CASTELLAMONTE - Sono passati tre anni dall'omicidio di Gloria Rosboch

| Gloria sparì nel nulla e solo dopo un mese il suo corpo venne ritrovato nella vasca del percolato della discarica di Rivara. Gabriele Defilippi e Roberto Obert sono stati condannati in tribunale per l'omicidio

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Sono passati tre anni dallomicidio di Gloria Rosboch
Sono passati tre anni da quel 13 gennaio 2016. Quel giorno, Gabriele Defilippi e Roberto Obert, con un inganno, fecero salire sulla loro autovettura Gloria Rosboch, la professoressa di Castellamonte che sognava una nuova vita e l'anno prima aveva consegnato all'ex allievo Gabriele, 187 mila euro in contanti. Gloria aveva tentato in tutti i modi di farsi ridare quei soldi. E quel 13 gennaio, quando Gabriele la contattò dopo mesi di silenzio, sperava fosse il giorno in cui tutte le cose sarebbero andate a posto. Il giorno in cui il ragazzo, come le aveva promesso, avrebbe riconsegnato quel denaro.

La storia, purtroppo, è nota. Gloria sparì nel nulla e solo dopo un mese il suo corpo venne ritrovato nella vasca del percolato della discarica di Rivara. Gabriele Defilippi e Roberto Obert sono stati condannati in tribunale per l'omicidio (sia in primo grado a Ivrea che in Corte d'Appello a Torino). Il primo a trent'anni, il secondo a diciotto anni e nove mesi. Sabato sera, nella chiesa parrocchiale di Castellamonte, i genitori di Gloria, mamma Marisa e papà Ettore, hanno presenziato alla Messa in ricordo della loro unica figlia. Non c'erano istituzoni ma solo tanta gente comune che ha voluto idealmente stringersi ancora una volta al dolore dei due genitori.

Ecco alcune tappe fondamentali di quella lunga vicenda che, purtroppo, proiettò il Canavese alla ribalta delle cronache nazionali. Fino al drammatico epilogo.

24 ottobre 2014 - A Torino, la professoressa Gloria Rosboch, insegnante precaria della scuola media Cresto di Castellamonte, entra in banca (da sola), prende un valigetta con 187 mila euro in contanti (i risparmi di una vita), esce e la consegna a un ragazzo. Quel giovane è un ex allievo, Gabriele Defilippi. Da quel momento, il ragazzo sembra sparire nel nulla.
 
28 settembre 2015 - Gloria Rosboch, tramite l'avvocato Stefano Caniglia, presenta una querela contro Gabriele Defilippi per quei soldi mai restituiti. Defilippi l'aveva convinta ad investire il suo denaro per aprire una nuova attività ad Antibes, in Costa Azzurra. In realtà l'investimento non esiste, così come la promessa di una nuova vita in Francia. Defilippi quei soldi li spende un po' ovunque.
 
13 gennaio 2016 - Nel primo pomeriggio, dopo averla incontrata una prima volta fuori dalla scuola, Defilippi convince Gloria a seguirlo in auto, dove c'è anche un amico. Gloria esce di casa dicendo ai genitori di dover presenziare a una runione della scuola. La riunione, in realtà, non esiste. Solo che Gloria ha detto ai genitori una bugia nella speranza di ritornare a casa con i 187 mila euro. Invece Gabriele e il complice strangolano la professoressa a Rivara e ne gettano il corpo nella vasca del percolato dell'ex discarica.
 
13 gennaio 2016 - In serata, non vedendola tornare a casa, la cugina di Gloria si presenta dai carabinieri di Rivarolo Canavese per presentare la denuncia di scomparsa. Nessuno può immaginare che, in realtà Gloria è già morta. Il giorno successivo iniziano le ricerche in tutta la zona, coordinate dalla procura di Ivrea.
 
19 febbraio 2016 - I carabinieri arrestano Gabriele Defilippi e Roberto Obert per l'omicidio di Gloria.

Cronaca
MONTE SOGLIO - Il tradizionale raduno degli Alpini giunto all'edizione numero 39 - FOTO
MONTE SOGLIO - Il tradizionale raduno degli Alpini giunto all
Si tratta di una tradizione nata nel luglio 1980 quando alcuni gruppi alpini della zona hanno trasportato e posizionato al Monte Soglio la statua della Madonna
TORRAZZA - Incendio nel nuovo centro Amazon: 400 evacuati
TORRAZZA - Incendio nel nuovo centro Amazon: 400 evacuati
Le fiamme sono state domate nel giro di pochi minuti, appena è entrato in funzione il sistema automatico antincendio
IVREA - Barbara D'Urso a processo ma viene rimessa la querela
IVREA - Barbara D
La D'Urso è finita a processo per diffamazione insieme a due colleghi per un servizio mandato in onda il 3 marzo 2016
CUCEGLIO-MONTALENGHE - Lavori: chiude la provinciale fino al 31 agosto
CUCEGLIO-MONTALENGHE - Lavori: chiude la provinciale fino al 31 agosto
Deviazione del transito sui percorsi alternativi indicati in loco con idonea segnaletica
CANAVESE - Derubavano solo donne anziane davanti a cimiteri e supermercati: due sinti arrestati dai carabinieri
CANAVESE - Derubavano solo donne anziane davanti a cimiteri e supermercati: due sinti arrestati dai carabinieri
Secondo le indagini dei carabinieri, i due avrebbero commesso diversi furti su auto, tra aprile e maggio 2019, nei Comuni di Mathi, Busano, Balangero, Ciriè e San Maurizio Canavese, agendo sempre nei confronti di donne anziane
CHIVASSO - Vandali devastano la fontana dell'acqua di via Mazzè
CHIVASSO - Vandali devastano la fontana dell
La ditta Acqualife, fin qui, ha continuamente provveduto a riparare i danni minori causati dai numerosi atti vandalici alla struttura
CERESOLE REALE - Al Nivolet il primo cartello pro-ciclisti - FOTO
CERESOLE REALE - Al Nivolet il primo cartello pro-ciclisti - FOTO
Si tratta di un'iniziativa promossa dall'eporediese Paola Gianotti che mira a sensibilizzare gli automobilisti al rispetto dei ciclisti
CUORGNE' - Ruba quintali di acciaio in una ditta: 38enne arrestato dai carabinieri - VIDEO
CUORGNE
Le indagini, al momento, sono ancora in corso e non si esclude che il metodo investigativo attuato dai carabinieri possa portare ulteriori frutti, risalendo non soltanto ai complici ma accertando altri furti simili registrati in Canavese
VOLPIANO - Rebecca, 19 anni, vince la selezione di Miss Italia - FOTO
VOLPIANO - Rebecca, 19 anni, vince la selezione di Miss Italia - FOTO
Oltre 500 persone hanno preso parte alla selezione presentata dalla bellissima Martina Pascutti. Rebecca eletta Miss Miluna
FRASSINETTO-INGRIA - In 200 da mezzo mondo per celebrare Querio, la storica borgata degli arrotini
FRASSINETTO-INGRIA - In 200 da mezzo mondo per celebrare Querio, la storica borgata degli arrotini
«Organizziamo questa festa con uno scopo ben preciso: quello di far conoscere le nostre radici e una parte del territorio ricca di storia ma abbandonata da troppo tempo», dicono i promotori di questa particolare reunion in salsa canavesana
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore