IVREA - Trasloco con polemiche per il Centro di riabilitazione visiva

| Dallo scorso 19 giugno il Centro di Riabilitazione Visiva è stato trasferito in via Jervis 9, nei pressi della stazione ferroviaria

+ Miei preferiti
IVREA - Trasloco con polemiche per il Centro di riabilitazione visiva
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dell'UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti).
 
Dallo scorso 19 giugno il Centro di Riabilitazione Visiva (CRV) di Ivrea è stato trasferito in via Jervis 9, nei pressi della stazione ferroviaria. Gli orari e i servizi proposti dall'UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), che dal dicembre 2014 gestisce la struttura su mandato dell'ASL Torino 4, rimangono gli stessi: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 10:00 alle 16:00; martedì e giovedì dalle 10:00 alle 13:00. L'offerta comprende una serie di servizi riabilitativi ad ampio raggio: dall'informatica all'autonomia personale, dalla consulenza psicologica allo sportello pensionistico, senza trascurare le proposte culturali e i momenti aggregativi. 
 
Il livello di soddisfazione degli utenti è elevato e i numeri sono decisamente positivi: nel 2016 sono state erogate 2.174 prestazioni rivolte a 145 persone, molte delle quali hanno usufruito di diversi servizi, tanto che, in totale, sono stati attivati 243 percorsi riabilitativi Nonostante questi dati inoppugnabili, l'ASL ha deciso di cambiare strada e sperimentare, per un anno, una gestione condivisa. Così all'UICI si affiancherà l'APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), che aveva gestito il Centro in passato e che negli ultimi tre anni non ha risparmiato pesanti attacchi all'Unione Ciechi.
 
Sede nuova, polemiche vecchie
Purtroppo anche il trasferimento è stato accompagnato da polemiche. «Spiace essere costretti per l’ennesima volta a difendere il nostro operato da accuse false - sottolinea Franco Lepore, presidente UICI Torino - Tra l'altro, in occasione della nuova apertura del Centro, di fronte a un caso di co-gestione, come quello che avrà luogo, forse sarebbe stato opportuno divulgare un comunicato congiunto tra ASL, UICI e APRI, ma lo spirito di collaborazione e la dote della correttezza evidentemente non appartengono a tutti. Peccato che in questo modo siano state diffuse notizie parziali e faziose».
 
Quel documento che manca
Ma i problemi non si fermano qui. «Siamo costretti a rimarcare che le questioni relative al trasferimento del Centro sono state gestite dall'ASL in modo superficiale - prosegue Lepore - Al momento, infatti, nessuno ci ha ancora convocati per sottoscrivere ufficialmente la convenzione relativa alla gestione del Centro». Tutt'altro che una mera formalità. «In questo momento, il nostro lavoro non è sufficientemente tutelato e, in caso di incidenti, ci potrebbero essere seri problemi di concessioni, garanzie e coperture assicurative. Se ci siamo comunque assunti il rischio di erogare i servizi è solo perché crediamo nel valore della nostra attività e non vogliamo che a pagare il prezzo delle lentezze burocratiche siano gli utenti. Questa situazione di precarietà, però, non può proseguire oltre».
 
Spazi inadeguati e poco adatti ai disabili visivi
Da non trascurare, poi, i problemi legati ai nuovi spazi. Nella struttura di via Jervis mancano percorsi tattili o riferimenti naturali per favorire l’accesso al Centro da parte dei disabili visivi: chi si muove con l'ausilio del bastone, ad esempio, potrebbe trovarsi in difficoltà. Non solo: la sala per i colloqui psicologici non è per nulla insonorizzata, il locale che ospita la cucina è senza finestre e senza impianto di aspirazione fumi. Bisognerà poi affrontare il problema degli spazi e degli arredi comuni: «armadi e pc custodiscono anche i dati sensibili degli utenti, informazioni delicate che non possono essere condivise». E' per tutte queste ragioni che il presidente UICI Torino ritiene «i nuovi spazi destinati al CRV totalmente inadeguati». E conclude con una considerazione amara: «nonostante la professionalità e l'impegno profusi in questi anni dagli operatori del Centro, temo che i disagi per gli utenti non tarderanno a farsi sentire». 
Cronaca
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
La grande quantità di rifiuti accumulati, stimati in circa 8000 metri cubi di materiale, e poi spianati con la finalità di realizzare un piazzale, sono risultati provenienti da altre località, quindi trasportati e poi scaricati sul terreno
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
Sabato 2 e domenica 4 novembre nella frazione Campo sono stati ricordati i Caduti della guerra 15-18 nelle date che ne segnano il Centenario dalla fine
CASELLE - L'autovelox fa strage di multe vicino all'aeroporto: 15 mila in appena un mese
CASELLE - L
Tanti prenderanno la multa per aver superato di poco il limite, c'è chi invece è stato pizzicato ai 200 chilometri orari. In un caso, invece, addirittura per ben 17 volte. Una media notevole di 500 verbali al giorno nel primo mese
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
Sabrina Javanovic, rom 23enne, si introdusse in un'abitazione di Ivrea il 23 dicembre del 2016 e rubò i regali sotto l'albero
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l'azienda lo riassume
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l
Domattina Franco Minutiello, ad un anno e mezzo dalla lettera di licenziamento, tornerà al lavoro. Una questione di dignità personale, al netto del reintegro ordinato dal tribunale. «Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino»
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
Sabato avrà inizio una nuova avventura per il rifugio di Ceresole Reale. In programma un «lungo» buffet dalle ore 16 alle 19
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d'Alba e del Canavese
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d
Ancora da quantificare il bottino del colpo che, comunque, secondo alcune stime, non sarebbe inferiore ai 30 mila euro
CIRIE' - Il piromane dei bus potrebbe non aver agito da solo: è caccia ai possibili complici
CIRIE
Non sono concluse le indagini della procura di Ivrea sul rogo doloso che mercoledì scorso, nel cuore della notte, ha distrutto sette autobus parcheggiati nel piazzale della stazione ferroviaria di Ciriè. Un uomo è già stato fermato
VALPERGA - Non ci sono treni ma il passaggio a livello resta chiuso... Ancora problemi sulla Canavesana
VALPERGA - Non ci sono treni ma il passaggio a livello resta chiuso... Ancora problemi sulla Canavesana
Un guasto tecnico che è anche una stranezza dal momento che, sabato e domenica, non ci sono treni sulla Rivarolo-Pont della Canavesana. Quindi, a maggior ragione, le sbarre non avevano alcun motivo per abbassarsi...
CASTELLAMONTE - Vigili del fuoco salvano una persona caduta in casa - FOTO
CASTELLAMONTE - Vigili del fuoco salvano una persona caduta in casa - FOTO
Poi l'uomo è stato affidato alle cure del 118 e trasportato in ospedale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore