FAVRIA - Il rientro dall'alpeggio in centro al paese - FOTO

| Una tradizione che si ripete ogni anno. L’anima più segreta del Canavese torna protagonista per un giorno

+ Miei preferiti
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO
Il rientro dall'alpeggio è per i contadini una vera e propria festa che celebra il ritorno alla stalla del bestiame, In autunno, quando si preannuncia il cambio di stagione e verso sera, come di mattina, la temperatura scende sensibilmente, le mucche hanno ormai consumato tutta l'erba nei boschi e pascoli di montagna  e vengono ricondotte in paese. Ogni anno c’è una festosa allegria per le vie della comunità dove passa il bestiame. I pastori si preparano a tornare a casa e per festeggiare abbelliscono le mucche.  

Dai ganci vengono staccati i campanacci più grandi che, fissati al collo delle mucche con la cintura di cuoio decorato, annunceranno a tutti, sonoramente, il loro rientro negli ayrali per la fine della stagione estiva. Con la discesa in pianura si compie un altro ciclo della vita dei contadini. Sciamano le mucche per le vie di Favria in una lunga colonna senza fine di continuità, le mucche che scendono dall’alpeggio.  

Questo festoso corteo di animali e uomini e donne che li accompagnano rallegrano il tardo  sabato pomeriggio con il loro lento squillare dei bronzei e colorati campanacci. L’anima più segreta del Canavese emerge per il breve tempo in cui transitano le mucche con i gioiosi campanacci ed evocano un mondo ormai passato. Certo il mondo contadino, quella civiltà dalla quale noi tutti abbiamo le nostre comuni radici ci separa non poco tempo e non poche cose,  ma le culture pregresse, in noi esseri umani per fortuna, sono tenaci,  tardano a scomparire, e sopravvivono finchè ci sarà anche questo evento: la transumanza.

Purtroppo la globalizzazione tenta di livellare tutto, anche le nostre tradizioni e radici e con loro salta in aria l’apparato dei valori condivisi. Oggi le passate identità si disfano e si perdono pezzi di storia, anno dopo anno che univano le coscienze in una morale di fraterna condivisione, quel senso di  rispetto che dovrebbe unire  tutti noi umani. (g.c.)

Galleria fotografica
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 1
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 2
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 3
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 4
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 5
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 6
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 7
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 8
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 9
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 10
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 11
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 12
FAVRIA - Il rientro dallalpeggio in centro al paese - FOTO - immagine 13
Cronaca
LAVORO - 300 posti al Bennet di Chivasso: ecco dove mandare il curriculum
LAVORO - 300 posti al Bennet di Chivasso: ecco dove mandare il curriculum
Si ricercano per il nuovo punto vendita addetti alla cassa, banconisti del fresco, addetti alle vendite del reparto surgelati e dei reparti non alimentari
FAVRIA - Litiga con i vicini e i carabinieri gli scoprono in casa una piantagione di marijuana - FOTO
FAVRIA - Litiga con i vicini e i carabinieri gli scoprono in casa una piantagione di marijuana - FOTO
E' successo martedì sera, a Favria, dove i carabinieri di Castellamonte sono intervenuti per una lite tra vicini. All'arrivo dei militari la situazione si era già tranquillizzata ma da un rapido controllo è emersa la piantagione
RIVAROLO - Vandali rovinano la targa per il Grande Torino
RIVAROLO - Vandali rovinano la targa per il Grande Torino
Qualche giorno fa i balordi hanno rovinato la targa. Con un intento preciso: cancellare il nome dell'assessore Leone...
PARCO GRAN PARADISO - Allarme: scompare il lago del ghiacciaio a causa del caldo
PARCO GRAN PARADISO - Allarme: scompare il lago del ghiacciaio a causa del caldo
Il lago del ghiacciaio del Grand Croux in Valle di Cogne, nel Parco Nazionale Gran Paradiso, dopo lo svuotamento improvviso della scorsa estate non si è riformato
IVREA - La città piange Bermond, ballerino e maestro di tango
IVREA - La città piange Bermond, ballerino e maestro di tango
Giovanni Bermond si è spento mercoledì nel reparto di neurologia dell’ospedale di Ivrea dopo una lunga malattia. Aveva 42 anni
BELMONTE - Un malore fulminante: è morto così Piero Cerutti
BELMONTE - Un malore fulminante: è morto così Piero Cerutti
Originario di Volpiano era vice presidente Nazionale dell'associazione che riunisce le bande italiane. Stroncato dietro il santuario
FORNO CANAVESE - Tragedia in frazione Crosi: motociclista cade e muore. Ferito il figlio di 12 anni - FOTO E VIDEO
FORNO CANAVESE - Tragedia in frazione Crosi: motociclista cade e muore. Ferito il figlio di 12 anni - FOTO E VIDEO
La vittima è del 1955 residente a Forno Canavese. In sella alla moto anche un ragazzino di 12 anni che è stato trasportato con l'elicottero al Regina Margherita di Torino. Dinamica al vaglio dei carabinieri di Venaria Reale
SAN BENIGNO CANAVESE - Problemi sentimentali: 15enne prende il fucile del padre e si spara
SAN BENIGNO CANAVESE - Problemi sentimentali: 15enne prende il fucile del padre e si spara
Tragedia la scorsa notte, a San Benigno Canavese, in strada dell'Alpina: un ragazzo di 15 anni si è tolto la vita sparandosi al volto con un fucile da caccia calibro 12, regolarmente detenuto dal padre, molto noto in paese
SAN BENIGNO CANAVESE - Tragedia assurda: 15enne si uccide con un colpo di fucile
SAN BENIGNO CANAVESE - Tragedia assurda: 15enne si uccide con un colpo di fucile
L'allarme è scattato questa mattina. Inutili tutti i soccorsi. Quando l'equipe del 118 ha raggiunto il ragazzo il suo cuore aveva già smesso di battere. Indagini in corso da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso
CANAVESE - Sicurezza sulle strade: 1900 persone controllate dai carabinieri. Denunce e multe per gli ubriachi
CANAVESE - Sicurezza sulle strade: 1900 persone controllate dai carabinieri. Denunce e multe per gli ubriachi
I carabinieri della compagnia di Ivrea, per garantire maggiore sicurezza alle persone che percorrono le strade del Canavese nel periodo estivo, hanno intensificato i controlli finalizzati al contrasto dell'abuso di alcol e dell'uso di droga
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore