CASTELLAMONTE - La procura vuole vederci chiaro sulla morte del vigile urbano

| Disposta l'autopsia, inizialmente non prevista, sul corpo di Gianni Forma. La moglie: «Attendiamo delle risposte»

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - La procura vuole vederci chiaro sulla morte del vigile urbano
Lo shock per il gesto estremo. I dubbi di un sistema sanitario che ha evidenziato pesanti pecche. Alla fine, dopo la richiesta dell'avvocato Mauro Bianchetti che segue la famiglia di Gianni Forma, il vigile urbano di Castellamonte che si è sparato in comando venerdì scorso, anche la procura di Ivrea ha deciso di fare luce sull'accaduto. Intanto disponendo l'autopsia sul corpo dell'agente 53enne. L'esame autoptico servirà a capire se quel tumore alla schiena, del quale Forma ha parlato anche nella sua lettera d'addio alla moglie Giorgia, c'era davvero. Inizialmente l'autopsia non era prevista. Poi, dopo l'istanza della famiglia, il pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi ha deciso di eseguire l'esame. 

Forma poteva essere salvato? Aveva davvero un tumore alla schiena (malattia che aveva già strappato alla vita la madre)? «Per questo motivo chiedo che si vada a fondo della questione» conferma la moglie. Che aggiunge: «Non voglio sentir parlare di risarcimenti. Vorrei solo sapere che cosa aveva mio marito per stare così male. Nella speranza che, d’ora in poi, chi cercherà aiuto in un pronto soccorso, riesca ad ottenere, al contrario nostro, ascolto e assistenza». 

Oggi pomeriggio, a Ivrea, la procura disporrà l'incarico al medico legale dell'Asl To4. L'esame si terrà in settimana. Restano numerosi punti oscuri in questa triste vicenda. L'autopsia, ovviamente, potrà fare luce solo in parte su quello che è successo ma sarà comunque una base di partenza per valutare le motivazioni che hanno spinto il vigile a togliersi la vita.

Cronaca
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
Gli interessati dovranno compilare il form online inviando il curriculum a www.juventus.com
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
L'appalto con Smat scade a luglio e, per il momento, i lavoratori canavesani non hanno ottenuto rassicurazioni in merito
CUORGNE' - Installato il totem in piazza Martiri
CUORGNE
Lo schermo touch screen contiene informazioni relative alla città
MAZZE' - Spacciatore arrestato all'uscita dell'autostrada A4
MAZZE
Controlli antidroga da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso. Nei guai anche un ragazzo 22enne fermato in città
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
L'uomo è stato condannato per direttissima a dodici mesi di reclusione. Nei suoi confronti è stato emesso un foglio di via obbligatorio ed è stata elevata una sanzione amministrativa di 102 euro
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
La Guardia di Finanza di Torino ha confiscato beni per circa 2 milioni di euro nei confronti di 26 persone domiciliate nei campi
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
Un incontro dedicato al personale dispiegato sul territorio per l’emergenza Rigopiano: c'erano anche i tecnici partiti dal Canavese
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
Iniziativa promossa al liceo eporediese grazie alla collaborazione tra Inner Wheel Club di Ivrea e l'associazione onlus «I Do»
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
Intorno alla mezzanotte di ieri si è attivato il sistema di allarme anti-intrusione di una ditta di San Bernardo d’Ivrea. Il circuito di videosorveglianza di un istituto di vigilanza ha segnalato la presenza di un soggetto sospetto
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
Gli orari dello scarico dei dati della cella di Rivarolo, infatti, non combacerebbero con la tesi dell'accusa, secondo la quale Pomatto fu ucciso da Perri nelle campagne di Vesignano il 18 gennaio 2016 dopo le 20.30
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore