DRAMMA DI PAVONE - «Chi è senza peccato scagli la prima pietra»

| Riceviamo e pubblichiamo due contributi: il primo del Mir Ivrea e del Centro Gandhi; il secondo di Francesco Galbiati

+ Miei preferiti
DRAMMA DI PAVONE - «Chi è senza peccato scagli la prima pietra»
Riceviamo e pubblichiamo due contributi sulla drammatica vicenda di Pavone Canavese. Il primo del Mir Ivrea e del Centro Gandhi. Il secondo del lettore Francesco Galbiati.

«Ion Stavila, giovane di 24 anni, è stato ucciso a Pavone Canavese, vicino a Ivrea, mentre rubava di notte a una macchinetta di sigarette fuori dalla tabaccheria. Il tabaccaio proprietario della tabaccheria ha sparato verso i tre che compivano la rapina colpendone uno mortalmente con la pistola. Il fatto addolora tutti e fa riflettere. Una persona umana ha perso la vita, un'altra si tormenta pensando a quel che ha fatto. Noi siamo vicini nel dolore ai familiari di entrambi. Quando accade una tragedia si dice: “che almeno serva da lezione perchè non accada più!” Cosa fare perchè non venga più ucciso nessuno? Cosa fare perchè non venga più rapinato nessuno?

La legge di Dio e la legge degli uomini condannano l'omicidio e il furto. Questi sono punti chiari della morale. Così come è chiaro che la vita umana vale più dei beni materiali. Perciò il quinto comandamento viene prima del settimo. E' sì lecito difendere i propri beni, ma non a costo di sopprimere una vita umana, neppure di chi ruba. Perciò deprechiamo la logica, sostenuta e diffusa da certe parti politiche e certi organi di informazione, di una difesa sempre legittima, con qualsiasi mezzo. Questa logica porta a diminuire il senso di compassione, di empatia, di umanità.

Per prevenire altre tragedie simili occorre ribadire, al di sopra di ogni strumentale propaganda, che la vita è un bene inestimabile e indisponibile, che vale più ogni bene materiale. Occorre portare avanti un'opera di educazione ai diritti umani, alla legalità e alla nonviolenza, che è il metodo per realizzare una società meno violenta, meno paurosa, più giusta, più pacifica. Come persone e organizzazioni nonviolente, non approviamo in nessun modo la pena di morte; riteniamo altresì immorale e foriera di altre tragedie la giustificazione dell'uso delle armi e la loro diffusione tra la popolazione civile. La sicurezza dei cittadini è compito delle istituzioni democratiche e non può essere lasciata all'iniziativa privata». Mir Ivrea e Centro Gandhi

----------

«Sono abituato durante i miei giri e rigiri per le strade e i paesi italiani a vederne e sentirne di tutti i colori. Sono anche abituato a vedere città con vigili urbani che quando li cerchi non li trovi; guardie forestali che non si sa dove vanno e cosa fanno... e via di questo passo, così il cittadino, che come sempre se ne frega e crede che tutto gli è concesso perché amico di questo o di quello fa quel che gli pare… e dice quel che gli pare. Mi è capitato di assistere ad una manifestazione in cui, poco deontologicamente, figure istituzionali sono scese in processione per dare solidarietà ad una persona che ha "sparato", uccidendo, per difendere una proprietà che non era la sua. Mentre seguivo la processione ho pensato che presso la Camera Mortuaria del Centro di Medicina Legale non c'era nessuno invece a dire un "requiem" al capezzale della vita spenta. Così differente comportamento mi ha imposto, per la mia profonda deontologia, una analisi/riflessione.

Sui giornali si è parlato di "rapina", a questa voce il Codice Penale recita: chiunque per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, "mediante violenza alla persona"... Ho quindi tratto analisi attenta che non si era trattato di rapina perché non c'era stata violenza alla persona e quindi si era trattato di Furto (reato grave anch'esso) che recita: chiunque si impossessa della cosa altrui sottraendola a chi la detiene… Quindi c'è stato un reato di furto e dolo al "gestore del bar di via Torino" che però non è, da quanto ho poi appreso, colui che ha sparato.

Ho poi visto che attorno al luogo del "fatto" c'è una blindatura di sistema di sorveglianza che è collegata con le forze dell'ordine. e quindi ho anche appurato che durante il furto c'è stato l'incessante suono del sistema d'allarme il che fa presumere che al suo scattare abbia messo in fuga i malviventi… L'esplosione del o dei micidiali colpi o colpo della Taurus 357 (paragonabile per potenza alla 44 del celebre Callaghan, in vendita, senza munizionamento a 560 euro) fatta dal balcone di casa ha necessitato di una mano molto robusta ed esperta visto il "gran rinculo" che questa arma ha.

Ho poi capito che all'arrivo delle forze dell'ordine, come spesso succede, si innesca il solito modus delle mille verità per dirne una e così pensando di meglio giustificare si parla di "una colluttazione"... ma da parte di chi e con chi? E così facendo, involontariamente, si potrebbe innescare una "falsa testimonianza" (per non dire altro). Vado a controllare il Codice Penale e scopro che è punibile più o meno con la stessa pena con cui viene punito un tentato furto. (a questo punto mi pongo una domanda: chi ha sporto la denuncia? il gestore del bar?). Non voglio entrare sulla dinamica del fatto di sangue, questa spetta al Giudice, però mi viene spontaneo di LANCIARE  un appello ai due presunti complici del ragazzo morto: COSTITUITEVI!!!

A parte far pace con la vostra coscienza pensate che al momento penalmente non rischiate una grossa pena, potete fare ammenda e soprattutto potreste portare la VERITA' (che è sempre una sola) per la memoria di chi non c'è più e a cui andrebbe rivolta una preghiera e non parole d'odio come quelle che ho sentito nella fiaccolata capeggiata da figure istituzionali e da alcuni membri del popolo eporediese. Io, come essere umano ho provato profonda vergogna per quello che ho sentito e ho letto e a tutti dico: chi è senza peccato scagli la prima pietra». Francesco Galbiati

Cronaca
RIVAROLO - Incendio in una casa di frazione Pasquaro: salva una pensionata e venticinque cani - FOTO E VIDEO
RIVAROLO - Incendio in una casa di frazione Pasquaro: salva una pensionata e venticinque cani - FOTO E VIDEO
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Ivrea e Castellamonte che hanno messo in sicurezza l'abitazione. Inagibile la cucina che è stata danneggiata dalle fiamme. Sono in corso gli accertamenti per chiarire le cause del rogo
VOLPIANO - Fatture false per ottenere contributi dalla banche: imprenditore nasconde al fisco ricavi per 17 milioni di euro
VOLPIANO - Fatture false per ottenere contributi dalla banche: imprenditore nasconde al fisco ricavi per 17 milioni di euro
È quello che ha scoperto la Guardia di Finanza nel corso di un'indagine nei confronti di una società con sede a Volpiano, leader nel settore dei trasporti. I Finanzieri della Compagnia di Chivasso hanno condotto l'intervento
LEINI - L'addio della comunità a Valentina, aveva solo 35 anni
LEINI - L
Il funerale, inizialmente previsto per oggi in chiesa, si celebrerà in forma consentita dall'ordinanza davanti al cimitero
LAVORO IN CANAVESE - Cantieri di lavoro per over 58: ci sono 32 posti disponibili nei Comuni e nelle Unioni Montane del territorio
LAVORO IN CANAVESE - Cantieri di lavoro per over 58: ci sono 32 posti disponibili nei Comuni e nelle Unioni Montane del territorio
Si tratta di 32 lavoratori, che svolgeranno un massimo di 260 giornate di lavoro nel corso di un anno, affiancando il personale dei comuni nello svolgimento di attività temporanee o straordinarie per interventi nel campo dell'ambiente
FELETTO - Esce di strada sulla 460 e si schianta nel fosso - FOTO
FELETTO - Esce di strada sulla 460 e si schianta nel fosso - FOTO
Incidente stradale, questa sera intorno alle 19, in via Circonvallazione. Ferito, per fortuna in maniera non grave, un pensionato
IVREA - Arrestato il direttore dei lavori della piscina comunale
IVREA - Arrestato il direttore dei lavori della piscina comunale
L'uomo è stato fermato dai militari della finanza mentre riceveva una mazzetta di circa ottomila euro da una ditta della zona
CUORGNE' - Coronavirus: allestita la tenda pre-triage all'ospedale
CUORGNE
Il Comune ha disposto lo stop alla zona blu fino a quando la tenda rimarrà nel parcheggio di fronte al pronto soccorso
SAN GIORGIO - Il carnevale finisce in anticipo per il coronavirus. Il Generale ringrazia tutti
SAN GIORGIO - Il carnevale finisce in anticipo per il coronavirus. Il Generale ringrazia tutti
Il Generale Nicolas Gallicchio ha scritto un apprezzato pensiero su quanto accaduto in questi giorni affidandolo alla propria pagina Facebook
BARBANIA - Marito e moglie uccisi in Colombia: 22 anni per il mandante del duplice omicidio
BARBANIA - Marito e moglie uccisi in Colombia: 22 anni per il mandante del duplice omicidio
I due sono stati uccisi a colpi di pistola, all'uscita di un locale, il 15 giugno 2018. Inizialmente si era pensato ad un omicidio a scopo di rapina. In realtà, come ha ricostruito la polizia, si è trattato di una vera e propria esecuzione
CASTELLAMONTE - Il coronavirus blocca lo storico carnevale
CASTELLAMONTE - Il coronavirus blocca lo storico carnevale
Mercoledì niente sfilata dei carri e niente rogo del Re Pignatun a causa delle disposizioni di sicurezza e salute pubblica
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore