IVREA - Rapisce la figlia ma viene arrestato dalla polizia

| Un uomo di 46 anni è stato bloccato a Chivasso

+ Miei preferiti
IVREA - Rapisce la figlia ma viene arrestato dalla polizia
Dimitry Iskander Mekonen, un profugo etiope di 46 anni arrivato in Italia nel 2010, è stato arrestato dagli agenti del commissariato di polizia d'Ivrea, per rapimento. Secondo le indagini, coordinate dalla procura eporediese e dalla polizia di confine, avrebbe rapito la figlia da una comunità della Svizzera per riportarla in Etiopia. 
 
Da tempo residente a Basilea, l'uomo è stato arrestato l'altra mattina a Chivasso, in una stanza d'albergo dove gli agenti hanno trovato anche la figlia, ancora diciasettenne. La loro fuga verso l'Etiopia si è fermata lì. Il rapimento risalirebbe al 14 dicembre scorso. L'uomo ha prelevato la figlia (che gli era stata tolta per una complessa storia di maltrattamenti in famiglia) da una comunità protetta svizzera. I due hanno viaggiato in autobus e in treno prima in Francia e poi in Italia. L'uomo dirà agli agenti di essere tornato in Canavese perchè una zona da lui ben conosciuta, dal momento che nel 2010 era stato ospite di una comunità dell’Eporediese. 
 
All'arrivo a Chivasso, però, il 46enne si accorge di aver perso il passaporto. E, a quel punto, commette l'errore che gli costa l'arresto. Va dalla polizia d'Ivrea e ne denuncia lo smarrimento. La segnalazione, come da prassi, finisce nel sistema internazionale che gestisce tutte le denunce. La polizia di Chiasso, che sta indagando sul rapimento della diciassettenne, si accorge della denuncia e, insieme ai colleghi d'Ivrea, fa partire una vera e propria caccia all'uomo. 
 
Ad aiutare le ricerche ci ha pensato proprio la ragazza che ha utilizzato il telefono cellulare del padre in un paio di occasioni. Grazie alle celle telefoniche, l'area in cui si trovano i fuggitivi viene immediatamente circoscritta. Così l'altra mattina sono scattate le manette. La figlia, che probabilmente non aveva l'intenzione di seguire il papà, tornerà in Svizzera. E' stata lei stessa, infatti, dal cellulare del padre, a chiamare il 113. Il 46enne ha negato di voler portare la diciassettenne in Africa. Secondo la sua difesa l'uomo è andato a riprendersi la figlia per restare in Italia.
Cronaca
CANAVESE - Centro Italia: la protezione civile non raccoglie cibo e indumenti
CANAVESE - Centro Italia: la protezione civile non raccoglie cibo e indumenti
Il Coordinamento si dissocia da ogni attività non ufficializzata dalla Regione Piemonte
CUORGNE' - Studenti volenterosi rendono confortevole la scuola
CUORGNE
Realizzato dai ragazzi una sorta di salottino colorato all'interno dello storico istituto cuorgnatese: assolutamente originale
MAZZE' - Donna colpita dalla meningite trasferita all'Amedeo di Savoia
MAZZE
La pensionata, sola in casa, era stata soccorsa dopo l'allarme del figlio che, non riuscendo a contattarla, aveva chiamato il 118
CUORGNÉ – Solenne benedizione degli automezzi in piazza
CUORGNÉ – Solenne benedizione degli automezzi in piazza
In occasione della recente Festa di Sant’Antonio
IVREA - Contro le barriere sensoriali Asl e Apic lavorano insieme
IVREA - Contro le barriere sensoriali Asl e Apic lavorano insieme
All’ingresso dell'ospedale di Ivrea installato un amplificatore portatile con sistema a induzione magnetica donato dall’Apic
SICUREZZA - Furti sui treni: allarme sulla Canavesana. Una zingara denunciata dalla polizia ferroviaria
SICUREZZA - Furti sui treni: allarme sulla Canavesana. Una zingara denunciata dalla polizia ferroviaria
Una quarantunenne, domiciliata nel campo nomadi di strada dell’Aeroporto tra Borgaro e Torino, è stata denunciata per furto aggravato in concorso: agiva con «l'aiuto» dei suoi sei bambini che sono stati affidati alla custodia del nonno
RIVAROLO - Fuga di gas sospetta in via Palestro
RIVAROLO - Fuga di gas sospetta in via Palestro
Indagini in corso da parte dei carabinieri di Rivarolo Canavese
IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»
IVREA - Ispezione in carcere: «La situazione è davvero a rischio»
Visita al carcere da parte di Marco Grimaldi, consigliere di Sel, Silvja Manzi e Igor Boni della Direzione nazionale Radicali
CASELLE - Due donne gelose si picchiano in strada per lo stesso uomo: la rissa si conclude con quattro arresti
CASELLE - Due donne gelose si picchiano in strada per lo stesso uomo: la rissa si conclude con quattro arresti
A scatenare il tutto un incontro che, in teoria, avrebbe dovuto essere un chiarimento, tra due donne: una di 43 anni e l'altra di 32. La prima, l'ex moglie di un 41enne residente proprio a Caselle. La seconda, la nuova fiamma dell'uomo
SLAVINA SULL'HOTEL RIGOPIANO - Dal Canavese partirà un altro contingente - FOTO
SLAVINA SULL
Intanto dei 20 nuovi tecnici piemontesi arrivati in loco, un gruppo sarà operativo già in serata, mentre l’altro entrerà in azione domani mattina
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore