CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO

| L'indagine non lascia molti dubbi sulla colpevolezza di Gabriele Defilippi e Roberto Obert che sull'uccisione della professoressa si rimbalzano le responsabilità

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO
Telecamere e telefoni cellulari. Arriva da questi due elementi la svolta che ha permesso ai carabinieri del nucleo investigativo di Torino (con il fondamentale contributo dei colleghi di Castellamonte) di stringere le manette ai polsi di Gabriele Defilippi, 21 anni di Gassino, e Roberto Obert, 54 anni di Forno Canavese. Autori dell'omicidio della professoressa Gloria Rosboch, la donna di 49 anni scomparsa da Castellamonte il 13 gennaio e trovata morta ieri a Rivara, in una cisterna della vecchia discarica dismessa. «Hanno agito senza un briciolo di pietà» ha detto il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, che ha coordinato le indagini. «Viene loro contestata la premeditazione perchè abbiamo numerosi elementi che vanno in quella direzione». Ovvero il 13 gennaio, Obert e Defilippi sapevano che avrebbero ucciso Gloria Rosboch.

TELECAMERE - La telecamera del Comune di Castellamonte appena posizionata sulla rotonda di fronte all'ospedale, filma nitidamente le due auto di Obert (una guidata dal Defilippi) mentre arrivano a Castellamonte. Defilippi contatta la Rosboch e la invita alle 14.45 a un incontro con un amico che le avrebbe restituito i 187 mila euro che l'ex allievo le aveva portato via, con un'abile truffa, un anno e mezzo prima. All'ora prestabilita Gloria sale in auto con Gabriele e l'amico. Le telecamere notano di nuovo l'auto, una Clio bianca, che si allontana. Gloria verrà uccisa probabilmente a bordo del mezzo.

CELLULARI - Una sim intestata a Obert, attivata pochi giorni prima dell'assassinio e disattivata qualche ora dopo l'occultamento del cadavere, viene registrata il 13 gennaio a Busano. In realtà quella sim è nelle disponibilità di Gabriele Defilippi. La sim verrà bruciata dopo l'omicidio. Verrà anche distrutto il telefono cellulare di Gloria. I suoi effetti personali, invece, secondo gli accertamenti dei carabinieri, sono stati sparsi per mezza Torino.

LA DISCARICA - I telefoni cellulari e la confessione di Obert hanno messo in risalto la premeditazione dell'omicidio: i due, qualche giorno prima del 13 gennaio, avevano effettuato un sopralluogo nella discarica chiusa della località Rossetti di Rivara. Stavano evidentemente progettando il piano criminale che, qualche ora dopo, li avrebbe portati ad uccidere la professoressa di Castellamonte.

L'OMICIDIO - Saranno gli esperti del Ris di Parma a stabilire se Gloria è stata uccisa a bordo della Renault Clio. I due omicidi l'hanno lavata accuratamente per togliere tutte le tracce. Defilippi e Obert si rimpallano l'esecuzione materiale dello strangolamento che ha condannato Gloria a una morte atroce quanto inutile. La donna sarebbe stata uccisa mentre si trovava seduta sul sedile anteriore lato passeggero. L'assassino l'ha avvolta dalle spalle con un cavo o una corda (su questro gli accertamenti sono ancora in corso). Lunedì è prevista l'autopsia sul corpo della povera professoressa all'ospedale di Cuorgnè. La eseguirà il dottor Testi.

LA MADRE - Per il momento la madre di Gabriele Defilippi, Caterina Abbattista, 49 anni, infermiera dell'ospedale di Ivrea, è in arresto per favoreggiamento. Resta da capire il suo ruolo. La mattina dell'omicidio ha accompagnato il figlio Gabriele a Rivarolo Canavese. Sapeva della truffa da 187 mila euro? Assolutamente si. Sapeva dell'omicidio? E' un aspetto che i carabinieri stanno verificando proprio in queste ore.

Video
Galleria fotografica
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 1
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 2
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 3
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 4
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 5
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 6
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 7
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 8
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 9
CASTELLAMONTE - ECCO COME I CARABINIERI HANNO INCASTRATO GLI ASSASSINI DI GLORIA ROSBOCH - FOTO e VIDEO - immagine 10
Dove è successo
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
AGLIE' - Partiti i lavori nella chiesa dove riposa Guido Gozzano
AGLIE
L’intenzione dei progettisti è quella di recuperare assetto e colori originali, riportando la facciata alla sua versione del 1300
CASTELLAMONTE - Torna la «Run for Parkinson»
CASTELLAMONTE - Torna la «Run for Parkinson»
Domenica 28 maggio si corre per l'associazione Parkinsoniani del Canavese Onlus
IVREA - Al museo Garda l'attesa mostra di Lorenzo Mattotti
IVREA - Al museo Garda l
I lavori dell'artista sono esposti in tutto il mondo; collabora con Le Monde, il New Yorker e altre riviste internazionali
TORINO-BORGARO - Resta in carcere la rom che ha investito un uomo
TORINO-BORGARO - Resta in carcere la rom che ha investito un uomo
Oreste Giagnotto, 58 anni di Torino, travolto da un camper al confine tra Borgaro e Torino, è morto lo scorso 12 maggio
RIVAROLO - «ToBeIng» all'esordio nelle elezioni per l'Ordine degli Ingegneri
RIVAROLO - «ToBeIng» all
Abbiamo chiesto a Fabrizio Vinardi, originario del Canavese occidentale ma ormai torinese di adozione, e a Fabrizia Giordano, alladiese, un breve parere su punti di forza, idee e proposte
RIVAROLO CANAVESE - Il «castellazzo» è in vendita: si cerca un nuovo proprietario. Prezzo top secret
RIVAROLO CANAVESE - Il «castellazzo» è in vendita: si cerca un nuovo proprietario. Prezzo top secret
L'antico castello rivarolese, da tempo trasformato in un'abitazione, è in vendita su iniziativa di privati. L'annuncio è comparso su internet nei giorni scorsi. «Trattativa riservata», recita l'annuncio dell'immobiliare
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore