FELETTO - Addio al mitico cercatore d'oro Giovanni Vautero

| Il ricordo lo affidiamo all'articolo che il collega e amico Alessandro Ballesio pubblicò su La Stampa qualche tempo fa

+ Miei preferiti
FELETTO - Addio al mitico cercatore doro Giovanni Vautero
Feletto e il Canavese sono in lutto: ieri sera è morto Giovanni Vautero, 88 anni, storico cercatore d'oro, vincitore di vere e proprie competizioni internazionali, ex assessore del paese e, soprattutto, grande promotore dell'associazione «La via dell’acqua d’oro», un gruppo nato per trasmettere ai giovani la passione dell’antico cercatore. Sua l'idea del museo di Feletto dedicato a questo antico «mestiere», fatto da gente che, un tempo, proprio nell'Orco a Feletto, passavano giorni a setacciare l'acqua in cerca di pepite e pagliuzze. Giovanni Vautero si è sentito male venerdì, è stato soccorso e portato in ospedale dove si è spento ieri sera. In settimana si svolgeranno i funerali. 
 
Il ricordo di una persona così particolare e, al tempo stessa, emblema di un Canavese che non c'è più, lo affidiamo volentieri all'articolo che il collega e amico Alessandro Ballesio ha pubblicato nel maggio del 2005 sulle pagine del quotidiano La Stampa, quando Vautero stava lavorando per dare vita all'ecomuseo dedicato ai cercatori d'oro. Non c'è modo migliore per ricordare il «papà» di tutti i cercatori d'oro del Canavese.
 
«Quando sente il richiamo del torrente in piena, allora è il momento di iniziare la caccia. “E non è il rumore dell’acqua, ma quello delle pietre che rotolano impazzite. Sotto, statene pur certi, c’è l’oro”. Ancora oggi Giovanni Vautero non ci pensa due volte: indossa gli stivali e scende sul greto dell’Orco. E’ un cercatore di pagliuzze minuscole e preziose, una misteriosa polvere di stelle finita chissà come in balia della corrente. L’ultimo dei cercatori d’oro di Feletto, una generazione di pescatori delle meraviglie, a metà tra Indiana Jones e Huckleberry Finn. Il suo Eldorado è in una striscia di pochi chilometri, queste acque i nonni dei nonni le avevano ribattezzate “L’Eva d’or”, ed è così che ancora oggi, in Canavese, tutti chiamano l’Orco. Come se fosse una storia d’amore che dura da una vita, Giovanni l’altro giorno ha festeggiato i settant’anni di nozze con il torrente. 
 
Ha voluto con sé i bambini delle scuole del paese, “quelli che hanno sei anni o poco più, l’età in cui ho iniziato io”. Ci ha messo tutta la pazienza del mondo per insegnare come si fa a trovare, in mezzo ai sassi, un po’ di quei luccicanti tesori. “Ma non è che si impara in quattro e quattr’otto. Ci vuole occhio, eccome, e poi non basta ancora”. Bisogna essere veri ricercatori, proprio come Giovanni. Che ha racconti e segreti da non svelare a nessuno, che conserva nei gesti e nelle fotografie sbiadite dal tempo l’essenza e la magia di un mestiere che non c’è più. “Ho imparato da mio padre e lui dal suo. Era il 1928: ho trovato una pagliuzza e da lì non mi sono più fermato”. 
 
Era il tempo delle carovane che arrivavano dalla città fino all’albergo del paese per comprare l’oro del torrente da decine e decine di ricercatori, “quasi uno per famiglia”. Ancora oggi raccontano dell’Orco come di una miniera da fiaba, la leggenda e la realtà si fondono nelle parole di Giovanni: “Un mistero della natura”, dice lui a bassa voce. “Nessuno ha mai capito davvero da dove arrivi l’oro che da sempre si deposita sulle sponde più frastagliate. Arriva la corrente e trascina via le pagliuzze. Poi sta a me trovarle”, spiega lui. Una cosa è certa: “Non arriva dalle montagne, è soltanto una credenza popolare. E nemmeno è custodito nella sabbia”. 
 
Ma non fategli dire di più: ne andrebbe del suo patto d’amore che tanti anni fa ha stretto con il torrente. Quello che gli permette di sapere, prima di tutti, dove gettare l’occhio. “Dico soltanto questo: quando dopo una piena le pietre vengono a galla, è lì che bisogna andare”. E allora eccolo, ancora una volta, Giovanni con la sua “batea”, una specie di vassoio di legno con il quale setaccia l’acqua, con il “ponticello” che fa scivolare via i detriti e lascia spazio alla meraviglia di quei pochi millimetri di tesoro. “Non è che mi sono arricchito, in settant’anni, il pezzo migliore è grande quanto un’unghia”. Giovanni che ha conosciuto quasi tutti i fiumi d’Europa (“ma nessuno è come l’Orco”) e che da anni si batte per un torrente più pulito, parla di quanto siano cambiati i tempi: “Il tracciato ormai tira dritto, le serpentine quasi non esistono più. E poi con tutti quei lavori hanno portato via troppo materiale dal greto”. Il suo lavoro è in una mostra itinerante, “ma il mio sogno – dice - è quello di un vero ecomuseo che racconti la storia dei ricercatori d’oro di Feletto"».  
Cronaca
IVREA - La rassegna internazionale «Gli Accordi Rivelati»
IVREA - La rassegna internazionale «Gli Accordi Rivelati»
«Il Timbro» lancia una stagione di altissimo livello, con quattro concerti di musica da camera dedicati al quartetto d'archi
SAN BENIGNO - La Magneti Marelli venduta ai giapponesi di Calsonic
SAN BENIGNO - La Magneti Marelli venduta ai giapponesi di Calsonic
Timori occupazionali per lo stabilimento canavesano? «Non ci saranno ripercussioni sull'occupazione» dice il sindacato
CASELLE - Laser contro i piloti in fase di atterraggio: «Attentato alla sicurezza dei trasporti pubblici»
CASELLE - Laser contro i piloti in fase di atterraggio: «Attentato alla sicurezza dei trasporti pubblici»
Disturbare i piloti di un aereo di linea con un laser da terra è un gioco rischiosissimo che può mettere a rischio la vita di centinaia di persone. Le compagnie aeree hanno effettuato le segnalazioni all'Enav e alle forze di polizia
AUTOSTRADA A5 - Schianto a Quincinetto, automobilista in prognosi riservata al Cto - FOTO
AUTOSTRADA A5 - Schianto a Quincinetto, automobilista in prognosi riservata al Cto - FOTO
L'auto sulla quale viaggiava, una Nissan, ha divelto le barriere e si è fermata nella scarpata oltre la banchina. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco di Ivrea che hanno estratto la persona ferita dalle lamiere del mezzo
VOLPIANO - Festeggiati i cento anni di Margherita Raimondo
VOLPIANO - Festeggiati i cento anni di Margherita Raimondo
È nata il 21 ottobre del 1918, ha vissuto in Italia e Argentina. Il sindaco le ha consegnato una targa a nome del Comune
FERROVIA CANAVESANA - Martedì bus al posto dei treni sulla Pont-Rivarolo
FERROVIA CANAVESANA - Martedì bus al posto dei treni sulla Pont-Rivarolo
«Domani, martedì 23 ottobre, tra le 6 e le 9, il servizio ferroviario nella tratta Rivarolo-Pont Canavese della linea Sfm1 sarà effettuato con autobus sostitutivi per motivi tecnici (treno in riparazione)»
RIVAROLO-PONT - Treno lumaca, più di un'ora per arrivare a destinazione: «Come andare a piedi»
RIVAROLO-PONT - Treno lumaca, più di un
Continua il calvario per i pendolari della ferrovia Canavesana. Questa mattina ritardo record sulla Pont-Rivarolo: la littorina ha viaggiato a velocità ridotta a causa di un guasto ai motori. Pendolari furenti contro la Gtt
CUORGNE' - Domenica di festa con castagne, cani e opere d'arte - FOTO
CUORGNE
Complice la bella giornata di sole, Cuorgnè ha richiamato un cospicuo numero di persone in piazza in occasione della tradizionale castagnata organizzata dalla Pro Loco
SETTIMO VITTONE - Il ritorno delle mandrie bovine diventa festa
SETTIMO VITTONE - Il ritorno delle mandrie bovine diventa festa
Torna la «Desnalpà», la festa della transumanza in discesa dagli alpeggi delle montagne che sovrastano la Serra d'Ivrea
CHIVASSO - Mostra i genitali alle studentesse: pensionato denunciato
CHIVASSO - Mostra i genitali alle studentesse: pensionato denunciato
Il soggetto, già denunciato in passato per lo stesso reato, è stato notato vicino alla stazione ferroviaria di Chivasso
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore