CERESOLE REALE - La Royal Marathon è stata una prova di valore anche per i volontari

| Decine di squadre del soccorso alpino sul tracciato, tre le ambulanze pronte a intervenire (di cui una con medico e infermiere a bordo, per interventi di soccorso avanzato) e una tenda medica di primo soccorso

+ Miei preferiti
CERESOLE REALE - La Royal Marathon è stata una prova di valore anche per i volontari
Domenica 16 luglio è tornata la Royal Ultra Sky Marathon Gran Pradiso, prima delle tre tappe delle Sky Runner World Series categoria Sky Extreme (International Skyrunning Federation), ossia il vertice del campionato mondiale di skyrunning nonché tappa della Skyrunner Italy Series categoria Sky Ultra. Sette i colli e 55 chilometri di lunghezza con 4141 metri di dislivello positivo nella pura natura selvaggia del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Quasi 400 concorrenti di 35 nazionalità diverse, insomma l’evento dell’anno per gli skyrunners a cui hanno creduto prima di tutto i due sponsor Montura e Iren.
 
Questa edizione mondiale della Royal, Stefano Roletti il geniale organizzatore ha voluto dedicarla ad un uomo che, come pochi altri, ha dato lustro all’Italia in tutto il Mondo: Luigi Amedeo di Savoia Aosta, il Duca degli Abruzzi e con lo stesso spirito di abnegazione molti volontari sono stati impegnati nel soccorso medico degli atleti e dei numerosi spettatori sparsi sul tracciato. Diversi mesi prima dell’evento, i volontari, si sono organizzati per affrontare qualsiasi tipo di emergenza e hanno scelto con entusiasmo di dedicarsi al prossimo anche in una splendida giornata di sole all’insegna del divertimento.
 
Un grande lavoro di squadra, il loro, che vede impegnate decine di volontari del corpo nazionale del soccorso alpino della XII delegazione Canavesana e i volontari del soccorso di Ceresole e Noasca, della Croce Bianca di Valperga e di Ivrea Soccorso del comitato ANPAS (Associazione Nazionale pubbliche assistenze). Decine di squadre del soccorso alpino sul tracciato, tre le ambulanze pronte a intervenire (di cui una con medico e infermiere a bordo, per interventi di soccorso avanzato) e una tenda medica di primo soccorso allestimento a Ceresole Reale, per dare supporto a tutti coloro, corridori e pubblico, che necessitano di cure ed assistenza. Senza contare l’ausilio di un elicottero della Pellissier Helicopter e la centrale di coordinamento interforze allestita nei pressi dell’arrivo, composta dalla rappresentanza degli operatori sanitari e dei guardia parco per il coordinamento degli interventi. 
 
Qual è lo spirito che spinge gli atleti a scalare montagne e spinge i volontari ad impegnarsi così duramente nel soccorso? «Lo stesso spirto - rispondono all'unisono i volontari - nulla di materiale e venale, ma solo la gratificazione di aiutare oltre i più bisognosi anche il territorio». Una prova di valore di un territorio e della sua gente che ha unito le energie per far conoscere al mondo la natura del parco del Gran Paradiso. La sua gente e i suoi valori: l’aiuto del prossimo, accoglienza e lo sport, come ha sottolineato anche l’assessore regionale allo sport Giovanni Ferraris, intervenuto all’evento, ribadendo l’importanza di questa gara e il grande lavoro che è stato fatto per far conoscere il parco del Gran Paradiso. Nonostante si sia chiusa questa edizione della Royal Sky Marathon, per i volontari del soccorso continua l’insostituibile impegno in tutte quelle situazioni quotidiane in cui c’è bisogno di aiuto, facendo la differenza spesso tra la vita e la morte.
Cronaca
PONTE PRETI - Crolla un muretto prima del ponte sul Chiusella - FOTO
PONTE PRETI - Crolla un muretto prima del ponte sul Chiusella - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco di Ivrea, ieri pomeriggio, per il crollo di un parapetto in muratura nei pressi del Ponte Nuovo
VOLPIANO - «Quel porfido è pericoloso ma nessuno interviene»
VOLPIANO - «Quel porfido è pericoloso ma nessuno interviene»
I residenti della zona hanno segnalato il caso al Comune ma il porfido del passaggio pedonale risulta ancora danneggiato
CIRIÈ - Preso il piromane dei bus: ha appiccato il rogo perché non lo facevano salire senza biglietto
CIRIÈ - Preso il piromane dei bus: ha appiccato il rogo perché non lo facevano salire senza biglietto
Un 50enne italiano senza fissa dimora, Roberto M., ha dato fuoco a sette pullman di proprietà della Gtt nel piazzale della stazione «perché non lo facevano salire a bordo senza il biglietto»
STORICO CARNEVALE DI IVREA - Vincenzo Ceratti sarà il Generale dell'edizione 2019
STORICO CARNEVALE DI IVREA - Vincenzo Ceratti sarà il Generale dell
La presentazione dei personaggi maschili che, di fatto, apre gli appuntamenti legati alla manifestazione eporediese, si è tenuta questa mattina della Sala Dorata del Comune. Diane confermato Sostituto Gran Cancelliere, Lacchio sarà Podestà
CIRIE' - Incendio doloso devasta i bus: sospetto piromane portato in caserma dai carabinieri - FOTO E VIDEO
CIRIE
Svolta nelle indagini. Secondo i primi riscontri il rogo sarebbe partito da un pneumatico. In un attimo le fiamme hanno avvolto diversi mezzi della Gtt che, come sempre, erano stati parcheggiati nel piazzale della stazione
IVREA - Bogliatto nuovo Direttore ostetricia e ginecologia
IVREA - Bogliatto nuovo Direttore ostetricia e ginecologia
Ha iniziato la carriera professionale nel 2005 all'Azienda Ospedaliera OIRM-Sant'Anna di Torino. E' in Canavese dal 2007
BORGARO - I vincitori della prima edizione di "Andare oltre... nella luce"
BORGARO - I vincitori della prima edizione di "Andare oltre... nella luce"
Decretati i vincitori del premio di pittura e grafica «Andare oltre... nella luce». Primo posto per «La via del cuore» di Bramati
DISASTRO A CIRIÉ - Incendio nella notte distrugge sette autobus Gtt - FOTO
DISASTRO A CIRIÉ - Incendio nella notte distrugge sette autobus Gtt - FOTO
Per il momento non è esclusa l’ipotesi che le fiamme siano state appiccate di proposito. Del resto a Cirié e dintorni sono mesi che qualche piromane si diverte ad incendiare le auto in sosta
STRAMBINO - Tubercolosi a scuola: controlli estesi anche alle medie
STRAMBINO - Tubercolosi a scuola: controlli estesi anche alle medie
I controlli sono stati allargati a 300 studenti delle medie perché usufruiscono delle stessa mensa della scuola primaria
CANAVESE - Sabato di passione: doppio sciopero del personale Gtt. Stop a bus e treni
CANAVESE - Sabato di passione: doppio sciopero del personale Gtt. Stop a bus e treni
Sabato 17 novembre sono previste due azioni di sciopero che coinvolgeranno il servizio di trasporto pubblico locale. Treni e bus garantiti in Canavese da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30. Previsti ampi disagi
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore