CANAVESE - Uncem richiama l'attenzione degli operatori sul problema del segnale telefonico in aree montane

| Parliamo sempre più spesso di 5G e interconnessione tra i dispositivi digitali, ma nelle zone montane la difficoltà è spesso fare una telefonata

+ Miei preferiti
CANAVESE - Uncem richiama lattenzione degli operatori sul problema del segnale telefonico in aree montane
In un periodo storico in cui si parla tantissimo di Internet of things, 5G e interconnessione in tempo reale tra i dispositivi digitali, nelle zone alpine e prealpine spesso il problema è avere un segnale telefonico decente 3G e, nel 2019, sta diventando realmente inaccettabile.
 
La mancanca di connessione, da alcuni accolta con favore per poter "staccare" dalla routine quotidiana, è però un grosso problema sia per le attività ricettive che per i turisti stessi.
 
Uncem ha avviato a luglio una mappatura delle aree non coperte, in tutt'Italia, "dal basso", chiedendo ai Comuni di segnalare zone dove il segnale non c'è. Si concluderà il 9 settembre. Duecento le segnalazioni già pervenute dagli Enti locali. E anche da privati. 
 
"Abbiamo sempre detto che non poter telefonare è una emergenza grave che viene prima della mancanza di fibra ottica e wifi per internet - spiega Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem - Perché è prima di tutto una questione di sicurezza, in montagna e non solo. Le compagnie telefoniche ci dicono di coprire il 95 per cento della popolazione. Peccato che il restante 5 per cento viva nel 15 per cento del territorio del Paese. E questa ultima percentuale raddoppia se aggiungiamo aree sopra i 1.500 metri di altitudine dove non vi sono paesi, insediamenti. È gravissimo nessuno se ne occupi. Qualche interrogazione in Parlamento, ma il Governo non se n'è mai occupato nonostante le nostre segnalazioni". Le ultime due, da parte di Uncem, un mese fa, al Ministro Lezzi al tavolo del Cobul (Comitato Banda ultralarga) e al Ministro Stefani al tavolo degli Stati generali della montagna.
 
Tre le richieste Uncem: lo Stato deve obbligare gli operatori privati ad ampliare le aree coperte, anche grazie all'arrivo del 5G e ad altre moderne tecnologie. Siamo consapevoli che il limite emissivo, tra i più contenuti in Europa, obbliga di fatto gli operatori a installare più impianti per coprire il territorio. Ma tutta l'Italia deve essere coperta. In secondo luogo, AgCom deve permettere ai Comuni che vogliono di acquistare ripetitori, installarli e inserirli sulla rete. Anzi, Uncem ritiene questo fronte vada urgentemente percorso, superando l'inefficace azione delle telco. Proprio come avvenuto per la banda ultralarga: valutato che in molte aree gli operatori privati non investono, Bruxelles ha autorizzato l'uso di fondi comunitari per il Piano nazionale Bul. Così - ed è il terzo punto sottoposto da Uncem al Governo e a molti Parlamentari - deve essere per la telefonia mobile nella nuova programmazione 2021-2027: individuare sui Por Fesr delle risorse economiche per i ripetitori telefonici.
 
"Solo in questo modo, con questi tre fronti di lavoro, si risolve il problema del 30 per cento del Paese senza copertura, senza segnale - evidenzia Bussone - La nostra mappatura intanto va avanti. Uncem la sottoporrà a Governo, Parlamento, Regioni e poi agli operatori di telefonia. La manderemo anche al Presidente della Repubblica che non smette di richiamare la politica all'attuazione delle norme vigenti per aree interne, montane e piccoli Comuni. Come la legge 158/2017, che parla anche di superamento del divario digitale e telefonia mobile. Inapplicata, finora. Gravissimo. Come è grave che chi sale nelle valli alpine e appenniniche debba inseguire il segnale che gli operatori non hanno portato o non hanno ripristinato perché troppo oneroso e poco remunerativo. Una presa in giro per milioni di Italiani, diritti di cittadinanza che vengono meno. Non possiamo permetterlo".
 
 

Cronaca
ALBIANO D'IVREA - I ricordi di un pilota militare durante la Guerra Fredda
ALBIANO D
«Attacco all'Europa», l'ultima produzione di Flavio Babini verrà presentato ad Albiano sabato 21 settembre alle ore 17
CUORGNE'-RIVARA - Il Canavese si mobilita per il piccolo Loris. Attivo il crowdfunding su internet per aiutare il bimbo
CUORGNE
Dopo sei anni di visite e interventi, in estate il piccolo è stato visitato da un luminare nei trattamenti di malformazione congenite e responsabile del «Paley Advanced Limb Lenghthening Institute» in Florida. Partita la raccolta fondi
CIRIE' - Investito da un'auto, muore in ospedale dopo 15 giorni
CIRIE
Le condizioni dell'uomo, a seguito dell'investimento, sono peggiorate fino al decesso poi avvenuto in una clinica di Torino
LOCANA - Nuovo anno e grandi progetti per la scuola primaria
LOCANA - Nuovo anno e grandi progetti per la scuola primaria
Riparte la scuola: uno sguardo ai progetti dell'anno passato per per proseguire, quest'anno, con altre proposte didattiche vincenti
CALUSO - Con l'auto tra i banchi del mercato: investita una donna
CALUSO - Con l
La donna è stata soccorsa da alcuni ambulanti. Uno in particolare è riuscito a spostarla dalla traiettoria dell'automobilista
CANAVESE - Il Comandante della Compagnia di Ivrea dei carabinieri promosso Tenente Colonnello
CANAVESE - Il Comandante della Compagnia di Ivrea dei carabinieri promosso Tenente Colonnello
Giacomo Walter Guida, siciliano di origini, 48 anni, laureato in giurisprudenza, dal gennaio 2019 è alla guida della compagnia eporediese
SAN GIORGIO CANAVESE - Invasione di Lego al castello Biandrate: un weekend tutto da costruire
SAN GIORGIO CANAVESE - Invasione di Lego al castello Biandrate: un weekend tutto da costruire
5000 metri quadrati di esposizione, oltre 200 espositori provenienti da tutta Italia e figuranti che nell'incantevole parco e tra le storiche mura del castello daranno vita ad un weekend di spettacoli unici
VALPERGA - Aperitivo con l'ex pornodivo: Trentalance a fumetti
VALPERGA - Aperitivo con l
Franco Trentalance e Andrea Cavaletto presentano la graphic horror novel tratta dal secondo romanzo dell'ex attore a luci rosse
VOLPIANO - Spaccio di droga: due volpianesi arrestati in poche ore
VOLPIANO - Spaccio di droga: due volpianesi arrestati in poche ore
Due volpianesi arrestati per spaccio di droga dai carabinieri della compagnia di Chivasso. Entrambi sono ora ai domiciliari
CASTELLAMONTE - Accecato dalla gelosia tenta di investire l'ex fidanzata: arrestato dai carabinieri
CASTELLAMONTE - Accecato dalla gelosia tenta di investire l
Era stata proprio la ragazza, stanca delle continue minacce e percosse, a denunciare ai carabinieri, già ai primi di agosto, i reiterati episodi di violenza dell'ex compagno, incapace di accettare serenamente l'epilogo del loro rapporto
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore