CUORGNE'-IVREA - Supporto alle famiglie che affrontano i tumori

| L'Asl To4 estende il Progetto Protezione Famiglie Fragili, ideato dalla Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d'Aosta

+ Miei preferiti
CUORGNE-IVREA - Supporto alle famiglie che affrontano i tumori
L'Asl TO4 estende il Progetto Protezione Famiglie Fragili, ideato dalla Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, ai Presidi Ospedalieri di Ivrea e di Cuorgnè e ai rispettivi Distretti, completando così l’attivazione del Progetto su tutto il territorio dell’Azienda. Il Progetto Protezione Famiglie Fragili si pone come obiettivo quello di costruire un servizio di accoglienza e di risposta ai bisogni psicologici, assistenziali, sociali per le famiglie che affrontano la malattia oncologica e che presentano caratteristiche di maggiore vulnerabilità. Sono considerati elementi di “fragilità” la presenza, nella famiglia della persona ammalata di tumore, di bambini e/o adolescenti, di altri componenti affetti da patologia organica, psichiatrica, da disabilità e/o da grave disagio, da dipendenze patologiche, l’appartenenza a nuclei familiari ristretti e isolati, anziani soli, famiglie con precedenti esperienze traumatiche o in lutto, famiglie con disagio economico e famiglie con difficoltà all’integrazione sociale, linguistica e culturale.

I destinatari del PPFF esteso all’area di Ivrea-Cuorgnè sono le famiglie fragili il cui componente affetto da malattia oncologica sia seguito dalle strutture operative di Oncologia o di Ematologia dei Presidi Ospedalieri di Ivrea e di Cuorgnè o di altre Aziende Sanitarie. In questo modo, su proposta del Dipartimento della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, si estende a tutta l’ASL TO4 il Progetto già attivo da molti anni nel Presidio Ospedaliero di Ciriè-Lanzo e nel rispettivo Distretto di Ciriè-Lanzo e, più recentemente, nel Presidio Ospedaliero di Chivasso e nei rispettivi Distretti di Chivasso-San Mauro e di Settimo Torinese. Il Progetto prevede il coinvolgimento di numerosi Servizi dell’Azienda, ospedalieri e territoriali: Oncologia, Ematologia, Servizio Sociale Ospedaliero, Psiconcologia, Distretti sanitari, Medici di Famiglia e Pediatri di Libera Scelta, Neuropsichiatria Infantile, Centro di Salute Mentale, Servizio per le Dipendenze (SerD). Per il raggiungimento dell’obiettivo progettuale è anche fondamentale la collaborazione dei Servizi Sociali Territoriali e, soprattutto, delle Organizzazioni no-profit del territorio.

«L’obiettivo specifico del progetto – precisa il Direttore Generale dell'Asl To4, Lorenzo Ardissone – non è quello di sostituire i Servizi già operanti in ospedale o sul territorio, ma di creare delle sinergie con i servizi stessi intervenendo con proprie risorse per contribuire a supportare la famiglia in condizione di fragilità. Tra le risorse del PPFF vi sono psicologi, assistenti sociali, educatori per il sostegno ai minori e volontari. E l’impegno dei volontari ha un valore inestimabile”. I volontari, infatti, accompagnano le persone malate o i familiari nei luoghi di cura, svolgono atti burocratici, amministrativi per la persona e la sua famiglia, sostengono con interventi economici la famiglia in difficoltà, accompagnano a scuola bambini e ragazzi, forniscono sostegno nelle attività quotidiane indispensabili per la gestione familiare quando un componente del nucleo è gravemente ammalato. Lo scorso anno l’ASL TO4 ha incontrato le Organizzazioni no profit dell’area di Ivrea-Cuorgnè per presentare il PPFF e per richiedere di aderirvi. Le Organizzazioni no profit aderenti al Progetto hanno poi creato un gruppo esecutivo di lavoro costituito da una Onlus capofila, L’Orizzonte – Centro di Solidarietà Eporediese, e da altre Organizzazioni che l’affiancano: l’Associazione Casainsieme la Cooperativa Sociale Pollicino, il Patronato Epaca e i Rotary Club di Ivrea e di Cuorgnè e Canavese.

Per quanto riguarda le modalità organizzative del Progetto, l’identificazione delle famiglie fragili può essere effettuata dalle strutture ospedaliere di Oncologia o di Ematologia dei Presidi ospedalieri di Ivrea e di Cuorgnè o da altre strutture operative di questi Presidi, dai Distretti sanitari di Ivrea e di Cuorgnè, dai Medici di Famiglia o dai Pediatri di Libera Scelta di riferimento del territorio. Il Servizio che identifica la famiglia fragile la segnala alla mini équipe ospedaliera costituita dalla psiconcologa e dall’assistente sociale ospedaliera. La mini équipe, a sua volta, valutata la necessità di inserire la famiglia nel Progetto e la tipologia del bisogno, segnala la famiglia fragile all’Organizzazione no profit capofila, che si attiva direttamente o tramite le altre Organizzazioni no profit aderenti al Progetto stesso, e/o ai Servizi aziendali identificati (Neuropsichiatria Infantile, Centro di Salute Mentale, Servizio per le Dipendenze) per creare le necessarie sinergie.

Dove è successo
Cronaca
BORGIALLO - Incontro con l'amministrazione sulla morte del cane Dik
BORGIALLO - Incontro con l
Il gruppo «Giustizia per Dik e la sua famiglia» continua la propria attivitą e ieri č stato ricevuto anche in Comune
LOCANA - Effepi celebra le poesie in lingue e dialetti di tutta Italia
LOCANA - Effepi celebra le poesie in lingue e dialetti di tutta Italia
Sono iscritti autori di poesie in francoprovenzale, in piemontese e nelle altre numerose lingue regionali presenti nel Paese
CHIVASSO - Maestra violenta all'asilo: i genitori chiedono di cacciarla. Indagano i carabinieri
CHIVASSO - Maestra violenta all
La segnalazione, arrivata alla scuola e ai carabinieri, ha fatto scattare gli accertamenti del caso su alcuni episodi che si sarebbero ripetuti dallo scorso ottobre, quando la maestra ha preso in carico la classe composta da 26 bambini
CHIVASSO - Il centro Lions per la raccolta occhiali compie 15 anni
CHIVASSO - Il centro Lions per la raccolta occhiali compie 15 anni
In questi primi 15 anni di attivitą il Centro ha distribuito gratuitamente 1.449.028 paia di occhiali in oltre 70 nazioni del mondo
METEO - Neve anche in pianura, torna il freddo su tutto il Canavese - FOTO
METEO - Neve anche in pianura, torna il freddo su tutto il Canavese - FOTO
E' atteso un weekend perturbato con calo delle temperature, secondo le previsioni di Arpa Piemonte, a causa di un minimo depressionario che convoglia sulla nostra regione masse d'aria umida e instabile
IVREA - Il Consorzio Imprese Canavesane cambia presidente
IVREA - Il Consorzio Imprese Canavesane cambia presidente
Nuovo consiglio direttivo: Barbara Duvall passa il testimone a Cristina Ghringhello; Anna Zanelli nominata vicepresidente
RIVAROLO - Ladri maldestri provocano una fuga di gas in strada
RIVAROLO - Ladri maldestri provocano una fuga di gas in strada
Alcuni residenti, allarmati dall'odore di gas, hanno chiamato il 115. Provvidenziale intervento dei pompieri di Rivarolo
BORGARO - Idioti sfasciano il monumento del Grande Torino
BORGARO - Idioti sfasciano il monumento del Grande Torino
Ignoti hanno spaccato le ali dell'aereo raffigurato contro un muro di mattoni, ovvero la riproduzione della tragedia di Superga
CANAVESE - Timbra il cartellino e va in giro per i propri affari: dirigente della Cittą metropolitana indagato
CANAVESE - Timbra il cartellino e va in giro per i propri affari: dirigente della Cittą metropolitana indagato
Una paziente indagine della Guardia di Finanza del gruppo di Ivrea ha consentito di cogliere sul fatto l'ennesimo "furbetto del cartellino". L'uomo, coordinatore dei cantonieri dell'ex provincia, usava l'auto dell'ente a fini personali
CIRIE' - Insultano i vigili urbani su Facebook: tre indagati
CIRIE
La frase «I vigili prendono le bustarelle dai parcheggiatori abusivi» rischia di costare cara a tre utenti Facebook
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore