IVREA - Celle del carcere senza il televisore: protesta dei detenuti con lancio di frutta e oggetti

| «La situazione è stata molto complicata per la sicurezza interna», denuncia Vicente Santilli, segretario regionale per il Piemonte del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. Protagonisti una trentina di detenuti del primo piano

+ Miei preferiti
IVREA - Celle del carcere senza il televisore: protesta dei detenuti con lancio di frutta e oggetti
Altissima tensione, venerdì scorso, nel carcere di Ivrea, dove i detenuti hanno dato vita ad una rumorosa protesta per protestare contro le condizioni di vita detentive. “La situazione è stata molto complicata per la sicurezza interna”, denuncia Vicente Santilli, segretario regionale per il Piemonte del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.
 
“Nella serata di Venerdì 14/10/2016 circa una trentina di detenuti ristretti presso il reparto primo piano lato destro (Reparto a regime chiuso) della casa Circondariale di Ivrea hanno messo in opera una violenta manifestazione di protesta, divisa in due fasi. La prima fase è iniziata verso le ore 20.00, approfittando del fatto che da quell'ora rimane un solo operatore di Polizia Penitenziaria nel piano: hanno incominciato a sbattere gli spioncini dei blindi nonchè le ante degli armadietti in dotazione alle camere detentive. Grazie al pronto intervento dell'onnipresente Assistente Capo di Polizia Penitenziaria di Sorveglianza Generale, si è sedata la prima trance di protesta.
 
Verso le ore 21.00 però la protesta è ripresa con più violenza rispetto alla prima e cioè hanno iniziato a lanciare carte  incendiate, cuscini fatti a pezzi, frutta, lampadine, pezzi di mobilio distrutto, bombolette di gas nel corridoio della sezione. A quel punto la Sorveglianza Generale, per poter portare alla calma la situazione e mettere in sicurezza gli operatori penitenziari presenti, ha chiesto l'ausilio di circa venti agenti e/o Assistenti accasermati (e che pagano per avere una stanza in caserma!) che intervenuti sul posto, con grande senso di responsabilità ed abnegazione sono riusciti a portare il tutto nei canoni regolari. Inoltre gli stessi detenuti hanno chiesto con insistenza un colloquio urgente con il comandante di Reparto, che nel mentre era stato avvertito dalla Sorveglianza Generale. Il comandante a sua volta è arrivato in Istituto verso le ore 21.45 circa ed ha ascoltato una delegazione di detenuti per capire le motivazioni di tale protesta. Questi ultimi lamentano un assenza totale dei diritti, in alcuni casi quali alcune celle prive di televisori, le continue richieste di audizioni con l'autorità dirigente ed educatori a loro dire inascoltate. Tutto questo come al solito ricade sui poliziotti penitenziari che ogni giorno con spirito di sacrificio ed abnegazione affrontano situazioni esplosive createsi grazie a chi?.. Fino a quando potrà durare questo clima? L'Amministrazione quando interviene?”.
 
“Le carceri sono più sicure assumendo gli Agenti di Polizia Penitenziaria che mancano, finanziando gli interventi per far funzionare i sistemi antiscavalcamento, potenziando i livelli di sicurezza delle carceri”, commenta infine il segretario generale del SAPPE Donato Capece. ”Non possiamo essere noi il terminale delle proteste, talvolta persino sconsiderate e violente, dei detenuti per effetto di idee e i progetti dell’Amministrazione Penitenziaria che poi non vengono attuate per carenze di organico. Chi difende i difensori?”.
Dove è successo
Cronaca
RIVAROLO - Assalto al centro Morletto Expert - VIDEO ESCLUSIVO - Caccia alla banda dell'Alfa
RIVAROLO - Assalto al centro Morletto Expert - VIDEO ESCLUSIVO - Caccia alla banda dell
Nella notte tra lunedì e martedì è fallito però il colpo da «Morletto Expert», il nuovo centro aperto da qualche giorno in corso Torino 226 a Rivarolo Canavese. I sei ladri sono arrivati a bordo di un'Alfa Romeo scura
SCARMAGNO - Incidente stradale sulla Torino-Aosta: auto si schianta contro la «freccia» dei lavori in corso - FOTO
SCARMAGNO - Incidente stradale sulla Torino-Aosta: auto si schianta contro la «freccia» dei lavori in corso - FOTO
L'autostrada è rimasta bloccata per circa un'ora poi i tecnici di Ativa hanno spostato i mezzi e il traffico è ripartito. Una donna ferita trasportata all'ospedale di Ivrea. Indagini sulla dinamica da parte della polizia stradale di Torino
CASTELLAMONTE - Auto distrutta da un incendio in pieno centro: i vigili del fuoco domano le fiamme - FOTO E VIDEO
CASTELLAMONTE - Auto distrutta da un incendio in pieno centro: i vigili del fuoco domano le fiamme - FOTO E VIDEO
Paura poco prima di mezzanotte in via Massimo D'Azeglio. Auto completamente distrutta e danni anche a un'abitazione vicina al mezzo. Indagini dei carabinieri di Castellamonte al momento in corso
IVREA - Cavalcavia danneggiato: stop ai treni sulla linea per Aosta
IVREA - Cavalcavia danneggiato: stop ai treni sulla linea per Aosta
A provocare l’incidente a Verres è stato un camion che ha urtato la volta metallica mentre passava sotto il binario
OZEGNA - Sfasciano le vetrate dell'azienda per rubare attrezzi e salumi
OZEGNA - Sfasciano le vetrate dell
Ladri ancora in azione in Canavese. A farne le spese, nella notte tra lunedì e martedì, il centro «Mab Carni» di strada Ciconio
CARAVINO - Al castello di Masino torna tre giorni per il giardino
CARAVINO - Al castello di Masino torna tre giorni per il giardino
La manifestazione ideata da Marella Agnelli e Paolo Pejrone nel 1992 è un evento florovivaistico internazionale
FELETTO - Un 25 Aprile insieme ai partigiani, ai bambini e alle associazioni - FOTO
FELETTO - Un 25 Aprile insieme ai partigiani, ai bambini e alle associazioni - FOTO
Dopo il corteo tutti i bambini, di differenti etnie, hanno cantato una canzone in ebraico e recitato alcune poesie
CUORGNE' - Al 25 Aprile il sindaco s'improvvisa parroco - FOTO
CUORGNE
Alla celebrazione della Liberazione il sacerdote non arriva: il sindaco invita i presenti a raccogliersi in preghiera
CASTELLAMONTE - Torna a vivere l'antico «caricatore» della ferrovia
CASTELLAMONTE - Torna a vivere l
Ad un anno dall'inizio del lavori, la città si riprende una struttura storica dopo diversi anni di degrado e abbandono
PONT CANAVESE - Autovelox sulla provinciale: il Comune sceglie la strada dei totem arancioni in via Roma
PONT CANAVESE - Autovelox sulla provinciale: il Comune sceglie la strada dei totem arancioni in via Roma
Per ora si tratta di una fase sperimentale della durate di circa 2 mesi, al termine della quale il Comune di Pont valuterà se acquistare in via definitiva le colonnine arancioni. Automobilisti avvisati... Il limite è di 50 chilometri l'ora
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore