FAVRIA - Il grande ritorno della fiera agricola

| Una volta questi giorni di festa erano elemento di unione delle Comunità e l'occasione, oltre che per celebrazioni e festeggiamenti, anche per organizzare grandi mercati

+ Miei preferiti
FAVRIA - Il grande ritorno della fiera agricola
A Favria il 2 aprile avverrà come da tradizione la 41 fiera agricola. La  manifestazione ispirata alla tradizione agricola ed è in onore di Sant'Isidoro detto l’agricoltore, protettore dei raccolti e delle attività rurali. Le strade della nostra Comunità si animeranno di visitatori e di concittadini. Quando penso alla parola fiera mi viene in mente sia la tradizionale mostra mercato, la parola deriva dal  feria giorno di festa. Una volta questi giorni di festa erano elemento di unione delle Comunità e l'occasione, oltre che per celebrazioni e festeggiamenti, anche per organizzare grandi mercati. Col connotato che le fiere hanno ancora oggi, si trattava di mercati simili a mostre, che magari duravano anche diversi giorni, in cui concludere affari vantaggiosi e accordi economici per l'anno venturo.

Così la 'feria' ha passato il suo nome a quel particolare mercato. Certo con il tempo la fiera è cambiata, si è spostata dal cventro del pese nel parco Bonaudo e nella zona adiacente,  ma non è mutata la passione con cui i favriesi la vivono e  accolgono migliaia di ospiti.  La fiera a Favria è aggregazione e senso di comunità, e in essa Favria si sente più unita e si apre al pubblico condividendo le proprie tradizioni. Per la fiera ho usato nel titolo il termine sgargiante per indicare la vivacità ed anche la  temperato confusione  quando ci sono migliaia di persone e gli animali. Mi permetto dire che la parola sgargiante ben si adatta alle tradizione rurali perché deriva  dall’antico francese criard, per le grida stridule dei venditori accorsi a centinaia alla fiera.

Sgargiante ritengo che sia una parola cge parla bene per quello che l’orecchio recepisce nel giorno delle fiera, le grida dei venditori che si sovrappongono alla vivacita dei discorsi delle persone con in sottofondo le comunicazioni dello speaker che nel pomeriggio commenta il cimento dei bovini nella bataille des reines, dove al mattino nello stesso campo si è tenuta la rassegna zootecnica. Preciso che la  battaglia delle reines non è una corrida, ma un braccio di ferro una prova di forza incruenta tra due mucche, quello che fanno naturalmente sui pascoli per stabilire la supremazia. Insomma non è uno spettacolo cruento, infatti la parte spettacolare è il ruituale che precede il breve contro, cheè solo di forza tra i due animali. Come dicevo gli animali, precedentemente pesati per mettere delle avversarie dello stesso peso,  si studiano e scavano nel campo, si avvicinano e continuano a studiarsi.

Poi una delle due parte e con la testa cerca di spingere via l’altra, più sono in parità, più il “combattimento” può durare a lungo, ma non si tratta di una lotta, piuttosto di una prova di resistenza. Niente viene indotto dagli esseri umani e l’unica cosa che viene fatta è mettere  le due “contendenti” una accanto all’altra. Insomma una festa dentro la fiera dove si  incontrano allevatori e appassionati a vedere, in un campo di gara, ciò che gli animali fanno naturalmente in natura. Gli animali sono tutto, meno che maltrattati, anzi questi animali sono vezzeggiati dai loro padroni molto più che gli altri animali che hanno nelle stalle. In conclusione ringrazio come Favriese il Comitato Organizzatore. La Coldiretti e tutti coloro che a vario titolo si sono dati da fare e saranno impegnati per consentire lo svolgimento della Fiera di S.Isidoro ci faranno trascorrere momenti lieti e di portare a casa un po’ dei sapori e della genuinità che contraddistinguono il nostro territorio. (Giorgio Cortese)

Dove è successo
Cronaca
NEONATO MORTO - I giudici hanno deciso: la madre resta in carcere
NEONATO MORTO - I giudici hanno deciso: la madre resta in carcere
Il tribunale del Riesame di Torino ha sposato la tesi della procura di Ivrea che si era opposta a un suo possibile rilascio
CASELLE - 136 piante di marijuana nel giardino di casa - FOTO
CASELLE - 136 piante di marijuana nel giardino di casa - FOTO
Un impiegato di 26 anni, incensurato, residente a Caselle Torinese, è stato arrestato questa mattina dai carabinieri
CASTELLAMONTE - Ruba al Bennet, corre per oltre un chilometro ma non semina i carabinieri: denunciato
CASTELLAMONTE - Ruba al Bennet, corre per oltre un chilometro ma non semina i carabinieri: denunciato
Un disoccupato 43enne di Feletto è stato denunciato a piede libero alla Procura di Ivrea per furto aggravato e porto di armi. Inseguito dalla vigilanza dopo un furto è stato bloccato dietro ai campi sportivi dai militari dell'Arma
CIRIE' - Sesso per non diffondere le foto intime: uomo denunciato
CIRIE
I carabinieri hanno denunciato a piede libero per estorsione D.C., un uomo di Ciriè di 42 anni
BORGARO - Telecamere sul semaforo: chi lo brucia viene multato
BORGARO - Telecamere sul semaforo: chi lo brucia viene multato
Attenzione a "bruciare" il semaforo rosso di via Santa Cristina al Villaretto di Borgaro: il Comune ha attivato il «T-red»
CERESOLE REALE - I calciatori brutti ospiti del 460 festival
CERESOLE REALE - I calciatori brutti ospiti del 460 festival
Venerdì 25 alle 19.16 i «Calciatori brutti» ospiti dell'ultimo aperitivo del ciclo Aperidoc del Quattrosessanta Festival
IVREA-CHIVASSO-CIRIE' - Aggressioni negli ospedali dell'Asl To4: parte l'esposto in procura
IVREA-CHIVASSO-CIRIE
Il Nursind, il sindacato degli infermieri, ha presentato un esposto in procura per denunciare le continue aggressioni al personale dell'Asl To4 in servizio negli ospedali di Ivrea, Chivasso e Ciriè dopo l'ultimo caso di una settimana fa
IVREA - In città il festival «Eticamente»: vegan e non solo
IVREA - In città il festival «Eticamente»: vegan e non solo
Sarà possibile visitare gli stand olistici e di prodotti cruelty-free. Non mancherà l’attenzione per gli animali di casa
CANISCHIO - Si sente male alla festa: donna di Pont in ospedale
CANISCHIO - Si sente male alla festa: donna di Pont in ospedale
La donna è stata recuperata con l'elicottero a Cima Mares nel corso della tradizionale festa di San Bernardo di Mares
RIVAROLO - Ancora maiali in azione: il conto se lo paga il Comune
RIVAROLO - Ancora maiali in azione: il conto se lo paga il Comune
La cattiva abitudine di abbandonare rifiuti, purtroppo, continua a pesare sulle casse del Comune e nelle tasche dei cittadini
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore