CUORGNE' - Omicidio davanti al bar: dopo 39 anni nessun colpevole

| Il caso era stato riaperto a maggio del 2018 dalla procura di Torino nel tentativo di chiarire almeno il movente di quell'agguato

+ Miei preferiti
CUORGNE - Omicidio davanti al bar: dopo 39 anni nessun colpevole
Si chiuderà senza colpevoli l'indagine sull'omicidio di Pasquale Barbarino, 40 anni, panettiere di Caserta ucciso a Cuorgnè la notte del 7 giugno 1980. Il caso era stato riaperto nel maggio del 2018 dalla procura di Torino nel tentativo di chiarire almeno il movente di quell'agguato. Barbarino venne freddato all'uscita di un bar in via Parigi con sette colpi di pistola. Ignoto l'autore materiale dell'omicidio. Dopo un anno e mezzo il pubblico ministero ha chiesto l'archiviazione del fascicolo che vedeva indagato Rocco Schirripa, 66 anni, panettiere di Torrazza Piemonte, già condannato all'ergastolo per l'omicidio del procuratore Capo di Torino Bruno Caccia.

Barbarino con la moglie avevano ospitato per qualche tempo a Cuorgnè una 19enne originaria di Gioiosa Jonica. Secondo gli accertamenti l'uomo avrebbe avuto una relazione con la ragazza. L'agguato, secondo l'ipotesi investigativa, sarebbe stato motivato dalla vendetta per quel comportamento ritenuto disonorevole. Nei mesi scorsi sono state ascoltate diverse persone ma non è emerso nulla di particolarmente rilevante.

Rocco Schirripa, oltretutto, in merito a quel delitto di Cuorgnè, ha raccontato che, quel giorno, era in Calabria in vacanza. Un alibi confermato, tanto che il pubblico ministero ha chiesto l'archiviazione. Il movente e l'assassino di Pasquale Barbarino, a quasi 40 anni dal delitto, continueranno a rimanere ignoti.

Cronaca
CUORGNE' - Incidente stradale in pieno centro - FOTO
CUORGNE
Un cuorgnatese alla guida di una Fiat Panda è andato a schiantarsi contro lo spartitraffico
SAN BENIGNO - «Ho il coronavirus» ma era una notizia falsa
SAN BENIGNO - «Ho il coronavirus» ma era una notizia falsa
Rischia una denuncia per procurato allarme il 17enne che domenica ha diffuso sui propri profili social una notizia fake
ARTE - Il Canavesano Gianni Verna espone al Bisonte di Firenze
ARTE - Il Canavesano Gianni Verna espone al Bisonte di Firenze
In questa mostra «Pinocchio», Verna presenta la sua storia del burattino più famoso del mondo con sei grandi strisce
CORONAVIRUS - Scuole ed economia: il Piemonte attende le decisioni del Governo
CORONAVIRUS - Scuole ed economia: il Piemonte attende le decisioni del Governo
Il Piemonte, ha detto il presidente Cirio, auspica un graduale ritorno alla normalità dalla prossima settimana e attende il decreto con il quale lo Stato assumerà una posizione
CANAVESE - Il festival «Lunathica» è in cerca di nuovi volontari
CANAVESE - Il festival «Lunathica» è in cerca di nuovi volontari
Fervono i preparativi per la XIX edizione di Lunathica - Festival Internazionale di Teatro di Strada dal 29 maggio all'11 luglio 2020
IVREA - Assegnazione del bando poco trasparente: la Croce Rossa vince il ricorso al Tar Piemonte per i servizi del 118
IVREA - Assegnazione del bando poco trasparente: la Croce Rossa vince il ricorso al Tar Piemonte per i servizi del 118
E' da rifare la gara d'appalto per il servizio di trasporto sanitario di emergenza per le postazioni di soccorso dell'ospedale civile di Ivrea e dei Comuni del Canavese. Lo ha stabilito il Tar Piemonte che ha accolto il ricorso della Cri
CASELLE - Incidente stradale tra quattro auto: tre feriti - FOTO
CASELLE - Incidente stradale tra quattro auto: tre feriti - FOTO
Coinvolte nel sinistro una Ford Fiesta, una Wolkswagen Up, una Skoda e una Citroen C2. La Fiesta si è anche ribaltata
CASELLE - Coronavirus, British Airways riduce i voli per Londra
CASELLE - Coronavirus, British Airways riduce i voli per Londra
Al momento, «sono solo tre voli cancellati dalla British Airways tra Torino e Londra. Le date sono il 24, 25 e 26 marzo»
CANDIA CANAVESE - Spaccio di droga: padre, madre e figlio denunciati
CANDIA CANAVESE - Spaccio di droga: padre, madre e figlio denunciati
L'indagine è partita dal blitz messo a segno poche ore prima da un 17enne che spacciava nell'ex officina del nonno
LEINI - L'officina del nonno trasformata in un centro per lo spaccio di droga: 17enne denunciato dai carabinieri
LEINI - L
Per entrare era necessario prendere appuntamento su Instagram o su Telegram digitando la parola segreta. A Leini i militari dell'Arma hanno portato alla luce un centro dello spaccio per ragazzi. Nei guai l'ideatore del «club privato»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore