DUE CITTA' AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER

| Martedì alle 21.30 al cinema «Margherita» di Cuorgnè, l'appuntamento con la terza fase della rassegna cinematografica. Si comincia con il film rivelazione di «Pif». La recensione in anteprima di Santho Iorio

+ Miei preferiti
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER
L’ex iena Pif, esordisce dietro la macchina da presa con «La mafia uccide solo d’estate» , presentato al «Torino Film Festival» che si aggiudica il premio del pubblico. «Un giorno mi sono fermato e mi sono guardato indietro. E lì, è nata la domanda: ma come è possibile che a Palermo la mafia entrasse così prepotentemente nella vita delle persone e che in pochi dicessero qualcosa?».
 
Pif, a questa domanda, prova a dare una risposta in maniera sarcastica, ma anche toccante. La mafia, in un modo o nell’altro,  ha sempre influenzato la vita di tutti a Palermo. E’ una città in cui la “cultura della mafia” si va formando pian piano ma in modo esponenziale, senza che nemmeno i cittadini se ne rendano ben conto. 
 
La mafia uccide il maresciallo Attilio Bonincontro, ma in una macelleria si vocifera: “Ma quale mafia e mafia! Secunnu mia è tutta ‘na questione di fimmini”. La mafia uccide il brigadiere Filadelfo Aparo, ma dal barbiere  si vocifera:  “Ma quale mafia e mafia! A me una persona che lo conosceva mi ha detto che ‘nquitò una femmina che non doveva ‘nquitare” (disturbare, ndr). La mafia uccide il giornalista Mario Francese, ma in un bar si vocifera: “Era bravo Francese. Però gli piacevano un po’ troppo le gonnelle. Quelle degli altri.”
 
Arturo (Pif) è un bambino, e come tutti i bambini, si fida ciecamente di quello che dicono gli adulti: ascolta anche lui quella frase in macelleria, quella detta dal barbiere e quella chiacchierata al bar. E sono proprio tutte queste frasi che lo fanno convincere di una cosa: che non bisogna dichiararsi, figuriamoci innamorarsi. Perché se lo fai, la mafia ti prende e ti ammazza. Purtroppo in classe di Arturo, c’è una bellissima  bambina che gli piace: si chiama Flora (Cristiana Capotondi).
A fare da sfondo a questa storia d’amore, che dalle elementari arriva fino all’età adulta dei due, ci sono gli avvenimenti di mafia degli anni ‘80:  tra tutti anche l’assassinio del giudice Rocco Chinnici, che nel film abita nello stesso stabile di Flora, e sa della storia d’amore tra i due ragazzi. 
 
La bellezza del film è tutta nell’unione  armoniosa tra realtà e finzione, come avviene nelle scene realmente accadute che -messe nel contesto del film- sembrano  inventate ed invece…  Davvero esistite, si pensi alla  dichiarazione  resa da Giulio Andreotti sul perché non andò al funerale del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa: “Preferisco andare ai battesimi piuttosto che ai funerali”. “La mafia uccide solo d’estate” è una delle operazioni più riuscite e intelligenti fatte dal cinema italiano negli ultimi anni perché ci aiuta a solidificare la memoria e a renderla indistruttibile, attraverso un film, con un sorriso.
 
Alla serata di Cuorgnè sarà presente il presidio «Luigi Ioculano» di Libera.
 
LA SCHEDA
Regia: Pierfrancesco Diliberto – PIF
Nazionalità: Italia 2013
Genere: Drammatico
Interpreti: Cristiana Capotondi (Flora), Pierfrancesco Diliberto «Pif» (Arturo), Ginevra Antona (Flora bambina),Alex Bisconti (Arturo bambino) Claudio Gioè (Johnny), Ninni Bruschetta  (Fra Giacinto), Barbara Tabita (Maria Pia),Rosario Lisma (Lorenzo)
Durata: 90 minuti 
 
Pierfrancesco Diliberto, in arte «Pif» (Palermo, Italia, 1972), si è avvicinato al mondo del cinema lavorando nella produzione di “Un tè con Mussolini” (1998) di Franco Zeffirelli e “I cento passi” (1999) di Marco Tullio Giordana. Nel frattempo, dopo aver vinto un concorso per autori televisivi di Mediaset nel 1998, ha iniziato a scrivere per la televisione e per  “Le Iene2, di cui è diventato inviato. Dal 2007 ha iniziato a lavorare al programma di Mtv Il testimone e nel 2012, in occasione del ventesimo anniversario dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ha scritto il racconto “Sarà stata una fuga di gas”, pubblicato nella raccolta “Dove eravamo”. Vent’anni dopo Capaci e via D’Amelio. “La mafia uccide solo d’estate” è il suo primo film da regista.
 
Video
Galleria fotografica
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 1
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 2
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 3
DUE CITTA AL CINEMA - Si comincia con «La mafia uccide solo d’estate» - GUARDA IL TRAILER - immagine 4
Cronaca
ALBIANO D'IVREA - Trovata una bomba in un campo agricolo: allarme
ALBIANO D
Artificieri in azione per la messa in sicurezza dell'area. La bomba sarà fatta brillare. Si tratta di un ordigno bellico
FORNO CANAVESE - Incidente stradale a Crosi: un uomo ferito
FORNO CANAVESE - Incidente stradale a Crosi: un uomo ferito
Paura questa mattina sulla provinciale tra Forno e Rivara. Un sessantenne di Forno si è ribaltato con la propria auto
CALUSO - Salta il bancomat della Biver Banca: ladri in fuga con il bottino - FOTO
CALUSO - Salta il bancomat della Biver Banca: ladri in fuga con il bottino - FOTO
Probabilmente con del gas esplosivo la banda ha fatto saltare l'alloggiamento del bancomat arraffando le banconote all'interno. Bottino da quantificare. Indagini dei carabinieri della compagnia di Chivasso
CASELLE - Incidente stradale: muore dopo il ricovero al Cto
CASELLE - Incidente stradale: muore dopo il ricovero al Cto
L'uomo era al volante di una Fiat Panda quando, in via Torino, è rimasto coinvolto in uno schianto con un'Alfa Romeo Giulietta
IVREA - Lo storico Carnevale in «mostra» al salone del libro
IVREA - Lo storico Carnevale in «mostra» al salone del libro
Per la prima volta anche lo Storico Carnevale di Ivrea ha avuto una postazione all’interno della manifestazione torinese
CERESOLE REALE - Gli esperti a confronto per salvare la trota
CERESOLE REALE - Gli esperti a confronto per salvare la trota
Venerdì verranno presentati anche i risultati del progetto Life+Bioaquae promosso dal Parco Nazionale Gran Paradiso
TRAGEDIA SULL'AUTOSTRADA - Ubriaco uccide due persone con il tir: condannato a otto anni di carcere - VIDEO INCIDENTE
TRAGEDIA SULL
Il processo di primo grado, con rito abbreviato, si è chiuso con la condanna a otto anni di carcere per omicidio stradale. Alla sbarra Emil Volfe, camionista di 63 anni di nazionalità slovacca. Non è escluso il ricorso in appello
IVREA - Carcere esplosivo: chiesto l'intervento del Ministro Orlando
IVREA - Carcere esplosivo: chiesto l
La politica regionale, Sinistra, Radicali e Movimento 5 Stelle, chiedono interventi urgenti prima che la situazione degeneri
OZEGNA - Si ribalta al distributore per evitare una moto - FOTO
OZEGNA - Si ribalta al distributore per evitare una moto - FOTO
Incidente stradale oggi alla Q8 lungo la provinciale tra Ozegna e Rivarolo. Miracolosamente quasi illeso il conducente
CASELLE - Polizia recupera 330 mila euro su auto diretta in aeroporto
CASELLE - Polizia recupera 330 mila euro su auto diretta in aeroporto
Due italiani denunciati per riciclaggio. All'operazione, con la polizia stradale, ha partecipato anche la guardia di finanza
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore