IVREA - La procura apre un'inchiesta sul Carnevale

| Indagini della polizia sul presunto lancio di una pietra contro un carro

+ Miei preferiti
IVREA - La procura apre uninchiesta sul Carnevale
La procura di Ivrea ha aperto un'inchiesta sul lancio di un sanpietrino che avrebbe colpito uno dei cavallanti della pariglia numero 9 «I boia del Tiranno». Un atto dovuto. L'episodio sarebbe avvenuto domenica durante il primo giorno della battaglia delle arance in piazza Ottinetti. Secondo una prima incerta ricostruzione, mente infuriava la battaglia uno degli aranceri degli Scorpioni di Arduino avrebbe lanciato contro il carro da getto un cubetto di porfido. La pietra avrebbe centrato il casco di uno dei cavallanti, bollando la ghiera metallica. 
 
Il giorno successivo, uno dei fondatori della squadra giallo verde ha interrotto la battaglia per cercare di chiarire la vicenda. Giancarlo Maffeo ha voluto vedere la maschera e si è riservato di verificare l'accaduto, chiedendo comunque scusa per lo spiacevole episodio e rimarcando che «gli arduini e quanti condividono lo spirito del Carnevale non fanno queste cose». 
 
Le indagini sono state affidate al commissariato di Ivrea. Saranno gli agenti, coordinati dal vicequestore aggiunto Gianluigi Brocca, a dover cercare di far luce sulla vicenda, che per ora presenta anche molte ombre. Una vicenda che rattrista gli amanti del carnevale dato che cade in concomitanza con il 50 anniversario della fondazione della squadra. Gli inquirenti lanciano un appello ad aranceri e turisti nella speranza che chi ha assistito alla scena trovi il coraggio di farsi avanti per aiutare la manifestazione ad isolare l'episodio.
Cronaca
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
Gli interessati dovranno compilare il form online inviando il curriculum a www.juventus.com
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
L'appalto con Smat scade a luglio e, per il momento, i lavoratori canavesani non hanno ottenuto rassicurazioni in merito
CUORGNE' - Installato il totem in piazza Martiri
CUORGNE
Lo schermo touch screen contiene informazioni relative alla città
MAZZE' - Spacciatore arrestato all'uscita dell'autostrada A4
MAZZE
Controlli antidroga da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso. Nei guai anche un ragazzo 22enne fermato in città
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
L'uomo è stato condannato per direttissima a dodici mesi di reclusione. Nei suoi confronti è stato emesso un foglio di via obbligatorio ed è stata elevata una sanzione amministrativa di 102 euro
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
La Guardia di Finanza di Torino ha confiscato beni per circa 2 milioni di euro nei confronti di 26 persone domiciliate nei campi
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
Un incontro dedicato al personale dispiegato sul territorio per l’emergenza Rigopiano: c'erano anche i tecnici partiti dal Canavese
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
Iniziativa promossa al liceo eporediese grazie alla collaborazione tra Inner Wheel Club di Ivrea e l'associazione onlus «I Do»
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
Intorno alla mezzanotte di ieri si è attivato il sistema di allarme anti-intrusione di una ditta di San Bernardo d’Ivrea. Il circuito di videosorveglianza di un istituto di vigilanza ha segnalato la presenza di un soggetto sospetto
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
Gli orari dello scarico dei dati della cella di Rivarolo, infatti, non combacerebbero con la tesi dell'accusa, secondo la quale Pomatto fu ucciso da Perri nelle campagne di Vesignano il 18 gennaio 2016 dopo le 20.30
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore