CUORGNE' - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO

| Un ricordo dell'amministrazione comunale cuorgnatese per l'imprenditore titolare dell'omonima azienda

+ Miei preferiti
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO
Intitolazione ufficiale, questa mattina, per la piazza dedicata all'imprenditore Federico Botto. L'inaugurazione, alla presenza dei discendenti, è stata fortemente voluta dall'amministrazione in occasione di Florarte ed era stata annunciata qualche mese fa in consiglio comunale. Federico Botto nasce a Torino il 18 novembre del 1872 in una numerosa famiglia di origine biellese. Il padre era titolare di un’avviata attività di vendita di generi coloniali con negozio a Torino in via Milano, nei pressi dello storico mercato di Porta Palazzo. Federico è l’ultimo degli 11 fratelli.
 
Compie gli studi obbligatori a Torino, lavorando operosamente nel negozio paterno. Alla chiamata di leva presta il servizio militare nella caserma di Cuorgnè. Concluso il servizio di leva, nel 1895 trova lavoro a Cuorgnè come operaio presso le “Officine Meccaniche Chiantelassa e Gaddò”. Durante il suo soggiorno cuorgnatese conosce Maria Carbonatto di Valperga che sposa pochi anni dopo, nel 1897. Nel 1899 nasce il loro primo figlio Giuseppe a cui seguono Manfredo nel 1900 ed Attilio nel 1902.
 
Nell’anno di nascita del loro primogenito, unitamente ad altri cuorgnatesi, si reca con la famiglia in Romania per lavorare presso le Regie Ferrovie di Bucarest ed in tale città nasce Manfredo. Nel 1901 rientra a Cuorgnè dove acquista un terreno in Corso Principi di Piemonte, la principale direttrice cittadina, su cui costruisce la propria abitazione e l’officina sottostante. Nella stessa casa, al numero civico 16 dell’attuale Via Torino, abitano tuttora i suoi discendenti. Inizialmente la produzione della “Botto Federico” riguardava fonderia di metalli e lavorazione meccanica di particolari per l’agricoltura. 
 
In parallelo anche una curiosa produzione di stampi per caramelle. Con la nascita dell’industria automobilistica a Torino, tale produzione viene convertita in fabbricazione di bronzine per motori per le nuove automobili (Fiat in primis). L’azienda cresce rapidamente contemporaneamente alla diffusione del nuovo mezzo di trasporto ed acquista nuovi clienti produttori di automobili. Per tale attività imprenditoriale, Federico Botto (che aveva contribuito attivamente anche all’industria bellica durante il primo conflitto mondiale) viene insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro nel 1919.
 
La fabbrica diviene un punto fermo per la Città di Cuorgnè, impiegando maestranze sia cuorgnatesi che provenienti dai paesi limitrofi ed offrendo formazione ed opportunità di crescita professionale e personale a molte famiglie canavesane. Federico si distingue inoltre per generose elargizioni al Comune che consentono la creazione dell’asilo cittadino e di altri servizi alla popolazione. Il 20 agosto 1924 muore improvvisamente, lasciando la conduzione dell’azienda in mano ai figli che proseguono con successo l’attività incrementandola fino alla seconda metà del XX secolo. Riposa nel cimitero locale nella tomba di famiglia da lui stesso fatta edificare ed adornata da maestri artigiani canavesani.
Galleria fotografica
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 1
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 2
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 3
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 4
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 5
Cronaca
CANAVESE - L'Asl To4 avvia la campagna delle vaccinazioni obbligatorie per i bambini
CANAVESE - L
Se entro il 31 agosto 2017 non sarą recapitata alcuna comunicazione, significa che il proprio figlio risulta regolarmente vaccinato e, pertanto, sarą sufficiente compilare e firmare un’autocertificazione scaricabile anche su internet
TRAGEDIA A QUASSOLO - Cade nel canale con l'auto e muore: una donna di Tavagnasco non ha avuto scampo - FOTO
TRAGEDIA A QUASSOLO - Cade nel canale con l
Il dramma si č consumato questa mattina poco dopo le undici. Inutili tutti i soccorsi. L'auto della donna si č ribaltata cadendo nel canale. L'abitacolo č stato invaso dall'acqua e l'automobilista non č riuscita a uscire
SAN GIUSTO - Incidente stradale: giovane motociclista ferito
SAN GIUSTO - Incidente stradale: giovane motociclista ferito
Il ventiduenne č stato soccorso dal personale del 118 e trasportato in elicottero al Cto. Ha riportato diverse fratture
SCARMAGNO - Muore in ospedale dopo il ritrovamento nel bosco: accertamenti della procura di Ivrea in corso
SCARMAGNO - Muore in ospedale dopo il ritrovamento nel bosco: accertamenti della procura di Ivrea in corso
La procura valuterą eventuali profili penali relativi alla possibile omessa custodia dell'anziano per capire se sono state messe in atto tutte le misure di assistenza sanitaria delle quali necessitava
LOCANA - Sagra del miele: la festa dedicata al mondo delle api
LOCANA - Sagra del miele: la festa dedicata al mondo delle api
Locana si fa portabandiera di tutte le Cittą del Miele piemontesi Bruzolo, Casteldelfino, Marentino, Monteu Roero, Montezemolo, Niella Tanaro e il Parco Alpi Marittime
VOLPIANO - Spaccio di droga e coltivazione di marijuana: operazione congiunta di carabinieri e polizia municipale
VOLPIANO - Spaccio di droga e coltivazione di marijuana: operazione congiunta di carabinieri e polizia municipale
Le indagini sono iniziate analizzando le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza installate dall'amministrazione comunale. Indagini che si sono concluse martedģ 11 luglio con un arresto e due denunce
STRAGE DI CASELLE - Intera famiglia uccisa a coltellate: carcere a vita per il killer e l'ideatrice del massacro
STRAGE DI CASELLE - Intera famiglia uccisa a coltellate: carcere a vita per il killer e l
Ergastolo confermato anche in Cassazione: Giorgio Palmieri e la moglie Dorotea De Pippo rimarranno per tutta la vita in carcere per aver pianificato e realizzato la strage che il 3 gennaio 2014 a Caselle
CASTELLAMONTE - La casetta di Celestina non sarą abbattuta
CASTELLAMONTE - La casetta di Celestina non sarą abbattuta
L'ambulatorio della guaritrice che combatteva il fuoco di Sant’Antonio č finito in tribunale. La donna č scomparsa due anni fa
CUORGNE - Taglio del nastro per l'Agenzia delle Entrate - VIDEO
CUORGNE - Taglio del nastro per l
Dopo il trasloco dagli uffici di corso Roma il servizio si č trasferito interamente al terzo piano della vecchia Manifattura
BORGARO - Ancora un crollo da un palazzo: psicosi in cittą - FOTO
BORGARO - Ancora un crollo da un palazzo: psicosi in cittą - FOTO
Dopo l'episodio di via Spagna oggi pomeriggio nuovo allarme per dei pezzi di paramano crollati da un palazzo di via Settimo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore