IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»

| Visita al carcere da parte di Marco Grimaldi, consigliere di Sel, Silvja Manzi e Igor Boni della Direzione nazionale Radicali

+ Miei preferiti
IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»
Visita ispettiva al carcere di Ivrea, questa mattina, da parte di Marco Grimaldi, consigliere regionale di Sel, Silvja Manzi e Igor Boni della Direzione nazionale Radicali. Una visita sollecitata dalle recenti proteste, anche violente, messe in atto da alcuni detenuti. «La situazione è complessa – ha ammesso Grimaldi – c’è un evidente problema strutturale e un aumento di casi difficili. Servono investimenti e servizi». Al momento la casa circondariale ospita 244 detenuti, contro una capienza massima di 192. Il 41% è straniero. A fronte di una pianta organica di 183 dipendenti, invece, le persone in servizio tra agenti e amministrativi sono 144. «Più del 90% dei detenuti fa uso di psicofarmaci o ansiolitici – dice Igor Boni – questo carcere ha bisogno di un aiuto urgente dall’amministrazione penitenziaria che non può nascondersi dietro la mancanza di denaro». Tra gli investimenti previsti quello per le telecamere di sicurezza: quelle al momento installate non risulterebbero funzionanti.
 
La delegazione piemontese si è fermata a discutere a lungo con la Direttrice e con gli operatori, non solo in merito ai gravi fatti avvenuti di recente, ma anche a proposito delle carenze strutturali del carcere.  Negli ultimi mesi, all’aumento delle presenze (passate dai 190 detenuti presenti al 28 aprile 2015, agli attuali 244) si è sommato l’arrivo di diversi casi di detenuti trasferiti da altri Istituti, per lo più a causa di sanzioni disciplinari. Questa delicata situazione si scontra con la carenza di organico e con gli scarsi strumenti che la struttura ha a disposizione. Una gestione meno conflittuale e più promiscua dei detenuti avrebbe bisogno di aree comuni e, da subito, di un impianto di videosorveglianza che consenta agli agenti un minor carico di lavoro. 
 
La delegazione ha visitato le diverse aree, a partire dall’infermeria, che ospitava un caso di autolesionismo (di tre avvenuti nella stessa giornata). Qui i rappresentanti di SEL-Sinistra Italiana e dei Radicali hanno potuto parlare con gli operatori sanitari e del SERT, appurando che dei 244 detenuti ben 240 fanno uso di psicofarmaci, dai semplici analgesici a terapie più importanti. Mentre una guardia medica è presente h24, per contro lo psicologo è attivo solo 24 ore al mese e lo psichiatra 2 ore a settimana. Vi sono inoltre 64 tossicodipendenti, tutti in terapia di mantenimento (a lievi dosi scalari).
 
“Facciamo appello al Ministero di Grazia e Giustizia e al Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria affinché non siano più sottovalutati da un lato i casi di insofferenza dei detenuti, dall’altro le difficili condizioni lavorative in cui si trovano gli agenti penitenziari”, ha dichiarato l’esponente di Sinistra Italiana Marco Grimaldi. “Il sovraffollamento e il calo dell’organico sono solo una parte di un problema che ha bisogno di investimenti certi per una migliore gestione delle aree comuni e dei diversi piani, a partire da un nuovo impianto di videosorveglianza, che costerebbe solo 40mila euro.” 
 
“Se il caso di fine ottobre è stato scatenato dall’assenza di canali di intrattenimento televisivi”, hanno dichiarato Silvja Manzi e Igor Boni, “l’abuso di psicofarmaci e la scarsità di attività ricreative, di studio o lavorative (solo 80 detenuti hanno la possibilità di svolgere un lavoro) richiederebbe ben altro investimento da parte delle istituzioni locali e del Governo”.
Dove è successo
Cronaca
OMICIDIO ROSBOCH - Domani la sentenza: Gabriele Defilippi rischia l'ergastolo. Ecco cosa può succedere
OMICIDIO ROSBOCH - Domani la sentenza: Gabriele Defilippi rischia l
Il giorno della verità è ormai arrivato. Domani mattina si conclude il processo di primo grado per l'omicidio della professoressa di Castellamonte. Alla sbarra Gabriele Defilippi e il complice Roberto Obert
INGRIA - Il piccolo Comune del Canavese ospita «La gara di rutti» dopo le polemiche a Torino
INGRIA - Il piccolo Comune del Canavese ospita «La gara di rutti» dopo le polemiche a Torino
«Non ci sono limiti di età, ci si può preparare anche con bevande gassate e mangiando le squisitezze del posto. La giuria popolare decreterà il vincitore in base al rutto più teatrale, rumoroso e stupefacente»
FELETTO - I 40 anni della Fidas in una mostra fotografica
FELETTO - I 40 anni della Fidas in una mostra fotografica
La mostra si inserisce nelle molteplici attività che si sono svolte in paese per la settimana dedicata a San Vittorio
STRAMBINO - Incidente in via Ivrea: scooter travolto all'incrocio
STRAMBINO - Incidente in via Ivrea: scooter travolto all
Lo scooterista è stato sbalzato al suolo. L'impatto con l'asfalto è stato particolarmente duro e l'uomo ha riportato diverse ferite
IVREA - Poliziotto eroe salva un intero palazzo dall'incendio
IVREA - Poliziotto eroe salva un intero palazzo dall
E' successo ieri sera, poco prima di mezzanotte, a Ivrea, in via Papa Giovanni, quartiere Bellavista. Sul posto i vigili del fuoco
CASELLE - Incidente sul lavoro: operaio di Borgaro muore schiacciato dal cancello della carrozzeria
CASELLE - Incidente sul lavoro: operaio di Borgaro muore schiacciato dal cancello della carrozzeria
Il cancello lo ha spinto e schiacciato contro un camion. Per lui non c'è stato niente da fare. A dare l'allarme, l'altra sera, sono stati i famigliari dell'uomo non vedendolo tornare a casa. Indagini di carabinieri e Spresal in corso
FERROVIA CANAVESANA - Atto vandalico contro i treni: lastre di cemento sui binari
FERROVIA CANAVESANA - Atto vandalico contro i treni: lastre di cemento sui binari
Idioti in azione, oggi, ai danni della ferrovia Canavesana dove si sono verificati ritardi fino a mezz'ora in entrambe le direzioni a causa di un pericoloso atto vandalico
AGLIE' - Bimba di due anni ustionata in casa. Arrestata la mamma: per il tribunale non è stato un incidente
AGLIE
I fatti risalgono al 17 ottobre 2012, quando la figlia di due anni e mezzo venne ricoverata al Regina Margherita con ustioni di primo e secondo grado sul 20% del corpo. In tribunale è emersa una verità sconcertante
SAN GIUSTO CANAVESE - Incidente mortale: perde la vita a soli 28 anni sulla provinciale per Foglizzo - FOTO e VIDEO
SAN GIUSTO CANAVESE - Incidente mortale: perde la vita a soli 28 anni sulla provinciale per Foglizzo - FOTO e VIDEO
Non ce l'ha fatta il ragazzo di 28 anni residente a San Giusto che questa mattina è rimasto vittima di un drammatico incidente. Il ragazzo era al volante di una Volvo V40 che si è schiantata contro un furgone Peugeot
SAN GIUSTO CANAVESE - Terribile incidente sulla provinciale per Foglizzo: un uomo gravissimo - FOTO E VIDEO
SAN GIUSTO CANAVESE - Terribile incidente sulla provinciale per Foglizzo: un uomo gravissimo - FOTO E VIDEO
Grave incidente questa mattina sulla provinciale tra San Giusto Canavese e Foglizzo. Nei pressi della zona industriale si sono scontrate frontalmente una Volvo V40 e un furgone. Dinamica al vaglio dei carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore