CUORGNE' - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO

| Un ricordo dell'amministrazione comunale cuorgnatese per l'imprenditore titolare dell'omonima azienda

+ Miei preferiti
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO
Intitolazione ufficiale, questa mattina, per la piazza dedicata all'imprenditore Federico Botto. L'inaugurazione, alla presenza dei discendenti, è stata fortemente voluta dall'amministrazione in occasione di Florarte ed era stata annunciata qualche mese fa in consiglio comunale. Federico Botto nasce a Torino il 18 novembre del 1872 in una numerosa famiglia di origine biellese. Il padre era titolare di un’avviata attività di vendita di generi coloniali con negozio a Torino in via Milano, nei pressi dello storico mercato di Porta Palazzo. Federico è l’ultimo degli 11 fratelli.
 
Compie gli studi obbligatori a Torino, lavorando operosamente nel negozio paterno. Alla chiamata di leva presta il servizio militare nella caserma di Cuorgnè. Concluso il servizio di leva, nel 1895 trova lavoro a Cuorgnè come operaio presso le “Officine Meccaniche Chiantelassa e Gaddò”. Durante il suo soggiorno cuorgnatese conosce Maria Carbonatto di Valperga che sposa pochi anni dopo, nel 1897. Nel 1899 nasce il loro primo figlio Giuseppe a cui seguono Manfredo nel 1900 ed Attilio nel 1902.
 
Nell’anno di nascita del loro primogenito, unitamente ad altri cuorgnatesi, si reca con la famiglia in Romania per lavorare presso le Regie Ferrovie di Bucarest ed in tale città nasce Manfredo. Nel 1901 rientra a Cuorgnè dove acquista un terreno in Corso Principi di Piemonte, la principale direttrice cittadina, su cui costruisce la propria abitazione e l’officina sottostante. Nella stessa casa, al numero civico 16 dell’attuale Via Torino, abitano tuttora i suoi discendenti. Inizialmente la produzione della “Botto Federico” riguardava fonderia di metalli e lavorazione meccanica di particolari per l’agricoltura. 
 
In parallelo anche una curiosa produzione di stampi per caramelle. Con la nascita dell’industria automobilistica a Torino, tale produzione viene convertita in fabbricazione di bronzine per motori per le nuove automobili (Fiat in primis). L’azienda cresce rapidamente contemporaneamente alla diffusione del nuovo mezzo di trasporto ed acquista nuovi clienti produttori di automobili. Per tale attività imprenditoriale, Federico Botto (che aveva contribuito attivamente anche all’industria bellica durante il primo conflitto mondiale) viene insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro nel 1919.
 
La fabbrica diviene un punto fermo per la Città di Cuorgnè, impiegando maestranze sia cuorgnatesi che provenienti dai paesi limitrofi ed offrendo formazione ed opportunità di crescita professionale e personale a molte famiglie canavesane. Federico si distingue inoltre per generose elargizioni al Comune che consentono la creazione dell’asilo cittadino e di altri servizi alla popolazione. Il 20 agosto 1924 muore improvvisamente, lasciando la conduzione dell’azienda in mano ai figli che proseguono con successo l’attività incrementandola fino alla seconda metà del XX secolo. Riposa nel cimitero locale nella tomba di famiglia da lui stesso fatta edificare ed adornata da maestri artigiani canavesani.
Galleria fotografica
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 1
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 2
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 3
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 4
CUORGNE - Intitolata la piazza a Federico Botto - FOTO - immagine 5
Cronaca
CANAVESE - Tutti giù per terra: con neve e ghiaccio raffica di ricoverati. In 107 al pronto soccorso...
CANAVESE - Tutti giù per terra: con neve e ghiaccio raffica di ricoverati. In 107 al pronto soccorso...
Mezzo Canavese ha dovuto fare i conti con marciapiedi e strade impraticabili a causa prima della neve e poi del ghiaccio che si è andato a formare in virtù della mancata pulizia... E dire che la nevicata era stata ampiamente prevista...
CASELLE-TORINO - Sette persone arrestate dalla polizia stradale
CASELLE-TORINO - Sette persone arrestate dalla polizia stradale
Operazione «Bombolo» della polizia stradale contro una banda accusata di furto pluriaggravato, ricettazione e riciclaggio
SAN GIORGIO CANAVESE - Fuga di monossido a scuola: lunedì riprenderanno le lezioni
SAN GIORGIO CANAVESE - Fuga di monossido a scuola: lunedì riprenderanno le lezioni
La scuola elementare riprenderà lunedì 18 dicembre nei locali della Scuola Media Statale di San Giorgio in via Boggio, con orari regolari dalle 8.30 alle 16.30. Intanto le indagini della procura di Ivrea continuano
RIVAROLO - La città perde anche il museo delle auto storiche del Vallesusa
RIVAROLO - La città perde anche il museo delle auto storiche del Vallesusa
Possibile un trasloco in Manifattura a Cuorgnè. L'addio della galleria ultimo disastro del fallimento della Rivarolo Futura
DROGA - Controlli della Finanza nelle stazioni ferroviarie
DROGA - Controlli della Finanza nelle stazioni ferroviarie
Le unità cinofile del Gruppo Torino, hanno identificato centinaia di persone sia all'interno che all'esterno delle stazioni
IVREA - Omicidio di un ex dipendente della Olivetti scomparso nel nulla: il fratello va a processo
IVREA - Omicidio di un ex dipendente della Olivetti scomparso nel nulla: il fratello va a processo
La procura ha chiesto il rinvio a giudizio per Salvatore Angemi, 55 anni, di Ivrea, accusato di aver fatto sparire il fratello Angelo. Dovrà rispondere di omicidio volontario, abbandono di incapace e truffa ai danni dello Stato
IVREA - Le stupende foto di John Phillips al museo civico Garda
IVREA - Le stupende foto di John Phillips al museo civico Garda
L'obiettivo di John Phillips sul mondo. Dalla guerra mondiale alla nascita della Repubblica Italiana. Aperta fino al 4 marzo
EDITORIA - Fondi ai giornali locali in Canavese, condannati gli ex editori
EDITORIA - Fondi ai giornali locali in Canavese, condannati gli ex editori
Il procedimento penale in questione era nato da un esposto conoscitivo e da una segnalazione fatta dal sindacato dei giornalisti di Torino
VOLPIANO - Elicottero caduto, il ricordo dei carabinieri periti - FOTO
VOLPIANO - Elicottero caduto, il ricordo dei carabinieri periti - FOTO
Oggi pomeriggio a Volpiano, il comandante Generale dell’Arma, Generale Tullio Del Sette ha ricordato i militari morti
LEINI - L'eccellenza del centro medico della Juve per «Gli Amici di Matteo»
LEINI - L
Al centro di Leini de «Gli Amici di Matteo», un'equipe si occuperà della riabilitazione logopedica e neuropsicomotoria
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore