CASTELLAMONTE - La procura vuole vederci chiaro sulla morte del vigile urbano

| Disposta l'autopsia, inizialmente non prevista, sul corpo di Gianni Forma. La moglie: «Attendiamo delle risposte»

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - La procura vuole vederci chiaro sulla morte del vigile urbano
Lo shock per il gesto estremo. I dubbi di un sistema sanitario che ha evidenziato pesanti pecche. Alla fine, dopo la richiesta dell'avvocato Mauro Bianchetti che segue la famiglia di Gianni Forma, il vigile urbano di Castellamonte che si è sparato in comando venerdì scorso, anche la procura di Ivrea ha deciso di fare luce sull'accaduto. Intanto disponendo l'autopsia sul corpo dell'agente 53enne. L'esame autoptico servirà a capire se quel tumore alla schiena, del quale Forma ha parlato anche nella sua lettera d'addio alla moglie Giorgia, c'era davvero. Inizialmente l'autopsia non era prevista. Poi, dopo l'istanza della famiglia, il pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi ha deciso di eseguire l'esame. 

Forma poteva essere salvato? Aveva davvero un tumore alla schiena (malattia che aveva già strappato alla vita la madre)? «Per questo motivo chiedo che si vada a fondo della questione» conferma la moglie. Che aggiunge: «Non voglio sentir parlare di risarcimenti. Vorrei solo sapere che cosa aveva mio marito per stare così male. Nella speranza che, d’ora in poi, chi cercherà aiuto in un pronto soccorso, riesca ad ottenere, al contrario nostro, ascolto e assistenza». 

Oggi pomeriggio, a Ivrea, la procura disporrà l'incarico al medico legale dell'Asl To4. L'esame si terrà in settimana. Restano numerosi punti oscuri in questa triste vicenda. L'autopsia, ovviamente, potrà fare luce solo in parte su quello che è successo ma sarà comunque una base di partenza per valutare le motivazioni che hanno spinto il vigile a togliersi la vita.

Cronaca
VESTIGNE' - Bimbo di cinque anni investito da una Fiat Punto
VESTIGNE
Trasportato con l'elisoccorso al Regina Margherita in codice rosso: è stato intubato
PONTE PRETI - Bozzello tiene alta la guardia su mezzi pesanti e viabilità
PONTE PRETI - Bozzello tiene alta la guardia su mezzi pesanti e viabilità
26.000 firme raccolte e nulla si è ancora mosso: il ponte è stato dichiarato sicuro, ma nulla si è mosso sul fronte della viabilità
AGLIE' - Visita della giuria "Comuni Fioriti" per l'assegnazione del Marchio di Qualità
AGLIE
Il concorso si trasforma in una prestigiosa certificazione di qualità dell'ambiente di vita, valutando accoglienza, benessere, rispetto ed armonia
CANAVESE - Uncem richiama l'attenzione degli operatori sul problema del segnale telefonico in aree montane
CANAVESE - Uncem richiama l
Parliamo sempre più spesso di 5G e interconnessione tra i dispositivi digitali, ma nelle zone montane la difficoltà è spesso fare una telefonata
CASELLE - Nuova rotta Torino Kyev operata da SkyUP
CASELLE - Nuova rotta Torino Kyev operata da SkyUP
L'Aeroporto di Torino amplia il proprio network di destinazioni servite con volo diretto e aggiunge un nuovo collegamento con Kiev, la capitale dell'Ucraina, servito dal vettore low-cost SkyUp Airlines.
CANAVESE - Nessuna misura anomala di radioattività fino ad ora rilevata in Piemonte
CANAVESE - Nessuna misura anomala di radioattività fino ad ora rilevata in Piemonte
In seguito al grave incidente nucleare di Severodvinsk, sito militare russo specializzato nella costruzione e manutenzione di sottomarini nucleari.
CASELLE - I risultati dell'operazione Re Mida della Guardia di Finanza di Torino
CASELLE - I risultati dell
Oltre 11 milioni di euro monitorati e centinaia di migliaia di euro di sanzioni e sequestri da parte della GdF in materia di circolazione transfrontaliera di valute
LOCANA - Canyonista francese ferita messa in salvo dal Soccorso Alpino
LOCANA - Canyonista francese ferita messa in salvo dal Soccorso Alpino
Difficile intervento di recupero di una turista francese fratturatosi una caviglia durante una discesa con il kayak
CASTELLAMONTE - Le condoglianze del sindaco di Castellamonte Mazza per la scomparsa di Martini
CASTELLAMONTE - Le condoglianze del sindaco di Castellamonte Mazza per la scomparsa di Martini
Condoglianze per la scomparsa di Marcello da parte del primo cittadino castellamontese
CASTELLAMONTE - Commosso addio a Marcello Martini, reduce di Mathausen
CASTELLAMONTE - Commosso addio a Marcello Martini, reduce di Mathausen
Nel giugno del 1944, ancora quattordicenne, fu catturato dagli SS e deportato dei lager nazisti assieme a tutta la sua familia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore