DUE CITTA' AL CINEMA - La seconda fase inizia con «Fai bei sogni» - GUARDA IL TRAILER

| Liberamente ispirato al best-seller di Massimo Gramellini, il film è stato scelto dal sindacato nazionale critici cinematografici italiani come il «miglior film dell'anno». La recensione di Santho Iorio

+ Miei preferiti
DUE CITTA AL CINEMA - La seconda fase inizia con «Fai bei sogni» - GUARDA IL TRAILER
Si apre con “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio, liberamente ispirato al best-seller di Massimo Gramellini (edito nel 2012 da Longanesi con 1.350.000 copie vendute), la seconda fase di «Due città al Cinema». Il film è stato scelto dal sindacato nazionale critici cinematografici italiani come il "miglior film dell’anno". L'ultima fatica di Bellocchio ripercorre  tutti i temi a lui cari: la famiglia, il rapporto madre-figlio, la morte, le epoche che si susseguono, l'Italia che cambia.
 
Il film è la storia di un'assenza, quella della madre di Massimo Gramellini, che vive nel ricordo di questa perdita, avvenuta quando lui aveva solo nove anni e su cui scoprirà la verità molti anni dopo, da adulto. Un’assenza, un dolore indicibile, che stravolge la vita di un uomo, che smette di vivere perché è alla disperata ricerca di una presenza e soprattutto di una verità che è evitata inconsciamente.  La morte dell'adorata madre è un lutto mai del tutto elaborato che causerà paure e ansie, insicurezze e sofferenza, in cui l'incapacità di amare, e di vivere, la fanno da padrone. 
 
Bellocchio rispetto a “I Pugni in tasca” ribalta la situazione: la madre di Massimo è piena d'amore e attenzioni nei confronti del figlio, mentre quella di Alessandro è gelida e assente. L'assenza materna è vissuta dal piccolo come se fosse un film dell’orrore (tra Nosferatu e Belfagor) e cresce, suo malgrado, sopportando il peso di quel “nonostante” che diventa evolutivo. La pellicola, in qualche modo, racconta  anche la vita di un orfano dal punto di vista del genitore morto, che ha modo suo, ha perso un figlio.
 
Nei ricordi del protagonista risuona tutto il dolore ipotetico di un genitore che ha abbandonato per sempre il proprio figlio: non solo con la morte, ma anche con un atteggiamento anaffettivo, freddo e autoritario, come nel caso del padre di Massimo. Nel film  si respirano rabbia, amarezza e disillusione, insieme alla malinconia e alla compassione, che lo spettatore prova nei confronti del protagonista. E' impossibile non intenerersi e commuoversi di fronte alla sua ricerca disperata della verità e ai suoi attacchi di panico al pensiero della madre e alla sua incapacità di amare un'altra donna (finché non compare Elisa).
 
Una biografia quella di Gramellini, raccontata e ritratta da Bellocchio con estrema delicatezza, che coniuga il proprio stile con quello del giornalista, dando vita ad una pellicola che rivive l'Italia del passato, ricca di malinconia, disperazione e ricordi cementati, che rimarranno lì per sempre. (Santho Iorio)
Video
Galleria fotografica
DUE CITTA AL CINEMA - La seconda fase inizia con «Fai bei sogni» - GUARDA IL TRAILER - immagine 1
DUE CITTA AL CINEMA - La seconda fase inizia con «Fai bei sogni» - GUARDA IL TRAILER - immagine 2
DUE CITTA AL CINEMA - La seconda fase inizia con «Fai bei sogni» - GUARDA IL TRAILER - immagine 3
DUE CITTA AL CINEMA - La seconda fase inizia con «Fai bei sogni» - GUARDA IL TRAILER - immagine 4
Dove è successo
Cronaca
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
Domenca «Cammin'arte» e alla sera, con la chiusura dei punti mostra alle 20, l'atteso concerto di Francesco Taskayali
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco oggi pomeriggio nei pressi del passaggio a livello della stazione. Indagini sul proprietario del mezzo
CUORGNE' - Paura all'interno della Federal Mogul, scatta l'evacuazione
CUORGNE
L'allarme scattato per una possibile intossicazione nel reparto cuscinetti. Una cinquantina di dipendenti fatti evacuare
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L'ERGASTOLO
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L
Si è chiuso il processo di primo grado per l'omicidio della povera professoressa di Castellamonte. L'ex allievo, reo-confesso del delitto, è stato condannato a trent'anni. Accolta solo in parte la richiesta della procura di Ivrea
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell'assassinio di Gloria Rosboch - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell
Si è chiuso al tribunale di Ivrea, oggi, un altro capitolo della lunga storia che ha portato all'efferato omicidio della professoressa Rosboch. Ecco il riassunto di quanto avvenuto in alcune tappe fondamentali
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
Il piccolo Comune della Valle Soana difende la scelta di ospitare la gara goliardica e benefica dopo le tante polemiche emerse
CUORGNE' - Riparato il Gesù bambino decapitato dai vandali
CUORGNE
La statua affidata alla restauratrice Sara Bertella è stata riconsegnata a Pezzetto in settimana e quindi riposizionata
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
Nei campi vicino alla provinciale è atterrato l'elisoccorso. Dinamica dell'incidente stradale al vaglio dei carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore