IL PROCESSO - Amianto all'Olivetti: «Nessuno degli operai morti si è ammalato a Ivrea»

| Deposizione shock del consulente Telecom: «Il talco non era contaminato. Molte delle vittime, prima di arrivare all’Olivetti, hanno lavorato in ambienti dove veniva usato l’amianto»

+ Miei preferiti
IL PROCESSO - Amianto allOlivetti: «Nessuno degli operai morti si è ammalato a Ivrea»
Quattordici operai morti per mesotelioma pleurico. Ma nessuno di questi si sarebbe ammalato per l'amianto respirato (potenzialmente) negli stabilimenti Olivetti del Canavese. E' una deposizione shock quella rilasciata dall'ingegner Francesco Messineo che l'altra mattina, al processo Olivetti in corso a Ivrea, ha deposto come consulente della Telecom. «A mio modo di vedere - ha detto l'ingegnere - queste persone si sono ammalate prima di lavorare in Olivetti perchè hanno operato in ambienti di lavoro dove veniva usato l’amianto». Il riferimento va a quei lavoratori che, prima di trovare un posto a Ivrea, hanno lavorato come fabbri, operai edili e impiantisti. Conclusione: «L’attenzione dell’azienda per la sicurezza dei lavoratori è sempre stata altissima».
 
L’impressione è che da qui alla fine del processo, il giudice Elena Stoppini dovrà fare i conti con consulenze che, tra accusa e difesa, non convergono nemmeno sulle virgole. La consulente dell’Inail (istituto che è anche parte civile nel processo), Maria Gullo, ha ribadito, ad esempio, che le campionature sulla presenza di amianto negli stabilimenti dell’Olivetti «non sarebbero state eseguite correttamente». Questo avrebbe fatto emergere la pericolosità delle fibre troppo tardi. «I campionamenti - ha detto Maria Gullo - sarebbero stati effettuati sull'ambiente di lavoro con la microscopia ottica. Invece avrebbero dovuto essere eseguiti in modo più specifico, analizzando le lavorazioni e le postazioni di lavoro dei dipendenti».
 
Francesco Messineo, invece, ha sottolineato che Olivetti aveva varato un «comitato di sicurezza» che si riuniva almeno dieci volte all’anno. «Ci sono tutti i verbali che certificano le attività che l'azienda ha messo in campo per garantire la sicurezza dei lavoratori. Contro polvere, fumi e vapori». Nella sua deposizione il consulente ha sottolineato come in alcuni verbali si citi un’ispezione degli stabilimenti richiesta da Olivetti nel 1969. In quell’occasione i tecnici della Clinica del Lavoro di Milano analizzarono gli stabilimenti per 155 giorni. «L’ispezione - ha precisato il consulente – non ha dato rilievi sulla polverosità delle lavorazioni a base di talco. Secondo i dati quel talco non era contaminato». 
Dove è successo
Cronaca
MAZZE' - Donna colpita dalla meningite trasferita all'Amedeo di Savoia
MAZZE
La pensionata, sola in casa, era stata soccorsa dopo l'allarme del figlio che, non riuscendo a contattarla, aveva chiamato il 118
CUORGNÉ – Solenne benedizione degli automezzi in piazza
CUORGNÉ – Solenne benedizione degli automezzi in piazza
In occasione della recente Festa di Sant’Antonio
IVREA - Contro le barriere sensoriali Asl e Apic lavorano insieme
IVREA - Contro le barriere sensoriali Asl e Apic lavorano insieme
All’ingresso dell'ospedale di Ivrea installato un amplificatore portatile con sistema a induzione magnetica donato dall’Apic
SICUREZZA - Furti sui treni: allarme sulla Canavesana. Una zingara denunciata dalla polizia ferroviaria
SICUREZZA - Furti sui treni: allarme sulla Canavesana. Una zingara denunciata dalla polizia ferroviaria
Una quarantunenne, domiciliata nel campo nomadi di strada dell’Aeroporto tra Borgaro e Torino, è stata denunciata per furto aggravato in concorso: agiva con «l'aiuto» dei suoi sei bambini che sono stati affidati alla custodia del nonno
RIVAROLO - Fuga di gas sospetta in via Palestro
RIVAROLO - Fuga di gas sospetta in via Palestro
Indagini in corso da parte dei carabinieri di Rivarolo Canavese
IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»
IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»
Visita al carcere da parte di Marco Grimaldi, consigliere di Sel, Silvja Manzi e Igor Boni della Direzione nazionale Radicali
CASELLE - Due donne gelose si picchiano in strada per lo stesso uomo: la rissa si conclude con quattro arresti
CASELLE - Due donne gelose si picchiano in strada per lo stesso uomo: la rissa si conclude con quattro arresti
A scatenare il tutto un incontro che, in teoria, avrebbe dovuto essere un chiarimento, tra due donne: una di 43 anni e l'altra di 32. La prima, l'ex moglie di un 41enne residente proprio a Caselle. La seconda, la nuova fiamma dell'uomo
SLAVINA SULL'HOTEL RIGOPIANO - Dal Canavese partirà un altro contingente - FOTO
SLAVINA SULL
Intanto dei 20 nuovi tecnici piemontesi arrivati in loco, un gruppo sarà operativo già in serata, mentre l’altro entrerà in azione domani mattina
LEINI - Incendio in una cascina: muore soffocato un cane
LEINI - Incendio in una cascina: muore soffocato un cane
I padroni, per fortuna, si trovavano fuori casa. A dare l'allame sono stati alcuni residenti della zona. Accertamenti in corso
BORGARO-TORINO - Autista ubriaco finisce con il camion fuori strada: traffico in tilt sulla tangenziale - FOTO
BORGARO-TORINO - Autista ubriaco finisce con il camion fuori strada: traffico in tilt sulla tangenziale - FOTO
Paura sulla tangenziale nord di Torino in direzione dello svincolo di Caselle. L'autista del mezzo pesante positivo all'alcoltest: nel sangue tre volte il limite consentito. Accertamenti in corso da parte della polizia stradale di Torino
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore