INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «L'azienda è troppo vicina alle case»

| Allarme alla Teknoservice: lo lancia il comitato dei cittadini di via Piccoli e via del Ghiaro a Castellamonte. Un allarme generato proprio dall'incendio che si è verificato la scorsa settimana a Piossasco, nel cortile dell'azienda

+ Miei preferiti
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case»
Allarme alla Teknoservice: lo lancia il comitato dei cittadini di via Piccoli e via del Ghiaro a Castellamonte, ovvero le zone immediatamente a ridosso del sito dell'azienda di Piossasco in Canavese (erede, dall'ex consorzio Asa, della raccolta rifiuti sul territorio altocanavesano). Un allarme generato proprio dall'incendio che si è verificato la scorsa settimana a Piossasco, nel cortile di uno dei capannoni dell'azienda. «Purtroppo la possibilità di un evento simile a Castellamonte non può a priori escludersi e non può pertanto che essere un’aggravante alla chiara e oggettiva problematica dell’infelice posizione del sito ex Asa, problematica formalmente condivisa dalla Città Metropolitana ma che continua a essere invece disconosciuta dall'amministrazione comunale di Castellamonte - dicono dal comitato spontaneo - dalla conferenza dei servizi del novembre 2015 infatti, è emersa una posizione della Città Metropolitana sicuramente più vicina a quella del Comitato».

Secondo la Città metropolitana, infatti, «La più grossa criticità evidenziata dall’analisi del progetto, condivisa anche dai colleghi che si occupano di pianificazione rifiuti, è la previsione di far transitare rifiuti urbani dal deposito di via del Ghiaro, per cui è prevista una capacità massima di deposito pari a 100 tonnellate, prima di essere trasferiti con mezzi più grandi in discarica; è ancora vivo il ricordo delle problematiche emerse nel corso della precedente gestione del sito, dal punto di vista degli odori ad esempio, che avevano creato disturbo e allarme nella popolazione residente nelle vicinanze».

Nella conferenza dei servizi è emerso inoltre chiaramente che, in merito alle palesi e oggettive criticità del posizionamento del sito, «Ato ha comunque comunicato di non avere competenza specifica su questo tipo di attività e ha rimandato al Consorzio di Bacino l’espressione di un parere in merito; per il Consorzio è titolato ad esprimersi il sindaco di Castellamonte». «Risulta pertanto incomprensibile la posizione dell’amministrazione castellamontese che permane improntata alla totale indolenza a una serie di problematiche che risultano invece ben chiare a enti e amministrazioni superiori - dicono i cittadini - la gestione dei rifiuti urbani non erano mai state precedentemente svolte in tale area
industriale e la superficie del sito è stata, rispetto alla precedente industria operante nell’area (la ditta Comer), di fatto raddoppiata, situazione per la quale si ritiene che qualcuno avrà dato delle autorizzazioni ben sapendo della vicinanza del concentrico cittadino».

Il comitato rinnoverà appena possibile, entro i tempi previsti, specifiche osservazioni alla variante del piano regolatore recentemente riproposta dall’Amministrazione comunale coinvolgendo immediatamente e al contempo anche l’Assessorato regionale competente e rinnovando l’invito ad organizzare un tavolo pubblico di confronto «come più volte richiesto anche al sindaco Mascheroni che però sull’argomento, nonostante a sua detta il suo ufficio sia sempre aperto ai cittadini, non ci sente e non ci vuole sentire difendendo una posizione ormai chiaramente discutibile sulla questione della posizione dell’area ex ASA e delle attività in essa svolte».

Galleria fotografica
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 1
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 2
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 3
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 4
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 5
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 6
INCENDIO TEKNOSERVICE - A Castellamonte cresce la paura: «Lazienda è troppo vicina alle case» - immagine 7
Dove è successo
Cronaca
RIVAROLO - 1520 chili di frutta e verdura per le famiglie in difficoltà
RIVAROLO - 1520 chili di frutta e verdura per le famiglie in difficoltà
I numeri del progetto «Pomodono», ideato dai giovani del Rotaract Cuorgnè e Canavese con la collaborazione degli ambulanti
CANAVESE - I computer vanno in tilt, centri dell'Asl To4 bloccati
CANAVESE - I computer vanno in tilt, centri dell
I lavori di un cantiere hanno causato un guasto alla fibra ottica che ha impedito il funzionamento dei sistemi informatici Asl
LEINI - Finisce fuori strada e muore: salvo il nipote in auto con lui
LEINI - Finisce fuori strada e muore: salvo il nipote in auto con lui
L'uomo era al volante della propria Fiat Punto quando, in via Volpiano, è improvvisamente uscito di strada. Inutili tutti i soccorsi
CASTELLAMONTE - Addio a Mauro Zucca Pol, Muriaglio in lutto
CASTELLAMONTE - Addio a Mauro Zucca Pol, Muriaglio in lutto
Presidente della locale Società di Mutuo Soccorso, molto attivo nel volontariato locale, promotore di tante iniziative
OMICIDIO IN COLOMBIA - Imprenditore canavesano e la moglie uccisi a colpi di pistola
OMICIDIO IN COLOMBIA - Imprenditore canavesano e la moglie uccisi a colpi di pistola
Il killer non ha dato scampo: cinque colpi di pistola, di cui dui alla testa. Sono morti così Roberto Gaiottino, 44 anni, noto imprenditore edile di Barbania, e la moglie Claudia Patricia Zabala Dominguez, 36
AUTOSTRADA A5 - In prognosi riservata al Cto dopo l'incidente stradale sulla Torino-Aosta - FOTO
AUTOSTRADA A5 - In prognosi riservata al Cto dopo l
Un automobilista di 48 anni è stato ricoverato in gravi condizioni al Cto di Torino a seguito di un incidente stradale avvenuto questa mattina, intorno alle cinque, sull'autostrada A5 Torino-Aosta, nel territorio del Comune di Mercenasco
SAN BENIGNO - Un uomo investito mentre attraversa sulle strisce
SAN BENIGNO - Un uomo investito mentre attraversa sulle strisce
Sabato intorno alle 12 un uomo di 77 anni residente in provincia di Catanzaro è stato travolto in strada Dell'Alpina
CHIVASSO - Incendio alla carrozzina elettrica: quattro intossicati
CHIVASSO - Incendio alla carrozzina elettrica: quattro intossicati
L'incendio nella notte tra sabato e domenica all'interno di una palazzina. Accertamenti in corso sulle cause del rogo
FELETTO-LUSIGLIE' - Rave party: trovata viva la ragazza dispersa nei boschi - FOTO
FELETTO-LUSIGLIE
Hanno avuto esito positivo le ricerche della ragazza di 28anni residente in provincia di Macerata che risultava dispersa nel corso del rave party lungo l'Orco. E' stata ritrovata con l'ausilio dell'elicottero dei vigili del fuoco
DRAMMA AL RAVE PARTY - Una ragazza dispersa: ricerche in corso lungo il torrente Orco
DRAMMA AL RAVE PARTY - Una ragazza dispersa: ricerche in corso lungo il torrente Orco
Una ragazza di 28 anni risulta dispersa da questa mattina. Il suo telefono suona a vuoto e la famiglia, dalle Marche, ha chiesto aiuto a Vigili del Fuoco e carabinieri. Le ricerche sono al momento in corso lungo l'Orco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore