IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»

| Visita al carcere da parte di Marco Grimaldi, consigliere di Sel, Silvja Manzi e Igor Boni della Direzione nazionale Radicali

+ Miei preferiti
IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»
Visita ispettiva al carcere di Ivrea, questa mattina, da parte di Marco Grimaldi, consigliere regionale di Sel, Silvja Manzi e Igor Boni della Direzione nazionale Radicali. Una visita sollecitata dalle recenti proteste, anche violente, messe in atto da alcuni detenuti. «La situazione è complessa – ha ammesso Grimaldi – c’è un evidente problema strutturale e un aumento di casi difficili. Servono investimenti e servizi». Al momento la casa circondariale ospita 244 detenuti, contro una capienza massima di 192. Il 41% è straniero. A fronte di una pianta organica di 183 dipendenti, invece, le persone in servizio tra agenti e amministrativi sono 144. «Più del 90% dei detenuti fa uso di psicofarmaci o ansiolitici – dice Igor Boni – questo carcere ha bisogno di un aiuto urgente dall’amministrazione penitenziaria che non può nascondersi dietro la mancanza di denaro». Tra gli investimenti previsti quello per le telecamere di sicurezza: quelle al momento installate non risulterebbero funzionanti.
 
La delegazione piemontese si è fermata a discutere a lungo con la Direttrice e con gli operatori, non solo in merito ai gravi fatti avvenuti di recente, ma anche a proposito delle carenze strutturali del carcere.  Negli ultimi mesi, all’aumento delle presenze (passate dai 190 detenuti presenti al 28 aprile 2015, agli attuali 244) si è sommato l’arrivo di diversi casi di detenuti trasferiti da altri Istituti, per lo più a causa di sanzioni disciplinari. Questa delicata situazione si scontra con la carenza di organico e con gli scarsi strumenti che la struttura ha a disposizione. Una gestione meno conflittuale e più promiscua dei detenuti avrebbe bisogno di aree comuni e, da subito, di un impianto di videosorveglianza che consenta agli agenti un minor carico di lavoro. 
 
La delegazione ha visitato le diverse aree, a partire dall’infermeria, che ospitava un caso di autolesionismo (di tre avvenuti nella stessa giornata). Qui i rappresentanti di SEL-Sinistra Italiana e dei Radicali hanno potuto parlare con gli operatori sanitari e del SERT, appurando che dei 244 detenuti ben 240 fanno uso di psicofarmaci, dai semplici analgesici a terapie più importanti. Mentre una guardia medica è presente h24, per contro lo psicologo è attivo solo 24 ore al mese e lo psichiatra 2 ore a settimana. Vi sono inoltre 64 tossicodipendenti, tutti in terapia di mantenimento (a lievi dosi scalari).
 
“Facciamo appello al Ministero di Grazia e Giustizia e al Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria affinché non siano più sottovalutati da un lato i casi di insofferenza dei detenuti, dall’altro le difficili condizioni lavorative in cui si trovano gli agenti penitenziari”, ha dichiarato l’esponente di Sinistra Italiana Marco Grimaldi. “Il sovraffollamento e il calo dell’organico sono solo una parte di un problema che ha bisogno di investimenti certi per una migliore gestione delle aree comuni e dei diversi piani, a partire da un nuovo impianto di videosorveglianza, che costerebbe solo 40mila euro.” 
 
“Se il caso di fine ottobre è stato scatenato dall’assenza di canali di intrattenimento televisivi”, hanno dichiarato Silvja Manzi e Igor Boni, “l’abuso di psicofarmaci e la scarsità di attività ricreative, di studio o lavorative (solo 80 detenuti hanno la possibilità di svolgere un lavoro) richiederebbe ben altro investimento da parte delle istituzioni locali e del Governo”.
Cronaca
CASTELLAMONTE - Pensionato si spara e muore dopo otto giorni di agonia in ospedale
CASTELLAMONTE - Pensionato si spara e muore dopo otto giorni di agonia in ospedale
Purtroppo le condizioni del pensionato, già gravissime, si sono aggravate nel corso dei giorni fino al decesso dell'altro giorno
MAPPANO - Nuovo sport nutturno: il lancio delle uova contro le case
MAPPANO - Nuovo sport nutturno: il lancio delle uova contro le case
I residenti hanno già presentato denuncia ai carabinieri della compagnia di Venaria, intervenuti nella notte dopo la segnalazione al 112
FAVRIA - «Parcheggia» l'auto sul prato con due ruote all'aria - FOTO
FAVRIA - «Parcheggia» l
Incidente stradale nella notte lungo via Busano. Un ragazzo trasportato in ospedale. Si è trattato di un incidente autonomo
LEINI - Merce rubata al Lidl di Volpiano trovata dai carabinieri in un box
LEINI - Merce rubata al Lidl di Volpiano trovata dai carabinieri in un box
Lo strano via-vai notturno di un furgone ha convinto i carabinieri ad effettuare un controllo in un garage in via Lombardore
FAVRIA-SALASSA - Vandali per noia danno fuoco ad alberi e capanni: condannati ai lavori di pubblica utilità
FAVRIA-SALASSA - Vandali per noia danno fuoco ad alberi e capanni: condannati ai lavori di pubblica utilità
I tre, tutti incensurati, si erano trasformati in vandali per noia. Non sapevano cosa fare in quei pomeriggi estivi così si sono dati agli atti vandalici. A fuoco erano andati capanni per gli attrezzi, palizzate, fieno e alberi da frutta
IVREA - Città in lutto: si è spento l'imprenditore Carlo Cavagnetto
IVREA - Città in lutto: si è spento l
Cavagnetto, che aveva avviato l'attività ad Albiano tanti anni fa, era noto ad Ivrea anche per la sua grande passione per i cavalli
INGRIA - E' Barbara la vincitrice della mitica «Gara nazionale di rutti»
INGRIA - E
Tutto pronto per la quarta chilometro verticale Ingria-Punta Arbella con l'auspicio che permanga bel tempo anche domenica 20
CALUSO - Il ritorno del concorso letterario Amilcare Solferini
CALUSO - Il ritorno del concorso letterario Amilcare Solferini
Promosso dal Carc di Rodallo, associazione culturale, il concorso è riservato a scrittori, poeti e scribacchini a tempo perso
CASELLE - La caserma della Finanza intitolata all'eroe Carlo Fornaca
CASELLE - La caserma della Finanza intitolata all
Il momento più significativo la scopertura della targa di intitolazione da parte della signora Augusta, nipote del decorato
IVREA - Si schianta con la Vespa, sedicenne finisce in ospedale
IVREA - Si schianta con la Vespa, sedicenne finisce in ospedale
Stabilizzata sul posto è stata poi trasportata in ambulanza all'ospedale di Ivrea. Dinamica del sinistro al vaglio della municipale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore