CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch sognava «una nuova vita» ma è stata truffata dall'ex allievo

| Ecco cosa scrive la prof nella querela presentata quattro mesi prima della scomparsa alla procura di Torino. Gloria è una donna debole che viene raggirata da quell'ex allievo che le promette una bella vita insieme

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch sognava «una nuova vita» ma è stata truffata dallex allievo
Qualunque fine abbia fatto, qualunque sia la ragione che l’ha portata lontana da casa, ormai è chiaro il legame che è intercorso tra la scomparsa della professoressa Gloria Rosboch, 49 anni di Castellamonte, e la truffa da lei subita un anno e mezzo fa. Una truffa da 187 mila euro. Raccontata, nero su bianco, in una querela che la professoressa ha presentato alla procura della repubblica di Torino il 28 settembre del 2015. Quattro mesi prima di scomparire nel nulla. Nella querela, la professoressa racconta del suo rapporto con quel ragazzo non ancora 22enne che le ha portato via i soldi. Ed è un racconto che va oltre le fredde parole di una denuncia. Vi proponiamo un riassunto della querela che oggi, dopo la scomparsa della prof, pesa come un macigno in questa assurda vicenda ancora ben lontana dalla soluzione.
 
«Mi chiamo Gloria Rosboch e sono laureata dal novembre 1993 in lingua francese – scrive la donna di Castellamonte – nell’anno scolastico 2005-2006 conoscevo presso la scuola media Cresto, Giuseppe (nome di fantasia), iscritto in quel momento alla seconda media. La madre lavorava presso l’ospedale civile». Gloria ripercorre la sua carriera scolastica di insegnante. Dal 2002 sempre al lavoro nelle scuole del Canavese. E’ in questi anni che ottiene l’abilitazione all’insegnamento per i ragazzi portatori di handicap. Nel frattempo il ragazzo prende la licenza media e, successivamente, il diploma. I due si frequentano saltuariamente fino a quando il giovane resta single. «Da quel momento – scrive la prof – posso affermare che il nostro rapporto diventava più stretto, nonostante la differenza di età. La sua personalità molto suadente mi induceva a fidarmi di lui».
 
Maggio 2014. La prof, adesso, è precaria. Ogni anno deve aggiornare la sua posizione per trovare un posto in una scuola del Canavese. Il ragazzo, che nel frattempo le parla del suo nuovo lavoro, la aiuta a presentare un ricorso per rientrare nelle graduatorie scolastiche. Il nuovo lavoro lo porta spesso in Francia, ad Antibes. «A Ferragosto mi propone un lavoro completamente nuovo e diverso dall’attuale, in relazione alla sua società» scrive la prof nella denuncia. Ed è in quella occasione che, per la prima volta, il ragazzo le parla di un futuro insieme. Una sera, a Vidracco, in Valchiusella, i due sono a cena assieme quando il giovane le racconta «come sarebbe stata la nostra vita insieme se avessi accettato di andare a lavorare ad Antibes. Saremmo stati ospiti di un piccolo residence, senza troppe incombenze domestiche. Una vita magnifica insieme».
 
Il 14 settembre il ragazzo spiega che «se avessi versato una certa cifra, il nostro ricavato sarebbe stato diverso». Tre giorni dopo, la prof ottiene un appuntamento con i responsabili della banca Fideuram, ai quali annuncia di voler prelevare 187 mila euro. Tutti i suoi averi. «I miei genitori – scrive Gloria – avvertiti dal personale della banca, si preoccupavano per me, tentando di farmi capire che stavo utilizzando i risparmi della loro vita. Ma in quei giorni, Giuseppe mi stava particolarmente vicino e mi sollecitava ad essere autonoma». La prof si convince. Anche perché, in quei giorni, oltre alle e-mail del ragazzo, riceve le telefonate di una donna che si qualifica come la direttrice di una banca di San Giorgio Canavese. Solo successivamente Gloria scoprirà che la direttrice non esiste e nemmeno la società per la quale il ragazzo diceva di lavorare. 
 
Il 24 ottobre, a Torino, la prof entra in banca (da sola), prende la valigetta con i soldi, esce e la consegna al ragazzo. Da quel momento, il giovane sembra sparire. I due si incontrano solo più il 9 ottobre a Torre Canavese. Lui la rassicura. Lei ci crede. Di nuovo. Dopo undici mesi presenta la denuncia. I soldi non si trovano più. Proprio come Gloria che il 13 gennaio esce di casa e scompare nel nulla.
Cronaca
CANAVESE - A scuola con quattro coltelli: ragazzino delle medie «disarmato» dal preside
CANAVESE - A scuola con quattro coltelli: ragazzino delle medie «disarmato» dal preside
Un ragazzino di seconda media, che frequenta una scuola dell'alto Canavese, l'altra mattina si è presentato in classe «armato» con quattro coltelli a serramanico. Li aveva nascosti nel giubbotto forse per impressionare i compagni
FORNO CANAVESE - Sesso nel circolo privato: la polizia sequestra il locale e denuncia il presidente
FORNO CANAVESE - Sesso nel circolo privato: la polizia sequestra il locale e denuncia il presidente
Sabato scorso, nell'ambito di un controllo disposto dal questore di Torino al quale hanno partecipato agenti del commissariato di Ivrea e della divisione Pas della questura, è stato controllato un circolo privato di Forno Canavese
BORGARO-TORINO - Guida ubriaco e senza una gomma: 32enne di Chivasso nei guai
BORGARO-TORINO - Guida ubriaco e senza una gomma: 32enne di Chivasso nei guai
Un 32enne di Chivasso è finito nei guai, la notte scorsa, lungo la tangenziale nord di Torino, fermato completamente ubriaco
CARNEVALE IVREA - Ospite la Fanfara a cavallo della Polizia di Stato
CARNEVALE IVREA - Ospite la Fanfara a cavallo della Polizia di Stato
Erede e custode delle più antiche tradizioni della cavalleria, la Fanfara della Polizia sfilerà dall'alto dei cavalli grigi nelle vie del centro cittadino al seguito del Corteo Storico
CHIAVERANO - Grande successo per la «battaglia dei tomini»
CHIAVERANO - Grande successo per la «battaglia dei tomini»
Sole e temperature primaverili, domenica scorsa, hanno reso omaggio al carnevale di Bienca, frazione di Chiaverano
IVREA - Sfregia la faccia dell'ex fidanzata con un taglierino: non voleva più tornare con lui. Condannato a 4 anni e 7 mesi
IVREA - Sfregia la faccia dell
E' stato condannato a quattro anni e sette mesi di reclusione Antonio Lago, 59 anni di Chiaverano, l'uomo che il 14 maggio dello scorso anno sfregiò al volto l'ex compagna con un taglierino. Sentenza pronunciata oggi al tribunale di Ivrea
CIRIE-MATHI - Controlli a tappeto nei locali: multe fino a 30 mila euro
CIRIE-MATHI - Controlli a tappeto nei locali: multe fino a 30 mila euro
La guardia di finanza ha scoperto in una pizzeria lavoratori in nero, tra i quali un clandestino colpito da un'espulsione
MONTALENGHE - Taglio del nastro per il nuovo ambulatorio comunale
MONTALENGHE - Taglio del nastro per il nuovo ambulatorio comunale
La struttura è stata realizzata grazie al lascito di due benefattori del paese: Francesca Fiorina e Leone Stragiotti
PRASCORSANO - Due fratelli arrestati dai carabinieri di Cuorgnè
PRASCORSANO - Due fratelli arrestati dai carabinieri di Cuorgnè
Entrambi, dopo la sentenza, sono tornati in carcere perchè devono scontare una condanna per estorsione in concorso e rapina
CANAVESANA - Problema tecnico sul treno: soppresse due corse della sera per Rivarolo e Chieri
CANAVESANA - Problema tecnico sul treno: soppresse due corse della sera per Rivarolo e Chieri
Nel giorno in cui la Regione Piemonte annuncia una nuova «Carta della qualità» del trasporto ferroviario per tutelare maggiormente i passeggeri dei treni, sulla Canavesana due corse sono saltate per non meglio specificati «problemi tecnici»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore