DUE CITTA' AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER

| Martedì alle 21.30 al cinema «Margherita» di Cuorgnè, l'appuntamento con la terza fase della rassegna cinematografica. Si comincia con il film rivelazione di «Pif». La recensione in anteprima di Santho Iorio

+ Miei preferiti
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER
L’ex iena Pif, esordisce dietro la macchina da presa con «La mafia uccide solo d’estate» , presentato al «Torino Film Festival» che si aggiudica il premio del pubblico. «Un giorno mi sono fermato e mi sono guardato indietro. E lì, è nata la domanda: ma come è possibile che a Palermo la mafia entrasse così prepotentemente nella vita delle persone e che in pochi dicessero qualcosa?».
 
Pif, a questa domanda, prova a dare una risposta in maniera sarcastica, ma anche toccante. La mafia, in un modo o nell’altro,  ha sempre influenzato la vita di tutti a Palermo. E’ una città in cui la “cultura della mafia” si va formando pian piano ma in modo esponenziale, senza che nemmeno i cittadini se ne rendano ben conto. 
 
La mafia uccide il maresciallo Attilio Bonincontro, ma in una macelleria si vocifera: “Ma quale mafia e mafia! Secunnu mia è tutta ‘na questione di fimmini”. La mafia uccide il brigadiere Filadelfo Aparo, ma dal barbiere  si vocifera:  “Ma quale mafia e mafia! A me una persona che lo conosceva mi ha detto che ‘nquitò una femmina che non doveva ‘nquitare” (disturbare, ndr). La mafia uccide il giornalista Mario Francese, ma in un bar si vocifera: “Era bravo Francese. Però gli piacevano un po’ troppo le gonnelle. Quelle degli altri.”
 
Arturo (Pif) è un bambino, e come tutti i bambini, si fida ciecamente di quello che dicono gli adulti: ascolta anche lui quella frase in macelleria, quella detta dal barbiere e quella chiacchierata al bar. E sono proprio tutte queste frasi che lo fanno convincere di una cosa: che non bisogna dichiararsi, figuriamoci innamorarsi. Perché se lo fai, la mafia ti prende e ti ammazza. Purtroppo in classe di Arturo, c’è una bellissima  bambina che gli piace: si chiama Flora (Cristiana Capotondi).
A fare da sfondo a questa storia d’amore, che dalle elementari arriva fino all’età adulta dei due, ci sono gli avvenimenti di mafia degli anni ‘80:  tra tutti anche l’assassinio del giudice Rocco Chinnici, che nel film abita nello stesso stabile di Flora, e sa della storia d’amore tra i due ragazzi. 
 
La bellezza del film è tutta nell’unione  armoniosa tra realtà e finzione, come avviene nelle scene realmente accadute che -messe nel contesto del film- sembrano  inventate ed invece…  Davvero esistite, si pensi alla  dichiarazione  resa da Giulio Andreotti sul perché non andò al funerale del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa: “Preferisco andare ai battesimi piuttosto che ai funerali”. “La mafia uccide solo d’estate” è una delle operazioni più riuscite e intelligenti fatte dal cinema italiano negli ultimi anni perché ci aiuta a solidificare la memoria e a renderla indistruttibile, attraverso un film, con un sorriso.
 
Alla serata di Cuorgnè sarà presente il presidio «Luigi Ioculano» di Libera.
 
LA SCHEDA
Regia: Pierfrancesco Diliberto – PIF
Nazionalità: Italia 2013
Genere: Drammatico
Interpreti: Cristiana Capotondi (Flora), Pierfrancesco Diliberto «Pif» (Arturo), Ginevra Antona (Flora bambina),Alex Bisconti (Arturo bambino) Claudio Gioè (Johnny), Ninni Bruschetta  (Fra Giacinto), Barbara Tabita (Maria Pia),Rosario Lisma (Lorenzo)
Durata: 90 minuti 
 
Pierfrancesco Diliberto, in arte «Pif» (Palermo, Italia, 1972), si è avvicinato al mondo del cinema lavorando nella produzione di “Un tè con Mussolini” (1998) di Franco Zeffirelli e “I cento passi” (1999) di Marco Tullio Giordana. Nel frattempo, dopo aver vinto un concorso per autori televisivi di Mediaset nel 1998, ha iniziato a scrivere per la televisione e per  “Le Iene2, di cui è diventato inviato. Dal 2007 ha iniziato a lavorare al programma di Mtv Il testimone e nel 2012, in occasione del ventesimo anniversario dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ha scritto il racconto “Sarà stata una fuga di gas”, pubblicato nella raccolta “Dove eravamo”. Vent’anni dopo Capaci e via D’Amelio. “La mafia uccide solo d’estate” è il suo primo film da regista.
 
Video
Galleria fotografica
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 1
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 2
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 3
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 4
Cronaca
CASTELLAMONTE - Vende auto col contachilometri taroccato a un disabile che lo denuncia
CASTELLAMONTE - Vende auto col contachilometri taroccato a un disabile che lo denuncia
Nei guai il titolare di un concessionario di auto. All'atto della vendita, l'uomo ha dichiarato su un'utilitaria circa 100 mila chilometri: in realtà il mezzo ne aveva percorsi quasi il doppio. Il raggiro non è andato a buon fine
FAVRIA - Incidente stradale: auto finisce contro una casa - FOTO
FAVRIA - Incidente stradale: auto finisce contro una casa - FOTO
Il mezzo, per fortuna, ha solo sfiorato una centralina del gas metano. La dinamica è ora al vaglio dei carabinieri
PONT CANAVESE - Un annullo filatelico per il «Concert dla Rua»
PONT CANAVESE - Un annullo filatelico per il «Concert dla Rua»
Poste Italiane, in occasione della XXIII^ Edizione «Concert dla Rua» la notte della Pace, partecipa con un annullo filatelico
CALUSO - Ha un rapporto con una prostituta poi la rapina
CALUSO - Ha un rapporto con una prostituta poi la rapina
I due si sono appartati lungo una strada di campagna tra Caluso e Barone. Dopo il rapporto l'uomo l'ha rapinata
CERESOLE-LOCANA - In volo con le api e gli aquiloni
CERESOLE-LOCANA - In volo con le api e gli aquiloni
Proseguono le escursioni in bus da Torino, con partenza dalla stazione di Porta Susa, proposte dal circuito "Strada Gran Paradiso"
PAVONE CANAVESE - Trovato morto nel torrente Chiusella: dramma per un pescatore
PAVONE CANAVESE - Trovato morto nel torrente Chiusella: dramma per un pescatore
Saranno le indagini dei carabinieri della compagnia di Ivrea a fare luce sulla morte di un pescatore residente in zona trovato privo di vita, ieri sera, nelle acque del torrente Chiusella. A dare l'allarme sono stati i figli dell'uomo
COLLERETTO G. - Il Bioindustry Park nel network della ricerca
COLLERETTO G. - Il Bioindustry Park nel network della ricerca
Sono stati sottoscritti gli accordi tra l'Infn Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e i primi Bic Business Innovation Centre
MONGOL RALLY - Si spacca il vetro ma «Il Pandone» viaggia lo stesso - FOTO
MONGOL RALLY - Si spacca il vetro ma «Il Pandone» viaggia lo stesso - FOTO
Il duo di Valperga, a bordo di una mitica Panda (vecchio modello) ha già dovuto dribblare alla Cristiano Ronaldo alcune inevitabili sfighe...
VIALFRE' - Torna Apolide, il «Green Man Festival» italiano nell'area naturalistica Pianezze
VIALFRE
Apolide significa senza cittadinanza, senza casa. Il festival nasce 15 anni fa grazie all'associazione To Locals, nel piccolo paese di Alpette con il nome di Alpette Rock Free Festival
IVREA - Operaio muore punto da una vespa: condannato il datore di lavoro
IVREA - Operaio muore punto da una vespa: condannato il datore di lavoro
E' quanto ha deciso oggi il giudice Ludovico Morello del tribunale di Ivrea a conclusione del processo di primo grado che vedeva alla sbarra, per omicidio colposo, un imprenditore di 46 anni del cuneese. La vittima aveva 44 anni
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore