CUORGNE' - Addio a Massimo Foa, salvato nel '44 da «Mamma Tilde»

| La sua storia, legata alla Shoah, ha commosso il mondo intero

+ Miei preferiti
CUORGNE - Addio a Massimo Foa, salvato nel 44 da «Mamma Tilde»
L'altra sera a Torino è morto Massimo Foa, 70 anni, originario di Cuorgnè. Una storia, la sua, che ha fatto il giro del mondo grazie all'amore e al coraggio di un'altra donna di Cuorgnè, «Mamma Tilde», al secolo Clotilde Roda Boggio (nella foto). Massimo Foa, infatti, figlio di una famiglia di ebrei, venne salvato ancora piccolissimo dalla signora Tilde. «Chiunque avrebbe fatto lo stesso – ha sempre raccontato la donna - non era certo un piatto in più a farmi paura». 
 
Costretti a lasciare Torino a causa dei bombardamenti, i Foa si erano stabiliti a Cuorgnè, dove l’8 novembre del 1943 nacque il figlio Massimo. In seguito, avvertiti dal messo comunale che era arrivato ordine di arrestarli, dovettero lasciare la città, e si spostarono a Prascorsano e poi a Canischio. Qui, il 9 agosto del ’44, secondo anniversario del loro matrimonio, in seguito a delazione di ignoti, Guido Foa ed Elena Recanati furono arrestati dalla X MAS, insieme al padre di Guido, Donato, ed al figlioletto Massimo, che aveva appena compiuto nove mesi. Portata dapprima alla caserma di Cuorgnè, il giorno successivo l’intera famiglia venne trasferita nelle Carceri Nuove di Torino, dove i due coniugi vennero separati.
 
Dopo otto giorni, però, grazie alla bontà e al coraggio della superiora, Suor Giuseppina De Muro, il bambino fu fatto uscire di nascosto dalla prigione, in mezzo alle lenzuola sporche mandate in lavanderia. Questo gesto gli salvò la vita, perché, come raccontò in seguito sua madre, quando i genitori lasciarono le carceri il 27 agosto i tedeschi volevano anche lui, e più tardi, nel lager di Bolzano dove furono portati, all’appello fu chiamato anche il suo nome. Dai campi di concentramento si salvò solo Elena Recanati che si ricongiunse al figlio il 16 ottobre del ’45.
 
Nonostante fosse pericoloso nascondere bambini ebrei, e le delazioni fossero lautamente ricompensate, “Mamma Tilde”, la cui famiglia viveva in condizioni modestissime, tenne ugualmente il bambino. Sua figlia Antonietta ricordava che una sera due tedeschi entrarono in casa loro. Il bambino muoveva allora i primi passi appoggiandosi al sofà, e i due chiesero alla signora Tilde chi fosse. Lei rispose che era suo nipote, figlio di uno dei suoi figli che si trovava sul fronte russo.
 
Massimo Foa, l'anno scorso, raccontò la storia della sua vita ai ragazzi della scuola primaria di Cuorgnè, in occasione della Giornata della Memoria. Apprezzato imprenditore e intellettuale, appassionato divulgatore di cultura e di ebraismo, è stato autore di molti libri in versi per raccontare le storie della Torah e dei profeti. Cordoglio ed estremo dolore, sono stati espressi dalla comunità ebraica per la perdita di Foa. Torino ebraica, dove gli si è reso un commosso omaggio prima del trasferimento al Cimitero ebraico di Casale Monferrato, si è stretta attorno ai suoi sei figli e a sua moglie, la letterata Elena Loewenthal, compagna della seconda stagione della sua vita.
 
A "Mamma Tilde", il Comune ha intitolato la scuola materna nell'aprile del 2003. Clotilde Roda Boggio, nata a Cuorgnè nel 1896 e morta il 18 maggio del 1989, il 19 settembre del 1986 ricevette dal Console di Israele l’attestato e la medaglia di “Giusta fra le Nazioni”. A Gerusalemme, sulla collina del Viale dei Giusti, c'è un albero piantato in sua memoria.
Cronaca
CASELLE - L'aeroporto certificato per la sicurezza sul lavoro
CASELLE - L
Sagat continua così il percorso intrapreso con la certificazione del Sistema di Gestione dell'Energia e di gestione ambientale
CASTELLAMONTE - Gioca 5 euro e ne vince 2 milioni con un gratta e vinci: caccia al canavesano fortunato
CASTELLAMONTE - Gioca 5 euro e ne vince 2 milioni con un gratta e vinci: caccia al canavesano fortunato
La Dea bendata torna a baciare il Canavese, precisamente a Castellamonte. Ad un anno esatto dalla vincita di un milione di euro a San Colombano Belmonte, alla tabaccheria di Federica Camerini in piazza Matteotti 7 segnato un nuovo record
CASTELLAMONTE - Taglio del nastro per la mostra «Centoquarantacolori»
CASTELLAMONTE - Taglio del nastro per la mostra «Centoquarantacolori»
Il prossimo 23 marzo a Castellamonte avrà luogo l'inaugurazione della mostra bi-personale di Bianca Sandri e Dario Faccaro
IVREA - Comdata si aggiudica la commessa «Inps-Equitalia»
IVREA - Comdata si aggiudica la commessa «Inps-Equitalia»
Il gruppo gestirà il contact center dell'istituto per i prossimi due anni, con opzione di prolungamento per un altro anno
CUORGNE' - Tutto pronto per la terza edizione di «TeleKomando»
CUORGNE
L'evento è promosso anche quest'anno dall'Associazione Baracca e Burattini - Arte e Affini. Si registra al Linc di Cuorgnè
VALPERGA - All'Ambra la rassegna cinematografica «A piccoli passi»
VALPERGA - All
La rassegna ha il patrocinio del Comune di Valperga, il prezzo d’ingresso è di sei euro per il biglietto intero e cinque per quello ridotto
RIVAROLO-FAVRIA - Abbatte la sbarra del passaggio a livello e se ne va... Danni alla ferrovia - FOTO
RIVAROLO-FAVRIA - Abbatte la sbarra del passaggio a livello e se ne va... Danni alla ferrovia - FOTO
Incidente con mezzo "pirata" questa mattina al passaggio a livello della Sfm1 tra Rivarolo Canavese e Favria. Probabilmente un camion, in transito verso Rivarolo, ha agganciato la sbarra del passaggio a livello che si stava abbassando
AUTOSTRADA TORINO-AOSTA - Cisterna piena di azoto liquido si ribalta subito dopo lo svincolo di Volpiano - FOTO
AUTOSTRADA TORINO-AOSTA - Cisterna piena di azoto liquido si ribalta subito dopo lo svincolo di Volpiano - FOTO
Per fortuna il mezzo pesante si è fermato pochi metri prima di un viadotto, evitando la collisione. L'autista, ferito, è stato soccorso dal personale del 118 e trasportato all'ospedale di Chivasso. Dinamica al vaglio della polizia stradale
CANAVESE - Sesso e droga con l'amico 14enne della figlia: oggi la donna sarà interrogata a Ivrea
CANAVESE - Sesso e droga con l
Comparirà questa mattina ad Ivrea davanti al gip Stefania Cugge l'infermiera di 42 anni che è stata arrestata dai carabinieri, ritenuta responsabile di aver commesso degli atti sessuali con un minorenne, compagno di scuola della figlia
IVREA - Ha mosso i suoi primi passi il futuro «Museo Diocesano»
IVREA - Ha mosso i suoi primi passi il futuro «Museo Diocesano»
Sabato scorso il vescovo ha presentato il lavoro di restauro che si è svolto in alcune delle sale dell'ex Seminario Maggiore
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore