LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO

| «Era uno di noi, un eroe veramente nostro, della nostra Valle, del nostro Comune e della nostra Borgata» ha detto il sindaco

+ Miei preferiti
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO
Celebrazioni del IV Novembre con ricordo speciale, a Locana, per il centenario della morte del Capitano Bugni. Erano presenti i famigliari, la nipote Elena Tricerri Bruno e i pronipoti Pola Gabriella e Pola Domenico. Oreste Bugni nacque il 16 luglio 1890 dal capitano Giacomo Bugni, locanese, e da Caterina Mezzano, figlia del dottore di Locana di quel tempo; ebbe due sorelle, Pierina Bugni, sposata Tricerri, e Silvia Bugni, insegnante anche a Locana, sposata Pola, madre dell’ingegner Oreste Pola che con l’Azienda Elettrica tanti lavori per il Comune e la valle ha condotto durante la sua attività professionale.

Dopo un periodo di vita a Cussalma, si trasferirono a Torino dove Oreste Bugni frequentò il Liceo Classico Alfieri e l’Accademia Militare con voti eccellenti. Al termine degli studi intraprese con passione ed entusiasmo la vita militare e dal 1915 fu sul campo di combattimento al comando della sua 47esima Batteria e della settima Batteria Someggiata. La famiglia e la patria furono i suoi ideali e i suoi profondi affetti. Legatissimo alla famiglia, dedicò la sua vita al proprio Paese con dedizione profonda. Persona di carattere dolce, ma determinato, egli diede sempre prova di grande altruismo, generosità, capacità di sacrificio. Seppe esaltare la disciplina e la preparazione militare.

Il Monte Podgora, ove i soldati non conobbero mai un momento di tregua, il Carso, il Piave, la zona di Gorizia e soprattutto “la prima linea” furono il campo d’azione suo e della sua Batteria. Molti gli episodi di alto valore militare che mettono in luce l’ardimento, il coraggio, la capacità di lotta sotto il micidiale fuoco nemico, sua e dei suoi uomini. Amato da soldati e ufficiali (molte le lettere in ricordo), con ardore e altruismo, più di una volta, fatti ritirare tutti i “serventi della sua Batteria” (i soldati che caricano e fanno fuoco), sprezzante del terribile fuoco austriaco, caricò i pezzi (cannoni) e fece fuoco personalmente allo scoperto. Compì sempre interamente il suo dovere, con amore e dedizione. Rientrato in licenza, fece fare, a sue spese, dai calzolai di zona chiamati a raccolta, un numero considerevole di zoccoli di legno per i suoi uomini che avevano freddo ai piedi e li fece loro pervenire.

«Oltre a tutti i ricordi che onorano la sua memoria e incitano noi e i nostri giovani a ideali di giustizia, generosità, capacità di sacrificio e amore per gli altri, desidero di cuore evidenziare ancora l’atto con cui non ha esitato a donare la sua giovane vita alla Patria, risparmiando i suoi soldati, dopo la presa dell’Ansa di Zenson - ha sottolineato il sindaco - egli si recò personalmente, evitando di esporre i suoi sottoposti, a perlustrare la zona, alla ricerca di un nuovo punto di osservazione, da dove poter scrutare la disposizione delle linee nemiche. Purtroppo rimase vittima delle insidie del nemico che, ritirandosi, aveva minato alcuni punti. Come dice la motivazione della terza medaglia al valor militare, egli chiude con la sua gloriosa morte la breve ed eroica carriera. Queste persone non si dimenticano. E, credo, non si devono dimenticare».

Ancora nel 2003, a distanza di tanti anni, al suo nome ed alla sua memoria è stato dedicato con orgoglio e riconoscenza il plesso scolastico ristrutturato di Casetti. «Era uno di noi, un eroe veramente nostro, della nostra Valle, del nostro Comune e della nostra Borgata».

Galleria fotografica
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 1
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 2
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 3
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 4
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 5
Cronaca
CANAVESE - Uomini e lupi, tra mito e realtà: una convivenza è possibile?
CANAVESE - Uomini e lupi, tra mito e realtà: una convivenza è possibile?
A Valprato Soana un incontro pubblico promosso dal Parco Gran Paradiso sul predatore. Un'occasione per togliersi qualche curiosità, fugare paure immotivate, scoprire chi è il lupo e perché sta ritornando sulle Alpi anche in Canavese
PIVERONE - I motociclisti delle Forze dell'Ordine in aiuto del canile
PIVERONE - I motociclisti delle Forze dell
Gli Shot Gun LE MC presenti alla manifestazione con lo stand per la vendita dei gadget. Il ricavato è andato in beneficenza
SAN GIUSTO - Incidente sulla Torino-Aosta: auto ribaltata - VIDEO
SAN GIUSTO - Incidente sulla Torino-Aosta: auto ribaltata - VIDEO
In direzione Ivrea, per cause ancora in fase di accertamento, si sono scontrati un Range Rover e una Peugeot che si è ribaltata
RIVAROLO CANAVESE - Abbattuti nella notte due velo-ok di corso Indipendenza - FOTO
RIVAROLO CANAVESE - Abbattuti nella notte due velo-ok di corso Indipendenza - FOTO
Nella notte tra mercoledì e giovedì ignoti hanno abbattuto i totem arancioni sistemati, ormai già da mesi, lungo corso Indipendenza, tra la rotonda del Gigante e quella della frazione Vesignano. Indagini della polizia municipale in corso
IVREA - I cosplayer al museo civico Pier Alessandro Garda
IVREA - I cosplayer al museo civico Pier Alessandro Garda
Alcuni tra i migliori performer di questa disciplina a livello nazionale daranno vita a momenti di spettacolo e animazione
CALUSO - Pestano un 19enne per rubargli il telefono: un arresto
CALUSO - Pestano un 19enne per rubargli il telefono: un arresto
La vittima, un ragazzo di Caluso, era con la fidanzata in piazza Carlo Felice a Torino quando è stato picchiato e rapinato
TRAVERSELLA - Turista cade sul sentiero: lo salva il soccorso alpino
TRAVERSELLA - Turista cade sul sentiero: lo salva il soccorso alpino
L'uomo è stato recuperato dai volontari della stazione di Ivrea ed elitrasportato in ospedale. Per fortuna se la caverà
FERRAGOSTO TRAGICO - Incidente a Leini: muoiono zio e nipote di appena 22 anni - FOTO
FERRAGOSTO TRAGICO - Incidente a Leini: muoiono zio e nipote di appena 22 anni - FOTO
Oggi pomeriggio su una strada sterrata che corre parallela a via Settimo un quad si è schiantato contro un muro. In sella un uomo e una ragazza, zio e nipote. Sono entrambi morti sul colpo
CANAVESE - Sanità: l'Asl assume 101 persone tra medici e infermieri
CANAVESE - Sanità: l
Disposta oggi l'assunzione di 101 operatori: 85 infermieri, sei medici urgentisti, cinque medici anestesisti e cinque pediatri
TRAGEDIA A GENOVA - Più di trenta morti, tra cui una bambina. Chivassesi vicino al ponte crollato: salvi - VIDEO
TRAGEDIA A GENOVA - Più di trenta morti, tra cui una bambina. Chivassesi vicino al ponte crollato: salvi - VIDEO
Sono almeno 35 le vittime del crollo del ponte Morandi a Genova. Tra loro una bambina di una decina d'anni. Ma il bilancio, purtroppo, è desintato ad aumentare. Salva una famiglia di Chivasso che si trovava sullo stesso tratto di autostrada
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore