CASTELLAMONTE - Investe i poliziotti perché senza patente: ragazzo arrestato dopo un lungo inseguimento

| Operazione della squadra mobile di Vercelli in collaborazione con la polizia municipale della città della ceramica. Il giovane ha speronato l'auto dei poliziotti (feriti lievemente) poi è stato arrestato alcune ore dopo sotto casa

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Investe i poliziotti perché senza patente: ragazzo arrestato dopo un lungo inseguimento
L'altra sera gli agenti della polizia di Vercelli hanno arrestato T.K., classe 1993, nato e residente a Castellamonte, cittadino italiano, perchè resosi responsabile di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni. Nella mattina del 4 aprile, una pattuglia della Squadra mobile, si recava a Castellamonte per svolgere alcuni accertamenti di polizia giudiziaria. Durante il tragitto, la pattuglia interrompeva la marcia, a causa di un autocarro che per una manovra impegnava entrambe le corsie. Nella circostanza, l'attenzione degli operatori veniva catturata dalla musica ad alto volume proveniente da un'autovettura accodata, precisamente una Renault Megane. 
 
Gli agenti si giravano per vedere chi fosse alla guida e vedevano un giovane di circa 20/25 anni, il quale, sentitosi osservato, si rivolgeva nei confronti degli operatori con frasi offensive. A questo punto, visto che tutte le autovetture erano ancora ferme in coda, due degli operatori - uno dei quali con in mano la paletta segnaletica in dotazione alla polizia - scendevano dall'autovettura di servizio con l'intento di identificare il conducente e chiedere spiegazioni in merito al suo atteggiamento. Per tutta risposta, il conducente, invece di spegnere l'auto, accelerava e riprendeva la marcia al fine di eludere il controllo, dirigendosi deliberatamente contro uno degli operatori che si trovava proprio nella direzione di fuga, colpendolo con lo specchietto retrovisore. 
 
Il poliziotto rimasto a bordo dell'auto di servizio, avvedendosi del tentativo di fuga, spostava la macchina civetta al centro della carreggiata, al fine di impedirgli di passare. Il conducente della Renault Megane non desisteva dal suo intento, urtando violentemente l'auto della polizia nella fiancata sinistra, speronandola. Dato il forte impatto, il poliziotto riportava lesioni al collo e la stessa macchina colpita, rimbalzava con il fianco destro contro la fiancata sinistra di un'altra autovettura che si trovava precedentemente in coda. Il ragazzo in fuga, diretto verso il centro di Castellamonte è poi riuscito a scappare verso Bairo nonostante l'inseguimento della polizia.
 
Tutto finito? Neanche per sogno. La polizia identifica il soggetto e con l'ausilio della municipale di Castellamonte lo attende sotto casa dove il giocane cerca ancora la fuga ma viene finalmente arrestato. Il ragazzo è risultato pregiudicato per sostanze stupefacenti, reati contro il patrimonio, contro la persona, in materia di armi, danneggiamento ed in materia del Codice della Strada, ed in particolare, l'altro giorno, era anche sprovvisto di patente di guida, in quanto revocata nel giugno 2014, in forza di un decreto emesso dalla Prefettura di Torino. Proprio il fatto che il soggetto non fosse munito di patente lo avrebbe spinto alla fuga
Dove è successo
Cronaca
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
Il piccolo Comune della Valle Soana difende la scelta di ospitare la gara goliardica e benefica dopo le tante polemiche emerse
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L'ERGASTOLO
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L
Si è chiuso il processo di primo grado per l'omicidio della povera professoressa di Castellamonte. L'ex allievo, reo-confesso del delitto, è stato condannato a trent'anni. Accolta solo in parte la richiesta della procura di Ivrea
CUORGNE' - Riparato il Gesù bambino decapitato dai vandali
CUORGNE
La statua affidata alla restauratrice Sara Bertella è stata riconsegnata a Pezzetto in settimana e quindi riposizionata
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
Nei campi vicino alla provinciale è atterrato l'elisoccorso. Dinamica dell'incidente stradale al vaglio dei carabinieri
AUTOSTRADA A4 - A fuoco camion di pile: bravi i pompieri - FOTO
AUTOSTRADA A4 - A fuoco camion di pile: bravi i pompieri - FOTO
Delicato quanto provvidenziale intervento, ieri pomeriggio, sulla bretella autostradale della A4 tra Chivasso e Verolengo
BAIRO-CASTELLAMONTE - Ennesimo incidente sulla pedemontana: cinque feriti al «solito» incrocio - FOTO
BAIRO-CASTELLAMONTE - Ennesimo incidente sulla pedemontana: cinque feriti al «solito» incrocio - FOTO
Si sono scontrate un'Audi station wagon e una Fiat Panda. Tutte le persone a bordo delle vetture sono state medicate sul posto dal personale del 118 e trasportate, per precauzione, al pronto soccorso dell'ospedale di Ivrea
OMICIDIO ROSBOCH - Domani la sentenza: Gabriele Defilippi rischia l'ergastolo. Ecco cosa può succedere
OMICIDIO ROSBOCH - Domani la sentenza: Gabriele Defilippi rischia l
Il giorno della verità è ormai arrivato. Domani mattina si conclude il processo di primo grado per l'omicidio della professoressa di Castellamonte. Alla sbarra Gabriele Defilippi e il complice Roberto Obert
INGRIA - Il piccolo Comune del Canavese ospita «La gara di rutti» dopo le polemiche a Torino
INGRIA - Il piccolo Comune del Canavese ospita «La gara di rutti» dopo le polemiche a Torino
«Non ci sono limiti di età, ci si può preparare anche con bevande gassate e mangiando le squisitezze del posto. La giuria popolare decreterà il vincitore in base al rutto più teatrale, rumoroso e stupefacente»
FELETTO - I 40 anni della Fidas in una mostra fotografica
FELETTO - I 40 anni della Fidas in una mostra fotografica
La mostra si inserisce nelle molteplici attività che si sono svolte in paese per la settimana dedicata a San Vittorio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore