DRAMMA DI PAVONE - «Chi è senza peccato scagli la prima pietra»

| Riceviamo e pubblichiamo due contributi: il primo del Mir Ivrea e del Centro Gandhi; il secondo di Francesco Galbiati

+ Miei preferiti
DRAMMA DI PAVONE - «Chi è senza peccato scagli la prima pietra»
Riceviamo e pubblichiamo due contributi sulla drammatica vicenda di Pavone Canavese. Il primo del Mir Ivrea e del Centro Gandhi. Il secondo del lettore Francesco Galbiati.

«Ion Stavila, giovane di 24 anni, è stato ucciso a Pavone Canavese, vicino a Ivrea, mentre rubava di notte a una macchinetta di sigarette fuori dalla tabaccheria. Il tabaccaio proprietario della tabaccheria ha sparato verso i tre che compivano la rapina colpendone uno mortalmente con la pistola. Il fatto addolora tutti e fa riflettere. Una persona umana ha perso la vita, un'altra si tormenta pensando a quel che ha fatto. Noi siamo vicini nel dolore ai familiari di entrambi. Quando accade una tragedia si dice: “che almeno serva da lezione perchè non accada più!” Cosa fare perchè non venga più ucciso nessuno? Cosa fare perchè non venga più rapinato nessuno?

La legge di Dio e la legge degli uomini condannano l'omicidio e il furto. Questi sono punti chiari della morale. Così come è chiaro che la vita umana vale più dei beni materiali. Perciò il quinto comandamento viene prima del settimo. E' sì lecito difendere i propri beni, ma non a costo di sopprimere una vita umana, neppure di chi ruba. Perciò deprechiamo la logica, sostenuta e diffusa da certe parti politiche e certi organi di informazione, di una difesa sempre legittima, con qualsiasi mezzo. Questa logica porta a diminuire il senso di compassione, di empatia, di umanità.

Per prevenire altre tragedie simili occorre ribadire, al di sopra di ogni strumentale propaganda, che la vita è un bene inestimabile e indisponibile, che vale più ogni bene materiale. Occorre portare avanti un'opera di educazione ai diritti umani, alla legalità e alla nonviolenza, che è il metodo per realizzare una società meno violenta, meno paurosa, più giusta, più pacifica. Come persone e organizzazioni nonviolente, non approviamo in nessun modo la pena di morte; riteniamo altresì immorale e foriera di altre tragedie la giustificazione dell'uso delle armi e la loro diffusione tra la popolazione civile. La sicurezza dei cittadini è compito delle istituzioni democratiche e non può essere lasciata all'iniziativa privata». Mir Ivrea e Centro Gandhi

----------

«Sono abituato durante i miei giri e rigiri per le strade e i paesi italiani a vederne e sentirne di tutti i colori. Sono anche abituato a vedere città con vigili urbani che quando li cerchi non li trovi; guardie forestali che non si sa dove vanno e cosa fanno... e via di questo passo, così il cittadino, che come sempre se ne frega e crede che tutto gli è concesso perché amico di questo o di quello fa quel che gli pare… e dice quel che gli pare. Mi è capitato di assistere ad una manifestazione in cui, poco deontologicamente, figure istituzionali sono scese in processione per dare solidarietà ad una persona che ha "sparato", uccidendo, per difendere una proprietà che non era la sua. Mentre seguivo la processione ho pensato che presso la Camera Mortuaria del Centro di Medicina Legale non c'era nessuno invece a dire un "requiem" al capezzale della vita spenta. Così differente comportamento mi ha imposto, per la mia profonda deontologia, una analisi/riflessione.

Sui giornali si è parlato di "rapina", a questa voce il Codice Penale recita: chiunque per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, "mediante violenza alla persona"... Ho quindi tratto analisi attenta che non si era trattato di rapina perché non c'era stata violenza alla persona e quindi si era trattato di Furto (reato grave anch'esso) che recita: chiunque si impossessa della cosa altrui sottraendola a chi la detiene… Quindi c'è stato un reato di furto e dolo al "gestore del bar di via Torino" che però non è, da quanto ho poi appreso, colui che ha sparato.

Ho poi visto che attorno al luogo del "fatto" c'è una blindatura di sistema di sorveglianza che è collegata con le forze dell'ordine. e quindi ho anche appurato che durante il furto c'è stato l'incessante suono del sistema d'allarme il che fa presumere che al suo scattare abbia messo in fuga i malviventi… L'esplosione del o dei micidiali colpi o colpo della Taurus 357 (paragonabile per potenza alla 44 del celebre Callaghan, in vendita, senza munizionamento a 560 euro) fatta dal balcone di casa ha necessitato di una mano molto robusta ed esperta visto il "gran rinculo" che questa arma ha.

Ho poi capito che all'arrivo delle forze dell'ordine, come spesso succede, si innesca il solito modus delle mille verità per dirne una e così pensando di meglio giustificare si parla di "una colluttazione"... ma da parte di chi e con chi? E così facendo, involontariamente, si potrebbe innescare una "falsa testimonianza" (per non dire altro). Vado a controllare il Codice Penale e scopro che è punibile più o meno con la stessa pena con cui viene punito un tentato furto. (a questo punto mi pongo una domanda: chi ha sporto la denuncia? il gestore del bar?). Non voglio entrare sulla dinamica del fatto di sangue, questa spetta al Giudice, però mi viene spontaneo di LANCIARE  un appello ai due presunti complici del ragazzo morto: COSTITUITEVI!!!

A parte far pace con la vostra coscienza pensate che al momento penalmente non rischiate una grossa pena, potete fare ammenda e soprattutto potreste portare la VERITA' (che è sempre una sola) per la memoria di chi non c'è più e a cui andrebbe rivolta una preghiera e non parole d'odio come quelle che ho sentito nella fiaccolata capeggiata da figure istituzionali e da alcuni membri del popolo eporediese. Io, come essere umano ho provato profonda vergogna per quello che ho sentito e ho letto e a tutti dico: chi è senza peccato scagli la prima pietra». Francesco Galbiati

Cronaca
CUORGNE' - Partita la seconda edizione de «Le voci del racconto»
CUORGNE
Il tema suggerito per quest'anno sarà: "Muri e muretti, i sentieri del paesaggio fuori e dentro di te"
BUSANO - Tenta di portare via due casse dalla festa: fermato
BUSANO - Tenta di portare via due casse dalla festa: fermato
L'episodio a Villanova Canavese. Il giovane, visto il forte afflusso di spettatori, pensava di poter agire indisturbato
LEINI - Uomo ferito con un coltello, ricoverato d'urgenza in ospedale
LEINI - Uomo ferito con un coltello, ricoverato d
L'episodio si è verificato forse al termine di una lite in famiglia. Il ferito è stato soccorso e trasportato in ospedale a Torino
RIVAROLO - L'associazione Liceo Musicale per 1000 corde Fringe
RIVAROLO - L
Uno dei corsi fiori all'occhiello dell’associazione Liceo Musicale di Rivarolo Canavese è quello di arpa diretto da Valeria Delmastro
CERESOLE REALE - Da venerdì, sgomberata la neve in quota, riapre la strada per il Colle del Nivolet - FOTO
CERESOLE REALE - Da venerdì, sgomberata la neve in quota, riapre la strada per il Colle del Nivolet - FOTO
Sulla Provinciale 50 del Nivolet le operazioni di sgombero della neve sono proseguite sino alla fine della scorsa settimana e la riapertura ufficiale al traffico è prevista per venerdì. A luglio e agosto torna «A piedi tra le nuvole»
RIVAROLO-IVREA-LEINI - Controlli della Guardia di Finanza nei «compro-oro» del Canavese: multe per 300 mila euro
RIVAROLO-IVREA-LEINI - Controlli della Guardia di Finanza nei «compro-oro» del Canavese: multe per 300 mila euro
Un cinquantenne, titolare di un compro oro del basso Canavese, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Ivrea per ricettazione: aveva in negozio un centinaio di gioielli in oro di dubbia provenienza già pronti per la fusione
BORGARO - Cade dal tetto e muore: condannato presidente
BORGARO - Cade dal tetto e muore: condannato presidente
L'uomo era precipitato dal tetto di un capanno per attrezzi che stava realizzando all'interno del circolo dei pescatori
CHIVASSO - Esce dalla casa di riposo, trovato morto in un dirupo dopo sedici giorni: la procura apre un'inchiesta
CHIVASSO - Esce dalla casa di riposo, trovato morto in un dirupo dopo sedici giorni: la procura apre un
Il cadavere era in avanzato stato di decomposizione ai margini di un'area boschiva. A dare l'allarme è stato un contadino della zona che, mentre stava lavorando in un campo di sua proprietà nelle vicinanze, ha sentito il cattivo odore
SAN GIORGIO - Incidente sulla Sp53. Due feriti trasportati in elisoccorso al Cto
SAN GIORGIO - Incidente sulla Sp53. Due feriti trasportati in elisoccorso al Cto
Scontro violento tra una moto e una Lancia Ypsilon all'incrocio con via Umberto I. Fortunatamente nessuna persona coinvolta è in pericolo di vita. Traffico in tilt sulla provinciale
QUINCINETTO - Frana, l'Uncem attacca direttamente il concessionario dell'A5
QUINCINETTO - Frana, l
Secondo il presidente Marco Bussone, Ativa deve intervenire e i lavori devono essere a suo carico, visti gli ingenti profitti ottenuti dai pedaggi autostradali, tra i più cari d'Italia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore