EDITORIA - Fondi ai giornali locali in Canavese, condannati gli ex editori

| Il procedimento penale in questione era nato da un esposto conoscitivo e da una segnalazione fatta dal sindacato dei giornalisti di Torino

+ Miei preferiti
EDITORIA - Fondi ai giornali locali in Canavese, condannati gli ex editori
Le giornaliste di La Repubblica, Ottavia Giustetti e Maria Chiara Giacosa (e l’ex direttore responsabile Ezio Mauro), nei giorni scorsi, con sentenza del tribunale di Monza sono state assolte dall'accusa di diffamazione per  la causa intentata dall'ex amministratore delegato del Gruppo DMail, Gianluigi Viganò, all'epoca editore di una quarantina di testate locali in Lombardia, Liguria, Piemonte, e Valle D'Aosta e oggi con mire espansionistiche in altre regioni. Le due giornaliste, in un articolo pubblicato dal quotidiano fondato da Eugenio  Scalfari nel febbraio 2013 avevano fatto un dettagliato reportage sulle “Mire leghiste sui giornali locali”, soffermandosi dettagliatamente sui rapporti politici, economici e sui presunti favori tra il Gruppo Dmail e la Lega Nord dell’ex presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, sfociato in un’inchiesta della Procura della Repubblica di Novara e il cui processo è tutt’ora in corso.

Tra le carte del legale delle due redattrici di Repubblica, l’avvocato Carlo Federico Grosso del foro di Torino, anche una sentenza del tribunale di Milano che in data 21 febbraio 2017 condanna Gianluigi Viganò (avvocato De Carolis)  Mauro Albani (difeso da Fabio De Matteis), entrambi manager ai vertici della Dmail, a un anno e sei mesi di reclusione e Ludovico Maria Gilberti (avvocato De Stefanis)  fondatore del quotidiano La Padania, ad un anno oltre al pagamento delle spese processuali. Pena sospesa e sentenza appellata.

Il procedimento penale in questione era nato da un esposto conoscitivo e da una segnalazione fatta dal sindacato dei giornalisti di Torino, firmato dal segretario Stefano Tallia,  e da un secondo esposto dell'ex presidente dell'Ordine della Lombardia, Francesco Abruzzo in cui si chiedeva di far chiarezza sui contributi pubblici per l’editoria (quasi quattro milioni, complessivamente) incassati dal gruppo editoriale attraverso due diverse testate, Milano metropoli In Europa e Il Sole delle Alpi – Il Canavese.
 
La frode accertata sta proprio in questo: la legge prevede che i contributi possono essere erogati, laddove ve ne siano i requisiti, ad una sola testata, indipendentemente dal numero di giornali di proprietà dello stesso editore. La magistratura e la Guardia di Finanza, con un lavoro di accertamento durato 18 mesi, hanno dimostrato che le due testate (nonostante Il Sole delle Alpi – Il Canavese professasse assoluta autonomia), facevano parte dello stesso gruppo. Nel dettaglio, anche la storica testata canavesana non solo era nell’orbita Dmail dopo che lo stesso gruppo l’aveva acquisita dalla Media Servizi dell’editore e tipografo Giambattista Giachetti, unitamente alla Nuova Periferia di Chivasso e la Nuova di Settimo, ma ne era parte integrante.

Una scalata, quella del Gruppo DMail alle Diffusioni Grafiche di Casale Monferrato che aveva cambiato radicalmente gli equilibri in Piemonte. Il (Sole delle Alpi) Canavese, editato dall'Alta Brianza edizioni, in forma cooperativa, il cui amministratore unico era l’ex parlamentare del Carroccio Ludovico Maria Gilberti di fatto proseguì la pubblicazione cambiando, di volta in volta, solo parte del nome: lo storico marchio Canavese divenne Il Sole delle Alpi – Il Canavese sino all’attuale La Nuova Periferia di Chivasso– edizione del Canavese. Non ci fu interruzione dell’uscita in edicola e, di fatto, il giornale è sempre stato confezionato dallo stesso corpo redazionale. Ad eccezione dello storico direttore, Mauro Giubellini,  alla guida del settimanale canavesano dal 2001 e sostituito nel 2012.

“Non rientrava nei progetti del Gruppo Dmail” si legge nella sentenza della nona sezione penale del Tribunale di Milano e  ”difese ad oltranza l’applicazione del contratto nazionale di lavoro giornalistico mentre la volontà dell’azienda era quella di parificarli a quelli dell’intero Gruppo”. Gilberti, successivamente minacciò, tramite il suo legale, citazioni civili da 50 e 500mila euro a Mauro Giubellini e Franco Abruzzo per bloccare la pubblicazione di notizie relative alla vicenda e querelò il giornalista Daniele Carli per averne scritto su “Il Risveglio di Ciriè”. Notizie che ora sono emerse in un’aula di tribunale. Parte civile la Presidenza del Consiglio dei Ministri in persone del Presidente del Consiglio pro tempore che ora potrà richiedere il danno patito per l’erogazione di fondi, secondo la sentenza di primo grado, fraudolentemente acquisiti e incassati.

Cronaca
LOMBARDORE - Incidente mortale: donna travolta e uccisa sulle strisce pedonali - FOTO E VIDEO
LOMBARDORE - Incidente mortale: donna travolta e uccisa sulle strisce pedonali - FOTO E VIDEO
Tragedia questa mattina a Lombardore sulla provinciale per Leini. Proprio sotto il palazzone, sulle strisce, è stata travolta e uccisa una donna. L'investitore, residente a Front Canavese, è stato denunciato per omicidio stradale
CIRIE' - Colpi di fucile contro la vetrina Aci: una motocicletta in fuga
CIRIE
Torna la paura a Ciriè dove venerdì sera, intorno alle 21, qualcuno in sella a una moto ha esploso due colpi contro l'Aci
IVREA - «Posso vedere il mare per l'ultima volta?»: l'ambulanza si ferma sulla spiaggia
IVREA - «Posso vedere il mare per l
Ottantotto anni e la consapevolezza che, probabilmente, quei luoghi non li vedrà più. Così, durante il trasferimento in ambulanza, chiede di vedere il mare per un'ultima volta. E i volontari della croce rossa accosentono...
CUORGNE' - Piantagione di cannabis: arrestato un «coltivatore» 47enne
CUORGNE
Prosegue l'attività dei carabinieri della compagnia di Ivrea per contrastare la produzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti
RIVAROLO - L'erba alta ad Argentera si «mangia» i marciapiedi - FOTO
RIVAROLO - L
Qualche residente si è anche preso la briga di sistemare qualche aiuola ma il problema, anche a causa dei temporali, persiste
BORGARO-MAPPANO - Alla cascina Cà Bianca una maxi piantagione di marijuana: due arresti
BORGARO-MAPPANO - Alla cascina Cà Bianca una maxi piantagione di marijuana: due arresti
L'attività degli agenti del commissariato Madonna di Campagna della Polizia di Stato ha consentito di scoprire una fiorente attività di coltivazione di marijuana tra i campi di Mappano e Borgaro. In manette un italiano e un albanese
CASELLE - Torino e Napoli più vicine con il low cost di Volotea
CASELLE - Torino e Napoli più vicine con il low cost di Volotea
La nuova rotta è disponibile lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e domenica per un'offerta di più di 21.900 posti
CANAVESANA - Treno soppresso a sorpresa: pendolari furenti
CANAVESANA - Treno soppresso a sorpresa: pendolari furenti
Quello di oggi è stato solo l'ultimo dei disagi di un'altra settimana da incubo per la storica ferrovia del Canavese di Gtt
CALUSO - Incidente ferroviario: sei indagati per il disastro - FOTO
CALUSO - Incidente ferroviario: sei indagati per il disastro - FOTO
Altre cinque persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Ivrea per l'incidente di fine maggio
RIVAROLO - Ripartono i corsi dell'Unitre di Rivarolo-Favria-Feletto
RIVAROLO - Ripartono i corsi dell
Inaugurazione dell'anno accademico nell'auditorium dell'Aldo Moro di Rivarolo il prossimo venerdì 12 ottobre ore 15
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore