LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO

| «Era uno di noi, un eroe veramente nostro, della nostra Valle, del nostro Comune e della nostra Borgata» ha detto il sindaco

+ Miei preferiti
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO
Celebrazioni del IV Novembre con ricordo speciale, a Locana, per il centenario della morte del Capitano Bugni. Erano presenti i famigliari, la nipote Elena Tricerri Bruno e i pronipoti Pola Gabriella e Pola Domenico. Oreste Bugni nacque il 16 luglio 1890 dal capitano Giacomo Bugni, locanese, e da Caterina Mezzano, figlia del dottore di Locana di quel tempo; ebbe due sorelle, Pierina Bugni, sposata Tricerri, e Silvia Bugni, insegnante anche a Locana, sposata Pola, madre dell’ingegner Oreste Pola che con l’Azienda Elettrica tanti lavori per il Comune e la valle ha condotto durante la sua attività professionale.

Dopo un periodo di vita a Cussalma, si trasferirono a Torino dove Oreste Bugni frequentò il Liceo Classico Alfieri e l’Accademia Militare con voti eccellenti. Al termine degli studi intraprese con passione ed entusiasmo la vita militare e dal 1915 fu sul campo di combattimento al comando della sua 47esima Batteria e della settima Batteria Someggiata. La famiglia e la patria furono i suoi ideali e i suoi profondi affetti. Legatissimo alla famiglia, dedicò la sua vita al proprio Paese con dedizione profonda. Persona di carattere dolce, ma determinato, egli diede sempre prova di grande altruismo, generosità, capacità di sacrificio. Seppe esaltare la disciplina e la preparazione militare.

Il Monte Podgora, ove i soldati non conobbero mai un momento di tregua, il Carso, il Piave, la zona di Gorizia e soprattutto “la prima linea” furono il campo d’azione suo e della sua Batteria. Molti gli episodi di alto valore militare che mettono in luce l’ardimento, il coraggio, la capacità di lotta sotto il micidiale fuoco nemico, sua e dei suoi uomini. Amato da soldati e ufficiali (molte le lettere in ricordo), con ardore e altruismo, più di una volta, fatti ritirare tutti i “serventi della sua Batteria” (i soldati che caricano e fanno fuoco), sprezzante del terribile fuoco austriaco, caricò i pezzi (cannoni) e fece fuoco personalmente allo scoperto. Compì sempre interamente il suo dovere, con amore e dedizione. Rientrato in licenza, fece fare, a sue spese, dai calzolai di zona chiamati a raccolta, un numero considerevole di zoccoli di legno per i suoi uomini che avevano freddo ai piedi e li fece loro pervenire.

«Oltre a tutti i ricordi che onorano la sua memoria e incitano noi e i nostri giovani a ideali di giustizia, generosità, capacità di sacrificio e amore per gli altri, desidero di cuore evidenziare ancora l’atto con cui non ha esitato a donare la sua giovane vita alla Patria, risparmiando i suoi soldati, dopo la presa dell’Ansa di Zenson - ha sottolineato il sindaco - egli si recò personalmente, evitando di esporre i suoi sottoposti, a perlustrare la zona, alla ricerca di un nuovo punto di osservazione, da dove poter scrutare la disposizione delle linee nemiche. Purtroppo rimase vittima delle insidie del nemico che, ritirandosi, aveva minato alcuni punti. Come dice la motivazione della terza medaglia al valor militare, egli chiude con la sua gloriosa morte la breve ed eroica carriera. Queste persone non si dimenticano. E, credo, non si devono dimenticare».

Ancora nel 2003, a distanza di tanti anni, al suo nome ed alla sua memoria è stato dedicato con orgoglio e riconoscenza il plesso scolastico ristrutturato di Casetti. «Era uno di noi, un eroe veramente nostro, della nostra Valle, del nostro Comune e della nostra Borgata».

Galleria fotografica
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 1
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 2
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 3
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 4
LOCANA - Il ricordo del Capitano Bugni per il IV Novembre - FOTO - immagine 5
Cronaca
FORNO CANAVESE - Sesso nel circolo privato: la polizia sequestra il locale e denuncia il presidente
FORNO CANAVESE - Sesso nel circolo privato: la polizia sequestra il locale e denuncia il presidente
Sabato scorso, nell'ambito di un controllo disposto dal questore di Torino al quale hanno partecipato agenti del commissariato di Ivrea e della divisione Pas della questura, è stato controllato un circolo privato di Forno Canavese
BORGARO-TORINO - Guida ubriaco e senza una gomma: 32enne di Chivasso nei guai
BORGARO-TORINO - Guida ubriaco e senza una gomma: 32enne di Chivasso nei guai
Un 32enne di Chivasso è finito nei guai, la notte scorsa, lungo la tangenziale nord di Torino, fermato completamente ubriaco
CARNEVALE IVREA - Ospite la Fanfara a cavallo della Polizia di Stato
CARNEVALE IVREA - Ospite la Fanfara a cavallo della Polizia di Stato
Erede e custode delle più antiche tradizioni della cavalleria, la Fanfara della Polizia sfilerà dall'alto dei cavalli grigi nelle vie del centro cittadino al seguito del Corteo Storico
CHIAVERANO - Grande successo per la «battaglia dei tomini»
CHIAVERANO - Grande successo per la «battaglia dei tomini»
Sole e temperature primaverili, domenica scorsa, hanno reso omaggio al carnevale di Bienca, frazione di Chiaverano
IVREA - Sfregia la faccia dell'ex fidanzata con un taglierino: non voleva più tornare con lui. Condannato a 4 anni e 7 mesi
IVREA - Sfregia la faccia dell
E' stato condannato a quattro anni e sette mesi di reclusione Antonio Lago, 59 anni di Chiaverano, l'uomo che il 14 maggio dello scorso anno sfregiò al volto l'ex compagna con un taglierino. Sentenza pronunciata oggi al tribunale di Ivrea
CIRIE-MATHI - Controlli a tappeto nei locali: multe fino a 30 mila euro
CIRIE-MATHI - Controlli a tappeto nei locali: multe fino a 30 mila euro
La guardia di finanza ha scoperto in una pizzeria lavoratori in nero, tra i quali un clandestino colpito da un'espulsione
MONTALENGHE - Taglio del nastro per il nuovo ambulatorio comunale
MONTALENGHE - Taglio del nastro per il nuovo ambulatorio comunale
La struttura è stata realizzata grazie al lascito di due benefattori del paese: Francesca Fiorina e Leone Stragiotti
PRASCORSANO - Due fratelli arrestati dai carabinieri di Cuorgnè
PRASCORSANO - Due fratelli arrestati dai carabinieri di Cuorgnè
Entrambi, dopo la sentenza, sono tornati in carcere perchè devono scontare una condanna per estorsione in concorso e rapina
CANAVESANA - Problema tecnico sul treno: soppresse due corse della sera per Rivarolo e Chieri
CANAVESANA - Problema tecnico sul treno: soppresse due corse della sera per Rivarolo e Chieri
Nel giorno in cui la Regione Piemonte annuncia una nuova «Carta della qualità» del trasporto ferroviario per tutelare maggiormente i passeggeri dei treni, sulla Canavesana due corse sono saltate per non meglio specificati «problemi tecnici»
VIDRACCO - Fino al 22 febbraio chiude la provinciale della Valchiusella
VIDRACCO - Fino al 22 febbraio chiude la provinciale della Valchiusella
Se sussisteranno le condizioni di sicurezza la Sp 61 sarà lasciata aperta nella fascia oraria notturna e precisamente dalle ore 17,30 alle ore 8,30 del giorno successivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore