CASTELLAMONTE - L'ex assessore all'attacco: «Qui si sprecano i soldi pubblici»

| Roberta Bersano spiega i motivi che hanno portato il sindaco Paolo Mascheroni alla revoca delle deleghe

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Lex assessore allattacco: «Qui si sprecano i soldi pubblici»
L’(ex) assessore Roberta Bersano non ci sta. Scoppia la polemica in Comune a Castellamonte dopo che il sindaco Paolo Mascheroni ha ritirato le deleghe all’ormai ex membro della giunta comunale. Che, ovviamente, non ha preso bene la decisione del primo cittadino. «Un provvedimento ingiusto e sintomatico di una gestione della cosa pubblica tutt’altro che ispirata dai principi della correttezza e del buon operato nell’interesse esclusivo dei cittadini e del patrimonio comunale» spiega la Bersano.
 
Secondo l’ex assessore non è una questione di fiducia il motivo del suo siluramento. «Da quando sono divenuta assessore mi sono battuta affinché le tasse versate dai cittadini venissero gestite per garantire il bene e la sicurezza pubblica. Ho sempre lottato per evitare che il denaro venisse sprecato in opere inutili, costose e che servissero solamente a sponsorizzare il volto di qualche solito noto. Ecco alcuni motivi di contrasto con il sindaco ed il suo vice, il principale autore, quest’ultimo, del mio “licenziamento”. Sono queste, le reali cause della mia revoca».
 
«Ho manifestato contrarietà rispetto al progetto per un'area fitness fuori dal centro, ritenuta poco utile alla collettività ed ho sollecitato invece interventi di messa in sicurezza delle scuole, dei parchi gioco già esistenti, allo stato privi di manutenzione e fatiscenti.  Le strade Comunali sono in condizioni pessime e necessitano di manutenzione e pulizia, i  futuri investimenti in opere inutili per la collettività non faranno che indebitare maggiormente il comune, con la conseguenza che mancheranno sempre più fondi da dedicare all’ordinaria  manutenzione ed il ns Comune si degraderà sempre più. Ho richiesto di accedere alla documentazione contrattuale relativa al servizio rifiuti, che ritengo costoso e poco efficiente, ottenendo un assordante silenzio».
 
E ancora: «Ho scelto di non essere complice della cattiva gestione del denaro pubblico e delle errate scelte amministrative. A questo punto la revoca, pure inaspettata, mi solleva da mesi di sofferenze, ma allo stesso tempo mi preoccupa, perché come cittadina castellamontese vorrei evitare di assistere a sperperi di denaro per opere inutili mentre il patrimonio comunale si deteriora e disperde anche con rischi collettivi. Ringrazio l'assessore Falletti che ha capito quali erano le mie perplessità e i miei disagi, ringrazio quei dipendenti che mi sono stati vicini e i cittadini che mi hanno conosciuta, per le loro dichiarazioni di solidarietà in questi momenti».
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore