IVREA - Bollette con il trucco: ora si può chiedere il rimborso

| Per anni la Smat ha fatto pagare anche alle utenze non collegate al depuratore, i costi di depurazione... Pazzesco

+ Miei preferiti
IVREA - Bollette con il trucco: ora si può chiedere il rimborso
Per diversi anni la SMAT (e prima ancora la SCA – Società Canavesana Acque) ha applicato alle bollette dell'acqua dei cittadini eporediesi una tariffa legata alla depurazione, anche per le utenze non collegate ad alcun depuratore.
 
E' evidente che questi importi NON DOVEVANO ESSERE RICHIESTI, NE' PAGATI, come d'altronde è stato sancito dalla sentenza 335/2008 della Corte Costituzionale. Purtroppo, il rimborso non è automatico, ma l'utente deve farne richiesta a SMAT. Di questa possibilità, finora, non è stata data molta pubblicità, anzi. E, oltretutto, i termini stanno per scadere, visto che il termine ultimo per la richiesta di rimborso è il 1° ottobre 2014.
 
Al fine di facilitare i cittadini nell'espletamento della pratica di richiesta, la lista civica ViviamoIvrea ha predisposto una serie di indicazioni pratiche, che sono disponibili sul sito www.viviamoivrea.it e che verranno distribuite ai cittadini direttamente nelle buche delle lettere e attraverso volantinaggi. «Non appena possibile - fanno sapere da ViviamoIvrea - attiveremo anche degli “sportelli”, nelle diverse zone della città, per fornire una consulenza diretta a chi ha problemi nell'affrontare la pratica. Il calendario di questi appuntamenti sarà pubblicato sul sito internet e sulla pagina Facebook della lista».
 
«Crediamo che questa sia un'iniziativa importante verso i cittadini – afferma Francesco Comotto, Consigliere comunale di ViviamoIvrea – perchè si tratta di cifre significative, anche se non esorbitanti. Per una normale utenza domestica, si parla mediamente di 200-300 euro, che sicuramente fanno comodo alle famiglie, soprattutto considerando il fatto che sono stati versati anche se non erano dovuti. Proprio per rendere più significativa e concreta questa campagna, abbiamo dato vita a un gruppo di lavoro, al nostro interno, che si è occupato di studiare e valutare la situazione e considerare le azioni più efficaci da mettere in campo. Un lavoro di equipe che vuole essere sia di “consulenza” per consentire agli Eporediesi di recuperare i loro soldi, che un invito alla trasparenza: ci sembra inspiegabile che finora questa possibilità sia rimasta quasi sconosciuta a molti utenti».
 
CHI HA DIRITTO ALLA RESTITUZIONE?
 
Tutti gli utenti SMAT (o SCA Società Canavesana Acque fino al 2005) attivi o cessati, la cui utenza si trova in zone non servite da un impianto di depurazione attivo, ai quali è stata applicata nel periodo 16.10.2003  ‐ 15.10.2008 (ossia nei 5 anni antecedenti alla data della sentenza) la quota di tariffa di depurazione. Non spetta alcune rimborso a coloro che non sono allacciati alla pubblica fognatura e scaricano in modo autonomo mediante pozzo perdente, subirrigazione, ecc.
 
COME VERIFICARE SE SI HA DIRTTO ALLA RESTITUZIONE?
 
Utilizzando una di queste procedure:
 
1) verifica sull’attuale bolletta dell’acqua se, nel “Prospetto importi” è presente la voce “Servizio di depurazione”.  Se tale voce non è presente puoi chiedere il rimborso  perché SMAT l’ha stralciata
dopo la sentenza 335/2008, ma rimangono da restituire, previa istanza del titolare del contratto, i cinque anni in cui il canone di depurazione è stato pagato indebitamente.
 
2) Collegandosi al sito della SMAT (www.smatorino.it) alla voce “sportello on line” e registrandosi utilizzando il “codice servizi internet” riportato sulla bolletta in alto a sinistra. Nella sezione “Tariffe Depurazione”  è contenuta una tabella riportante l’importo del canone di depurazione del periodo per il quale si ha diritto al rimborso.
 
3) Contattando la SMAT al numero verde 800 010842 attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 17.30.
 
COSA FARE PER RICHIEDERE LA RESTITUZIONE?
 
Compilare ed inviare  entro il 1° ottobre 2014 il modulo  per la richiesta di rimborso qui allegato, scaricabile anche dal sito di Viviamo Ivrea (www.viviamoivrea.it) e inviarlo via posta a:  
 
SMAT ‐ Società Metropolitana Acque Torino S.p.A. ‐ Corso XI Febbraio, 14 ‐ 10152 TORINO
 
E’ possibile inviare l’istanza per posta ordinaria, ma per avere certezza dell’avvenuta ricezione e della data si suggerisce un inoltro tramite raccomandata con avviso di ricevimento.
 

Cronaca
FAVRIA - Cornicione pericolante dalla chiesa: intervento dei vigili del fuoco - FOTO
FAVRIA - Cornicione pericolante dalla chiesa: intervento dei vigili del fuoco - FOTO
Alle 17, invece, i vigili del fuoco di Rivarolo Canavese e Volpiano sono intervenuti in una villetta di San Giusto Canavese per un incendio camino
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
L'uomo, sposato, padre di due figli, muratore fino ad allora incensurato, ora dovrà scontare una pena di oltre quattro anni
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell'uomo» - LA FOTO
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell
Giuseppe Laforè, 24 anni, detto Alex, braccato da carabinieri e polizia è stato fermato ieri sera a Torino. Giovedì scorso, al culmine di una lite con il padre dell'ex fidanzata, ha sparato diversi colpi uccidento Laurent Radici, 44 anni
VALPRATO - Il Comune cerca un nuovo gestore per bar e pizzeria
VALPRATO - Il Comune cerca un nuovo gestore per bar e pizzeria
Il giovane imprenditore che gestisce da alcuni mesi la struttura ha rinunciato da pochi giorni alla gestione per motivi privati
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - ARRESTATO L'ASSASSINO DI LAURENT RADICI: E' IL FIDANZATO DELLA FIGLIA
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - ARRESTATO L
Si è costituito a Torino, nella tarda serata di ieri, Giuseppe Laforè, 25 anni, un nomade sinti di Romano Canavese, accusato dell'omicidio di Laurent Radici, il 44enne di San Giorgio ucciso la scorsa settimana con un colpo di pistola
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
Tra le motivazioni i carichi di lavoro, tensione nel comando, ambiente insostenibile, richieste di trasferimento negate
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
Da lunedì verrà eseguito un intervento di abbattimento del primo filare di platani nei Giardini della stazione ferroviaria
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
Due donne, hanno approfittato di un momento di confusione all'interno del locale per impossessarsi del barattolo contenente le mance. Appena si sono accorti del furto, i titolari sono andati a visionare le immagini di videosorveglianza
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
Tutto il sistema operativo regionale Antincendi boschivi continua a essere allertato sull'intero territorio piemontese, pronto a intervenire in caso di necessità
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
Code e traffico in tilt in centro. «Colpa» della rotonda di porta Vercelli. Indagine del Comune in corso per nuove modifiche
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore