CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici

| Questa mattina i 23 alunni della classe quinta A della scuola primaria hanno consegnato il lavoro all'Apri Onlus

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici
Questa mattina i 23 alunni della classe quinta A della scuola primaria di Castellamonte, con la docente Domenica Sassoè Pognetto e il dirigente scolastico Federico Morgando, hanno donato all’Associazione Piemontese Retinopatici e Ipovedenti la versione  “pop up”, con illustrazioni tridimensionali e accessibile ad una lettura tattile, della fiaba “Pix: la storia di un fiocco di Neve” inserita nella “Trilogia di Natale”, pubblicata lo scorso anno da Debora Bocchiardo con la casa editrice Baima & Ronchetti con illustrazioni di Marianna Baima Besquet. La storia narra l’avventura di un fiocco di neve che, sceso sulla terra, attraverso diverse vicissitudini, diventa un pupazzo di neve per poi tornare da mamma nuvola sottoforma di gocciolina di vapore. 
 
I ragazzi hanno lavorato dall’inizio dell’anno scolastico a questo progetto che li ha interessati ed appassionati. A Natale l’opera era finita e, vista la valenza creativa del progetto, la scuola e i ragazzi hanno deciso di donare “Pix” all’Apri affinché il loro lavoro potesse essere utile ai loro coetanei con problemi di disabilità visiva. A Castellamonte, per ricevere il volume, erano presenti il presidente Marco Bongi ed il referente canavesano Ivo Cavallo. Con loro è intervenuta anche la presidente dell’Unitre di Castellamonte Ornella Bazzarone Cortese.
 
«Lo scorso Natale, su idea della presidente della locale sezione dell’Università delle Tre Età, questa stessa classe, che allora frequentava il quarto anno, propose la lettura scenica della fiaba - spiega Domenica Sassoè Pognetto - i ragazzi dimostrarono grande interesse per la storia di Pix e, così, insieme, abbiamo iniziato a pensare alla versione pop up». I ragazzi hanno lavorato in sinergia per la scelta delle parti da rappresentare e del volto da dare ai personaggi. Ogni ragazzo ha proposto una sua versione dei personaggi e sono state scelte le raffigurazioni più votate da tutta la classe. Il dirigente scolastico Federico Morgando dichiara: “Ritengo molto bello ed importante quanto realizzato dai ragazzi. L’iniziativa ha permesso ai bambini di conoscere un testo scritto da un’autrice che conoscono e, stamattina, hanno potuto avere la soddisfazione di donare il loro manufatto ad una associazione che lo metterà a disposizione di coetanei con disabilità. Sono convinto che sia importante sensibilizzare i ragazzi anche verso questo tipo di problematiche e ho già preso contatto con il presidente Bongi per organizzare ulteriori incontri sulla scrittura in Braille e le problematiche della vista».  
 
Conclude Debora Bocchiardo: «Vedere con quanta passione hanno lavorato questi ragazzi è stato per me motivo di grande soddisfazione. Pensare che la mia fiaba abbia ormai una vita sua e che la nuova versione possa essere letta dai bambini con disabilità visiva mi sembra un ottimo risultato». 
Galleria fotografica
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici - immagine 1
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici - immagine 2
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici - immagine 3
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici - immagine 4
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici - immagine 5
CASTELLAMONTE - La fiaba «Pix» diventa un dono per i retinopatici - immagine 6
Cronaca
CIRIE' - Così il piromane dei bus è stato preso dai carabinieri - VIDEO
CIRIE
L'attenta visione delle telecamere ha permesso ai militari di identificare il 50enne. Lui stesso, una volta in caserma, ha confessato
IVREA - Modificano una pistola: due eporediesi arrestati dalla polizia
IVREA - Modificano una pistola: due eporediesi arrestati dalla polizia
Gli arrestati, a seguito di perquisizione della loro abitazione, sono stati trovati in possesso di una pistola a tamburo alterata
PONT CANAVESE - Nonnina mette in fuga due ladri: «Il paese vive ormai nel terrore»
PONT CANAVESE - Nonnina mette in fuga due ladri: «Il paese vive ormai nel terrore»
Mercoledì una signora ha sorpreso due ladri all'interno della sua abitazione e li ha costretti alla fuga. In paese è raffica di furti. Nonostante l'aumento dei controlli da parte dei carabinieri i malviventi continuano a fuggire
CHIVASSO - Sicurezza: Vigili urbani con le telecamere sulle divise
CHIVASSO - Sicurezza: Vigili urbani con le telecamere sulle divise
Le telecamere in dotazione alla polizia municipale sono 20, una per ogni agente, e sono costate circa 400 euro ciascuna
RONCO CANAVESE - Il Comune si aggiudica 2 fiori al concorso nazionale Comuni fioriti
RONCO CANAVESE - Il Comune si aggiudica 2 fiori al concorso nazionale Comuni fioriti
Domenica 11 novembre a Bologna si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso nazionale “Comuni Fioriti a Ronco sono state assegnate 2 stelle su 4
ISSIGLIO - Giornata nazionale delle forze armate
ISSIGLIO - Giornata nazionale delle forze armate
Sabato 3 e domenica 4 novembre il comune di Issiglio ha voluto rendere omaggio a chi ci permette di vivere liberamente
VALPERGA-CUORGNE' - Vende hashish ai ragazzini dal bancone del bar: arrestato dai carabinieri
VALPERGA-CUORGNE
Nel bar è stato rinvenuto e sequestrato anche vario materiale sospetto, tra cui un machete, 18 paia di occhiali di marca, una borsa di marca e otto bottiglie di profumi. Il 48enne è stato anche denunciato per ricettazione
PONTE PRETI - Crolla un muretto prima del ponte sul Chiusella - FOTO
PONTE PRETI - Crolla un muretto prima del ponte sul Chiusella - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco di Ivrea, ieri pomeriggio, per il crollo di un parapetto in muratura nei pressi del Ponte Nuovo
VOLPIANO - «Quel porfido è pericoloso ma nessuno interviene»
VOLPIANO - «Quel porfido è pericoloso ma nessuno interviene»
I residenti della zona hanno segnalato il caso al Comune ma il porfido del passaggio pedonale risulta ancora danneggiato
CIRIÈ - Preso il piromane dei bus: ha appiccato il rogo perché non lo facevano salire senza biglietto
CIRIÈ - Preso il piromane dei bus: ha appiccato il rogo perché non lo facevano salire senza biglietto
Un 50enne italiano senza fissa dimora, Roberto M., ha dato fuoco a sette pullman di proprietà della Gtt nel piazzale della stazione «perché non lo facevano salire a bordo senza il biglietto»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore