CRISI MANITAL - 60 milioni di debiti. L'azienda cambia proprietà ma è in bilico: il piano di rilancio presentato a Parella non convince

| Al castello di Parella, giovedì pomeriggio, Luigi Grosso, nuovo amministratore delegato, ha tentato di rasserenare il clima attorno all'azienda presentando il piano di rilancio varato dalla nuova proprietà «Igi Investimenti»

+ Miei preferiti
CRISI MANITAL - 60 milioni di debiti. Lazienda cambia proprietà ma è in bilico: il piano di rilancio presentato a Parella non convince
Ancora tante nubi all'orizzonte sul futuro di Manital, la multiutility con sede a Ivrea affossata, al momento, da un debito di oltre 60 milioni di euro. Al castello di Parella, giovedì pomeriggio, Luigi Grosso, nuovo amministratore delegato, ha tentato di rasserenare il clima attorno all'azienda presentando il piano di rilancio varato dalla nuova proprietà «Igi Investimenti». Non sono mancati gli attimi di tensione in un clima, va detto, di forte scetticismo nei confronti dei nuovi manager, a partire dal presidente Giuseppe Incarnato che, però, non si è presentato all'incontro. Prima della presentazione del piano Luigi Grosso (nella foto) è sceso dai lavoratori Mgc, in presidio davanti al castello di Parella ormai da un mese. Attendono almeno tre stipendi. Li ha invitati a salire per ascoltare il piano della nuova Manital. In prima battuta gli operai hanno declinato l'invito poi una delegazione è salita per partecipare alla discussione. Senza però ottenere grossi riscontri.
 
E' prevista una ricapitalizzazione di 50 milioni, l'ampliamento delle attività in Polonia, Romania, Austria, Azerbajan e Svizzera e il graduale abbandono delle commesse pubbliche. Un piano che, almeno idealmente, parla di innovazione e scelte strategiche per evitare di ritrovarsi con l'acqua alla gola. Servono nuovi committenti e per questo l'azienda estenderà il proprio raggio d'azione fuori dall'Italia. «Entro il 20 dicembre saranno pagati tutti i dipendenti che attendono gli stipendi», ha assicurato Grosso. 
 
Secondo l'amministratore delegato saranno sanate anche le posizioni di chi da Manital è uscito volontariamente nei mesi scorsi: ex dipendenti che attendono, tra le altre cose, i Tfr. L'azienda per alcuni ha già formulato delle offerte, altri saranno chiamati a breve. Su Ivrea la nuova proprietà vorrebbe mantenere il reparto di ricerca e sviluppo tecnologico, spostando però la sede dell'azienda a Roma. «Su Ivrea stiamo già cercando personale altamente specializzato per avviare i laboratori», ha annunciato l'amministratore delegato. «Manital a Ivrea è una piccola comunità e non abbiamo intenzione di lasciarla. Conosco bene il concetto perchè ho studiato Olivetti».
 
La situazione «futuribile», però, non ha per nulla convinto i sindacati. Il piano è stato bollato come «lacunoso, ipotetico e senza risposte precise per i lavoratori». Il 20 dicembre sarà anche il giorno del pronunciamento del tribunale sulla richiesta di rinegoziazione del debito presentata da Manital. Una data cruciale: l'azienda spera di arrivarci saldando gran parte di quello che spetta ai dipendenti. L'obiettivo è quello di arrivare all’udienza con in mano un accordo con i creditori.
 
«La situazione è imbarazzante - ha detto Alberto Mancino della Uil - ci prospettano investimenti teorici ma per salvare Manital ci saremmo aspettati almeno un'azione di buona volontà nel pagare i lavoratori. Non si può spacciare un pagamento in surroga, che magari arriverà ai dipendenti tra diversi mesi, come il salvataggio delle attività. Purtroppo non abbiamo ottenuto alcuna risposta sui contributi non versati o sulla cassa edile. E non ci sono garanzie di nuovi committenti. Spero che d'ora in avanti ci facciano almeno la cortesia di non nominare più Olivetti».
Cronaca
VOLPIANO - Camioncino della raccolta rifiuti finisce nel rio: un ferito
VOLPIANO - Camioncino della raccolta rifiuti finisce nel rio: un ferito
L'autista è rimasto bloccato all'interno della cabina a seguito delle ferite riportate nello schianto. Non è in pericolo di vita
CUORGNE' - Incendio camino, intervento dei vigili del fuoco - FOTO
CUORGNE
A dare l'allarme sono stati i residenti che hanno notato il fumo nero e hanno immediatamente chiamato il 112
RIVAROLO - Il commercio cittadino piange Domenica Tarro Genta
RIVAROLO - Il commercio cittadino piange Domenica Tarro Genta
Storica negoziante è mancata domenica all'ospedale di Cuorgnè dove era ricoverata da qualche giorno. Aveva 87 anni
CASTELLAMONTE - Salta il Carnevale storico: resterà solo la sfilata dei carri. Supremo ordine furente: «Vittima la storia del Carnevale»
CASTELLAMONTE - Salta il Carnevale storico: resterà solo la sfilata dei carri. Supremo ordine furente: «Vittima la storia del Carnevale»
«La scorsa settimana siamo stati invitati in Comune per organizzare un carnevale allegorico. Essendo noi il gruppo degli ex personaggi della parte storica abbiamo ritenuto di non avere nulla a che vedere con la parte allegorica»
VALPERGA - Appello per riqualificare Belmonte dopo gli incendi
VALPERGA - Appello per riqualificare Belmonte dopo gli incendi
L'ente di gestione sta contattando i proprietari dei terreni chiedendo di firmare il modulo con cui danno il consenso ai lavori
SANITA' - Allerta coronavirus cinese: ecco dieci risposte per non farsi prendere dal panico
SANITA
Il Ministero della Salute ha diffuso un vademecum con domande e risposte su tutto quello che c'è da sapere
FELETTO - Blitz della guardia di finanza dai cinesi: 250mila articoli potenzialmente pericolosi sequestrati - VIDEO
FELETTO - Blitz della guardia di finanza dai cinesi: 250mila articoli potenzialmente pericolosi sequestrati - VIDEO
I finanzieri hanno sequestrato, oltre a prodotti tessili con false indicazioni di provenienza, 250mila articoli non conformi in materia di sicurezza prodotti e potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti
BORGOMASINO - Vigile del fuoco ferito mentre spegne l'incendio
BORGOMASINO - Vigile del fuoco ferito mentre spegne l
A causa del cedimento del solaio, il vigile del fuoco è caduto da un'altezza di circa tre metri, precipitando dentro la casa
CIRIE' - 25mila euro di tagliaerba rubati in garage: 42enne nei guai
CIRIE
Il materiale sequestrato dai militari dell'Arma è custodito nella caserma di Mathi in attesa di identificare i proprietari
FELETTO - Spaventoso incidente sulla 460, strada chiusa e traffico in tilt - FOTO E VIDEO
FELETTO - Spaventoso incidente sulla 460, strada chiusa e traffico in tilt - FOTO E VIDEO
La dinamica del sinistro è al vaglio della Polizia Stradale di Torino. La 460 è stata chiusa al traffico per permettere l'afflusso dei mezzi di soccorso. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze del 118 e i vigili del fuoco di Ivrea
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore