LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO

| «Era uno di noi, un eroe veramente nostro, della nostra Valle, del nostro Comune e della nostra Borgata» ha detto il sindaco

+ Miei preferiti
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO
Celebrazioni del IV Novembre con ricordo speciale, a Locana, per il centenario della morte del Capitano Bugni. Erano presenti i famigliari, la nipote Elena Tricerri Bruno e i pronipoti Pola Gabriella e Pola Domenico. Oreste Bugni nacque il 16 luglio 1890 dal capitano Giacomo Bugni, locanese, e da Caterina Mezzano, figlia del dottore di Locana di quel tempo; ebbe due sorelle, Pierina Bugni, sposata Tricerri, e Silvia Bugni, insegnante anche a Locana, sposata Pola, madre dell’ingegner Oreste Pola che con l’Azienda Elettrica tanti lavori per il Comune e la valle ha condotto durante la sua attività professionale.

Dopo un periodo di vita a Cussalma, si trasferirono a Torino dove Oreste Bugni frequentò il Liceo Classico Alfieri e l’Accademia Militare con voti eccellenti. Al termine degli studi intraprese con passione ed entusiasmo la vita militare e dal 1915 fu sul campo di combattimento al comando della sua 47esima Batteria e della settima Batteria Someggiata. La famiglia e la patria furono i suoi ideali e i suoi profondi affetti. Legatissimo alla famiglia, dedicò la sua vita al proprio Paese con dedizione profonda. Persona di carattere dolce, ma determinato, egli diede sempre prova di grande altruismo, generosità, capacità di sacrificio. Seppe esaltare la disciplina e la preparazione militare.

Il Monte Podgora, ove i soldati non conobbero mai un momento di tregua, il Carso, il Piave, la zona di Gorizia e soprattutto “la prima linea” furono il campo d’azione suo e della sua Batteria. Molti gli episodi di alto valore militare che mettono in luce l’ardimento, il coraggio, la capacità di lotta sotto il micidiale fuoco nemico, sua e dei suoi uomini. Amato da soldati e ufficiali (molte le lettere in ricordo), con ardore e altruismo, più di una volta, fatti ritirare tutti i “serventi della sua Batteria” (i soldati che caricano e fanno fuoco), sprezzante del terribile fuoco austriaco, caricò i pezzi (cannoni) e fece fuoco personalmente allo scoperto. Compì sempre interamente il suo dovere, con amore e dedizione. Rientrato in licenza, fece fare, a sue spese, dai calzolai di zona chiamati a raccolta, un numero considerevole di zoccoli di legno per i suoi uomini che avevano freddo ai piedi e li fece loro pervenire.

«Oltre a tutti i ricordi che onorano la sua memoria e incitano noi e i nostri giovani a ideali di giustizia, generosità, capacità di sacrificio e amore per gli altri, desidero di cuore evidenziare ancora l’atto con cui non ha esitato a donare la sua giovane vita alla Patria, risparmiando i suoi soldati, dopo la presa dell’Ansa di Zenson - ha sottolineato il sindaco - egli si recò personalmente, evitando di esporre i suoi sottoposti, a perlustrare la zona, alla ricerca di un nuovo punto di osservazione, da dove poter scrutare la disposizione delle linee nemiche. Purtroppo rimase vittima delle insidie del nemico che, ritirandosi, aveva minato alcuni punti. Come dice la motivazione della terza medaglia al valor militare, egli chiude con la sua gloriosa morte la breve ed eroica carriera. Queste persone non si dimenticano. E, credo, non si devono dimenticare».

Ancora nel 2003, a distanza di tanti anni, al suo nome ed alla sua memoria è stato dedicato con orgoglio e riconoscenza il plesso scolastico ristrutturato di Casetti. «Era uno di noi, un eroe veramente nostro, della nostra Valle, del nostro Comune e della nostra Borgata».

Galleria fotografica
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 1
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 2
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 3
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 4
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 5
Dove è successo
Cronaca
DISASTRO FERROVIARIO, UN MORTO E NUMEROSI FERITI A CALUSO
DISASTRO FERROVIARIO, UN MORTO E NUMEROSI FERITI A CALUSO
Un treno ha travolto un trasporto eccezionale al passaggio livello di Arč
IVREA - I «segreti» del soccorso alpino in un film
IVREA - I «segreti» del soccorso alpino in un film
La proiezione del film, per il nostro territorio, avverrą presso l'area incontri dello ZAC, al Movicentro di Ivrea, giovedģ 24 maggio alle ore 21
BANCHETTE - Sale sul marciapiede, investe una ciclista e finisce nella vetrina di un negozio - FOTO
BANCHETTE - Sale sul marciapiede, investe una ciclista e finisce nella vetrina di un negozio - FOTO
E' ricoverata in gravi condizioni la commessa che oggi, poco dopo le 15, č stata travolta da un furgone in via Roma a Banchette. La 54enne era in sella a una bicicletta e stava raggiungendo il posto di lavoro quando č stata investita
TORINO-CERES - Camion trancia i cavi, la ferrovia va in tilt
TORINO-CERES - Camion trancia i cavi, la ferrovia va in tilt
Oggi all'altezza della stazione di Villanova Canavese un camion ha tranciato i cavi elettrici, sradicandone circa 150 metri
RIVAROLO - Schianto in via Favria: ragazza ferita - FOTO E VIDEO
RIVAROLO - Schianto in via Favria: ragazza ferita - FOTO E VIDEO
Una ragazza diretta verso il centro di Rivarolo all'improvviso ha perso il controllo della propria Fiat Punto finita fuori strada
CASTELLAMONTE - Ciclista investito sulla provinciale per Baldissero: elitrasportato a Cirič - FOTO E VIDEO
CASTELLAMONTE - Ciclista investito sulla provinciale per Baldissero: elitrasportato a Cirič - FOTO E VIDEO
Brutto incidente stradale questa mattina intorno alle 11 sulla provinciale tra Castellamonte e Baldissero Canavese. Un'Audi diretta a Castellamonte, condotta da un uomo, ha investito un ciclista classe 1976 residente a Vidracco
CUORGNE' - Il triste addio a mamma Barbara, aveva solo 47 anni
CUORGNE
Commozione e tristezza, a Priacco e in tutta Cuorgnč, per l'addio a Barbara Scelfo, scomparsa ad appena 47 anni all'ospedale San Luigi di Orbassano
PALAZZO CANAVESE - Maxi esercitazione della protezione civile
PALAZZO CANAVESE - Maxi esercitazione della protezione civile
Inizia oggi la decima edizione del Campo Scuola della Protezione Civile «Esercitazione Serra 2018» tra Palazzo e Piverone
OZEGNA - L'appello dei genitori per non far andar via la maestra
OZEGNA - L
Una lettera all'ufficio scolastico regionale, al preside e al sindaco per «salvare il posto» alla maestra dell'elementare
IVREA - #iostoconmoby: il Museo Garda sta con le balene
IVREA - #iostoconmoby: il Museo Garda sta con le balene
Nell'ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, un'iniziativa sabato 26 maggio alle ore 16 pensata per i bambini
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore