CUORGNE'-IVREA - Supporto alle famiglie che affrontano i tumori

| L'Asl To4 estende il Progetto Protezione Famiglie Fragili, ideato dalla Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d'Aosta

+ Miei preferiti
CUORGNE-IVREA - Supporto alle famiglie che affrontano i tumori
L'Asl TO4 estende il Progetto Protezione Famiglie Fragili, ideato dalla Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, ai Presidi Ospedalieri di Ivrea e di Cuorgnè e ai rispettivi Distretti, completando così l’attivazione del Progetto su tutto il territorio dell’Azienda. Il Progetto Protezione Famiglie Fragili si pone come obiettivo quello di costruire un servizio di accoglienza e di risposta ai bisogni psicologici, assistenziali, sociali per le famiglie che affrontano la malattia oncologica e che presentano caratteristiche di maggiore vulnerabilità. Sono considerati elementi di “fragilità” la presenza, nella famiglia della persona ammalata di tumore, di bambini e/o adolescenti, di altri componenti affetti da patologia organica, psichiatrica, da disabilità e/o da grave disagio, da dipendenze patologiche, l’appartenenza a nuclei familiari ristretti e isolati, anziani soli, famiglie con precedenti esperienze traumatiche o in lutto, famiglie con disagio economico e famiglie con difficoltà all’integrazione sociale, linguistica e culturale.

I destinatari del PPFF esteso all’area di Ivrea-Cuorgnè sono le famiglie fragili il cui componente affetto da malattia oncologica sia seguito dalle strutture operative di Oncologia o di Ematologia dei Presidi Ospedalieri di Ivrea e di Cuorgnè o di altre Aziende Sanitarie. In questo modo, su proposta del Dipartimento della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, si estende a tutta l’ASL TO4 il Progetto già attivo da molti anni nel Presidio Ospedaliero di Ciriè-Lanzo e nel rispettivo Distretto di Ciriè-Lanzo e, più recentemente, nel Presidio Ospedaliero di Chivasso e nei rispettivi Distretti di Chivasso-San Mauro e di Settimo Torinese. Il Progetto prevede il coinvolgimento di numerosi Servizi dell’Azienda, ospedalieri e territoriali: Oncologia, Ematologia, Servizio Sociale Ospedaliero, Psiconcologia, Distretti sanitari, Medici di Famiglia e Pediatri di Libera Scelta, Neuropsichiatria Infantile, Centro di Salute Mentale, Servizio per le Dipendenze (SerD). Per il raggiungimento dell’obiettivo progettuale è anche fondamentale la collaborazione dei Servizi Sociali Territoriali e, soprattutto, delle Organizzazioni no-profit del territorio.

«L’obiettivo specifico del progetto – precisa il Direttore Generale dell'Asl To4, Lorenzo Ardissone – non è quello di sostituire i Servizi già operanti in ospedale o sul territorio, ma di creare delle sinergie con i servizi stessi intervenendo con proprie risorse per contribuire a supportare la famiglia in condizione di fragilità. Tra le risorse del PPFF vi sono psicologi, assistenti sociali, educatori per il sostegno ai minori e volontari. E l’impegno dei volontari ha un valore inestimabile”. I volontari, infatti, accompagnano le persone malate o i familiari nei luoghi di cura, svolgono atti burocratici, amministrativi per la persona e la sua famiglia, sostengono con interventi economici la famiglia in difficoltà, accompagnano a scuola bambini e ragazzi, forniscono sostegno nelle attività quotidiane indispensabili per la gestione familiare quando un componente del nucleo è gravemente ammalato. Lo scorso anno l’ASL TO4 ha incontrato le Organizzazioni no profit dell’area di Ivrea-Cuorgnè per presentare il PPFF e per richiedere di aderirvi. Le Organizzazioni no profit aderenti al Progetto hanno poi creato un gruppo esecutivo di lavoro costituito da una Onlus capofila, L’Orizzonte – Centro di Solidarietà Eporediese, e da altre Organizzazioni che l’affiancano: l’Associazione Casainsieme la Cooperativa Sociale Pollicino, il Patronato Epaca e i Rotary Club di Ivrea e di Cuorgnè e Canavese.

Per quanto riguarda le modalità organizzative del Progetto, l’identificazione delle famiglie fragili può essere effettuata dalle strutture ospedaliere di Oncologia o di Ematologia dei Presidi ospedalieri di Ivrea e di Cuorgnè o da altre strutture operative di questi Presidi, dai Distretti sanitari di Ivrea e di Cuorgnè, dai Medici di Famiglia o dai Pediatri di Libera Scelta di riferimento del territorio. Il Servizio che identifica la famiglia fragile la segnala alla mini équipe ospedaliera costituita dalla psiconcologa e dall’assistente sociale ospedaliera. La mini équipe, a sua volta, valutata la necessità di inserire la famiglia nel Progetto e la tipologia del bisogno, segnala la famiglia fragile all’Organizzazione no profit capofila, che si attiva direttamente o tramite le altre Organizzazioni no profit aderenti al Progetto stesso, e/o ai Servizi aziendali identificati (Neuropsichiatria Infantile, Centro di Salute Mentale, Servizio per le Dipendenze) per creare le necessarie sinergie.

Cronaca
SAN GIORGIO - Ricercato torna in Canavese per incontrare la madre e viene arrestato dai carabinieri
SAN GIORGIO - Ricercato torna in Canavese per incontrare la madre e viene arrestato dai carabinieri
L’attività informativa dei militari della stazione di Castellamonte ha permesso di fermare Fabio Borria, 46 anni, fino ad allora resosi irreperibile all’estero, mentre usciva dall’abitazione dell’anziana donna
SAN GIORGIO CANAVESE-LEINI - Due imprenditori arrestati dalla Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta
SAN GIORGIO CANAVESE-LEINI - Due imprenditori arrestati dalla Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta
Apparentemente nullatenenti ma dall'alto tenore di vita, agli arrestati è stato contestato di aver portato fraudolentemente alla bancarotta una società del Torinese operante nel settore dell'edilizia
CANAVESE - Il Ministero dell'Interno chiude i rubinetti: in difficoltà le associazioni che si occupano dei richiedenti asilo
CANAVESE - Il Ministero dell
Tra queste non fa eccezione la Mastropietro, la storica onlus di Cuorgnè che, dal 1984, si occupa di aiutare i più deboli. Sono circa nove mesi che dalla prefettura e dal consorzio Inrete non arriva il dovuto per i richiedenti asilo ospiti
CALUSO-VISCHE-MAZZE' - Nuova raffica di furti nelle case della zona
CALUSO-VISCHE-MAZZE
I malviventi hanno agito soprattutto di notte ma, in alcuni casi, hanno preferito razziare gli alloggi anche nel tardo pomeriggio
IVREA - Il vescovo in palestra per conoscere i corsi di difesa personale
IVREA - Il vescovo in palestra per conoscere i corsi di difesa personale
Ha voluto conoscere di persona l'attività svolta con i giovani, con la boxe utilizzata come strumento di difesa personale
PAVONE-MERCENASCO - Lavori in corso, chiudono due strade provinciali
PAVONE-MERCENASCO - Lavori in corso, chiudono due strade provinciali
Il servizio viabilità della Città metropolitana di Torino informa di alcune limitazioni al traffico sulle strade del Canavese a seguito di due cantieri
OZEGNA - Il commosso addio a nonna Olga: aveva 107 anni
OZEGNA - Il commosso addio a nonna Olga: aveva 107 anni
Nonna Olga, nata in Francia ma originaria del Canavese, iniziò a lavorare ad appena undici anni nel lanificio di Castellamonte
FAVRIA - L'addio della comunità a Giovanni Cena
FAVRIA - L
I funerali avranno luogo in Favria venerdì 22 alle 10 nella chiesa parrocchiale del paese. Veglia di preghiera nella stessa chiesa giovedì 21 alle 20.30
CHIVASSO - Giovani fidanzati spacciano marijuana: un arresto e una denuncia
CHIVASSO - Giovani fidanzati spacciano marijuana: un arresto e una denuncia
I carabinieri di Castiglione hanno arrestato uno studente 18enne, residente a Chivasso, e denunciato la fidanzata di 17
LOMBARDORE - Minaccia la figlia con un'accetta: 83enne denunciato
LOMBARDORE - Minaccia la figlia con un
Durante il sopralluogo dell'abitazione, i carabinieri hanno recuperato due pistole che l'uomo si era fabbricato artigianalmente
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore