CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch sognava «una nuova vita» ma è stata truffata dall'ex allievo

| Ecco cosa scrive la prof nella querela presentata quattro mesi prima della scomparsa alla procura di Torino. Gloria è una donna debole che viene raggirata da quell'ex allievo che le promette una bella vita insieme

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch sognava «una nuova vita» ma è stata truffata dallex allievo
Qualunque fine abbia fatto, qualunque sia la ragione che l’ha portata lontana da casa, ormai è chiaro il legame che è intercorso tra la scomparsa della professoressa Gloria Rosboch, 49 anni di Castellamonte, e la truffa da lei subita un anno e mezzo fa. Una truffa da 187 mila euro. Raccontata, nero su bianco, in una querela che la professoressa ha presentato alla procura della repubblica di Torino il 28 settembre del 2015. Quattro mesi prima di scomparire nel nulla. Nella querela, la professoressa racconta del suo rapporto con quel ragazzo non ancora 22enne che le ha portato via i soldi. Ed è un racconto che va oltre le fredde parole di una denuncia. Vi proponiamo un riassunto della querela che oggi, dopo la scomparsa della prof, pesa come un macigno in questa assurda vicenda ancora ben lontana dalla soluzione.
 
«Mi chiamo Gloria Rosboch e sono laureata dal novembre 1993 in lingua francese – scrive la donna di Castellamonte – nell’anno scolastico 2005-2006 conoscevo presso la scuola media Cresto, Giuseppe (nome di fantasia), iscritto in quel momento alla seconda media. La madre lavorava presso l’ospedale civile». Gloria ripercorre la sua carriera scolastica di insegnante. Dal 2002 sempre al lavoro nelle scuole del Canavese. E’ in questi anni che ottiene l’abilitazione all’insegnamento per i ragazzi portatori di handicap. Nel frattempo il ragazzo prende la licenza media e, successivamente, il diploma. I due si frequentano saltuariamente fino a quando il giovane resta single. «Da quel momento – scrive la prof – posso affermare che il nostro rapporto diventava più stretto, nonostante la differenza di età. La sua personalità molto suadente mi induceva a fidarmi di lui».
 
Maggio 2014. La prof, adesso, è precaria. Ogni anno deve aggiornare la sua posizione per trovare un posto in una scuola del Canavese. Il ragazzo, che nel frattempo le parla del suo nuovo lavoro, la aiuta a presentare un ricorso per rientrare nelle graduatorie scolastiche. Il nuovo lavoro lo porta spesso in Francia, ad Antibes. «A Ferragosto mi propone un lavoro completamente nuovo e diverso dall’attuale, in relazione alla sua società» scrive la prof nella denuncia. Ed è in quella occasione che, per la prima volta, il ragazzo le parla di un futuro insieme. Una sera, a Vidracco, in Valchiusella, i due sono a cena assieme quando il giovane le racconta «come sarebbe stata la nostra vita insieme se avessi accettato di andare a lavorare ad Antibes. Saremmo stati ospiti di un piccolo residence, senza troppe incombenze domestiche. Una vita magnifica insieme».
 
Il 14 settembre il ragazzo spiega che «se avessi versato una certa cifra, il nostro ricavato sarebbe stato diverso». Tre giorni dopo, la prof ottiene un appuntamento con i responsabili della banca Fideuram, ai quali annuncia di voler prelevare 187 mila euro. Tutti i suoi averi. «I miei genitori – scrive Gloria – avvertiti dal personale della banca, si preoccupavano per me, tentando di farmi capire che stavo utilizzando i risparmi della loro vita. Ma in quei giorni, Giuseppe mi stava particolarmente vicino e mi sollecitava ad essere autonoma». La prof si convince. Anche perché, in quei giorni, oltre alle e-mail del ragazzo, riceve le telefonate di una donna che si qualifica come la direttrice di una banca di San Giorgio Canavese. Solo successivamente Gloria scoprirà che la direttrice non esiste e nemmeno la società per la quale il ragazzo diceva di lavorare. 
 
Il 24 ottobre, a Torino, la prof entra in banca (da sola), prende la valigetta con i soldi, esce e la consegna al ragazzo. Da quel momento, il giovane sembra sparire. I due si incontrano solo più il 9 ottobre a Torre Canavese. Lui la rassicura. Lei ci crede. Di nuovo. Dopo undici mesi presenta la denuncia. I soldi non si trovano più. Proprio come Gloria che il 13 gennaio esce di casa e scompare nel nulla.
Cronaca
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E' un calvario infinito»
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E
Pendolari esasperati: «Di questo passo saremo costretti ad adottare forme di protesta drastiche nei confronti di Gtt»
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
Sabato, i volontari della Protezione Civile hanno pulito la sponda di via San Grato, da tempo occupata da rami e foglie
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
La grande quantità di rifiuti accumulati, stimati in circa 8000 metri cubi di materiale, e poi spianati con la finalità di realizzare un piazzale, sono risultati provenienti da altre località, quindi trasportati e poi scaricati sul terreno
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
Sabato 2 e domenica 4 novembre nella frazione Campo sono stati ricordati i Caduti della guerra 15-18 nelle date che ne segnano il Centenario dalla fine
CASELLE - L'autovelox fa strage di multe vicino all'aeroporto: 15 mila in appena un mese
CASELLE - L
Tanti prenderanno la multa per aver superato di poco il limite, c'è chi invece è stato pizzicato ai 200 chilometri orari. In un caso, invece, addirittura per ben 17 volte. Una media notevole di 500 verbali al giorno nel primo mese
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
Sabrina Javanovic, rom 23enne, si introdusse in un'abitazione di Ivrea il 23 dicembre del 2016 e rubò i regali sotto l'albero
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l'azienda lo riassume
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l
Domattina Franco Minutiello, ad un anno e mezzo dalla lettera di licenziamento, tornerà al lavoro. Una questione di dignità personale, al netto del reintegro ordinato dal tribunale. «Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino»
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
Sabato avrà inizio una nuova avventura per il rifugio di Ceresole Reale. In programma un «lungo» buffet dalle ore 16 alle 19
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d'Alba e del Canavese
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d
Ancora da quantificare il bottino del colpo che, comunque, secondo alcune stime, non sarebbe inferiore ai 30 mila euro
CIRIE' - Il piromane dei bus potrebbe non aver agito da solo: è caccia ai possibili complici
CIRIE
Non sono concluse le indagini della procura di Ivrea sul rogo doloso che mercoledì scorso, nel cuore della notte, ha distrutto sette autobus parcheggiati nel piazzale della stazione ferroviaria di Ciriè. Un uomo è già stato fermato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore