LEINI - Lavoro nero in provincia: trentadue dipendenti assunti

| E' il risultato più importante ottenuto dal nucleo carabinieri Ispettorato del Lavoro di Torino nei primi dieci giorni di novembre

+ Miei preferiti
LEINI - Lavoro nero in provincia: trentadue dipendenti assunti
Sono 32 i lavoratori in nero che ora, grazie ai carabinieri, hanno tutti un regolare contratto di lavoro, Questo è il risultato più importante ottenuto dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Torino in collaborazione con i colleghi, territorialmente competenti, del Comando Provinciale, nei primi 10 giorni di  novembre, dopo  una intensa attività di controlli.
 
I militari hanno deciso di fare del lavoro sommerso e irregolare la loro missione, tutelando quei lavoratori che, sfruttati in nero, sottopagati e senza alcun tipo di copertura  contributiva e  assicurativa. I controlli sono avvenuti a Torino, Leinì, Santena, Collegno, Sant’Ambrogio di Torino e altri comuni della provincia. Dieci sono le attività oggetto di provvedimento di sospensione, tra cui una birreria, tre Kebab, una carrozzeria, una parrucchiera cinese, un ristorante self-service, alcuni bar ed un’attività di vendita di frutta e verdura in Torino, dove il lavoratore in “nero” era addirittura clandestino.
 
Trentadue sono i lavoratori in nero che ora, grazie ai Carabinieri, hanno tutti un regolare contratto di lavoro. L'attività rientra in una più ampia azione di contrasto al lavoro sommerso messa in atto dai Carabinieri  del Comando Provinciale  e i colleghi del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Torino, in stretta sinergia con la locale Direzione Territoriale del Lavoro.
Cronaca
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
LAVORO - Juventus cerca personale per il nuovo J-Village
Gli interessati dovranno compilare il form online inviando il curriculum a www.juventus.com
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
OZEGNA - Presidio dei lavoratori Co.Tau che rischiano il posto
L'appalto con Smat scade a luglio e, per il momento, i lavoratori canavesani non hanno ottenuto rassicurazioni in merito
CUORGNE' - Installato il totem in piazza Martiri
CUORGNE
Lo schermo touch screen contiene informazioni relative alla città
MAZZE' - Spacciatore arrestato all'uscita dell'autostrada A4
MAZZE
Controlli antidroga da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso. Nei guai anche un ragazzo 22enne fermato in città
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
STRAMBINO - Minaccia di morte i titolari del bar per farsi dare da bere: arrestato dai carabinieri
L'uomo è stato condannato per direttissima a dodici mesi di reclusione. Nei suoi confronti è stato emesso un foglio di via obbligatorio ed è stata elevata una sanzione amministrativa di 102 euro
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
SICUREZZA - Rom milionari nei campi nomadi: blitz della Finanza
La Guardia di Finanza di Torino ha confiscato beni per circa 2 milioni di euro nei confronti di 26 persone domiciliate nei campi
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
VALANGA - Il Soccorso Alpino dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
Un incontro dedicato al personale dispiegato sul territorio per l’emergenza Rigopiano: c'erano anche i tecnici partiti dal Canavese
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
IVREA - Guida sicura: un corso per gli studenti al liceo Gramsci
Iniziativa promossa al liceo eporediese grazie alla collaborazione tra Inner Wheel Club di Ivrea e l'associazione onlus «I Do»
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
IVREA - Tenta di svaligiare la stessa azienda per due volte: denunciato dalla polizia
Intorno alla mezzanotte di ieri si è attivato il sistema di allarme anti-intrusione di una ditta di San Bernardo d’Ivrea. Il circuito di videosorveglianza di un istituto di vigilanza ha segnalato la presenza di un soggetto sospetto
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
OMICIDIO DI RIVAROLO - Slitta la sentenza: dubbi sulle celle telefoniche e sul movente
Gli orari dello scarico dei dati della cella di Rivarolo, infatti, non combacerebbero con la tesi dell'accusa, secondo la quale Pomatto fu ucciso da Perri nelle campagne di Vesignano il 18 gennaio 2016 dopo le 20.30
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore