IVREA - Contrabbando di pellet contraffatto: arrestato un imprenditore eporediese di 65 anni

| Il pellet sequestrato, pari ad oltre 750.000 chili, verrà devoluto ad organizzazioni umanitarie per l'impiego a favore delle popolazioni colpite da calamità naturali. All'eporediese sono stati concessi gli arresti domiciliari

+ Miei preferiti
IVREA - Contrabbando di pellet contraffatto: arrestato un imprenditore eporediese di 65 anni
Su ordine del Tribunale di Udine, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Udine, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del capoluogo friulano, hanno notificato l’Ordinanza di custodia cautelare che dispone la misura degli arresti domiciliari a carico di un imprenditore di Ivrea – dominus di un sodalizio criminale responsabile di una importante frode all’IVA attuata mediante il contrabbando per sottofatturazione di pellet contraffatto dall’Est Europa – e l’interdizione dall’esercizio d’impresa per altri due. Contestualmente è stato eseguito, a carico degli 11 imprenditori coinvolti, il sequestro di beni e valori per 3,5 milioni di euro. 

L’indagine era nata ad inizio 2017, dalla lettura integrata, fatta da Guardia di Finanza ed Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, di un anomalo flusso di combustibile legnoso, importato, nella piazza friulana, da due aziende locali, gestite da due cittadini russi, i trentottenni B.A. e N.S., trapiantati, da alcuni anni, a Udine. Dopo il sequestro di alcuni carichi di pellet, operato, in più fasi, presso gli spazi doganali del nord est per la contraffazione del marchio di certificazione di qualità, i Finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Udine ed i Funzionari del locale Ufficio delle Dogane, hanno iniziato ad analizzare gli scambi commerciali della filiera di importazione e vendita del combustibile, individuandovi alcune sostanziali criticità che incidevano, sin dall’introduzione della merce in Italia, sulla determinazione e sul versamento dell’IVA e dei dazi doganali. Ipotizzata la frode, è, così, partita l’operazione “perniciosa flagrantia”, che, coordinata dalla Procura della Repubblica di Udine, nella persona del Sostituto Procuratore D.ssa Paola De Franceschi, ha visto Finanzieri e Doganieri ricostruire un articolato disegno criminale che, in pochi anni, ha sottratto alle casse dell’Erario circa 11 milioni di euro.

Il meccanismo, architettato da cinque piemontesi, tra cui un commercialista, e dai due cittadini russi, prevedeva l’acquisto di pellet – e, poi, con altre società, di metalli ed automobili – da alcune società dell’est Europa e, prima ancora dell’importazione in Italia, la contestuale rivendita ad altre due ditte “filtro”, create ad arte per assolvere agli obblighi doganali e, subito dopo, scomparire assieme all’ingente debito d’imposta maturato.

La ricostruzione della filiera illecita – effettuata grazie a certosine indagini, sia tecniche che finanziarie, all’esame di numerosi apparati informatici ed a complessi riscontri internazionali ottenuti, in Austria, Slovacchia e Slovenia, dove il gruppo aveva costituito società fittizie con lo scopo di aumentare i passaggi della filiera commerciale, grazie all’attivazione dello strumento dell’Ordine di Indagine Europeo – ha permesso di individuare il profitto illecito del gruppo criminale e di contestare una serie di altri reati, commessi principalmente dai due soggetti più attivi, C.N.M., eporediese di 65 anni, e T.B., vercellese di 50 anni, meglio noti come M. I. e C. F., i romeni titolari delle ditte “filtro” dei quali, contraffacendone i documenti di identità, avevano usurpato le generalità. Grazie a questo artifizio, C.N.M. e T.B., presentandosi come i titolari delle due ditte, sono riusciti a confondere la catena degli approvvigionamenti e ad ottenere fidi bancari e conti correnti che, diversamente, non gli sarebbero mai stati concessi.

In Dogana, infatti, i due finti romeni – che, pur senza averne i requisiti, figuravano “esportatori abituali” – provvedevano a perfezionare l’importazione del prodotto esibendo fatture di acquisto con valori inferiori a quelli, già di per sé competitivi, ottenuti dai due russi, così ottenendo il duplice vantaggio, da un lato, di corrispondere un dazio sensibilmente ridotto e, dall’altro, grazie alla qualifica usurpata, di poter compensare l’IVA con inesistenti crediti d’imposta. La frode, oltre che all’importazione, si è poi ulteriormente ramificata nelle cessioni nazionali.

Il pellet sequestrato, sia nelle perquisizioni eseguite a giugno 2017 che nei controlli negli spazi doganali, pari ad oltre 750.000 chili, verrà devoluto ad organizzazioni umanitarie per l’impiego a favore delle popolazioni colpite da calamità naturali.

Cronaca
SAN PONSO - Muore a 34 anni stroncato da un malore fulminante mentre sta lavorando
SAN PONSO - Muore a 34 anni stroncato da un malore fulminante mentre sta lavorando
Dramma oggi, martedì 21 maggio, intorno a mezzogiorno, alla Codex di via Salassa a San Ponso. Un dipendente 34enne della ditta, residente a Chivasso, si è accasciato al suolo mentre stava lavorando all'interno del capannone ed è morto
IVREA - Una zuppa di pesce da record: 1500 chili per 4000 porzioni
IVREA - Una zuppa di pesce da record: 1500 chili per 4000 porzioni
Come è ormai consuetudine sabato 2 Giugno si terrà la Manifestazione «Primavera a Porta Torino - La Grande Zuppa di Pesce»
AGLIE' - Vittorio Sgarbi ospite d'onore per la chiesa di San Gaudenzio
AGLIE
Inaugurazione speciale, domenica scorsa, per i lavori di restauro della chiesa di San Gaudenzio, dove riposa Guido Gozzano
CANAVESE - Si va in bici: inaugurato il Sentiero delle Pietre Bianche
CANAVESE - Si va in bici: inaugurato il Sentiero delle Pietre Bianche
Cinque i Comuni coinvolti nel progetto: Barone Canavese, Candia Canavese, Mercenasco, Montalenghe e Orio Canavese
FOGLIZZO - Lavori in corso, fino al 3 giugno ufficio postale chiuso
FOGLIZZO - Lavori in corso, fino al 3 giugno ufficio postale chiuso
Per garantire la continuità del servizio durante i lavori la clientela potrà rivolgersi al vicino ufficio postale di Montanaro
CANAVESE - Senologia, l'Asl To4 premiata dalla Società Italiana Radiologia Medica
CANAVESE - Senologia, l
L'Asl To4 ha presentato una comunicazione scientifica sotto forma di poster che è stata premiata come prima classificata a livello nazionale
CHIVASSO - Finti poliziotti con il lampeggiante blu sull'auto rapinano l'incasso della festa patronale
CHIVASSO - Finti poliziotti con il lampeggiante blu sull
E' caccia ai malviventi che l'altra sera hanno rapinato una donna di 43 anni di Chivasso, cassiera dell'associazione Pro Mandria, mentre stava facendo rientro a casa con l'incasso della festa dedicata al patrono della frazione Sant'Eligio
GIRO D'ITALIA A CERESOLE - Sgomberati altri 25 centimetri di neve: la tappa non è a rischio - FOTO
GIRO D
Super lavoro dei cantonieri della Città metropolitana in queste ore. Sono state sospese le operazioni di rappezzatura del manto stradale sulle Provinciali 460 e 50 che riprenderanno appena le condizioni meteo lo consentiranno
IVREA - Gli studenti di infermieristica a «lezione» dal Soccorso Alpino
IVREA - Gli studenti di infermieristica a «lezione» dal Soccorso Alpino
La XII Delegazione Canavesana del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese ha rinnovato la convenzione con la Facoltà di Infermieristica del Dipartimento della Sanità Pubblica con sede ad Ivrea
IVREA - Tante donazioni per il reparto pediatria dell'ospedale
IVREA - Tante donazioni per il reparto pediatria dell
Numerosi i benefattori che si sono resi protagonisti di diverse donazioni per un valore complessivo di circa 28 mila euro
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore