IVREA - Disabili visivi: per l'Apri le denunce sono fondate

| L'associazione si mette comunque a piena disposizione del direttore generale dell'Asl To4, Lorenzo Ardissone

+ Miei preferiti
IVREA - Disabili visivi: per lApri le denunce sono fondate
Riceviamo e pubblichiamo
 
L'Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti (A.P.R.I.-onlus), dopo aver letto attentamente il comunicato ASL TO-4 del 29 luglio u.s. in relazione al Centro di Riabilitazione Visiva eporediese, in qualità di organizzazione rappresentante i disabili visivi e di destinatario della lettera di protesta firmata da ventisette utenti del centro, intende esprimere la propria soddisfazione per alcune considerazioni contenute nel comunicato stesso e, in particolare:
 
1 - La sostanziale ammissione della fondatezza delle denunce relative alla sospensione degli interventi domiciliari, prestazione di importanza primaria nella riabilitazione visiva e praticata ampiamente da tutti i centri piemontesi tranne Ivrea. Se infatti ben ventisette utenti ne hanno denunciato la sospensione per iscritto non si capisce come si possa sostenere che non ci siano state richieste...
2 - La conferma ben esplicita, in netto contrasto rispetto al comunicato UICI, che gli unici responsabili delle prescrizioni di ausili sono i medici prescrittori ed i funzionari ASL dell'Ufficio Protesi. Molto gravi ci erano infatti parse, in tal senso, le velate minacce nei confronti degli utenti contenute nel comunicato UICI.
3 - La richiesta di una precisa e dettagliata relazione al dott De Marie in base alla quale potranno essere adottate decisioni conseguenti.
4 - L'appello finale formulato dal direttore generale dott. Lorenzo Ardissone affinchè tutte le parti interessate vengano contattate dal dott. De Marie nel tentativo di ristabilire un clima di attenzione nei confronti degli utenti.
 
APRI-onlus continua tuttavia a mantenere una posizione piuttosto dubbiosa circa le risposte relative all'utilizzo dei fondi vincolati sulla riabilitazione visiva. I fondi regionali infatti non ammettono la rendicontazione di spese come utenze o manutenzioni di immobili. I costi relativi al personale inoltre potrebbero essere giustificati a patto che vi siano assunzioni di medici o ortottisti specificamente dedicati al CRV, cosa che non risulta, e non l'espletamento di tali funzioni nell'ambito del servizio oculistico generale e durante il normale orario di lavoro.
 
APRI-onlus si mette comunque a piena disposizione del direttore generale Lorenzo Ardissone, che auspica di poter incontrare al più presto, per cercare insieme soluzioni che, al di là delle appartenenze associative, possano aiutare la crescita dei servizi a favore dei disabili visivi canavesani.
Marco Bongi
Dove è successo
Cronaca
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
Domenca «Cammin'arte» e alla sera, con la chiusura dei punti mostra alle 20, l'atteso concerto di Francesco Taskayali
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco oggi pomeriggio nei pressi del passaggio a livello della stazione. Indagini sul proprietario del mezzo
CUORGNE' - Paura all'interno della Federal Mogul, scatta l'evacuazione
CUORGNE
L'allarme scattato per una possibile intossicazione nel reparto cuscinetti. Una cinquantina di dipendenti fatti evacuare
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L'ERGASTOLO
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L
Si è chiuso il processo di primo grado per l'omicidio della povera professoressa di Castellamonte. L'ex allievo, reo-confesso del delitto, è stato condannato a trent'anni. Accolta solo in parte la richiesta della procura di Ivrea
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell'assassinio di Gloria Rosboch - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell
Si è chiuso al tribunale di Ivrea, oggi, un altro capitolo della lunga storia che ha portato all'efferato omicidio della professoressa Rosboch. Ecco il riassunto di quanto avvenuto in alcune tappe fondamentali
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
Il piccolo Comune della Valle Soana difende la scelta di ospitare la gara goliardica e benefica dopo le tante polemiche emerse
CUORGNE' - Riparato il Gesù bambino decapitato dai vandali
CUORGNE
La statua affidata alla restauratrice Sara Bertella è stata riconsegnata a Pezzetto in settimana e quindi riposizionata
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
Nei campi vicino alla provinciale è atterrato l'elisoccorso. Dinamica dell'incidente stradale al vaglio dei carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore