CERESOLE - Cacciatori denunciati, stavano per uccidere un camoscio

| Brillante operazione dei guardaparco del Gran Paradiso

+ Miei preferiti
CERESOLE - Cacciatori denunciati, stavano per uccidere un camoscio
Li hanno bloccati a quota 2200 metri, nel territorio del Comune di Ceresole Reale. Sono due cacciatori residenti in un paese del Canavese, che, armati di una carabina, stavano per abbattere un esemplare di camoscio all'interno dell'area protetta del Parco nazionale del Gran Paradiso. Sono stati entrambi denunciati per introduzione di armi nel Parco. Rischiano fino a sei mesi di carcere o una multa di 13 mila euro.

La brillante operazione è stata portata a termine l'altra mattina dai guardaparco del Gran Paradiso che hanno seguito i due cacciatori (in possesso di regolare licenza) per oltre un'ora e mezza. Poi, quando i due hanno scelto la preda, sono prontamente intervenuti. I cacciatori, accompagnati alla sede di valle, sono stati denunciati alla procura di Ivrea. La carabina è stata sequestrata. I due erano consapevoli che nell'area protetta, per definizione, la caccia è vietata.

«Il tempestivo intervento dei guardaparco - fanno sapere dall'ente Gran Paradiso - ha evitato l'abbattimento di esemplari della fauna da parte dei cacciatori. Ancora una volta i guardaparco si sono rivelati fondamentali nel lavoro di prevenzione e sicurezza del territorio, oltre allo svolgimento delle attività di monitoraggio e a supporto della ricerca scientifica nell'area protetta».
Cronaca
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E' un calvario infinito»
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E
Pendolari esasperati: «Di questo passo saremo costretti ad adottare forme di protesta drastiche nei confronti di Gtt»
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
Sabato, i volontari della Protezione Civile hanno pulito la sponda di via San Grato, da tempo occupata da rami e foglie
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
La grande quantità di rifiuti accumulati, stimati in circa 8000 metri cubi di materiale, e poi spianati con la finalità di realizzare un piazzale, sono risultati provenienti da altre località, quindi trasportati e poi scaricati sul terreno
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
Sabato 2 e domenica 4 novembre nella frazione Campo sono stati ricordati i Caduti della guerra 15-18 nelle date che ne segnano il Centenario dalla fine
CASELLE - L'autovelox fa strage di multe vicino all'aeroporto: 15 mila in appena un mese
CASELLE - L
Tanti prenderanno la multa per aver superato di poco il limite, c'è chi invece è stato pizzicato ai 200 chilometri orari. In un caso, invece, addirittura per ben 17 volte. Una media notevole di 500 verbali al giorno nel primo mese
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
Sabrina Javanovic, rom 23enne, si introdusse in un'abitazione di Ivrea il 23 dicembre del 2016 e rubò i regali sotto l'albero
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l'azienda lo riassume
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l
Domattina Franco Minutiello, ad un anno e mezzo dalla lettera di licenziamento, tornerà al lavoro. Una questione di dignità personale, al netto del reintegro ordinato dal tribunale. «Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino»
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
Sabato avrà inizio una nuova avventura per il rifugio di Ceresole Reale. In programma un «lungo» buffet dalle ore 16 alle 19
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d'Alba e del Canavese
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d
Ancora da quantificare il bottino del colpo che, comunque, secondo alcune stime, non sarebbe inferiore ai 30 mila euro
CIRIE' - Il piromane dei bus potrebbe non aver agito da solo: è caccia ai possibili complici
CIRIE
Non sono concluse le indagini della procura di Ivrea sul rogo doloso che mercoledì scorso, nel cuore della notte, ha distrutto sette autobus parcheggiati nel piazzale della stazione ferroviaria di Ciriè. Un uomo è già stato fermato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore