DUE CITTA' AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER

| Martedì alle 21.30 al cinema «Margherita» di Cuorgnè, l'appuntamento con la terza fase della rassegna cinematografica. Si comincia con il film rivelazione di «Pif». La recensione in anteprima di Santho Iorio

+ Miei preferiti
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER
L’ex iena Pif, esordisce dietro la macchina da presa con «La mafia uccide solo d’estate» , presentato al «Torino Film Festival» che si aggiudica il premio del pubblico. «Un giorno mi sono fermato e mi sono guardato indietro. E lì, è nata la domanda: ma come è possibile che a Palermo la mafia entrasse così prepotentemente nella vita delle persone e che in pochi dicessero qualcosa?».
 
Pif, a questa domanda, prova a dare una risposta in maniera sarcastica, ma anche toccante. La mafia, in un modo o nell’altro,  ha sempre influenzato la vita di tutti a Palermo. E’ una città in cui la “cultura della mafia” si va formando pian piano ma in modo esponenziale, senza che nemmeno i cittadini se ne rendano ben conto. 
 
La mafia uccide il maresciallo Attilio Bonincontro, ma in una macelleria si vocifera: “Ma quale mafia e mafia! Secunnu mia è tutta ‘na questione di fimmini”. La mafia uccide il brigadiere Filadelfo Aparo, ma dal barbiere  si vocifera:  “Ma quale mafia e mafia! A me una persona che lo conosceva mi ha detto che ‘nquitò una femmina che non doveva ‘nquitare” (disturbare, ndr). La mafia uccide il giornalista Mario Francese, ma in un bar si vocifera: “Era bravo Francese. Però gli piacevano un po’ troppo le gonnelle. Quelle degli altri.”
 
Arturo (Pif) è un bambino, e come tutti i bambini, si fida ciecamente di quello che dicono gli adulti: ascolta anche lui quella frase in macelleria, quella detta dal barbiere e quella chiacchierata al bar. E sono proprio tutte queste frasi che lo fanno convincere di una cosa: che non bisogna dichiararsi, figuriamoci innamorarsi. Perché se lo fai, la mafia ti prende e ti ammazza. Purtroppo in classe di Arturo, c’è una bellissima  bambina che gli piace: si chiama Flora (Cristiana Capotondi).
A fare da sfondo a questa storia d’amore, che dalle elementari arriva fino all’età adulta dei due, ci sono gli avvenimenti di mafia degli anni ‘80:  tra tutti anche l’assassinio del giudice Rocco Chinnici, che nel film abita nello stesso stabile di Flora, e sa della storia d’amore tra i due ragazzi. 
 
La bellezza del film è tutta nell’unione  armoniosa tra realtà e finzione, come avviene nelle scene realmente accadute che -messe nel contesto del film- sembrano  inventate ed invece…  Davvero esistite, si pensi alla  dichiarazione  resa da Giulio Andreotti sul perché non andò al funerale del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa: “Preferisco andare ai battesimi piuttosto che ai funerali”. “La mafia uccide solo d’estate” è una delle operazioni più riuscite e intelligenti fatte dal cinema italiano negli ultimi anni perché ci aiuta a solidificare la memoria e a renderla indistruttibile, attraverso un film, con un sorriso.
 
Alla serata di Cuorgnè sarà presente il presidio «Luigi Ioculano» di Libera.
 
LA SCHEDA
Regia: Pierfrancesco Diliberto – PIF
Nazionalità: Italia 2013
Genere: Drammatico
Interpreti: Cristiana Capotondi (Flora), Pierfrancesco Diliberto «Pif» (Arturo), Ginevra Antona (Flora bambina),Alex Bisconti (Arturo bambino) Claudio Gioè (Johnny), Ninni Bruschetta  (Fra Giacinto), Barbara Tabita (Maria Pia),Rosario Lisma (Lorenzo)
Durata: 90 minuti 
 
Pierfrancesco Diliberto, in arte «Pif» (Palermo, Italia, 1972), si è avvicinato al mondo del cinema lavorando nella produzione di “Un tè con Mussolini” (1998) di Franco Zeffirelli e “I cento passi” (1999) di Marco Tullio Giordana. Nel frattempo, dopo aver vinto un concorso per autori televisivi di Mediaset nel 1998, ha iniziato a scrivere per la televisione e per  “Le Iene2, di cui è diventato inviato. Dal 2007 ha iniziato a lavorare al programma di Mtv Il testimone e nel 2012, in occasione del ventesimo anniversario dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ha scritto il racconto “Sarà stata una fuga di gas”, pubblicato nella raccolta “Dove eravamo”. Vent’anni dopo Capaci e via D’Amelio. “La mafia uccide solo d’estate” è il suo primo film da regista.
 
Video
Galleria fotografica
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 1
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 2
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 3
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 4
Cronaca
FAVRIA - Cornicione pericolante dalla chiesa: intervento dei vigili del fuoco - FOTO
FAVRIA - Cornicione pericolante dalla chiesa: intervento dei vigili del fuoco - FOTO
Alle 17, invece, i vigili del fuoco di Rivarolo Canavese e Volpiano sono intervenuti in una villetta di San Giusto Canavese per un incendio camino
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
L'uomo, sposato, padre di due figli, muratore fino ad allora incensurato, ora dovrà scontare una pena di oltre quattro anni
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell'uomo» - LA FOTO
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell
Giuseppe Laforè, 24 anni, detto Alex, braccato da carabinieri e polizia è stato fermato ieri sera a Torino. Giovedì scorso, al culmine di una lite con il padre dell'ex fidanzata, ha sparato diversi colpi uccidento Laurent Radici, 44 anni
VALPRATO - Il Comune cerca un nuovo gestore per bar e pizzeria
VALPRATO - Il Comune cerca un nuovo gestore per bar e pizzeria
Il giovane imprenditore che gestisce da alcuni mesi la struttura ha rinunciato da pochi giorni alla gestione per motivi privati
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - ARRESTATO L'ASSASSINO DI LAURENT RADICI: E' IL FIDANZATO DELLA FIGLIA
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - ARRESTATO L
Si è costituito a Torino, nella tarda serata di ieri, Giuseppe Laforè, 25 anni, un nomade sinti di Romano Canavese, accusato dell'omicidio di Laurent Radici, il 44enne di San Giorgio ucciso la scorsa settimana con un colpo di pistola
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
Tra le motivazioni i carichi di lavoro, tensione nel comando, ambiente insostenibile, richieste di trasferimento negate
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
Da lunedì verrà eseguito un intervento di abbattimento del primo filare di platani nei Giardini della stazione ferroviaria
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
Due donne, hanno approfittato di un momento di confusione all'interno del locale per impossessarsi del barattolo contenente le mance. Appena si sono accorti del furto, i titolari sono andati a visionare le immagini di videosorveglianza
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
Tutto il sistema operativo regionale Antincendi boschivi continua a essere allertato sull'intero territorio piemontese, pronto a intervenire in caso di necessità
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
Code e traffico in tilt in centro. «Colpa» della rotonda di porta Vercelli. Indagine del Comune in corso per nuove modifiche
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore