fare una telefonata

+ Miei preferiti
CANAVESE - Uncem richiama lattenzione degli operatori sul problema del segnale telefonico in aree montane
In un periodo storico in cui si parla tantissimo di Internet of things, 5G e interconnessione in tempo reale tra i dispositivi digitali, nelle zone alpine e prealpine spesso il problema è avere un segnale telefonico decente 3G e, nel 2019, sta diventando realmente inaccettabile.
 
La mancanca di connessione, da alcuni accolta con favore per poter "staccare" dalla routine quotidiana, è però un grosso problema sia per le attività ricettive che per i turisti stessi.
 
Uncem ha avviato a luglio una mappatura delle aree non coperte, in tutt'Italia, "dal basso", chiedendo ai Comuni di segnalare zone dove il segnale non c'è. Si concluderà il 9 settembre. Duecento le segnalazioni già pervenute dagli Enti locali. E anche da privati. 
 
"Abbiamo sempre detto che non poter telefonare è una emergenza grave che viene prima della mancanza di fibra ottica e wifi per internet - spiega Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem - Perché è prima di tutto una questione di sicurezza, in montagna e non solo. Le compagnie telefoniche ci dicono di coprire il 95 per cento della popolazione. Peccato che il restante 5 per cento viva nel 15 per cento del territorio del Paese. E questa ultima percentuale raddoppia se aggiungiamo aree sopra i 1.500 metri di altitudine dove non vi sono paesi, insediamenti. È gravissimo nessuno se ne occupi. Qualche interrogazione in Parlamento, ma il Governo non se n'è mai occupato nonostante le nostre segnalazioni". Le ultime due, da parte di Uncem, un mese fa, al Ministro Lezzi al tavolo del Cobul (Comitato Banda ultralarga) e al Ministro Stefani al tavolo degli Stati generali della montagna.
 
Tre le richieste Uncem: lo Stato deve obbligare gli operatori privati ad ampliare le aree coperte, anche grazie all'arrivo del 5G e ad altre moderne tecnologie. Siamo consapevoli che il limite emissivo, tra i più contenuti in Europa, obbliga di fatto gli operatori a installare più impianti per coprire il territorio. Ma tutta l'Italia deve essere coperta. In secondo luogo, AgCom deve permettere ai Comuni che vogliono di acquistare ripetitori, installarli e inserirli sulla rete. Anzi, Uncem ritiene questo fronte vada urgentemente percorso, superando l'inefficace azione delle telco. Proprio come avvenuto per la banda ultralarga: valutato che in molte aree gli operatori privati non investono, Bruxelles ha autorizzato l'uso di fondi comunitari per il Piano nazionale Bul. Così - ed è il terzo punto sottoposto da Uncem al Governo e a molti Parlamentari - deve essere per la telefonia mobile nella nuova programmazione 2021-2027: individuare sui Por Fesr delle risorse economiche per i ripetitori telefonici.
 
"Solo in questo modo, con questi tre fronti di lavoro, si risolve il problema del 30 per cento del Paese senza copertura, senza segnale - evidenzia Bussone - La nostra mappatura intanto va avanti. Uncem la sottoporrà a Governo, Parlamento, Regioni e poi agli operatori di telefonia. La manderemo anche al Presidente della Repubblica che non smette di richiamare la politica all'attuazione delle norme vigenti per aree interne, montane e piccoli Comuni. Come la legge 158/2017, che parla anche di superamento del divario digitale e telefonia mobile. Inapplicata, finora. Gravissimo. Come è grave che chi sale nelle valli alpine e appenniniche debba inseguire il segnale che gli operatori non hanno portato o non hanno ripristinato perché troppo oneroso e poco remunerativo. Una presa in giro per milioni di Italiani, diritti di cittadinanza che vengono meno. Non possiamo permetterlo".
 
 

Cronaca
RIVAROLO-BOSCONERO - Incidente sulla 460: cinghiale investito e auto ribaltata. Due ragazzi di Favria e Feletto feriti - FOTO E VIDEO
RIVAROLO-BOSCONERO - Incidente sulla 460: cinghiale investito e auto ribaltata. Due ragazzi di Favria e Feletto feriti - FOTO E VIDEO
Un automobilista di passaggio si è fermato a prestare soccorso alle due persone a bordo che sono state estratte dal veicolo, medicate sul posto dal personale del 118 e successivamente accompagnate in ambulanza all’ospedale di Cuorgnè
RIVAROLO - All'Urban Center i bimbi delle scuole rendono omaggio a Leonardo Da Vinci
RIVAROLO - All
La mostra è visitabile tutti i giorni, negli orari di apertura della galleria commerciale, dal 4 al 17 novembre
CUORGNE' - Domenica sono stati raccolti 25mila euro per il piccolo Loris
CUORGNE
E' stata un successo la corsa per Loris andata in scena domenica scorsa a Cuorgnè. Lo dicono anche i numeri importanti
TANGENZIALE TORINO - Viaggiano sulla corsia d'emergenza: dieci patenti ritirate e multe per oltre 4000 euro
TANGENZIALE TORINO - Viaggiano sulla corsia d
Contro le infrazioni più frequenti la polizia stradale ha avviato una serie di controlli straordinari sulle autostrade della zona e sulla tangenziale torinese. Ieri la prima raffica di multe contro i «furbetti» della corsia d'emergenza
CIRIE' - Pestato dal branco per un messaggio Whatsapp a una ragazza
CIRIE
Solo il pronto intervento degli agenti della polizia municipale ha evitato conseguenze più pesanti. Indagini al momento in corso
CANAVESE - Chiude la Pedemontana per i lavori all'illuminazione
CANAVESE - Chiude la Pedemontana per i lavori all
Previsto senso unico lungo la strada provinciale 41 di Agliè dal chilometro 12+900 al chilometro 13+840, permettendo il transito nella sola direzione Torre Canavese-Baldissero
RIVAROLO - Ancora furti in città: indagini dei carabinieri in corso
RIVAROLO - Ancora furti in città: indagini dei carabinieri in corso
Al vaglio degli inquirenti le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate in diversi punti di Rivarolo
RIVAROLO - Auto a fuoco, trovata una bottiglia di alcool - FOTO
RIVAROLO - Auto a fuoco, trovata una bottiglia di alcool - FOTO
E' quindi probabile che si sia trattato di un incendio di natura dolosa. Le indagini dei carabinieri di Agliè sono in corso
CANDIA - Accende l'auto e investe il meccanico che la sta riparando
CANDIA - Accende l
Accertamenti in corso sulla dinamica dell'accaduto da parte dei tecnici dello Spresal dell'Asl To4. L'uomo ricoverato a Ivrea
VALPERGA - Furioso incendio devasta il bar della stazione: danni ingenti e struttura non agibile - FOTO
VALPERGA - Furioso incendio devasta il bar della stazione: danni ingenti e struttura non agibile - FOTO
A dare l'allarme un automobilista di passaggio che ha chiamato il 112 dopo aver visto le fiamme all'interno dei locali. In pochi minuti sono intervenuti sul posti i vigili del fuoco di Ivrea e Rivarolo Canavese insieme ai carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore