IVREA - Sequestrate pietre preziose per 129 milioni di euro

| Brillante operazione della guardia di finanza e della procura eporediese

+ Miei preferiti
IVREA - Sequestrate pietre preziose per 129 milioni di euro
La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato pietre preziose per un valore stimato in 129 milioni di euro nell’ambito di indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Ivrea, nei confronti di un’organizzazione criminale dedita al contrabbando, riciclaggio, ricettazione e trasferimento fraudolento di valori all’estero. La Compagnia di Ivrea, a seguito della scoperta di ingenti esportazioni di pietre preziose in territorio Svizzero operata da due soggetti italiani, una delle quali segnalata anche dall’Agenzia delle Entrate, ha intrapreso articolate indagini al fine di ricostruire la loro provenienza e le ragioni delle anomale ed incoerenti movimentazioni.
 
Un primo lotto di preziosi esportati, per un valore stimato di circa 61 milioni di euro, non risultando legittimamente detenuto da G.M 55 anni, originario di Cerignola (FG), e da D.B. 67 anni, originaria di Torino, è stato sequestrato in territorio svizzero, con la collaborazione delle autorità doganali elvetiche. Il sodalizio criminale importava ingenti quantità di pietre preziose direttamente dai luoghi di estrazione, attraverso l’ausilio di soggetti asiatici, in violazione delle norme in materia doganale. Le pietre così ottenute, venivano catalogate e periziate nel territorio italiano a cura di un faccendiere ed un gemmologo compiacente e quindi esportate, con l’ausilio di presunti broker e consulenti aziendali, da soggetti “prestanome” al fine di essere depositati presso istituti bancari esteri. I rubini, gli smeraldi e gli zaffiri venivano utilizzati da soggetti formalmente estranei al proprietario, quali garanzie reali per l’ottenimento di linee di credito, anche attraverso la presentazione di progetti edili in realtà mai realizzati.
 
Le somme così percepite, venivano reimpiegate in attività finanziarie ad alta remuneratività in Paesi a fiscalità privilegiata Sussistendo fondati motivi che un’ulteriore partita di rubini, zaffiri e smeraldi fosse giunta in Italia, pronta per essere smistata tra Malta e la Svizzera, il 13 ottobre la Procura di Ivrea ha delegato mirate perquisizioni domiciliari presso le residenze, domicili e studi professionali degli indagati, eseguite con l’impiego di 40 finanzieri. Le attività svolte hanno consentito di porre sotto sequestro ulteriori pietre preziose per un valore stimato, dalle certificazioni acquisite, di circa 68 milioni di euro. Nel corso delle ricerche sono stati rinvenuti smartphone, tablet e P.C. ed altra documentazione, utilizzati dagli indagati come mezzi di comunicazione ed archiviazione dati, nonché tre casseforti che i soggetti detentori si sono rifiutati di aprire.
 
La loro apertura coattiva, avvenuta con l’ausilio di personale specializzato, ha permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro anche 35 statuette, una sezione di un corno di elefante e due collane interamente di avorio, importate e detenute in violazione della convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione, firmata a Washington il 3 marzo 1973. L’operazione è tuttora in corso al fine di definire compiutamente la valutazione commerciale e la provenienza delle pietre preziose, il valore delle imposte evase nonché il ruolo e le responsabilità di ciascuno dei soggetti coinvolti. Altre sei sono le persone finora indagate, tra cui C.N. 63 anni originaria di Torino, già nota per pregresse truffe nel settore, che avrebbe coordinato e curato le operazioni in Italia ed all’estero. Ad essa si aggiungono G.T. di 45 anni originario di Fossano (CN), C.M. 44 anni originario di Piacenza, P.A. 58 anni originario di Città di Castello (PG), S.B. 40 anni originario dell’India, G.B. 69 anni originario di Lombardore (TO).
Cronaca
BUSANO - Un malore in sala da ballo: addio a Giuliano Blessent
BUSANO - Un malore in sala da ballo: addio a Giuliano Blessent
L'episodio sabato sera a Valperga. Alcuni amici hanno immediatamente chiamato il 118 ma non c'è stato niente da fare
PRASCORSANO - Gli auguri dei carabinieri per l'appuntato Quinto Buffo che ha compiuto 104 anni
PRASCORSANO - Gli auguri dei carabinieri per l
Il Colonnello Emanuele De Santis ha portato al festeggiato il regalo e il messaggio augurale del generale di Corpo d’Armata Tullio Del Sette, comandante generale dell’Arma. Buffo è il carabiniere in congedo più anziano del Piemonte
PONT-CUORGNE'-RIVAROLO - Littorina riparata: tornano i treni sulla ferrovia Canavesana
PONT-CUORGNE
Il problema si era verificato lunedì scorso quando, durante l’ultima corsa, si era guastato l'unico treno in servizio. La Gtt aveva spedito immediatamente il mezzo in manutenzione, sostituendo le corse dei treni con altrettanti bus
BORGARO - Anche il sindaco sale sul 69 insieme ai «City Angels»
BORGARO - Anche il sindaco sale sul 69 insieme ai «City Angels»
Il dibattito sul 69 va avanti da anni. Tanto che il sindaco è arrivato a proporre autobus separati per i rom del campo nomadi
CUORGNE' - Richiedente asilo dà in escandescenza e finisce in ospedale
CUORGNE
Sono dovute intervenire due pattuglie dei carabinieri e un'ambulanza, ieri sera, per placare le ire di una giovane migrante
VOLPIANO - Va dai carabinieri con un'auto appena rubata: arrestato
VOLPIANO - Va dai carabinieri con un
Sergio Andreotti, 68 anni, di nuovo nei guai. La scorsa settimana era stato denunciato dai carabinieri di San Giorgio Canavese
TORINO - Estorce 60 mila euro a pensionato di Borgaro: un 35enne arrestato dai carabinieri di Caselle
TORINO - Estorce 60 mila euro a pensionato di Borgaro: un 35enne arrestato dai carabinieri di Caselle
Secondo i carabinieri l'uomo era un vero e proprio professionista dell'elemosina ed è possibile che altri pensionati siano finiti nella sua rete estorsiva. Secondo gli accertamenti l'estorsione andava avanti dal 2011
VIDRACCO - Un convegno sull'alimentazione sana
VIDRACCO - Un convegno sull
In un periodo di grande attenzione al cibo, alla cucina e al corpo è importante avere informazioni chiare che permettono di fare scelte semplici e oculate
RIVAROLO - Aggredirono un passante: due ragazzi arrestati dai carabinieri
RIVAROLO - Aggredirono un passante: due ragazzi arrestati dai carabinieri
I due, il 29 luglio 2011, a seguito di una breve discussione aggredirono un passante per futili motivi. Condannati e arrestati
CALUSO - Carabiniere e consigliere comunale: trasferimento negato
CALUSO - Carabiniere e consigliere comunale: trasferimento negato
Niente trasferimento in Campania per un carabiniere di Caluso che è anche un consigliere comunale nel salernitano
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore