IVREA - Amianto alla Olivetti: «C'era della strana polvere bianca»

| Questa mattina al liceo Gramsci di Ivrea è ripreso il processo per le morti d'amianto negli stabilimenti Olivetti del Canavese

+ Miei preferiti
IVREA - Amianto alla Olivetti: «Cera della strana polvere bianca»
Questa mattina al liceo Gramsci di Ivrea è ripreso il processo per le morti d'amianto negli stabilimenti Olivetti del Canavese. Imputati diciassette ex dirigenti e amministratori dell'azienda: tra questi Carlo e Franco De Benedetti, l'ex ministro Corrado Passera e Roberto Colaninno, quest'ultimo accusato solo di lesioni. L'udienza di questa mattina ha visto testimoniare, chiamati dall'accusa, due ex impiegati che hanno contratto il mesotelioma pleurico e una dirigente dello Spresal dell'Asl To4 di Ivrea che ha prodotto le analisi sulla presenza dell'amianto negli stabilimenti.
 
Particolarmente significativa la testimonianza resa da Luigia Perello , 68 anni, che ha scoperto nel 2011 di essere malata di mesotelioma. «Ho sentito una fitta che mi ha tolto il respiro. Non riuscivo più a muovermi». Poi gli accertamenti clinici hanno scoperto la grave malattia. Sia la Perello che Pierangelo Bovio Ferassa, altro testimone sentito in aula, hanno confermato che già in passato si parlava di amianto negli stabilimenti. Tuttavia nessuno ha mai avvertito i lavoratori della pericolosità della situazione. «Quando facevamo le copie c'erano dei rulli che erano pieni di polvere bianca».
 
Nel corso dell'udienza i legali di Telecom Italia hanno fatto sapere che l'azienda ha raggiunto una soluzione conciliativa con quattro famiglie delle vittime. «La società è stata coinvolta come responsabile civile per fatti antecedenti all'ingresso di Olivetti nel gruppo - ha detto il legale - l'accordo è un segno tangibile di solidarietà nei confronti delle persone coinvolte e dei loro famigliari». 
Dove è successo
Cronaca
RIVAROLO - 1520 chili di frutta e verdura per le famiglie in difficoltà
RIVAROLO - 1520 chili di frutta e verdura per le famiglie in difficoltà
I numeri del progetto «Pomodono», ideato dai giovani del Rotaract Cuorgnè e Canavese con la collaborazione degli ambulanti
CANAVESE - I computer vanno in tilt, centri dell'Asl To4 bloccati
CANAVESE - I computer vanno in tilt, centri dell
I lavori di un cantiere hanno causato un guasto alla fibra ottica che ha impedito il funzionamento dei sistemi informatici Asl
LEINI - Finisce fuori strada e muore: salvo il nipote in auto con lui
LEINI - Finisce fuori strada e muore: salvo il nipote in auto con lui
L'uomo era al volante della propria Fiat Punto quando, in via Volpiano, è improvvisamente uscito di strada. Inutili tutti i soccorsi
CASTELLAMONTE - Addio a Mauro Zucca Pol, Muriaglio in lutto
CASTELLAMONTE - Addio a Mauro Zucca Pol, Muriaglio in lutto
Presidente della locale Società di Mutuo Soccorso, molto attivo nel volontariato locale, promotore di tante iniziative
OMICIDIO IN COLOMBIA - Imprenditore canavesano e la moglie uccisi a colpi di pistola
OMICIDIO IN COLOMBIA - Imprenditore canavesano e la moglie uccisi a colpi di pistola
Il killer non ha dato scampo: cinque colpi di pistola, di cui dui alla testa. Sono morti così Roberto Gaiottino, 44 anni, noto imprenditore edile di Barbania, e la moglie Claudia Patricia Zabala Dominguez, 36
AUTOSTRADA A5 - In prognosi riservata al Cto dopo l'incidente stradale sulla Torino-Aosta - FOTO
AUTOSTRADA A5 - In prognosi riservata al Cto dopo l
Un automobilista di 48 anni è stato ricoverato in gravi condizioni al Cto di Torino a seguito di un incidente stradale avvenuto questa mattina, intorno alle cinque, sull'autostrada A5 Torino-Aosta, nel territorio del Comune di Mercenasco
SAN BENIGNO - Un uomo investito mentre attraversa sulle strisce
SAN BENIGNO - Un uomo investito mentre attraversa sulle strisce
Sabato intorno alle 12 un uomo di 77 anni residente in provincia di Catanzaro è stato travolto in strada Dell'Alpina
CHIVASSO - Incendio alla carrozzina elettrica: quattro intossicati
CHIVASSO - Incendio alla carrozzina elettrica: quattro intossicati
L'incendio nella notte tra sabato e domenica all'interno di una palazzina. Accertamenti in corso sulle cause del rogo
FELETTO-LUSIGLIE' - Rave party: trovata viva la ragazza dispersa nei boschi - FOTO
FELETTO-LUSIGLIE
Hanno avuto esito positivo le ricerche della ragazza di 28anni residente in provincia di Macerata che risultava dispersa nel corso del rave party lungo l'Orco. E' stata ritrovata con l'ausilio dell'elicottero dei vigili del fuoco
DRAMMA AL RAVE PARTY - Una ragazza dispersa: ricerche in corso lungo il torrente Orco
DRAMMA AL RAVE PARTY - Una ragazza dispersa: ricerche in corso lungo il torrente Orco
Una ragazza di 28 anni risulta dispersa da questa mattina. Il suo telefono suona a vuoto e la famiglia, dalle Marche, ha chiesto aiuto a Vigili del Fuoco e carabinieri. Le ricerche sono al momento in corso lungo l'Orco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore