CUORGNE' - Code eterne al pronto soccorso: i pazienti chiedono aiuto ai carabinieri

| Attimi di tensione ieri sera, poco prima di mezzanotte, al pronto soccorso dell'ospedale di Cuorgnè. Alcuni pazienti, dopo ore di attesa nei corridoi della struttura, hanno chiamato i carabinieri e la centrale del 118

+ Miei preferiti
CUORGNE - Code eterne al pronto soccorso: i pazienti chiedono aiuto ai carabinieri
Attimi di tensione ieri sera, poco prima di mezzanotte, al pronto soccorso dell'ospedale di Cuorgnè. Alcuni pazienti, dopo ore di attesa nei corridoi della struttura, hanno chiamato i carabinieri e la centrale del 118 per segnalare la carenza di personale e le conseguenti code per accedere al pronto soccorso. Alcuni parenti hanno inveito contro il personale dell'Asl in servizio. Si è reso necessario l'intervento dei militari per riportare la situazione alla calma. Secondo il racconto dei pazienti, ieri sera c'era un solo medico in servizio al pronto soccorso di Cuorgnè. Circostanza che ha fatto lievitare le attese: una donna, ferita alla testa, è arrivata in ospedale alle due del pomeriggio ed è passata al pronto soccorso solo dopo le 23.30.

In quell'area del nosocomio di riferimento dell'alto Canavese, tra l'altro, sono in corso dei lavori di ammodernamento che interessano proprio il pronto soccorso. L'attuale sistemazione provvisoria, evidentemente, non sta aiutando medici e infermieri ad operare al meglio. Mancherebbero infatti spazi e personale. Questo, unito al picco di ricoveri, sta generando una serie di ampi disagi che, alla fine, finiscono col rallentare le operazioni di soccorso. Secondo alcune testimonianze, tra l'altro, è da mesi che non si registrano miglioramenti nel servizio.

Cronaca
CIRIE' - Così il piromane dei bus è stato preso dai carabinieri - VIDEO
CIRIE
L'attenta visione delle telecamere ha permesso ai militari di identificare il 50enne. Lui stesso, una volta in caserma, ha confessato
IVREA - Modificano una pistola: due eporediesi arrestati dalla polizia
IVREA - Modificano una pistola: due eporediesi arrestati dalla polizia
Gli arrestati, a seguito di perquisizione della loro abitazione, sono stati trovati in possesso di una pistola a tamburo alterata
PONT CANAVESE - Nonnina mette in fuga due ladri: «Il paese vive ormai nel terrore»
PONT CANAVESE - Nonnina mette in fuga due ladri: «Il paese vive ormai nel terrore»
Mercoledì una signora ha sorpreso due ladri all'interno della sua abitazione e li ha costretti alla fuga. In paese è raffica di furti. Nonostante l'aumento dei controlli da parte dei carabinieri i malviventi continuano a fuggire
CHIVASSO - Sicurezza: Vigili urbani con le telecamere sulle divise
CHIVASSO - Sicurezza: Vigili urbani con le telecamere sulle divise
Le telecamere in dotazione alla polizia municipale sono 20, una per ogni agente, e sono costate circa 400 euro ciascuna
RONCO CANAVESE - Il Comune si aggiudica 2 fiori al concorso nazionale Comuni fioriti
RONCO CANAVESE - Il Comune si aggiudica 2 fiori al concorso nazionale Comuni fioriti
Domenica 11 novembre a Bologna si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso nazionale “Comuni Fioriti a Ronco sono state assegnate 2 stelle su 4
ISSIGLIO - Giornata nazionale delle forze armate
ISSIGLIO - Giornata nazionale delle forze armate
Sabato 3 e domenica 4 novembre il comune di Issiglio ha voluto rendere omaggio a chi ci permette di vivere liberamente
VALPERGA-CUORGNE' - Vende hashish ai ragazzini dal bancone del bar: arrestato dai carabinieri
VALPERGA-CUORGNE
Nel bar è stato rinvenuto e sequestrato anche vario materiale sospetto, tra cui un machete, 18 paia di occhiali di marca, una borsa di marca e otto bottiglie di profumi. Il 48enne è stato anche denunciato per ricettazione
PONTE PRETI - Crolla un muretto prima del ponte sul Chiusella - FOTO
PONTE PRETI - Crolla un muretto prima del ponte sul Chiusella - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco di Ivrea, ieri pomeriggio, per il crollo di un parapetto in muratura nei pressi del Ponte Nuovo
VOLPIANO - «Quel porfido è pericoloso ma nessuno interviene»
VOLPIANO - «Quel porfido è pericoloso ma nessuno interviene»
I residenti della zona hanno segnalato il caso al Comune ma il porfido del passaggio pedonale risulta ancora danneggiato
CIRIÈ - Preso il piromane dei bus: ha appiccato il rogo perché non lo facevano salire senza biglietto
CIRIÈ - Preso il piromane dei bus: ha appiccato il rogo perché non lo facevano salire senza biglietto
Un 50enne italiano senza fissa dimora, Roberto M., ha dato fuoco a sette pullman di proprietà della Gtt nel piazzale della stazione «perché non lo facevano salire a bordo senza il biglietto»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore